BAMBINI ETICHETTATI AFFETTI DA ADHD

Scritto da ccdu il . Pubblicato in Comunicati Stampa

LA VIVACITA’ DI UN BAMBINO NON E’ UNA MALATTIA! AIUTACI A DIFENDERLO.

Brescia, 16 dicembre 2012, centinaia di libretti informativi sulla psichiatria sono stati distribuiti in parecchie attività del centro.
Il CCDU (Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani), vuole smascherare la lobby psichiatrica e come parte della campagna mette a disposizione, gratuitamente, materiale di pubblica utilità.

Questa è la situazione attuale: “In Italia, e nel resto del mondo, stanno venendo etichettati migliaia di bambini come ADHD (sindrome da iperattività e deficit dell’attenzione), drogandoli con pericolosi psicofarmaci! Il tutto per il business delle case farmaceutiche.

Pensi che la psichiatria non abbia a che fare con te? Ripensaci!

La recente campagna di marketing, portata avanti dalle lobby psichiatriche, ha raggiunto l’obiettivo del consenso del Ministero della Salute per cui un bambino “troppo vivace” ora può ricevere una diagnosi di “iperattività” e il marchio di “affetto da disturbo mentale”!. Di conseguenza molti bambini saranno sottoposti a trattamento con psicofarmaci contenenti pericolose sostanze anfetaminiche.

La psichiatria continua a sostenere che i bambini troppo vivaci sono in realtà affetti da una “malattia” chiamata ADHD.

Nessuno vuol negare che un bambino possa avere dei problemi a scuola, in famiglia o nelle relazioni interpersonali e che questi problemi possano manifestarsi con un comportamento irascibile, nervoso o preoccupato. Ma sostenere che quest’atteggiamento è l’indice di una malattia è soltanto una trovata pubblicitaria e una campagna di marketing che null’altro fa se non aumentare il numero potenziale di pazienti da “curare” e un business creato ai danni dell’infanzia.

Secondo i risultati del “Progetto PRISMA 2004” in Italia sarebbero 170.000 i bambini che soffrono della cosiddetta “Sindrome da iperattività e deficit dell’attenzione” (ADHD).

La psichiatria pretende di sostituire terapie ai metodi didattici diagnosticando disturbi controversi nei nostri bambini.

Secondo l’Istituto Mario Negri di Milano, sono 40.000 i bambini italiani che ogni giorno assumono psicofarmaci che inducono potenzialmente al suicidio.

I BAMBINI NON SONO CAVIE, SONO ESSERI UMANI CHE VANNO AIUTATI CON AMORE E COMPRENSIONE! NON HANNO BISOGNO DI FALSE DIAGNOSI E CAMICIE DI FORZA. I BAMBINI SONO IL NOSTRO FUTURO. A RISCHIO NON C’E’ NIENTE DI MENO CHE IL NOSTRO FUTURO.

L’associazione CCDU ONLUS è sostenuta dalla Chiesa di Scientology, che combatte contro gli abusi della “salute mentale”.

Maggiori informazioni si possono trovare visitando il sito: http://www.ccdu.it

Tags: