Archivio Autore

Investimenti: al summit di Palazzo Chigi anche Luigi Ferraris, AD Terna

Scritto da pressreleaself releaself il . Pubblicato in Affari, Aziende

L’AD Luigi Ferraris incontra il Premier a Palazzo Chigi: al vertice dello scorso 10 ottobre sono stati convocati i manager che guidano le principali partecipate pubbliche.

Luigi Ferraris, CEO Terna

Luigi Ferraris a Palazzo Chigi: Terna alla cabina di regia sugli investimenti

In qualità di Amministratore Delegato di Terna, anche Luigi Ferraris è stato convocato lo scorso 10 ottobre a Palazzo Chigi: un incontro tra i vertici delle aziende partecipate e il Premier Conte per discutere di occupazione e investimenti a supporto dell’economia del Paese. Per Terna parla il Piano Strategico 2018-2022 presentato dall’AD Luigi Ferraris nei mesi scorsi: 5,3 miliardi di investimenti nel Paese (+30% rispetto al Piano precedente). Di questi, circa 2,8 sono destinati allo sviluppo della rete nazionale e delle interconnessioni con l’estero, altri 700 milioni di euro andranno a implementare il Piano di Difesa mentre circa 1,9 miliardi di euro serviranno per attività di rinnovo, miglioramento della qualità del servizio ed efficienza. Investimenti che puntano a incrementare lo sviluppo, attraverso “una completa integrazione delle rinnovabili e di digitalizzazione per una maggiore sicurezza e resilienza, a beneficio di tutto il sistema”.

Luigi Ferraris: investimenti e strategie di crescita di Terna

Oltre alla crescita economica del Paese, gli investimenti programmati da Terna nel quinquennio 2018-2022 sono stati definiti anche nell’ottica di incentivarne ulteriormente lo sviluppo sostenibile. Un tema particolarmente sentito dall’AD Luigi Ferraris, che lo scorso marzo, presentando il Piano, fece notare come il 70% degli investimenti guardi alla sostenibilità: “Risolverà le congestioni, migliorerà la qualità dei servizi nonché l’impatto ambientale e visivo”. Un impegno che recentemente è valso a Terna un importante risultato: nell’ambito del Dow Jones Sustainability Index 2018 il gruppo è primo al mondo per il settore Electric Utilities. Secondo Luigi Ferraris è un riconoscimento “al nostro impegno per l’introduzione nel nostro business di un modello inclusivo, attento alle istanze dei territori e dei nostri stakeholder”.

Terna: la società guidata da Luigi Ferraris nuovamente riconosciuta in ambito sostenibilità

Scritto da pressreleaself releaself il . Pubblicato in Aziende

Dopo aver conseguito recentemente il primato mondiale del settore Electric Utilities secondo il Dow Jones Sustainability Index 2018, Terna riceve altri due riconoscimenti per il suo impegno verso la sostenibilità: la società guidata da Luigi Ferraris si riconferma negli indici STOXX Global ESG Leaders ed Ethibel Sustainability.

Luigi Ferraris, AD Terna

Luigi Ferraris: Terna e i nuovi riconoscimenti in ambito sostenibilità

A pochi giorni dal conseguimento del primato mondiale nel settore Electric Utilities secondo il Dow Jones Sustainability Index del 2018, Terna riceve altri due riconoscimenti per gli sforzi portati avanti nel settore ambientale, sociale e di governance. La società nazionale di gestione della rete elettrica amministrata dall’AD Luigi Ferraris è stata confermata per l’ottavo anno consecutivo negli indici di sostenibilità STOXX Global ESG Leaders e per il decimo anno nell’Ethibel Sustainability Index (ESI) Excellence Europe. Questi recenti riconoscimenti sottolineano la solidità dei sistemi di gestione di Terna e la sua capacità di generare eccellenti performance di sostenibilità. La società, guidata dal CEO Luigi Ferraris e dalla Presidente Catia Bastioli, è stata inclusa in tutti e tre gli indici tematici legati a STOXX Global ESG Leaders: STOXX Global Environmental Leaders, STOXX Global Social Leaders e STOXX Global ESG Governance Leaders, grazie a eccellenti performance negli ambiti di analisi. L’indice seleziona 404 aziende tra i 1.800 titoli presenti in un paniere internazionale di partenza e si caratterizza per la trasparenza nei criteri di selezione, basati su indicatori suggeriti dall’EFFAS (European Federation of Financial Analysts Societies) e DVFA (Society of Investment Professionals in Germany).

