Archivio Autore

Videosorveglianza al top con le nuove telecamere IP di Extel

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

La videosorveglianza e la sicurezza della casa sono sempre più tra gli argomenti “caldi” del mercato dei dispositivi smart. A supporto del trend, anche i più recenti dati Istat con le statistiche sui furti in Italia in abitazioni o spazi privati (negozi, bar, ecc): i numeri delle rapine sono in calo, ma in generale le infrazioni fanno ancora paura alla maggioranza della popolazione, come conferma il rapporto “Noi Italia”. Secondo gli ultimi dati, ogni giorno nel nostro paese avvengono mediamente 14 rapine ai danni, specialmente, di bar e negozi.

Particolarmente puntuale, dunque, la nuova proposta di Smart Home Italia, da sempre attenta a tutto ciò che interessa la sicurezza, personale e degli ambienti in cui viviamo e lavoriamo. Specializzata nello sviluppo di sistemi elettronici e digitali innovativi di utilizzo per la casa, la società lancia sul mercato, attraverso il marchio Extel, una nuova gamma di telecamere IP composta da quattro modelli – in vendita separatamente – unitamente a un registratore IP Full HD (1080p) (denominato eWatch 900).

Quest’ultimo è caratterizzato da 4 canali ed è ideale per trasformare le camere Extel eWatch in kit di videosorveglianza completo grazie alla visione Quad (QHD, quattro volte la risoluzione in alta definizione) e all’HD integrato da 1TB. Il Kit Include: 1 registratore video IP 1080p Wifi 4 canali, 1 hard disk integrato da 1 Tb, un mouse ottico filare, 1 alimentatore, 1 camera IP 1080p eWatch 220 e 1 alimentatore per camera.

La sua installazione è semplice e rapida, non necessita di alcun cablaggio con la camera, ed è interamente Plug & Play grazie alla connessione semplice e rapida al proprio modem internet. Il costo del kit eWatch 900 è di 299 euro.

I modelli delle telecamere godono delle medesime caratteristiche Plug & Play di agile installazione, oltre ad altre importanti feature comuni:

  • Funzione monitoring per sorvegliare facilmente la propria abitazione dall’interno, oppure ovunque via smartphone;
  • Visione notturna grazie ai LED infrarossi invisibili;
  • Rilevazione di movimento con notifica su smartphone per restare informati in propria assenza;
  • Applicazione smartphone gratuita per gestire la gamma Extel eWatch;
  • condivisione del l’accesso alla propria telecamera con un semplice click nell’applicazione smartphone
  • obbiettivo orientabile.

In particolare, i modelli di telecamere della gamma sono:

eWatch 220 – Prezzo: 79 euro

Telecamera IP WiFi full HD (1080p) con rilevazione di movimento accessibile via smartphone.

  • risoluzione: 1920×1080
  • angolo di visione: H83°/V50°
  • memoria esterna: micro SD (non fornita) max 128Gb

eWatch 320 – Prezzo: 89 euro

Telecamera IP WiFi full HD (1080p) motorizzata con rilevazione di movimento accessibile via smartphone.

  • risoluzione: 1920×1080
  • angolo di visione: H83°/V50°
  • memoria esterna: micro SD (non fornita) max 128Gb
  • angolo di scansione: H 355° V75°

eWatch 410 – Prezzo: 99 euro

Telecamera IP WiFi HD (960p) esterna con rilevazione di movimento accessibile via smartphone.

  • risoluzione: 1280×960
  • angolo di visione: H83°/V50°
  • memoria interna: 16Gb

eWatch 510 – Prezzo: 149,9 euro

Telecamera IP WiFi full HD (960p) motorizzata con rilevazione di movimento accessibile via smartphone.

  • risoluzione: 1280×960
  • angolo di visione: H83°/V50°
  • memoria interna: 16Gb

Le nuove telecamere IP WiFi e il kit con registratore eWatch 900 di Extel sono disponibili sul sito di e-commerce http://www.avidsenstore.it e presso i migliori negozi dedicati all’elettronica, al bricolage e al fai da te, e sono coperti da garanzia di 2 anni.

***

Segui Smart Home Italia:

Web:  http://www.avidsen.com/

Facebook https://www.facebook.com/SmartHomeItalia/

Twitter: https://twitter.com/SmartHomeItalia

Acronis: forte crescita dei servizi cloud promossi dai service provider

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia

  • I service provider scelgono Acronis per le sue funzionalità multi-tenant e multi-tier e la sua capacità di erogare più servizi ai clienti con un’unica soluzione.
  • La piattaforma Acronis Data Cloud consente ai service provider di offrire soluzioni semplici, affidabili ed efficienti di backup, disaster recovery e sincronizzazione e condivisione file tramite l’integrazione nativa con i più importanti sistemi PSA (Professional Services Automation). 

Acronis, leader globale della protezione e dello storage ibridi per data cloud, festeggia il suo 15° anniversario e ha diffuso oggi la notizia della forte crescita della sua attività cloud, mentre la domanda per i servizi di storage basato sul cloud, backup e disaster recovery continua a crescere a un ritmo superiore al previsto. Spinto da una crescita del 200% di anno in anno nel settore dei dispositivi protetti e del 151% di anno in anno nel numero di clienti aziendali protetti, il consumo di storage cloud di Acronis raggiunge oggi i 39 petabyte.

