Archivio per 7 febbraio 2017

L’ ultima versione del software FactoryTalk Batch introduce approcci moderni per applicazioni batch

Scritto da Mariateresa Rubino il . Pubblicato in Aziende, Industria, Tecnologia

ATLANTA, 7 febbraio 2017 – Le aziende industriali con applicazioni batch ora hanno la possibilità di gestire le operazioni con maggior flessibilità, affidabilità e produttività grazie all’ultima versione del software FactoryTalk Batch di Rockwell Automation. Questo moderno software innalza la scalabilità e il controllo reattivo di fasi distribuite a livello di skid all’integrità di un coordinamento a livello di impianto, offrendo, nel contempo, una migliore e più affidabile esperienza utente, con mobilità integrata.

“Anzichè cercare di adattare forzatamente le applicazioni in rigidi sistemi di controllo batch, i produttori possono ora personalizzare a seconda delle specifiche necessità, un moderno sistema di controllo della produzione per lotti “, dichiara Dan Updyke, product manager, Rockwell Automation. “Questi miglioramenti danno alle aziende con produzione discontinua, (a lotti) una maggiore flessibilità nella progettazione, nell’operatività e nell’espansione dei propri sistemi batch, oltre a consentire loro di utilizzare i dispositivi mobili per un’esperienza più intuitiva e migliori flussi di lavoro. “

L’integrazione con la soluzione SequenceManager di Rockwell Automation permette il sequenziamento dei lotti, sia a livello di controllore che di server. Ciò consente ai costruttori di macchine di sviluppare e fornire skid collaudati che gli utenti finali possono integrare nel proprio processo batch con minimo sforzo di verifica e messa in servizio. Anche le modifiche, necessarie quando i produttori con piccoli controllori basati su sistemi batch evolvono verso sistemi batch più grandi basati su server, si riduce al minimo.

Il nuovo supporto mobile può contribuire a creare flussi di lavoro intuitivi, ridurre passaggi procedurali e aumentare la collaborazione. Con i dispositivi mobili, gli operatori non sono più vincolati a una presenza nelle control room e davanti ai terminali fissi. Al contrario, essi possono accedere alle informazioni in tempo reale, interagire con i processi e dare approvazioni da qualsiasi parte dell’impianto. Una moderna interfaccia web aiuta anche a ridurre il numero di click necessari per accedere alle informazioni.News Release Asset

Image available upon request or here at box.com.

About Rockwell Automation

Rockwell Automation Inc. (NYSE: ROK), the world’s largest company dedicated to industrial automation and information, makes its customers more productive and the world more sustainable. Headquartered in Milwaukee, Wis., Rockwell Automation employs approximately 22,000 people serving customers in more than 80 countries.

Media Contacts

Andrea Huter

Rockwell Automation

440.646.4195

ahuter@ra.rockwell.com

Molly O’Mara

PadillaCRT

612.455.1918

molly.omara@padillacrt.com

A proposito di Rockwell Automation

Rockwell Automation, (NYSE: ROK), è leader mondiale nella fornitura soluzioni per l’automazione, per il controllo e per l’IT che aiutano i produttori a ottenere vantaggio competitivo nel proprio business in modo

sostenibile. Con sede a Milwaukee, Wisconsin, USA, la società impiega circa 22.000 dipendenti e serve clienti in più di 80 paesi.

Il BLOG Rockwell Automation è nato come ambito per condividere opinioni su tecnologia e applicazioni industriali e di confronto con esperti di settore e viene costantemente aggiornato con nuovi contenuti. Per leggere subito l’ultimo post pubblicato cliccare Qui  !

Per informazioni stampa:

Rockwell Automation

Laura Scandone
Field Marketing Specialist – Italian Region
Mail: lscandone@ra.rockwell.com

Mariateresa Rubino
Communications Consultant
Tel. + 39 389 4573163
Mail mariateresarubino@gmail.com

FactoryTalk, LISTEN. THINK. SOLVE. and SequenceManager are trademarks of Rockwell Automation Inc.

 

ARMONIA RELIGIOSA: AIUTO E RISPETTO PER IL PROSSIMO

Scritto da Sandro Matini il . Pubblicato in Religione

Servizio Domenicale di Scientology per ricordare l’importanza di concentrare le energie della società sui principi fondamentali della religione.

