Archivio per 2 febbraio 2017

Marine Layer sceglie Centric SMB

Scritto da Mariateresa Rubino il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia

CAMPBELL, California, 2 febbraio 2017 – Marine Layer, marchio premium di abbigliamento casual con sede a San Francisco e noto per l’estrema sofficità dei propri capi, annuncia il successo dell’implementazione del progetto Centric PLM (Product Lifecycle Management). Centric Software è leader nelle soluzioni PLM per le aziende della moda, retail, calzature, articoli per outdoor, beni di lusso e di largo consumo.

Fondata a San Francisco nel 2009 da Mike Natenshon e dal suo migliore amico Adam Lynch, Marine Layer realizza capi d’abbigliamento il cui spirito è riassumibile in poche parole “avere un lifestyle da weekend 7 giorni su 7”. Lo speciale tessuto di Marine Layer, realizzato con un mix di cotone e fibra di legno di faggio riciclata, permette di realizzare capi estremamente soffici e ad alta vestibilità che trasmettono un senso di comodità. La maggior parte della produzione di Marine Layer è realizzata a San Francisco e Los Angeles. L’azienda che è in rapida crescita, oggi conta 23 punti vendita in tutti gli Stati Uniti, di cui 8 aperti nel 2016.

In questa fase di rapida crescita ed evoluzione per Marine Layer era necessario dotarsi di una soluzione PLM che potesse supportare l’azienda nella gestione dei dati, dallo sviluppo dei prodotti fino alla vendita al dettaglio,. “La maggiore difficoltà risiedeva nel tenere traccia delle informazioni condivise”, spiega Megan Eddings, Director of Design & Product Development di Marine Layer. “Avevamo la necessità che tutti fossero allineati e così sprecavamo molto tempo alla ricerca di informazioni su diversi fogli di lavoro, documenti e archivi condivisi.”

“Quest’anno c’è stata una forte spinta all’adozione di un sistema PLM” ricorda Eddings. “Stavo proprio valutando diverse opzioni, quando sono stato contattato da una persona di Centric che voleva invitarmi a uno dei seminari che l’azienda stava organizzando nell’area di San Francisco. Ho deciso di partecipare ed è stato estremamente interessante poter ascoltare le esperienze dirette delle persone e fare una serie di domande. L’atmosfera era molto conviviale e invitava al dialogo. Centric sembrava essere perfetta per le nostre esigenze, quindi ho richiesto alcune demo e da lì è partita la nostra collaborazione.”

L’implementazione della soluzione Centric SMB di Marine Layer è iniziata in settembre. Nonostante per tre settimane il processo di roll-out sia stato interrotto per impegni professionali delle persone coinvolte nel progetto, i principali moduli di Centric 8 e le app mobile associate erano perfettamente funzionanti in novembre 2016.

“Ritengo che la scalabilità offerta da Centric SMB sia un aspetto molto importante,” continua Eddings. “Le funzionalità di Centric adeguate a ogni singolo segmento sono state un altro aspetto determinante nella nostra scelta. La soluzione doveva essere utilizzata da diversi team, quindi era fondamentale

poterla configurare in funzione della modalità o del tipo di lavoro a seconda del ruolo specifico: ad esempio dando priorità all’aspetto visivo per il design oppure alle cifre per la pianificazione.”

A seguito di questa rapida implementazione, Marine Layer preconizza una serie di efficienze future derivanti dall’uso della soluzione di Centric.

“Prevediamo un risparmio di tempo per utente pari al 10-15%, anche solo in virtù del fatto di poter disporre delle nostre informazioni tramite un sistema software centralizzato e condiviso”, spiega Eddings. “Dato che tutti disporranno delle stesse informazioni, gli errori saranno meno frequenti e, grazie a una maggiore visibilità, avremo la possibiltà di individuarli prima”.

“Siamo lieti di essere stati scelti da Marine Layer, una giovane azienda di abbigliamento che sta crescendo a velocità impressionante” commenta Chris Groves, Presidente e CEO di Centric Software. “Il team di Centric ha collaborato a stretto contatto con Marine Layer per la perfetta riuscita dell’implementazione; non vediamo l’ora di poter continuare ad accompagnarli nel loro cammino di continua crescita.”

Marine Layer (www.marinelayer.com)

Marine Layer è radicata sul territorio dove progetta e realizza la propria linea di abbigliamento casual. Il brand vende tramite il proprio sito web e una rete di punti vendita localizzati in tutti gli Stati Uniti. Marine Layer è un’azienda in rapida crescita il cui successo si basa su un team ristretto di collaboratori, caratterizzati da grande passione, impegno e piacere per il proprio lavoro.