Nell’ultimo anno, Acronis aggiunto più di 2.000 nuovi service provider che sono oggi in grado di offrire servizi di backup, disaster recovery e sincronizzazione e condivisione dei file tramite la piattaforma Acronis Data Cloud. Prove prive di obblighi, installazione unica, un’architettura multi-tenant/multi-tier e l’integrazione nativa con gli strumenti PSA e RMM hanno reso Acronis una delle soluzioni per la protezione dei dati più efficiente e conveniente disponibile ai service provider.

I service provider possono quindi sostituire facilmente e in modo economicamente conveniente i loro sistemi legacy con Acronis, rendendo così disponibili nuove funzionalità che soddisfano specificamente le loro esigenze e quelle dei loro clienti. Inoltre, grazie all’investimento iniziale inesistente, ai modelli di licenze flessibili e ai diversi modelli di distribuzione (Acronis in hosting, ibrido o con hosting del provider di servizi), è possibile integrare facilmente Acronis Data Cloud nell’infrastruttura esistente di un provider di servizi senza arrestare il modello di distribuzione del servizio esistente.

Dall’up-selling facile e semplici da collegare, i nuovi servizi di protezione dei dati disponibili tramite Acronis Data Cloud consentono ai service provider di espandersi in nuovi mercati e di sviluppare nuove fonti di reddito, incrementando al contempo la soddisfazione del cliente e riducendo il tasso di abbandono.

“Abbiamo scelto Acronis per distribuire la nostra soluzione cloud di backup grazie all’enorme flessibilità offerta da Acronis. Con Acronis, siamo in grado di offrire la protezione completa di tutti i carichi di lavoro e la gestione dei dati facile ai nostri partner e ai loro clienti. La distribuzione ibrida ci consente di differenziarci dalla concorrenza e l’integrazione e la distribuzione frequente di nuove funzioni nei pannelli di controllo esistenti ci hanno garantito anche un significativo miglioramento dell’efficienza, risparmi sui costi e l’apertura di nuove opportunità”, ha dichiarato Tom O’Hagan, fondatore e CEO di Virtual1.

I clienti aziendali scelgono Acronis

Cresce la consapevolezza tra le aziende di ogni dimensione dell’importanza di dover proteggere i servizi del cloud pubblico mentre sale rapidamente il numero di aziende che scelgono Acronis per proteggere i carichi di lavoro del cloud pubblico. Di fatto, Acronis ha registrato un aumento di anno in anno di oltre il 1000% nel numero di caselle di posta elettronica Microsoft Office 365 protette.

Inoltre, le aziende sono coscienti del fatto che quando i dati dei clienti vengono compromessi, possono subire ulteriori costi in termini di perdita della fiducia dei clienti e di sanzioni pecuniarie. Di conseguenza, sono molti coloro che si affidano al servizio di cloud storage appositamente progettato, affidabile e sicuro di Acronis per garantire la sicurezza dei dati dei clienti. Persino gli utenti in sede di Acronis Backup dimostrano di nutrire un marcato interesse per il cloud storage, mentre il 35% di essi archivia copie aggiuntive dei file di backup in Acronis Cloud.

Acronis ha una forte presenza nei settori automobilistico, manifatturiero e IT, con 79 dei 100 brand internazionali di maggiore valore che utilizzano le soluzioni Acronis.

Partnership tecnologiche

Un leader globale delle soluzioni di protezione dei dati nel cloud ibrido, Acronis è riconosciuto per l’uso che fa di tecnologia all’avanguardia per proteggere i dati. Con le uniche soluzioni per il settore del backup integrate sia dalla difesa basata sull’intelligenza artificiale contro il ransomware sia dalla certificazione dei dati basata su blockchain, Acronis continua a superare i limiti trasformando il feedback dei clienti in soluzioni inventive ed efficaci richieste dal mercato.

Dando seguito a quel progresso innovativo, lo scorso anno Acronis ha avviato diverse partnership tecnologiche strategiche sia con leader tecnologici mondiali sia con clienti di alto profilo che scelgono Acronis per la funzionalità, facilità d’uso e affidabilità delle sue soluzioni. Tra cui:

“L’investimento nella nostra architettura cloud ibrida ha garantito utili sensazionali, specie con i nostri clienti che sono provider di servizi”, ha dichiarato John Zanni, Presidente di Acronis. “Siamo in grado di incrementare drasticamente il loro reddito e di consentire loro di essere un’azienda di successo, grazie alla nostra piattaforma Acronis Data Cloud. Ci auguriamo di continuare questa crescita insieme.”

La sconvolgente verità sul confronto tra la concentrazione del pesce rosso e quella dell’uomo

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Dal Mondo, Lifestyle, Opinioni / Editoriale

Holger Reisinger, SVP di Jabra

Le distrazioni digitali come gli smartphone, le social app e gli articoli “esca” distolgono la nostra attenzione e “divorano” il nostro tempo prezioso. È arrivato il momento di allenare il nostro cervello per eliminare il rumore e potersi concentrare su ciò che è veramente importante.

Ricordate il grande dibattito sul confronto tra le capacità di concentrazione del pesce “Goldfish” – il comune pesce rosso –  rispetto a quella del genere umano?

