Archivio Autore

LFK

Scrittore d'AltriMenti

Nasce un nuovo modo di leggere: TSBooks

Scritto da LFK il . Pubblicato in Economia, Libri, Nuovo Sito Web

TSBooks è il nuovo, vecchio supporto per leggere a piccole dosi: una micro storia per volta.

TSBooks ama il minimalismo, l’essenziale, il cuore delle cose. Il fronzolo, stavolta, è una cucitura saltata: più dannoso che inutile.

T-Shirt – ovvero magliette – come supporto per stampare una pagina indelebile, almeno fino all’ultimo lavaggio. Non serve energia elettrica e non servono particolari attenzioni, puoi bagnare e sporcare il TSBook senza problemi perché poi potrai tranquillamente lavarlo e stirarlo. Ma ti dir di più: per questioni di civile convivenza, consiglio di lavare il TSBook appena si avverte il primo accenno di odore.

TSBooks è un modo semplice per portarsi sempre dietro le microstorie cubiche, le poesie, gli aforismi e tutto ciò che verrà stampato sulle magliette. TSBooks è anche un modo per sfoggiare il proprio altruismo letterario: tu prendi la maglietta, la indossi e chi ti sta di fronte usufruirà della storia. Mai come oggi potrai dire di essere un libro aperto.

TSBooks è una sfida, un gioco e una speranza.

Trovi TSBooks a questo indirizzo: http://tsbooks.wordpress.com/

Un urlo forte e deciso contro lo stalking

Scritto da LFK il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Legale, Opinioni / Editoriale

In questi ultimi anni abbiamo assistito a casi di stalking finiti in tragedia e siamo rimasti giorni a chiederci il perché. Il lato negativo di questa situazione (già di per sé negativa) è che di solito ne parliamo dopo, quando lo stalking è diventato qualcosa di più efferato: un omicidio. Non parlo di femminicidio perché reputo che il termine sia discriminatorio nei confronti delle donne. Stiamo parlando di esseri umani, prima di tutto.

Le questure di tutta Italia hanno il problema di sentirsi con le mani legate di fronte a una denuncia di stalking, ricevendo con molta cautela le segnalazioni di chi si sente perseguitato, basandosi su una normativa che in qualche modo agevola l’opera dello stalker. Prima di riuscire a ottenere un provvedimento adeguato si aspetta l’atto forte, quello che va oltre la semplice minaccia di violenza. Si aspetta il dramma. Nel puntare il dito contro le questure, però, occorre precisare che la colpa non è di chi non fa niente o quasi, ma di chi li ha messi in condizione di non poter agire con rapidità ed efficacia.

Questa iniziativa che sto per proporvi prende spunto dalle precedenti considerazioni e da un caso reale di stalking, finora rimasto pressoché inascoltato. Ci sarà una grande manifestazione virtuale, tra i nostri profili dei social network e i nostri blog, per sollevare l’urlo di chi vorrebbe che sulla questione si facesse qualcosa di concreto. Vogliamo vedere se si può far sentire la propria voce anche da vivi, anche prima che inizino quegli atti che ormai travalicano l’intimidazione.

In questi giorni, con alcuni amici blogger, stiamo organizzando una piccola manifestazione in rete. Se siete blogger, siete o siete stati vittime di azioni persecutorie, siete comuni cittadini a cui il problema sta a cuore, seguitemi e seguiteci. Chiunque volesse partecipare avrà le indicazioni per farlo entro venerdì mattina, quando l’urlo si alzerà (speriamo) in maniera forte. Chi invece volesse diventare parte attiva, aiutandoci con un piccolo spazio nel suo blog, può contattarmi nei commenti qua sotto, in privato sul mio profilo Facebook o utilizzando la mail storiedaltrimenti@libero.it. Fornirò tutte le informazioni necessarie per entrare nella catena.