Il curriculum di Luigi Ferraris, Amministratore Delegato di Terna

Classe 1962, Luigi Ferraris è attualmente Amministratore Delegato e Direttore Generale di Terna S.p.A. Il top manager è laureato in Economia e Commercio presso l’Università di Genova. Parla correntemente due lingue straniere, inglese e spagnolo. Inizia la sua carriera professionale nel 1988 nel settore Auditing di Price Waterhouse. Nel 1996 diventa Area Controller Europa di ELSAG Bailey Process Automation, azienda allora appartenente al Gruppo Finmeccanica. Tra il 1998 e il 1999 è CFO di Elsacom, società di telefonia satellitare sempre nell’orbita di Finmeccanica. Nel 1999 fa il suo ingresso nel Gruppo Enel, dove ricopre svariati incarichi fino al 2015: tra questi, è Responsabile della Pianificazione e Controllo del Gruppo dal 2004 al 2005. Nel 2007 è nominato Consigliere di Amministrazione di Endesa S.A., società quotata alla Borsa di Madrid. Dal 2008 al 2014 è Chief Financial Officer (CFO) e, dal 2009 al 2014, Presidente di Enel Green Power. Nel maggio del 2013 entra a far parte del Consiglio di Amministrazione della controllata cilena Enersis S.A.. Durante la sua permanenza in Enel, Luigi Ferraris è stato, inoltre, Consigliere di Amministrazione di Wind Telecomunicazioni S.p.A. Da febbraio 2015 ad aprile 2017 ha svolto l’incarico di Chief Financial Officer del Gruppo Poste Italiane.

Luigi Ferraris: Terna prevede 12 miliardi di euro di investimento sulla rete Italiana

Scritto da pressreleaself releaself il . Pubblicato in Affari, Aziende

“La completa decarbonizzazione è possibile e necessaria”: Luigi Ferraris, Amministratore Delegato di Terna, parla del futuro in ambito energetico in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera.

Luigi Ferraris, CEO di Terna

Luigi Ferraris, AD di Terna, intervistato dal Corriere della Sera

Quale sarà il futuro in campo energetico? Luigi Ferraris, AD di Terna, non ha dubbi, valutando la completa decarbonizzazione come “possibile e necessaria” in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera. In un momento in cui la transizione energetica spinta dallo sviluppo delle rinnovabili è già in corso, le reti elettriche hanno un ruolo centrale e, pertanto, chiamano investimenti importanti. Terna ha stabilito di destinare 12 miliardi di euro nei prossimi 10 anni proprio a questo comparto, focalizzandosi su “interventi di sviluppo volti a massimizzare l’integrazione delle rinnovabili, tramite il potenziamento della rete nazionale e delle interconnessioni con l’estero, elementi indispensabili per ridurre le congestioni, massimizzare lo sfruttamento delle fonti naturali, assicurare elevati standard di qualità del servizio e la maggiore condivisione possibile a livello europeo a beneficio di tutti i cittadini”. L’Italia deve diventare un hub naturale nell’area del Mediterraneo, la posizione geografica la agevola infatti nel ricoprire un ruolo di centralità energetica a livello europeo. Favorito da una delle frontiere elettriche più robuste del continente, il Belpaese ha raggiunto il 9% di capacità di interconnessione e può guardare con fiducia al target fissato dalla Ue per il 2030 che prevede il raggiungimento del 15%.