Centric Software, Inc. (www.centricsoftware.com)

Dalla sede nella Silicon Valley e dagli uffici situati nelle principali capitali mondiali, Centric Software crea tecnologie per i più prestigiosi marchi nel settore della moda, della vendita al dettaglio, delle calzature, dei prodotti per l’outdoor, dei beni di lusso e di largo consumo. Centric 8, la piattaforma PLM (Product Lifecycle Management) di punta dell’azienda, offre funzionalità per pianificazione commerciale avanzata, sviluppo dei prodotti, sourcing, pianificazione aziendale, gestione della qualità e delle collezioni, personalizzate per i dinamici settori dei beni di consumo. I pacchetti Centric SMB hanno ampliato il sistema PLM includendo tecnologie innovative e importanti nozioni di settore, specifiche per le aziende di piccole dimensioni.

Centric Software ha ricevuto numerosi riconoscimenti del settore, tra cui il Global Product Differentiation Excellence Award di Frost & Sullivan nella categoria Retail, Fashion and Apparel PLM nel 2016 e il Global Retail, Fashion and Apparel PLM Product Differentiation Excellence Award di Frost & Sullivan nel 2012. Red Herring ha incluso Centric tra le prime 100 società al mondo nel 2013, 2015 e

2016.
Copyright 2017, Centric Software Inc, tutti i diritti riservati.

Centric è un marchio registrato di Centric Software. Tutti gli altri marchi e nomi di prodotto sono marchi dei rispettivi proprietari.

Contatti per i media:

(fine)

Centric Software

Americhe: Jennifer Forsythe, jforsythe@centricsoftware.com

Europa: Kristen Salaun Batby, ksalaun-batby@centricsoftware.com Asia: Lily Dong, lilydong@centricsoftware.com

FINE DELLA DISCRIMINAZIONE, ABBIAMO TUTTI GLI STESSI DIRITTI.

Scritto da Sandro Matini il . Pubblicato in Cultura, Religione

Il 27 gennaio si celebra la giornata della Memoria, indetta dalle Nazioni Unite il giorno 1 novembre 2005, perché in quel giorno del 1945 le truppe dell’Armata Rossa, impegnate nella offensiva Vistola-Oder in direzione della Germania, liberarono il campo di concentramento di Auschwitz.

È una giornata per ricordare che il pregiudizio basato sulle differenze, di qualunque genere, che negli oscuri anni del nazismo era ammantato di un’aurea di scientificità con le bislacche teorie eugenetiche degli psichiatri Rudin, porta solo l’orrore dell’uomo contro l’uomo. La storia ci tramanda infatti che l’eugenetica, principio fondamentale cui i nazisti si ispirarono, nacque ben prima del nazismo e non morì con esso. Il più influente ed importante scienziato dell’era Nazista fu certamente Ernst Rudin, che nel 1905 aveva fondato la “Società Tedesca per l’Igiene Razziale”, assieme a suo cognato, lo psichiatra Alfred Ploetzl (1). Eletto presidente della “Federazione Internazionale delle Organizzazioni per l’Eugenetica” e del “Comitato per la Psichiatra Razziale” nel 1932 (2), con la salita al potere di Hitler nel 1933, Rudin comandò il programma capitanato da Heinrich Himmler per l’eliminazione di 375,000 cittadini tedeschi ritenuti “inferiori”, che precedette l’olocausto (3).

E se ancora oggi esistesse un silente “olocausto” e una sordida “deportazione” dove i bambini vengono sottratti alle famiglie d’origine per causa di bislacche “perizie” di “esperti”?.

Questa è la riflessione lanciata dal Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani che domenica 29 gennaio dalle ore 15 celebra la Giornata della Memoria nell’auditorium della Chiesa di Scientology di Roma, in via della Maglianella 375. Il titolo dell’incontro è Fine della discriminazione, abbiamo tutti gli stessi diritti”.

Ad intervenire sarà il vice presidente del CCDU Italia, Silvio De Fanti, seguito dal presidente di GESEF (Genitori Separati dai Figli) e da altri ospiti illustri, accademici e professori universitari.

Sarà un pomeriggio per riflettere e per ricordare che bisogna porre fine alle discriminazioni, non importa quale sia l’esperto che le appelli come “scientifiche”. Sarà un pomeriggio per riflettere sul fatto che se la popolazione carceraria ammonta a 65 mila persone, forse 40 mila bambini sottratti alle famiglie d’origine sono un bilancio irreale, un tragico errore che mina la più importante tra le istituzioni della società, la famiglia, solo per motivo di bislacche perizie, di cui si porteranno esempi.