Dovreste ricordarlo. I ricercatori stabilirono che l’attenzione degli umani era diminuita di otto secondi, anche meno di quella del pesce suddetto.

Punti di riferimento per l’informazione come il New York Times, il Telegraph, Time magazine, USA Today e altri ancora hanno riferito con pervicacia dettagli inquietanti. Cui seguirono commenti angosciosi. Infine, sono state sollevate anche alcune domande.

Poi, proprio con la stessa velocità con cui era apparsa, la storia svanì.

L’intera vicenda ha evidenziato una tendenza inquietante nel nostro mondo in perenne movimento e dominato dal “digitale”: troppe cose vogliono attirare la nostra attenzione, guidandoci verso la distrazione. Siamo bombardati dal costante bip e dai rintocchi dei nostri smartphone, dagli infiniti flussi di e-mail, dalla sfilata di punteggi sportivi che appaiono sul nostro schermo e da una catena infinita di articoli che (come questo) ci stuzzicano con slogan come “10 motivi per cui … “, o “Rivelazioni sconvolgenti su ….”.

Tutte queste distrazioni ci privano della nostra produttività sul lavoro e divorano il nostro tempo.

In effetti, trascorriamo più di cinque ore al giorno a guardare le app per dispositivi mobili, il che è ancora più tempo di quanto spendiamo guardando la TV. [1] Le app dei social media come Facebook, Instagram e Twitter sono particolarmente insidiose. Sono progettate da persone intelligenti che interpretano la chimica del cervello umano e hanno un obiettivo in mente: tenerci impegnati il ​​più a lungo possibile, in modo che gli inserzionisti possano venderci quante più cose possibili. Ci inducono a tornare più e più volte sul contenuto, fornendoci un impeto di dopamina ogni volta che una notifica pop-up ci promette un altro commento o un “mi piace“.

E il momento di dire basta!

Forse è giunto il momento di chiamare un timeout riguardo tutti questi sprechi di tempo improduttivi.

Per carità, non c’è bisogno di demonizzare i social media, che rimangono un ottimo modo per mettersi in contatto con gli amici e riconnettersi con i vecchi conoscenti. Ma dopo essersi soffermati per quelli che sembrano solo pochi minuti ci si ritrova stupiti per quanto tempo si è effettivamente passato sui siti social.

Peggio ancora, non c’è alcun senso di “successo” derivante dalla visita. Certo, potremmo essere più aggiornati, ma probabilmente non siamo più saggi o esperti di prima.

Se avete troppo poco tempo e volete sfruttare al meglio quello disponibile, state senza dubbio cercando dei modi per modellare il vostro cervello in modo da poter meglio concentrarvi e poter svolgere anche le mansioni più banali: dal controllo dei nostri libretti degli assegni alla piegatura del bucato.

Ci sono molti modi per ottenere una migliore forma fisica del cervello. Eccone alcuni che potrebbero aiutarvi:

  • Abbandona lo smartphone. Il modo migliore per evitare le distrazioni è liberarsi della fonte di distrazione, almeno per un po’. E, ammettiamolo, i nostri smartphone sono una grande distrazione. Ovvio? Sì, ma non così facile come si potrebbe pensare. Soprattutto se consideriamo che l’utente medio controlla il proprio smartphone 47 volte al giorno (82 volte se hai tra i 18 ei 24 anni). [2]
  • Dedicati all’attività fisica. Un buon allenamento non è solo ottimo per la nostra salute fisica, ma è anche un bene per la nostra salute mentale. In effetti, gli studi dimostrano che anche solo 15 minuti al giorno di attività fisica possono aiutare a migliorare la concentrazione e la memoria. [3]
  • Dai più spazio alla musica. Quante volte vi sedete e semplicemente ascoltate della musica da soli? Non abbastanza spesso. Invece trattiamo la musica come il rumore di fondo, specialmente quando lavoriamo o quando eseguiamo altre attività. Proviamo invece a prenderci un po’ di tempo per ascoltare la nostra musica preferita, chiudere gli occhi e concentrarci su ciò che stiamo ascoltando – ogni nota, ogni strumento, ogni testo. È un modo sicuro di calmare i nervi e sollevare il nostro umore, che ci può aiutare a raggiungere uno stato pacifico e contemplativo.
  • Diventa un “tutt’uno con la natura“. Prendetevi qualche minuto per trovare un posto isolato nella natura e godetevi i panorami e, soprattutto, i suoni. La dolce melodia del canto degli uccelli agisce come un balsamo naturale per i nostri sensi assicurandoci che il nostro ambiente è sicuro. Questa sensazione di sicurezza a sua volta riduce la pressione del sangue, consente di concentrarci e ci aiuta a pensare in modo più chiaro.

Riguardo al Goldfish …

Come probabilmente avrete capito, le scoperte sulla riduzione della capacità di attenzione sono state completamente ridimensionate. Queste non si stanno riducendo e gli scienziati non sanno nemmeno quale sia l’attenzione di un “pesce rosso”, per non parlare di come si confronta con la nostra.

E se siete arrivati fino alla fine di questo articolo, allora la vostra capacità di attenzione è decisamente più ampia di quella di un “pesce rosso”!