Sono ben accetti tutti i profili social che sarete in grado di offrire alla causa: Facebook, Twitter, LinkedIn, Google+, Tumblr, Stumble Upon e compagnia cantante. Diffondete quanto più possibile. Non si tratta di trovare visibilità, visto che speriamo di avere una voce unica e non mille voci differenti.

L’iniziativa verrà seguita anche attraverso questo evento su Facebook: Un urlo contro lo stalking.

Vi aspetto, nella speranza che in qualche modo questa iniziativa abbia successo.

Un nuovo caso letterario che parte da Amazon. Il Nulla

Scritto da LFK il . Pubblicato in Libri

È di questi giorni la notizia di un nuovo caso letterario che sta facendo letteralmente impazzire le classifiche di Amazon.

Offerto gratuitamente, il libro di Luca Fadda (Il Nulla), sta facendo registrare download record senza precedenti. La classifica viene scalata ora dopo ora e si prevede possa raggiungere i vertici già entro oggi.

Il consiglio è di scaricare il romanzo prima che scada l’offerta gratuita, cosa che avverrà il 6 novembre 2013.

L’autore, nelle sue richieste, evidenzia l’utilità di una buona recensione, intesa come tale qualcosa di scritto in modo grammaticalmente corretto e con cognizione di causa.

Efferato omicidio nella Sardegna noir

Scritto da LFK il . Pubblicato in Cultura, Libri

Donna milanese trovata senza vita sul vialetto di una villetta al mare a Frutti d’Oro. Sul luogo del delitto era ancora presente l’assassino, marito della vittima.

Le notizie sono ancora frammentarie, ma è ipotizzabile che la coppia fosse in Sardegna per una vacanza, quando all’interno del romanzo Bentesoi (di Luca Fadda, Edizioni Nulla Die, Brossura, 268 pagine) qualcosa ha fatto scattare l’istinto omicida dell’uomo. Lui, A.A. di 38 anni, manager milanese e lei, M.M. coetanea e insegnante precaria di educazione fisica a Milano, erano, a detta dei conoscenti, una coppia modello e molto affiatata.

Ancora sconosciute le vere cause, per sapere di più leggi il libro acquistandolo su tutti gli store on line e nelle migliori librerie.

Ultimo aggiornamento: 20/07/2013 ore 12.56

Bentesoi, presentazione sotto le stelle

Scritto da LFK il . Pubblicato in Cultura, Gastronomia e Cucina, Libri, Locale, Teatro

Sarà il 25 giugno la presentazione ufficiale al pubblico del romanzo Bentesoi di Luca Fadda, Editrice Nulla Die, durante la manifestazione “Al Massimo sotto le stelle” organizzata dal Teatro Stabile della Sardegna di Cagliari.

Coordinerà l’evento Sergio Nuvoli, direttore de Il Portico, con letture di Isella Orchis e Cesare Saliu. Verranno svelati alcuni retroscena del romanzo noir edito a maggio 2013, oltre a curiosità e approfondimenti. La serata  proseguirà con un momento didattico-gastronomico che avrà come protagonista, per il giorno, la cantina Olianas di Gergei: introduzione alla degustazione dei vini e assaggi dei prodotti sardi.

E’ possibile accedere alla serata gastronomica previa prenotazione al Caffè Massimo – Cell. 393 9047185.

Una biblioteca nel verde, ti piacerebbe vederla realizzata?

Scritto da LFK il . Pubblicato in Cultura, Libri, Spettacolo

L’Associazione Culturale Alba Scriptorum ha deciso di ridare vita a una zolla di terra di due ettari circa di macchia mediterranea, per creare un piccolo centro di aggregazione culturale. Piccolo si fa per dire, l’idea è ambiziosa e i mezzi a disposizione sono pochi, ma gli associati fanno quello che possono.

A marzo quindici autori sono stati selezionati per creare un biglietto da visita del Campo: un’antologia. Non servono quindici autori per creare un biglietto da visita, quelli sanno solo scrivere. Quindi ogni autore ha regalato al Campo nascente un racconto e messi tutti assieme hanno formato un’antologia che rappresenta, ora come ora, il principale mezzo di sostentamento dell’associazione e del Campo stesso. Di cosa si parla?

