Boom di presenze a Udine per “Palazzo conTemporaneo”: superate le 3.000 persone solo nel primo weekend

Architettura, fotografia, narrativa e performance: moltissimi appuntamenti in calendario anche per il secondo fine settimana di apertura (19-21 aprile 2013)

Più di mille persone venerdì scorso all’inaugurazione di “Palazzo conTemporaneo”, rimaste in coda anche due ore per visitare l’inedito spazio urbano di Udine dedicato alle realtà culturali del territorio. Complessivamente sono state superate le 3.000 presenze nel primo fine settimana di apertura: gli organizzatori del Comitato U.P.I.M. non possono che dirsi estremamente soddisfatti del brillante bilancio. I sei trentenni friulani che coordinano il progetto (Paolo Ermano, Elena Tammaro, Gloria Deganutti, Dario Francescutto, Federica Manaigo e Alessandra Petruccelli) assieme all’Associazione ETRARTE, si augurano inoltre che tale interesse favorisca un dibattito in città e in Regione sulla necessità di spazi pubblici per tutti e sulle potenzialità, risorse e professionalità dei moltissimi giovani coinvolti.

Questi gli orari di visita: venerdì 16:00 – 22:00; sabato 10:00 – 22:00; domenica 10:00 – 20:00. L’accesso è Palazzo conTemporaneo è gratuito e la partecipazione a tutte le attività è libera fino ad esaurimento posti.
Tra il pubblico, oltre ad artisti e creativi, presenti molte famiglie, bambini, universitari, imprenditori, pensionati: tale successo e attenzione diffusa dimostrano come “Palazzo conTemporaneo” non sia solo un luogo dedicato all’arte e alla cultura, ma una vera azione partecipativa di riqualificazione urbana che ha dato vita a un luogo – seppur temporaneo – di condivisione. Ricordiamo che l’evento è autogestito e autofinanziato, grazie alla partecipazione di oltre venti associazioni culturali e gruppi artistici di tutto il Friuli Venezia Giulia. Indispensabile inoltre il supporto dei molti soggetti che hanno sostenuto l’iniziativa, ovvero i numerosi donatori privati e gli sponsor: A.F.A. Azienda Friulana Antincendi, AMGA Energia & Servizi, Arteventi, Banca di Credito Cooperativo di Manzano, Associazione Future Factory, Spazio Cultura del Gruppo Autostar, Italian Chair District, QBell Technology, Savio bar e ristorantino e Unipol Assicurazioni di Cervignano.

Un successo senza precedenti che non ricorda “eventi indipendenti” di tale portata negli ultimi 30 anni. Punta ad affluenza record anche il secondo weekend d’apertura di “Palazzo conTemporaneo”, considerando anche la concomitanza con il Far East Film Festival.

Vediamo il calendario: si parte venerdì 19 alle ore 18:00 con il workshop Una parola, mille storie: un mondo da raccontare racchiuso dentro un suono di Simone Zanin e Massimiliano Santarossa in collaborazione con Associazione Vastagamma. Si prosegue con una doppia performance: alle 19:00 con Mentelocale + IOSHI e alle 20:00 D-25 BRANEMET a cura di Espressione Est su progetto di Shenika. La serata di venerdì si conclude con i vincitori del premio Artelaguna 2011 sezione performance – Fabrizio Zamero e La Badini – che alle ore 20.30 presentano La teoria delle stringhe con Barbara Stimoli. Sabato 20 aprile, alle ore 18:00 avremo un incontro con l’architetto Adalberto Burelli intitolato Udine, dal paese col tram alla ZTL: trasformazioni urbane nel corso del ‘900. Alle ore 20:00 Palazzo conTemporaneo si animerà con la performance  Kriptoscopia 2043 qui di Enzo Comin e il collettivo Dritomr. Mentre nella mattinata di domenica 21, a partire dalle ore 10:30, sono protagonisti i nuovi media: “invasione digitale” di Palazzo ConTemporaneo e workshop con il gruppo Igers FVG (iscrizione obbligatoria su igersfvg2043qui.eventbrite.it). Nel pomeriggio, alle ore 16:00 visite guidate con l’Associazione Kaleidoscienza (per prenotazione scrivere a info@kaleidoscienza.it) e alle ore 18:00 si chiuderà il weekend con la performance Felici ma Furlans con gli autori Alessandro di Pauli e Tommaso Pecile.

Maggiori informazioni sul sito palazzocontemporaneo.tumblr.com.

Palazzo ConTemporaneo è un’iniziativa promossa dal Comitato U.P.I.M. (Udine Prova a Immaginarti Migliore) all’interno degli spazi inutilizzati del “Palazzo UPIM” situato a Udine tra piazzetta Belloni, via Cavour e via Savorgnana. Il sito, attualmente di proprietà del gruppo Rizzani De Eccher, verrà ricostruito nell’estate 2013. In vista di tale cambiamento del panorama della città, il Comitato ha ottenuto dalla proprietà dell’immobile il permesso di accedere e sfruttare i locali del palazzo al fine di renderlo un spazio artistico temporaneo.