[1] https://techcrunch.com/2017/03/03/u-s-consumers-now-spend-5-hours-per-day-on-mobile-devices/
[2] https://www.nytimes.com/2017/05/02/well/mind/the-phones-we-love-too-much.html
[3] https://www.livestrong.com/article/457834-does-exercise-improve-concentration/

Acronis lancia un nuovo Partner Program semplificato per distributori e rivenditori

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Aziende

Acronis®, leader mondiale nella protezione e archiviazione dati su cloud ibrido, ha diffuso oggi i dettagli del suo nuovo Partner Program. Sviluppato per rivenditori e distributori, il programma punta ad aumentare la redditività e a favorire un maggiore coinvolgimento con Acronis.

Il Partner Program Acronis è stato creato per supportare i rivenditori e i distributori che commercializzano la gamma di prodotti Acronis ai clienti. Il nuovo programma premia i partner con percentuali più elevate di registrazione delle transazioni per favorire la tutela delle transazioni e la realizzazione dei migliori margini sul mercato, oltre che con sconti per accelerare le vendite e aumentare la quota di mercato di Acronis. Il programma offre inoltre fondi per lo sviluppo del marketing (MDF) ai partner che si impegnano a crescere insieme ad Acronis, e fornisce licenze gratuite a tutti i partner affinché siano i primi a utilizzare la tecnologia Acronis. Fra gli altri vantaggi del programma, l’inclusione nello strumento di ricerca dei partner, promozioni esclusive per il canale, formazione tecnica e alle vendite gratuita e assistenza telefonica/tramite chat.

Il Partner Program Acronis prevede tre livelli (Authorized, Gold e Platinum) per differenziare i partner e premiarne i risultati di vendita e la collaborazione commerciale.

“Acronis ha prodotti leader sul mercato che facilitano il raggiungimento degli obiettivi di privacy e protezione dei dati per aziende grandi e piccole”, ha dichiarato Pat Hurley, General Manager Americhe per Acronis. “Il nostro Partner Program offre ai rivenditori e ai distributori che sono il motore del nostro business un sistema all’avanguardia con una procedura semplice da usare per aumentare margini e profitti. In passato erano previsti vari incentivi – margini, sconti, registrazione delle transazioni e acceleratori – a seconda dei prodotti. Ora abbiamo semplificato tutto: margini e sconti chiari basati sul livello del partner nel programma.”

Tecnologia premiata e collaudata per aziende di qualunque dimensione

Acronis offre alle aziende una protezione dati completa tramite una gamma integrata di soluzioni che comprende backup, disaster recovery, sincronizzazione e condivisione dei file. Queste soluzioni semplificano il backup e il disaster recovery dei dati critici che migliorano la produttività IT e i tempi di ripristino dei dati, riducendo contemporaneamente la complessità della gestione e il costo totale di esercizio. Nominato di recente prodotto leader nel report G2 Crowd Backup Software Grid Winter 2017, Acronis Backup 12.5 è il prodotto principale della gamma disponibile per i partner che aderiscono al programma.

Acronis Backup 12.5 è l’unica soluzione di backup sicura al mondo a offrire protezione completa di tutti i carichi di lavoro in più di 20 ambienti diversi fra cui Amazon AWS, Microsoft Azure, VMware, Microsoft, Red Hat, Citrix, Oracle e sistemi operativi mobile. Secondo una recente indagine fra i clienti, il 90% delle aziende sceglie Acronis Backup 12.5 per la sua affidabilità e l’80% per la semplicità d’uso. Il prodotto assicura gestione semplificata dei dati, certificazione basata su blockchain e protezione attiva dal ransomware basata su IA, garantendo la sicurezza dei dati da manomissioni e da attacchi di pirateria informatica. Una tecnologia collaudata che ha protetto gli utenti dagli attacchi ransomware sferrati l’anno scorso da Wannacry, NotPetya e Bad Rabbit.

L’elenco completo dei prodotti è disponibile all’indirizzo: https://www.acronis.com/it-it/partners/resellers/

Maggiori informazioni sul nuovo programma sono disponibili qui: https://www.acronis.com/it-it/partners/

Pagina di registrazione per i partner: https://partners.acronis.com/it-it/registration/step1.html

Acronis avverte: sarà l’anno peggiore per numero di attacchi informatici e incidenti con perdita di dati

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Aziende, Internet, Tecnologia

Quasi due terzi degli intervistati non sanno che cos’è un ransomware e non sono pronti a difendersi dai nuovi attacchi sofisticati; nei prossimi dodici mesi sono previsti danni per 11,5 miliardi di dollari a livello mondiale, che si possono limitare solo attraverso campagne di sensibilizzazione del pubblico e soluzioni di protezione dei dati innovative

Alla vigilia del World Backup Day, Acronis prevede che il 2018 sarà l’anno peggiore per numero di attacchi informatici e di incidenti con perdita di dati a causa della crescente raffinatezza degli attacchi, del proliferare delle famiglie di ransomware e della scarsa consapevolezza della minaccia tra gli utenti.