Immaginate di camminare in mezzo al verde, natura selvaggia che sembra inghiottire quello che era il campo di nonno, lo invade. Ma la vista va oltre, la luce rende un’immagine diversa di ciò che si ha di fronte. L’erba non è più incolta, i cespugli selvaggi macchiano la terra di verde e i colori dei fiori, delle loro bacche, ornano l’aria. Gli alberi alzano al cielo i loro rami ancora adorni di foglie, ancora vogliosi di frutti. Da quegli alberi pendono i frutti della cultura, storie raccontate in passato ma ancora qui, a dirci qualcosa, ad aprirci il mondo della fantasia. Da quei rami penderanno le storie non ancora scritte, che volano lievi nel cielo in attesa che qualcuno le catturi e le faccia sue. Oltre, ancora più in là, una casetta, un tempo era il ricovero degli attrezzi. Lei, al contrario degli alberi, ha ceduto al tempo aprendosi al cielo senza più un tetto. Sembra quasi ormai solo un rudere, arreso al suo destino. E invece no, rinascerà anche lei, e sarà ancora ripostiglio degli attrezzi. Cambieranno gli attrezzi però. Saranno la vanga della fantasia, la zappa dei personaggi, il forcone delle ambientazioni, il rastrello dei sogni. E perché no, l’aratro che lascia, sul terreno bianco, il suo solco puntato di neri semi: le lettere. Proprio come l’indovinello veronese.

Teneva davanti a sé i buoi, arava bianchi prati, e un bianco aratro teneva e un nero seme seminava”

Quella costruzione sofferente, sarà la biblioteca, il terreno intorno, con la sua vegetazione, sarà il Campo delle Storie, la memoria umana che ferma per sempre un tempo mai davvero tangibile. Questo è il Campo delle Storie, il poter accedere alla biblioteca, prendere un libro tra quelli presenti, aprirlo e scegliersi un albero. Sotto l’ombra dell’albero, tra i suoni della natura, leggere ed entrare nel racconto, farlo proprio, farsi rapire per il tempo che si ferma intorno e prosegue tra le pagine davanti ai nostri occhi, tra le nostre mani, nella Sardegna barbaricina.

Il progetto è partito, il tour per la presentazione dell’antologia ha già percorso diverse tappe ma tante sono ancora da percorrere. La biblioteca però non può aspettare. Per questo motivo è stato creato un progetto di produzione dal basso, che mira a raccogliere quote fino ad arrivare alla soglia dei 3.000 auro necessari per ristrutturare il tetto della biblioteca e accatastarla. L’acquisto della singola quota darà diritto alla tessera associativa e a un piccolo omaggio: l’antologia del Campo delle Storie.

Qui i riferimenti per il Crowdfunding creato per la Biblioteca.

IN SARDEGNA L’OMICIDIO PERFETTO?

Scritto da LFK il . Pubblicato in Libri

Nelle pagine di Bentesoi (Nulla Die, marzo 2013), romanzo noir firmato da Luca Fadda, potrebbe celarsi la formula per l’omicidio perfetto, ma le incognite sono tante e le variabili infinite.

L’inizio è il classico del giallo: il ritrovamento di un cadavere in una villetta e l’arrivo dell’ispettore Corda. Soffia un forte scirocco che porta subito il lettore in un ambiente molto cagliaritano. Un delitto, un telefonino, i protagonisti che lentamente si affacciano in una vicenda sempre più intricata.
Con Bentesoi il trentottenne Luca Fadda si ripropone al suo pubblico di appassionati del noir provinciale in salsa sarda affrontando una storia tra amore, disperazione e follia omicida.
Originario di La Maddalena e residente a Gonnosfanadiga, si è ritagliato un ruolo nell’ambito dei giallisti isolani con la raccolta di racconti “La prigione delle paure”. Ora ci riprova, sempre per la giovane casa editrice Nulla Die.