Un servizio domenicale dedicato all’armonia interreligiosa quello che si è celebrato domenica 5 febbraio nella Chiesa di Scientology di Roma in via della Maglianella 375.

In occasione della ricorrenza della Settimana dell’Armonia Interreligiosa, sancita dalle Nazioni Unite il 20 ottobre 2010, per ogni prima settimana di Febbraio, il servizio domenicale di Scientology è stato incentrato su “L’influenza Religiosa nella Società”, scritto del 1976, con cui L. Ron Hubbard,  fondatore della religione di Scientology, ha delineato l’importanza di ripristinare i valori spirituali, dell’aiuto e del rispetto per il prossimo, principi fondamentali della religione, in un’occidente sempre più pervaso dal materialismo.

“La settimana mondiale dell’armonia interreligiosa” celebra i principi di tolleranza e rispetto per gli altri che sono radicati profondamente nelle principali religioni del mondo. La giornata è anche un invito alla solidarietà a dispetto di coloro che diffondono sospetto e sfiducia”.  Così Ban Ki Moon ha delineato lo scopo di questa ricorrenza durante il suo ufficio di Segretario Generale delle Nazioni  Unite.

Uno dei partecipanti ha invece apprezzato la funzione domenicale perché “la stragrande maggioranza di noi desidera vivere serenamente e in spirito di cooperazione. L’aiuto è l’essenza della vita. Ogni tanto recuperare questa consapevolezza favorisce un ulteriore stimolo a continuare con il proprio supporto solidale alla comunità”.

Conclusa la celebrazione i partecipanti al servizio domenicale si sono intrattenuti nel Centro Informativo per il Pubblico della Chiesa di Scientology di Roma, dove hanno potuto conoscere la solidarietà degli Scientologist per la comunità con i programmi per portare la verità sugli effetti dannosi degli stupefacenti, promuovere i diritti umani per la convivenza pacifica, i valori di buon senso de La Via della Felicità per il rispetto reciproco, la fiducia e l’onesta, e l’aiuto incondizionato al di là di ogni appartenenza dei Ministri Volontari, tuttora molto attivi nel soccorso alle vittime del recente terremoto che ha colpito il centro Italia.

 

Osiris ransomware: la famiglia Locky si allarga

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Aziende, Informatica, Tecnologia

Il ransomware Locky ha subito un ennesimo “lifting”: i criminali informatici sviluppano aggiornamenti per una delle più comuni e dannose famiglie di malware crittatori di file. Il nuovo ransomware si chiama Osiris, dal dio egizio dell’oltretomba, e presenta caratteristiche migliorate, progettate per attaccare i backup senza essere rilevati. Questo aggiunge l’estensione .orisis alla fine dei file criptati e segue il modello standard delle infezioni ransomware: invadi, cripta, estorci. Sull’onda del successo di Locky, Osiris è una delle minacce alla sicurezza informatica più gravi che gli utenti di computer si trovano oggi ad affrontare.

Locky è stato scoperto per la prima volta nel febbraio 2016 e da allora ha subito almeno sette mutazioni, nel tentativo di tener testa ai fornitori di prodotti di sicurezza in grado di rilevare e arrestare questo tipo di ransomware.

  • .locky — Febbraio 2016
  • .zepto — Giugno 2016. Un mese dopo, Locky ha iniziato a supportare la criptazione offline con chiavi RSA implementate, in caso non fosse in grado di raggiungere i suoi server C&C.
  • .odin — Settembre 2016
  • .shit, .thor — Ottobre 2016
  • .aesir — Novembre 2016
  • .zzzzz, .osiris — Dicembre 2016

Alcuni ricercatori hanno inoltre rilevato che Osiris colpisce anche i dispositivi Apple Mac e Android.

Come difendersi

Acronis ha sviluppato una tecnologia di nuova generazione che impedisce in modo proattivo le infezioni zero-day, consentendo agli utenti di prevenire attacchi ransomware e di recuperare i dati senza pagare alcun riscatto. Ieri abbiamo scoperto una nuova mutazione del ransomware Osiris, che ha eluso facilmente Windows Defender. Oggi non è stato altrettanto fortunato, ma esiste già una nuova versione che si è di nuovo presa gioco del software di sicurezza tradizionale.