Secondo una nuova indagine sulla protezione dei dati commissionata da Acronis, oltre il 60% degli intervistati non ha mai sentito parlare del ransomware, una minaccia costosa che secondo le stime nel 2019 inciderà per oltre 11 miliardi di dollari (lo scorso anno erano 5 miliardi). Nel 2017, il numero delle varianti di ransomware è aumentato del 46% e questo ha reso più difficili la prevenzione e il rilevamento. Gli esperti di sicurezza prevedono che questa minaccia informatica continuerà a diffondersi. Se quest’anno veniva colpita un’azienda ogni 40 secondi, nei prossimi due anni la frequenza degli attacchi scenderà a 14 secondi, e questo senza contare gli attacchi ai privati, che sono molto più frequenti. Acronis lancia un avvertimento: solo una soluzione di backup sicura e di alta qualità con protezione proattiva dal ransomware integrata può prevenire le perdite di dati e mettere al sicuro i dispositivi.

Se non si sa che cosa è il ransomware e come evitare di restarne vittime, il costo per privati e aziende potrà solo aumentare. I criminali che si servono del ransomware hanno perfezionato le tecniche di ingegneria sociale e continuano ad approfittare delle falle nella sicurezza che permettono di aggirare gli antivirus tradizionali, incapaci di rilevare questo tipo di attacchi. Secondo il Ponemon Institute, il 69% delle aziende non ritiene che l’antivirus utilizzato sia in grado di bloccare le minacce in circolazione.

Inoltre, da quando i criminali informatici si sono resi conto dell’efficacia dei backup nello sventare i loro attacchi, molti nuovi ceppi di ransomware hanno iniziato a prendere di mira i file e il software di backup. Il 62% degli intervistati non sapeva che il ransomware può crittografare i file e i backup. Ma il dato più sconcertante è che il 33% non fa alcun backup dei dati. Soltanto soluzioni di backup sicure come Acronis Backup e Acronis True Image, dotate di protezione attiva dal ransomware basata su IA, sono in grado di rilevare e bloccare attacchi sofisticati di questo genere.

“L’anno scorso gli attacchi ransomware hanno fatto notizia. Eppure, malgrado siano sempre più frequenti, la consapevolezza del problema e l’importanza attribuita alla prevenzione sembrano in calo”, ha dichiarato John Zanni, presidente di Acronis. “È necessario sensibilizzare maggiormente il pubblico perché si renda conto di quanto è importante eseguire un backup sicuro e proteggere i dati. In occasione del nostro 15° anniversario, il nostro impegno è aiutare la gente a proteggere i dati, dovunque risiedano.” 

“Il ransomware è un killer silenzioso di tutte le informazioni che vengono scambiate nel mondo. I recenti attacchi ransomware in serie hanno dimostrato che aziende e istituzioni di tutto il mondo avevano sottovalutato questa minaccia sempre più diffusa. Ciò che desta preoccupazione è soprattutto il fatto che le vittime sono disposte a pagare un riscatto piuttosto che proteggere in modo proattivo i loro sistemi e dispositivi. Tuttavia, il diffondersi di questa minaccia ha obbligato società come Acronis a sviluppare tecnologie innovative per consentire ad aziende e privati in tutto il mondo di far fronte agli attacchi ransomware.” Robert Westervelt, Research Director, Security Products, IDC 

All’inizio di questo mese, Acronis ha condotto un’indagine tra i consumatori sulla protezione dei dati, interrogando utenti generici di internet in sette paesi, questi gli altri risultati emersi dall’indagine:

  • Quasi il 39% degli intervistati ha in casa quattro o più dispositivi, e quindi aumentano gli endpoint e i dati da proteggere
  • Oltre il 29% degli intervistati ha subito una perdita di dati

Prepararsi agli attacchi informatici con Acronis Active Protection

Per rispondere al dilagare dell’epidemia di ransomware, Acronis ha migliorato le sue soluzioni di backup con un’innovativa tecnologia anti-ransomware. Introdotto nel gennaio 2017, Acronis Active Protection™ protegge attivamente sia i file che i backup degli utenti identificando e bloccando gli attacchi ransomware in tempo reale. Negli ultimi dodici mesi, Acronis Active Protection ha bloccato 200.000 attacchi in 180.000 dispositivi di privati.

Acronis ha presentato anche Acronis Active Protection Free, un livello di difesa aggiuntivo utilizzabile insieme ad altre soluzioni di protezione dei dati come antivirus e software di backup di altre marche. Il programma monitora i processi del sistema in tempo reale per rilevare e bloccare automaticamente gli attacchi che le altre soluzioni non riescono a contrastare. Quando un ransomware colpisce, Acronis Ransomware Protection blocca il processo dannoso e informa l’utente con un messaggio a comparsa. Se durante l’attacco sono stati danneggiati dei file, ne facilita anche il ripristino istantaneo.

Consigli per il World Backup Day

Acronis consiglia quattro semplici mosse per proteggere i dati:

  • Avere sempre un backup dei dati importanti. Archiviare i dati sia in locale che su cloud.
  • Mantenere sempre aggiornato il sistema operativo e il software, per impedire ai criminali informatici di entrare nel sistema sfruttando eventuali vulnerabilità note.
  • Fare attenzione alle e-mail, ai link e agli allegati sospetti. Il metodo di infiltrazione più efficace utilizzato dal ransomware è spingere gli utenti ad aprire allegati e-mail infetti e a fare clic su link che rimandano a siti web dannosi.
  • Installare un software antivirus sul computer e abilitare gli aggiornamenti automatici delle definizioni dei virus. Per chi usa un PC, controllare che Windows Defender sia abilitato e aggiornato.