Luigi Ferraris: “La necessità di una rete capillare è fra le priorità del nostro piano di investimenti”

Per recuperare i ritardi del passato e garantire la migliore qualità del servizio per cittadini e imprese, lo sviluppo di una rete più capillare diventa una delle priorità del piano di investimenti di Terna. Luigi Ferraris sottolinea, infatti, come stia mutando la distribuzione della capacità di generazione sul territorio italiano rispetto a qualche anno fa, fattore da ascrivere alla crescita delle rinnovabili. Il miglioramento del collegamento tra Nord e Sud diventa fondamentale e, per questo, attualmente sono attivi 220 cantieri che impegnano più di 350 imprese in tutta Italia. Ovviamente, tutti progetti che hanno come obiettivo la massima sicurezza, il minimo impatto ambientale possibile e una riduzione dei costi per il sistema. Terna, in tutto questo, sarà aiutato da due fattori, la digitalizzazione e l’innovazione, che accompagneranno la crescita delle rinnovabili. La lungimiranza è, infine, testimoniata anche dal lancio del progetto pilota sulle Uvam, destinato a generare valore per il sistema e il cittadino in quanto finalizzato a consentire alle auto elettriche di partecipare al mercato dei servizi contribuendo alla sicurezza del servizio elettrico.

Luigi Ferraris: la carriera del Direttore Generale di Terna

Scritto da pressreleaself releaself il . Pubblicato in Affari, Aziende, Economia

Originario di Legnano, Luigi Ferraris termina gli studi in ambito economico e dà inizio alla sua carriera svolgendo incarichi manageriali in Italia e all’estero. Nel 1999 entra in Enel per poi lavorare anche nel Gruppo Poste Italiane: dal 2017 guida Terna.

Luigi Ferraris

Luigi Ferraris: dalla laurea agli incarichi nel Gruppo Enel

Classe 1962, nato a Legnano (Milano), Luigi Ferraris completa la sua formazione laureandosi in Economia e Commercio presso l’Università di Genova. Inizia la sua carriera nel 1988, venendo assunto nel settore Auditing di Price Waterhouse. In seguito ricopre ruoli manageriali in ambito internazionale, in Augusta, Piaggio VE e Sasib Beverage. Diventa quindi Area Controller Europa in Elsag Bailey Process Automation, del Gruppo Finmeccanica. Nominato CFO di Elsacom nel 1998, è l’anno successivo a segnare la svolta nella carriera del manager, quando entra nel Gruppo Enel S.p.A. Dal 1999 al 2015 si occupa di gestione e finanza, diventando prima Amministratore Unico di Enel Servizi, poi Presidente con delega tra il 2006 e il 2014. Nello stesso periodo è anche Responsabile di Pianificazione e Controllo per il Gruppo, mentre in seguito ricopre il ruolo di Direttore della Funzione Amministrazione, Pianificazione e Controllo. Nel 2009, in qualità di Chief Financial Officer, si occupa di M&A, finanza straordinaria, aumento di capitale e integrazione di società spagnole, slovacche e russe, oltre che della quotazione di Enel Green Power, società di cui è Presidente nello stesso anno. Contemporaneamente, Luigi Ferraris è Presidente con Delega di Enel Factor S.p.A., mentre in seguito diventa CEO di Enersis S.A.

Luigi Ferraris: Poste Italiane, Terna e l’impegno in ambito accademico

Nel 2015 Luigi Ferraris viene nominato Chief Financial Officer del Gruppo Poste Italiane. Il manager ne ha guidato l’operazione di privatizzazione, conclusa con la quotazione in Borsa avvenuta nell’ottobre dello stesso anno. Attualmente è Amministratore Delegato di Terna, incarico che ricopre da aprile 2017. Al contempo mette le conoscenze acquisite nel settore a servizio dell’insegnamento, impegnandosi come docente di Corporate Strategy presso l’Università “Luiss Guido Carli” di Roma, nel Dipartimento di Economia. Nello stesso ateneo ha inoltre coordinato i corsi di Strategie d’impresa, Planning and Control, Sistemi di controllo di Gestione e di Energy Management del Master in Business Administration. Luigi Ferraris è stato Consigliere di Amministrazione in importanti realtà attive a livello nazionale e internazionale, tra le quali Wind Telecomunicazioni, Endesa S.A. ed Enel (Enel Distribuzione S.p.A., Enel Produzione S.p.A., Enel Investment Holding BV). Oggi, oltre all’impegno di dirigente in Terna, ricopre la carica di consigliere indipendente in Erg S.p.A.