Sarà un pomeriggio per chiedere che non ci siano altri “auschwitz” di cui poco si parla e che invece dovrebbero essere noti. A tal proposito aiuta la memoria la citazione del Pastore Evangelico Martin Niemoeller, deportato a Dachau: “Prima vennero per gli ebrei e io non dissi nulla perché non ero ebreo. Poi vennero per i comunisti e io non dissi nulla perché non ero comunista. Poi vennero per i sindacalisti e io non dissi nulla perché non ero sindacalista. Poi vennero a prendere me. E non era rimasto più nessuno che potesse dire qualcosa.”

 

Una scuola speciale e rispetto per l’ambiente, One Express stupisce ancora

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende

Formare gli Affiliati seguendo una linea comune per accrescere
la Qualità dei servizi offerti dal Network e grande attenzione alla natura.

La formazione delle risorse umane, con linee guida comuni e condivise, per fornire un parametro omogeneo di valutazione, nel rispetto delle diversità tra i vari Associati, per creare uguaglianza e sempre maggiore efficienza. E’ questa per One Express la strada migliore per raggiungere l’uniformità del servizio offerto alla clientela, con un generale innalzamento della Qualità. Con queste premesse è nata One Express Academy, programma di corsi di formazione per la crescita aziendale che nel novembre scorso ha ricevuto anche unaSpeciale Menzione” nel corso della 12esima edizione del premioIl Logistico dell’Anno”, creato e organizzato annualmente da Assologistica.

In un Network variegato come One Express, che riunisce oltre 120 Aziende diffuse in tutta Italia, in seguito alla costante crescita del gruppo si è manifestata la necessità di rendere omogenei gli standard qualitativi del servizio puntando sulla formazione delle risorse umane, perché il successo di tutta la squadra è determinato dalle persone che ne fanno parte.

One Express Academy è il primo progetto specifico di formazione nato nel settore della logistica. Si tratta di un programma di corsi ideati per il personale di tutte le 120 Aziende, allo scopo di stabilire livelli di servizio condivisi e di migliorare a 360° la Qualità dei processi interni e delle relazioni con Clienti e Fornitori. Le lezioni sono iniziate nel maggio del 2015, con ottimi riscontri in termini di partecipazione e interesse. Il progetto è diventato un punto di riferimento specifico e continuativo per lo sviluppo di competenze aziendali, specialistiche, professionale e manageriali presso tutti i collaboratori, con l’obiettivo di creare un’uguaglianza, attraverso il parametro temporale, per la valutazione dell’efficacia del servizio in termini di presa in carico e consegna.

L’intero percorso si articola su due livelli di approccio: il primo di tipo comportamentale, al fine di indirizzare gli addetti delle aziende del Network verso modelli di condotta prestabiliti e da tutti condivisi. Il secondo, più specialistico, è stato ideato per lo sviluppo delle competenze specifiche di tutte le aree e di tutti i processi operativi aziendali.

Nel corso dell’anno tre formatori One Express, impegnati rispettivamente al Nord (Mirko Castelli), Centro (Dante Valtancoli) e Sud Italia (Giuseppe Giordano), hanno portato supporto pratico diretto nelle sedi degli Affiliati.

Maggiore formazione significa anche maggior risparmio sui costi del customer care, grazie alla quasi totale eliminazione dei reclami, con miglioramenti non solo qualitativi, ma anche di immagine, per una formula davvero vincente. In questo scenario la cultura del formatore è fondamentale come elemento di supporto alla rete e ai diversi Affiliati. Valore della Qualità che in One Express si riscontra sia nella formazione interna che nelle attività di responsabilità sociale infatti l’azienda bolognese sostiene per il terzo anno consecutivo il FAI, Fondo Ambiente Italiano, contribuendo concretamente alla tutela della storia, dell’arte e della natura nazionale aderendo al programma di membership aziendale Corporate Golden Donor. Ulteriore

conferma dell’impegno di One Express nelle attività di Corporate Social Responsibility in tutta Italia.

One Express è inoltre da sempre attenta all’impatto ambientale, riducendo le emissioni nocive e l’inquinamento con trasporti a pieno carico che consentono un miglioramento degli spostamenti evitando inutili consumi, operando in tutta Italia ed Europa con i più alti standard di efficienza e sicurezza, in grado di garantire consegne puntuali, anche a regime ADR, necessario per le merci pericolose, infiammabili o velenose. Tutela del pianeta che si può notare anche nel nuovo magazzino di Bologna, dotato di 55 mq di pannelli solari per la produzione di energia elettrica per uso domestico, oltre a 2 pannelli per la produzione di acqua calda per una superficie di 4 mq e innovative strutture fondamentali per la razionalizzazione dei consumi. One Express dimostra che il settore dei trasporti su gomma, spesso additato come inquinante, può invece contribuire, non solo in termini economici, ma soprattutto con i fatti, al rispetto della natura, grazie all’impegno degli addetti ai lavori e ad eccellenti strutture.

www.oneexpress.it