Per saperne di più su come proteggere i dati, visitate il sito https://www.acronis.com/it-it/promo/world-backup-day/

Jabra Elite 65e: non sentirai altro!

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia Personale

~ I nuovi auricolari Elite 65e includono la soluzione di cancellazione del rumore, sia attiva che passiva, assicurando un’esperienza sonora nitida e senza alcun disturbo ~

Jabra espande la gamma Elite –  una “famiglia” di cuffie e auricolari progettati per un audio di alta qualità e per offrire la migliore esperienza vocale e musicale combinata – con i nuovi Elite 65e.

Questi auricolari senza fili, e con archetto da collo, sono progettati per le chiamate e per la fruizione della musica wireless, e offrono due livelli di cancellazione del rumore; compresa la soluzione ANC di Jabra (Active Noise Cancellation), tra le più apprezzate dagli addetti ai lavori.

La cancellazione del rumore ANC di livello professionale viene ottenuta combinando la cancellazione attiva del rumore dai quattro microfoni con la cancellazione passiva del rumore da parte degli EarGel Jabra dalla forma ovale e dalla vestibilità salda.

Verranno così eliminati tutti i rumori indesiderati, che si tratti di traffico o del chiacchiericcio attorno a te.

Soluzione della totale cancellazione del rumore

Il primo livello di cancellazione del rumoreconsiste nello sviluppo e nella progettazione degli auricolari e dei “cuscinetti” Jabra EarGels ™. L’ingegnerizzazione ottimale della vestibilità meccanica e il design degli auricolari ovali – sviluppati da Jabra per garantire una migliore adattabilità nel condotto uditivo – in combinazione con i “cuscinetti” in gel per una presa perfetta, forniscono una tenuta ottimale per la cancellazione passiva dei rumori ambientali. Ampiamente testati nei laboratori Jabra, gli Elite 65e aiutano a migliorare la qualità della propria esperienza di ascolto – non solo integrando la cancellazione del rumore passivo, ma anche perfezionando i bassi nella fruizione musicale.

Ciascuno può ascoltare la musica nel modo in cui preferisce, laddove l’App Jabra Sound + consente di personalizzare la fruizione del suono.

Il secondo livello di cancellazione del rumore riguarda la nota tecnologia Active Noise Cancellation, che rimuove digitalmente i livelli di rumore aggiuntivi. Avendola incluso in cuffie professionali per anni, Jabra ora trasferisce tale tecnologia ANC anche nella proposta ai consumatori, offrendo una totale cancellazione del rumore a un pubblico più ampio.

La migliore esperienza “voce”

Basandosi sulla consolidata esperienza del Gruppo GN nel settore audio, cuffie e apparecchi acustici, la gamma Elite è progettata non solo per soddisfare le esigenze di quegli utenti che desiderano una qualità musicale eccezionale, ma anche per i consumatori che utilizzano gli assistenti vocali.

La “voce” sta diventando sempre più lo strumento di scelta nel modo in cui si comunica con la tecnologia. Con gli auricolari Elite 65e ci si può connettere istantaneamente ad Alexa, Siri® o Google Assistant ™ **, ottenendo rapidamente le informazioni di cui si ha bisogno, sia che si tratti di fissare appuntamenti, trovare eventi vicini o di sentire la lettura dei propri messaggi.

Il Bluetooth 5.0 consente poi di connettere perfettamente gli auricolari e la durata della batteria fino a 8 ore con ANC attivato e 13 ore con ANC disattivato, li rende compagni indispensabili delle proprie giornate in movimento, tra lavoro, macchina, palestra e svago.

Inoltre, i Jabra Elite 65e sono auricolari progettati per durare con classificazione IP54 e due anni di garanzia contro acqua e polvere.

Calum MacDougall, SVP di Jabra, ha dichiarato: “I Jabra Elite 65e sono perfetti per l’utente in movimento che vuole silenziare il rumore, fruendo solo di conversazioni e musica. Come Jabra siamo conosciuti per le nostre soluzioni di cancellazione del rumore in ambito lavorativo, ed è proprio questa tecnica professionale che ci consente di offrire la migliore soluzione possibile per i gli utenti. Le capacità del comando ‘voce’ e l’eccezionale durata della batteria, in combinazione con la comoda vestibilità, rendono questi auricolari un eccellente supporto nella quotidianità degli utenti.

Per maggiori informazioni: https://www.it.jabra.com/bluetooth-headsets/jabra-elite-65e

Prezzo e disponibilità

Gli auricolari Jabra Elite 65e saranno disponibili da aprile presso selezionati rivenditori a un prezzo di vendita suggerito di 199 USD/EUR.

* Registration required with the Jabra Sound+ app

** Operating System dependent 

Acronis Storage velocizzato dalla Library di Intel

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia

Al giorno d’oggi ogni tipologia di dati viene sottoposta a un processo di memorizzazione. Sappiamo tutto riguardo agli hard drive, ai dischi ottici, nastri e altri mezzi di archiviazione. Ma il cloud storage ed il software defined storage (SDS) sono i due più moderni metodi di archiviazione dei dati, soprattutto quando parliamo di grandi volumi. Acronis è entrata in questo mercato nel 2016, attraverso un utilizzo innovativo della tecnologia Blockchain per la verifica dei dati.