Luigi Ferraris: il percorso professionale dell’AD di Terna

Scritto da pressreleaself releaself il . Pubblicato in Aziende

La biografia di Luigi Ferraris, manager che è arrivato nel 2017 alla guida di Terna come Amministratore Delegato dopo un percorso professionale nel quale ha ricoperto incarichi di crescente responsabilità.

Luigi Ferraris

Luigi Ferraris: formazione e primi incarichi professionali

Classe 1962, nato a Legnano, Luigi Ferraris consegue la Laurea in Economia e Commercio presso l’Università di Genova. Il suo percorso professionale prende avvio nel 1988 presso Price Waterhouse, società che fornisce servizi di revisione e consulenza nel settore auditing. Nella prima metà degli anni ’90 ricopre varie posizioni manageriali all’interno di diverse aziende: Agusta, Piaggio VE e Sasib Beverage. Nel 1996 entra nell’universo Finmeccanica, passando all’Area Controller Europa di ELSAG Bailey Process Automation, dove rimane fino al 1998. Dal 1998 al 1999 Chief Financial Officer di Elsacom, società attiva nel comparto della telefonia satellitare, Luigi Ferraris entra successivamente a far parte di Enel: qui ricopre incarichi di crescente responsabilità fino ad arrivare ad assumere l’incarico di Presidente di Enel Green Power e CFO del Gruppo.

Luigi Ferraris: Poste Italiane e Terna

Nel febbraio del 2015 Luigi Ferraris viene assunto come Chief Financial Officer da Poste Italiane. Nel suo periodo all’interno del Gruppo, si occupa del delicato passaggio della privatizzazione e della quotazione in Borsa. È del maggio 2017 la sua nomina ad Amministratore Delegato di Terna: subentra al manager fiorentino Matteo Del Fante. Sotto la sua guida, il colosso energetico rispetta il trend di crescita, con un primo semestre chiuso con ricavi in aumento di 34,8 milioni di euro rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Risultati in linea con il piano decennale di sviluppo della rete elettrica nazionale, teso alla diminuzione delle perdite di energie elettrica e delle emissioni di CO2. Luigi Ferraris affianca alla carriera manageriale quella accademica: è docente all’Università LUISS di Roma, dove tiene un master in Business Administration.

Terna, accordo con Protezione Civile: Luigi Ferraris illustra i dettagli

Scritto da pressreleaself releaself il . Pubblicato in Affari, Aziende

Terna e il Dipartimento della Protezione Civile hanno sottoscritto a Roma un Protocollo d’Intesa per gestire i rischi sul servizio elettrico: la soddisfazione dell’AD del gruppo Luigi Ferraris.

Luigi Ferraris

Luigi Ferraris: Terna e Protezione Civile sottoscrivono un Protocollo d’Intesa

Terna al fianco della Protezione Civile per garantire la massima efficienza ed efficacia operativa nell’ambito delle attività volte alla previsione, prevenzione e mitigazione dei rischi, alla gestione delle emergenze e al loro superamento. Sottoscritto lo scorso 30 luglio dall’AD del gruppo Luigi Ferraris, il protocollo d’intesa punta a favorire un ulteriore sviluppo dei reciproci rapporti istituzionali di collaborazione. Grande attenzione viene riservata alla prevenzione e alla gestione dei rischi naturali e antropici, ambito di particolare interesse per il gruppo guidato da Luigi Ferraris: mettendo infatti a repentaglio la continuità del servizio elettrico sul territorio nazionale, richiedono l’impiego delle risorse e del know-how del gruppo. Negli obiettivi previsti dall’accordo rientrano l’ottimizzazione delle procedure e del flusso delle comunicazioni tra Terna e il Dipartimento della Protezione Civile, sia in ordinario sia in emergenza, e la realizzazione di specifici percorsi formativi ed esercitativi rivolti al personale che opera nella gestione delle emergenze per migliorarne la capacità di risposta sinergica e accrescere competenze e conoscenza in materia di modelli organizzativi e di intervento.