Acronis Active Protection™ è l’unica tecnologia in grado di bloccare tutte le versioni degli attacchi del ransomware Osiris. Non solo: è anche in grado di ripristinare immediatamente i dati criptati senza contattare i truffatori o pagare un riscatto. Questo è possibile grazie all’integrazione con Acronis Cloud. L’unica accortezza è che deve essere attivo sul proprio computer quando il ransomware colpisce.

L’infezione del Dipartimento di Polizia di Cockrell Hill in Texas, che ha causato la perdita di otto anni di dati di prove critici, si sarebbe potuta evitare se qui fosse stato installato il prodotto Acronis.

Ecco alcuni dettagli del nuovo ransomware Osiris.

  • Osiris è la 7ª generazione del ransomware / cripto-virus Locky, tradizionalmente diffuso attraverso campagne SPAM;
  • È difficile da rilevare in quanto utilizza componenti Windows standard per scaricare ed eseguire il payload (script e librerie);
  • Osiris ha il rilevamento della virtualizzazione integrato, il quale complica il lavoro di debugging e di retro-ingegnerizzazione con una macchina virtuale; questo algoritmo è notevolmente modificato rispetto alla versione iniziale di giugno 2016.
  • Questo infetta i dispositivi locali e si diffonde facilmente attraverso la rete per infettare altri computer e cartelle di rete;
  • Osiris può essere distribuito anche tramite sistemi CRM/sistemi di assistenza ai clienti (anche basati sul cloud) attraverso i confini interaziendali. L’utente infetto di un’organizzazione può inviare un’e-mail all’indirizzo e-mail del sistema CRM; il suo decodificatore interno analizza l’e-mail in entrata e aggiunge un allegato maligno al ticket generato automaticamente. L’ingegnere dell’assistenza clienti apre i ticket, apre l’allegato Excel e infetta la rete.
  • Come previsto da Acronis, i criminali del ransomware hanno iniziato ad attaccare le soluzioni di backup. Osiris attacca direttamente il Microsoft Volume Shadow Copy Service (VSS) disponibile in ogni copia di MS Windows e cancella le copie “ombra” già create;
  • Osiris utilizza potenti algoritmi di criptazione, pertanto i dati infetti non possono essere decriptati da strumenti di terzi;
  • colpisce Windows e anche i dispositivi Mac e Android;

Questa varietà di ransomware Osiris è considerata responsabile dell’infezione del Dipartimento di Polizia di Cockrell Hill in Texas, che ha causato la perdita di otto anni di dati di prove critici.

In una dichiarazione pubblica, il dipartimento di polizia ha affermato che il malware è arrivato “da un indirizzo e-mail clonato che imitava un indirizzo e-mail rilasciato dal dipartimento” e dopo aver messo le radici, ha richiesto 4 Bitcoin in riscatto, oggi equivalenti a circa 3.600 dollari, o “circa 4.000 dollari” come ha dichiarato il dipartimento, così riportava la rivista specializzata “The Register”. I dati andarono persi poiché il dipartimento non aveva procedure di backup adeguate.

Secondo altre notizie, i truffatori del ransomware hanno attaccato l’hotel Romantik Seehotel Jaegerwirt sul passo montano di Turracher Hoehe in Austria, violando il loro sistema di chiavi elettroniche e bloccando centinaia di ospiti all’interno o all’esterno delle rispettive stanze fino al pagamento del riscatto.

Potete permettervi di essere la prossima vittima di un ransomware?

Proteggete ora i vostri sistemi! Per scoprire come, scaricate Acronis Active Protection: Disponibilità costante dei dati nel mutevole panorama delle minacce.

Acronis Active Protection™, una combinazione di soluzioni di sicurezza e di backup integrate, è in grado di rilevare e ripristinare immediatamente i file attaccati da Osiris.

La “decriptazione” manuale dei file Osiris è difficile e possibile solo se gli utenti possiedono dei backup che non sono stati ancora criptati.

Acronis Active Protection™ è stato dichiarato in grado di proteggere efficacemente i sistemi di computer dal ransomware Osiris. Questa innovativa tecnologia in attesa di brevetto, introdotta in Acronis True Image 2017 New Generation, si basa sulle euristiche comportamentali e rileva e arresta facilmente l’attività malevola di Osiris. Inoltre consente all’utente di ripristinare immediatamente qualunque file infetto.