Acronis Storage è una soluzione SDS che consente a Service provider ed utenti finali di trasformare rapidamente e facilmente hardware eterogeneo in storage scalabile, protetto e di livello Enterprise , per migliorarne il Total Cost of Ownership (TCO), vale a dire il costo totale reale di gestione.

Con funzionalità quali il caching SSD,  il bilanciamento del carico automatico e il processo di replicazione dei dati in parallelo, Acronis Storage unisce l’archiviazione di file, blocchi e oggetti in un’unica soluzione scalabile per soddisfare le esigenze di un’impresa moderna. Acronis Storage è progettato per fornire una store identity univoca, attraverso due o più data center. I dati vengono duplicati attivamente in tutti i data center con replica asincrona. Questo li protegge contro il malfunzionamento di un singolo data center, fornendo al contempo i più alti livelli di protezione e disponibilità dei dati. Acronis Storage fornisce una crittografia di tutti i dati archiviati utilizzando Advanced Encryption Standard (AES) con chiave a 256 bit.

Una parte importante di Acronis Storage è CloudRAID, tecnologia che gestisce i tempi di calcolo, gli over head e che mantienel’integrità dei dati, e ne risolve  i problemi di ricostruzione e ripristino. Un’altra caratteristica peculiare è Acronis Notary – tecnologia basata sulla Blockchain che garantisce l’immutabilità dei dati immagazzinati e ne verifica l’autenticità.

Acronis è una società pioniera della Blockchain per la protezione dei dati. Infatti, il rilascio di Acronis Storage nel 2016 ha rappresentato la prima volta in cui un’applicazione Software-Defined Storage integrava una Blockchain nel processo di protezione dei dati. Acronis Notary con la Blockchain genera un’impronta digitale dei dati protetti e la archivia in Ethereum, una piattaforma basata sulla Blockchain. La Blockchain è distribuita tra centinaia di parti non correlate ed è crittografata. Ogni registrazione nella Blockchain è immutabile e indipendentemente verificabile. Confrontando due impronte digitali (256-bit SHA-2 hashes) degli stessi dati, Acronis Storage può verificare l’autenticità e l’integrità dei dati memorizzati.

 -Intel aiuta a superare le sfide del processo di archiviazione

Oltre alle sue tecnologie innovative, Acronis utilizza Intel® Intelligent Storage Acceleration Library (Intel® ISA-L) in Acronis Storage. ISA-L è una libreria contenente gli algoritmi di archiviazione, crittografia e compressione di base ottimizzati per le applicazioni in cui la capacità di trasmissione e la latenza sono i fattori più critici.

Acronis sfrutta molti degli algoritmi di ISA-L nel suo formato di archiviazione Archive 3, compreso l’utilizzo dei calcoli del CRC64, del multi-buffer SHA-1 e della funzione Rolling Hash per la duplicazione. Le funzioni CRC (Cyclic Redundancy Check) sono utilizzate per rilevare modifiche accidentali ai dati grezzi durante la trasmissione. CRC64 estende le ben note funzionalità CRC per fornire l’integrità dei dati su oggetti fino a 18 exabyte di dimensioni, che ISA-L offre senza penalizzazioni delle prestazioni rispetto a CRC32.

L’utilizzo di ISA-L ha permesso agli ingegneri Acronis maggiore efficienza nello sviluppo, nonché un incremento delle prestazioni delle Central Processing Unit di Intel, in particolare di quelle che supportano il set di istruzioni AVX-512. Acronis è stata in grado di utilizzare questi algoritmi ad alte prestazioni e di implementarli immediatamente, invece di creare e ottimizzare – in modo certamente più complesso – delle soluzioni dedicate . Oltre ai miglioramenti delle prestazioni offerte da ISA-L, Acronis è stata in grado di focalizzare lo sviluppo sulle funzionalità e sui servizi, piuttosto che perseguire ulteriori ottimizzazioni delle prestazioni.

-Combinazioni delle migliori tecnologie in-house e open-source

Per i formati e i prodotti di archiviazione, è fondamentale:

  1. essere efficienti e veloci;
  2. garantire l’integrità dei dati;
  3. fornire sicurezza tramite crittografia, compressione, deduplicazione e le altre funzionalità avanzate sopra menzionate.

Acronis Storage e Acronis Archive 3 offrono tutto questo grazie a proprie tecnologie  innovative e all’uso di librerie di servizi provenienti da leader del settore, come Intel® Intelligent Storage Acceleration Library. Per i clienti Acronis,  in definitiva si ha una riduzione dei costi, ed una maggiore produttività IT. Questo perché è possibile utilizzare hardware anche eterogeneo e non attualissimo,  con una più elevata garanzia sulla protezione e disponibilità dei propri dati. I prodotti Acronis offrono infatti una tecnologia unica, in cui l’integrità dei file viene autenticata utilizzando la Blockchain Ethereum. Ciò significa che si può essere sicuri che i dati siano immutabili ed esattamente identici a quando sono stati inseriti in Acronis Storage.