Terna: Luigi Ferraris sul valore dell’accordo siglato con la Protezione Civile

Per l’AD Luigi Ferraris la firma del Protocollo d’Intesa con la Protezione Civile si configura nel percorso di Terna come un momento particolarmente significativo, in quanto contribuisce a creare sinergie importanti con il Dipartimento, soprattutto per quanto concerne la gestione degli eventi critici che potrebbero impattare sulla continuità del servizio elettrico e sul benessere della collettività. “Grazie a questa intesa si rafforza ulteriormente la collaborazione tra Terna e le Istituzioni di Protezione Civile, per assicurare al Paese un’infrastruttura di trasmissione elettrica ancora più sicura e affidabile” ha spiegato in merito l’AD Luigi Ferraris, sottolineandone il valore strategico per Terna. In linea con quanto incluso nel Protocollo, verranno inoltre agevolati i collegamenti tra l’azienda e le articolazioni del Servizio Nazionale della Protezione Civile (Regioni, Province e Prefetture-UTG).

Luigi Ferraris porta Terna alla Conferenza Annuale ICGN

Scritto da pressreleaself releaself il . Pubblicato in Affari, Aziende

“Abbiamo anticipato il cambiamento nella corporate governance”: l’AD Luigi Ferraris parla all’ICGN Annual Conference di gestione aziendale contemporanea focalizzandosi sull’esperienza del CdA di Terna.

Terna

Terna: il discorso dell’AD Luigi Ferraris alla ICGN Annual Conference

“La divergenza di opinioni non deve essere elemento di scontro ma un’opportunità per imparare e affrontare più nel profondo le decisioni strategiche del Consiglio”: intervenendo alla Conferenza annuale di ICGN, l’AD di Terna Luigi Ferraris porta l’esperienza del gruppo nella governance aziendale soffermandosi in particolare su ruolo e modus operandi del Consiglio di Amministrazione. Non a caso quest’anno il dibattito si è concentrato soprattutto intorno alla condivisione delle idee e alla protezione dei dati, tematiche sempre più centrali nelle strategie di corporate governance. In Terna, come ha rilevato l’AD, le capacità personali di ciascuno dei membri consentono al CdA di raggiungere “decisioni consapevoli e condivise”. Auspicando che le specifiche professionalità vengano sempre più valorizzate, Luigi Ferraris ha sottolineato come tra i componenti del Consiglio, oltre il 50% possieda skills specifiche nel campo dell’energia e dei servizi pubblici nonché nei settori dell’amministrazione, del management aziendale e della finanza.

Trasparenza ed efficacia: la formula vincente del CdA di Terna nelle parole dell’AD Luigi Ferraris

“Siamo un’azienda con un CdA che ha sempre avuto una forte rappresentanza delle minoranze e indipendenza dei membri” ha spiegato l’AD di Terna Luigi Ferraris all’ICGN Annual Conference. Ospitato da Assogestioni a Milano tra il 25 e il 28 giugno, l’evento ha coinvolto investitori istituzionali e asset manager provenienti da tutto il mondo, in linea con il ruolo dell’International Corporate Governance Network, che ingloba oltre 450 tra investitori, aziende e stakeholders internazionali in una rete di studio incentrata su temi legati alla corporate governance. È emerso come per garantire trasparenza ed efficacia nella definizione di strategie di gestione aziendale, la condivisione e il coinvolgimento dei membri del CdA siano fondamentali: lo sa bene anche Terna, che in più occasioni è riuscita ad anticipare il cambiamento delle normative e dei regolamenti aziendali. Un primato confermato anche dai numeri, come ha fatto notare l’AD Luigi Ferraris: gli azionisti di minoranza sono il 33,3% dei membri del CdA e i consiglieri indipendenti sono il 66,7% con una età media di 52 anni.