L’appuntamento della domenica mattina è con il Brunch Auberge

Scritto da serena lombardi il . Pubblicato in Aziende, Gastronomia e Cucina, Turismo

Troppo tardi per il classico cappuccio e brioche? Troppo presto per una polenta concia? Niente paura l’Auberge de La Maison di Courmayuer vi viene in aiuto con il Brunch Auberge.

Il brunch è la giusta via dimezzo tra la colazione e il pranzo, adatto a quelli che la domenica amano dormire fino a tardi, concedersi un po’ di coccole e anche ai mattinieri atleti irriducibili che non mancano di allungare l’allenamento proprio nel weekend.

Tutte le domeniche, dalle 11,30 alle 14,30, nel Petit Abri l’Auberge vi conquisterà con il suo Brunch, pensato proprio per viziare chi ha bisogno delle coccole della domenica e premiare gli instancabili atleti, un menù ricco di tradizionali prelibatezze e capace di soddisfare tutti i gusti.

Blanc Fripon, Cave du Vin Blanc de Morgex et de La Salle
Succo di mela Princesse
Te verde
Bevanda calda di rosa canina
Caffè all’americana
Acqua minerale naturale
Acqua minerale frizzante

***
Muffins
Torta del giorno
Friandises Auberge
Macedonia di frutta fresca

Frittatina agli spinaci
Frittatina alla pancetta

Mini panino melanzana grigliata e scamorza affumicata
Mini panino salame e burro d’alpeggio
Mini panino cotto di Saint Oyen e crema delle valli

Vallée d’Aoste Lard D’Arnad con miele millefiori su pan ner grigliato

Mini tartare di trota affumicata Maison e mela su insalatina

Fontina Dop
Toma Fleury

Informazioni e Prenotazioni +39 0165 869811 – info@aubergemaison.it

Facile.it di nuovo on air con una creatività dedicata a San Valentino

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Aziende, TV

Facile.it (https://www.facile.it/), primo sito in Italia per la comparazione di assicurazioni e offerte ADSL ha deciso di dedicare a San Valentino il suo dodicesimo spot e rinnovare la fiducia alla creatività dell’agenzia Nadler Larimer & Martinelli (http://www.nadler.it/); il focus dello spot torna ad essere quello delle polizze auto, ma il risparmio garantito dal confronto delle offerte disponibili sul portale questa volta porterà…al matrimonio..

Dopo le positive esperienze degli ultimi episodi, anche questo ha per la regia la firma di Paolo Genovese; confermata anche la produzione di The Bigmama (http://www.thebigmama.it/).

Lo spot, on air da domenica 5 febbraio sulle principali emittenti televisive, si intitola appunto “Innamorarsi è Facile”, e a pronunciare la ormai arci nota formula magica Facile.it! Facile.it! Facile.it! questa volta è l’attrice Lidia Cocciolo, diventata nota al grande pubblico per essere arrivata quarta nell’ edizione 2002 – 2003 del talent Amici di Maria de Filippi e poi protagonista di serie famosissime come Braccialetti Rossi.

La storia comincia proprio il giorno di San Valentino, quando il fidanzato si presenta sotto casa della sua amata con il più classico dei regali; un mazzo di rose rosse che saranno solo l’inizio di un crescendo di risparmio e amore.

Per questo primo flight è prevista la programmazione sui canali Mediaset, Cielo, TV8, Sky e Discovery (DMAX, RealTime, Focus, NOVE, Eurosport).  Lo spot è disponibile anche sulla homepage di Facile.it al link: http://www.facile.it/spot-tv.html

 

Scheda Tecnica:

Agenzia: Nadler Larimer & Martinelli
Regista: Paolo Genovese
DOP: Renato Alfarano
CDP: The Bigmama srl
Executive Producer: Lorenzo Borsetti
Post Produzione video: EDI
Post Produzione audio: Top Digital
Direttore Creativo: Dario Primache
Art: Giulio Rosati
Copywriter: Antonino Munaffò
Musica: Hot Chocolate “You Sexy Thing”