Luigi Ferraris ad Adnkronos: l’impegno di Terna in Alto Adige

Scritto da pressreleaself releaself il . Pubblicato in Affari, Aziende

Accordo Provincia-RFI-Terna per la nuova infrastruttura della rete ad alta tensione in Alto Adige: Luigi Ferraris, l’AD del gruppo attivo in ambito energetico, ne parla ad Adnkronos.

Luigi Ferraris

Terna: Luigi Ferraris ad Adnkronos sull’accordo siglato con Provincia e RFI

Intervistato da Adnkronos a margine della firma dell’accordo sottoscritto insieme a Rete Ferroviaria Italiana e a Provincia autonoma di Bolzano, l’AD di Terna Luigi Ferraris ne ha illustrato il valore in termini di sostenibilità energetica e ambientale: “Stiamo riducendo le linee che attraversano la valle limitandole a due: è un’operazione di razionalizzazione e di restituzione del territorio ai cittadini”. Il manager ha spiegato inoltre quali siano gli obiettivi: da un lato si punta a garantire la sicurezza delle forniture di energia in alcune aree ad alto tasso di sviluppo che oggi sono alimentate da linee vecchie. Ma dall’altro si guarda anche al turismo: “Lavoriamo per agevolarne una ulteriore crescita favorendo e valorizzando l’impatto ambientale” ha dichiarato Luigi Ferraris sottolineando come il piano sia funzionale per la tutela del territorio in quanto comporta notevoli riduzioni in termini di infrastrutture.

Luigi Ferraris: il piano di Terna in Alto Adige

L’accordo sottoscritto dall’AD di Terna Luigi Ferraris insieme al Presidente della Provincia di Bolzano e all’AD di RFI rappresenta una “pietra miliare” per l’approvvigionamento energetico in Alto Adige. Come hanno ripetuto i firmatari, il progetto porta valore sia per il territorio altoatesino che più in generale per il Paese: prevede la dismissione di 240 km di vecchie linee a 120 kV, sostituite da una nuova di 120 km a 220 kV riducendo del 50% l’impatto delle infrastrutture sul territorio. Ma l’AD Luigi Ferraris, nel commentarne le potenzialità, ha precisato che il piano di sviluppo di Terna prevede nei prossimi 10 anni investimenti nell’area della provincia di Bolzano per circa 400 milioni di euro, destinati allo sviluppo e all’ammodernamento della rete elettrica rendendola più efficiente e sicura oltre a consentire un migliore sfruttamento dell’energia generata da fonti rinnovabili: “Da un punto di vista ambientale sarà possibile demolire oltre 240 km di vecchi elettrodotti e 900 tralicci, liberando 600 ettari di terreno: alla fine i tralicci saranno solo 300”.

Luigi Ferraris: Terna al lavoro sul piano per la rete elettrica

Scritto da pressreleaself releaself il . Pubblicato in Affari, Aziende, Economia

Al vaglio dell’Authority il piano Terna per potenziare la rete: sostenuto dall’AD Luigi Ferraris, prevede investimenti per 12 miliardi in progetti che riguardano l’Italia ma anche interconnessioni con l’estero.

Luigi Ferraris

Luigi Ferraris: Terna, il piano decennale per potenziare la rete

Si concluderà entro fine luglio (con uno step intermedio, all’inizio del mese) la consultazione pubblica tra Terna e l’Autorità per l’energia (Arera) che dovrà esprimere un parere sul piano di sviluppo della rete elettrica nazionale. Il gruppo guidato da Luigi Ferraris prevede di investire 12 miliardi: i driver di questo progetto sono la sicurezza degli approvvigionamenti, la qualità del servizio e la decarbonizzazione in un contesto di sostenibilità. Non solo: il potenziamento delle infrastrutture di rete con l’estero consentirà di rafforzare ulteriormente l’integrazione dei mercati elettrici tra loro, come evidenzia il Sole 24 Ore nel suo approfondimento.

Luigi Ferraris: i progetti del piano di Terna all’insegna della sostenibilità

Fortemente supportato dall’AD Luigi Ferraris, il piano decennale di Terna guarda con particolare attenzione all’evoluzione dello scenario energetico. In futuro le rinnovabili acquisiranno ulteriore peso: non a caso sono stati predisposti diversi interventi sul sistema per integrare alla rete le energie “verdi”. Tra questi il “triterminale” Continente-Sicilia-Sardegna e un ulteriore cavo sottomarino lungo la dorsale adriatica: progetti che da soli comportano un costo di quasi 4 miliardi. Ma come indicato dall’AD Luigi Ferraris in diverse occasioni, altri 2 miliardi saranno poi destinati alle interconnessioni con l’estero. Anche qui ci sono diversi progetti interessanti all’orizzonte: un possibile nuovo corridoio con l’Austria nel lungo termine, oltre al “Sacoi 3”, il collegamento Sardegna-Corsica-Italia Continentale e ad altri in via di sviluppo.

Terna, l’Assemblea degli Azionisti 2018: il commento dell’AD Luigi Ferraris

Scritto da pressreleaself releaself il . Pubblicato in Affari, Aziende, Economia

Su “Milano Finanza” il resoconto dell’Assemblea degli Azionisti di Terna che si è tenuta lo scorso 4 maggio: l’AD Luigi Ferraris si è focalizzato in particolare sulla nuova politica di dividendi.

Luigi Ferraris, AD Terna

Luigi Ferraris: l’Assemblea 2018 degli Azionisti Terna nel resoconto di “Milano Finanza”

Intervenuto lo scorso 4 maggio nel corso dell’Assemblea degli Azionisti di Terna, l’AD Luigi Ferraris ha commentato i risultati del bilancio 2017, approvati dall’assise. “Sono in linea con il trend di crescita degli ultimi anni” ha spiegato l’AD sottolineando come rappresentino la “conferma della solidità del business di Terna e della determinazione a conseguire gli obiettivi delineati nel nuovo piano strategico”. Una crescita destinata a continuare anche in futuro, secondo quanto prevede il Piano Strategico 2018-2022 per il quale Luigi Ferraris ha parlato di “obiettivi ambiziosi” aggiungendo che la mission dal gruppo sarà quella di “esercitare un ruolo guida per una transizione energetica sostenibile”. Per farlo Terna investirà ulteriormente su “innovazione, competenze e tecnologie distintive a beneficio di tutti gli stakeholder”. Come riporta “Milano Finanza” nel suo approfondimento, il bilancio 2017 si è chiuso con un utile netto di 688,3 milioni di euro (+8,7% anno su anno) e un dividendo di 22 centesimi per azione.

Terna, bilancio 2017 e nuova politica di dividendi: le dichiarazioni dell’AD Luigi Ferraris

L’Assemblea degli Azionisti di Terna riunita lo scorso 4 maggio ha anche deliberato sulla distribuzione, al netto dell’acconto sul dividendo 2017 pari a 7,4263 centesimi di euro per azione, dei rimanenti 14,5737 centesimi di euro per azione. Come ha ricordato Luigi Ferraris nel piano è stata definita “una nuova dividend policy che garantirà una crescita costante e prevedibile, nonché una piena visibilità nell’arco del prossimo quinquennio”. Nel periodo 2018-2020 per il dividendo è contemplata una crescita media annua del 6% rispetto a quello dell’esercizio 2017, mentre per gli anni 2021 e 2022 si presuppone un payout del 75%, con un dividendo minimo comunque garantito pari al dividendo di competenza dell’esercizio 2020. “Per sostenerne le linee strategiche” ha proseguito l’AD Luigi Ferraris “si prevede di rafforzare gli investimenti in innovazione e soluzioni digitali al fine di gestire l’incremento della complessità del sistema”. Per fronteggiare “volumi e complessità progettuali crescenti” si punterà sullo sviluppo e l’insourcing di competenze strategiche.