Acronis annuncia la partnership con Plesk

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia

La partnership Acronis-Plesk assicura ai provider di web hosting l’opportunità di incrementare il reddito medio per utente e di ridurre le chiamate all’assistenza, permettendo ai professionisti web e agli amministratori IT di ripristinare i propri dati.

Acronis, leader globale nella Data Protection per il cloud ibrido e nello storage, ha annunciato oggi che Plesk, piattaforma WebOps leader del settore, integra ora Acronis Backup Cloud nella propria piattaforma di gestione web e nel pannello di controllo, assicurando così ai provider di servizi di hosting e cloud un metodo semplice per eseguire il backup dei server Plesk e consentendo ai professionisti web e agli amministratori IT di ripristinare i propri dati.

Per proteggere i server Plesk, i Service Provider devono soltanto installare l’agent Acronis Backup Cloud sui propri server fisici e sulle macchine virtuali e aggiungere l’estensione Acronis Backup Cloud all’interfaccia utente Plesk.

Acronis Backup Cloud è una potente soluzione cloud ibrida di backup-as-a-service, sviluppata specificamente per i Service Provider. Assicura una protezione aziendale completa e consente agli utenti di memorizzare i dati a livello locale, nel cloud Acronis, o nel datacenter del Service Provider. Fa parte della piattaforma Acronis Data Cloud, che include anche disaster recovery, storage e servizi di sincronizzazione e condivisione dei file.

L’integrazione di Acronis Backup Cloud con Plesk apporta infiniti vantaggi ai professionisti web e ai Service Provider, come ad esempio i seguenti:

  • I Service Provider possono eseguire backup completi dell’immagine server, archiviarli nel cloud Acronis e utilizzare i file di backup per il disaster recovery o la migrazione del server.
  • I backup dei server sono visibili nella UI Plesk e consentono agli amministratori di sistema di eseguire i backup, gestire lo spazio di backup e offrire funzionalità self-service ai clienti su base tariffaria.
  • I professionisti web possono utilizzare l’interfaccia utente Plesk a cui sono abituati per ripristinare i propri ambienti server, i file, le email e i database in modo sicuro.

La sicurezza dei siti è una preoccupazione crescente I criminali informatici sfruttano infatti le vulnerabilità dei siti web per inserirvi del codice dannoso e diffondere così i malware, rendendo difficile per questi siti web liberarsi dai malware stessi.

I file possono inoltre venire eliminati involontariamente o smarriti a seguito della sospensione di un account. Ciò rende il backup l’unico metodo affidabile per garantire la disponibilità del sito ed evitare perdite permanenti di dati.

“I professionisti del web comprendono l’importanza della protezione dei loro siti, ma sono spesso spaventati dalla complessità delle soluzioni tradizionali. Acronis Backup Cloud affronta direttamente questo problema con una soluzione semplice, attivabile in un clic. Una volta abilitata, i clienti in hosting possono eseguire il ripristino granulare self-service di un sito web o di singoli file, caselle postali e database senza rivolgersi all’assistenza”, ha dichiarato John Zanni, Presidente di Acronis.

“La partnership con Acronis ci consente di offrire la migliore soluzione di backup cloud al mondo a milioni di utenti Plesk. Backup e ripristino non sono più un’opzione per i siti web ma una imprescindibile necessità”, afferma Nils Hueneke, CEO di Plesk.

Per ulteriori informazioni sull’integrazione di Acronis Backup Cloud in Plesk, visita: https://www.acronis.com/it-it/cloud/service-provider/platform/integrations/plesk/

Jabra indica la via per la qualità delle performance nel settore degli auricolari con l’ampliata ‘famiglia’ Elite

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia Personale

CES, Las Vegas, 8 gennaio 2018 – Jabra ha iniziato l’anno con l’introduzione del franchise Elite, una ‘famiglia’ di auricolari progettati per un audio di qualità superiore e per offrire la migliore esperienza combinata di performance vocale e di fruizione della musica.

Una ricerca di Jabra rivela che l’uso quotidiano di dispositivi audio da parte degli utenti si concentra sulle chiamate (il 58% degli utenti, ogni giorno), la musica (53%) e il controllo vocale (35%). La gamma Elite è progettata per soddisfare le esigenze di questi clienti che non sono solo alla ricerca di una qualità musicale eccezionale, bensì anche di una forte capacità vocale, sia che stiano facendo chiamate o che utilizzino sempre più gli assistenti come Alexa, Siri® o Google Now™. Con la gamma di prodotti Elite gli utenti non devono più scegliere tra grandi cuffie musicali o un device progettato per ‘voce’ e chiamate: ora possono avere entrambi con uno qualsiasi dei prodotti Elite che scelgono.

Al CES in corso a Las Vegas, Jabra sta presentando tre nuovi prodotti; Elite 45e, Elite 65t ed Elite Active 65t.

I Jabra Elite Sport – gli auricolari wireless per lo sport leader di mercato e tecnicamente più avanzati – definiscono lo standard per la suite di prodotti Elite, incorporando la tecnologia audio più all’avanguardia, laddove anche i nuovi membri della ‘famiglia’ seguono questa direzione. Attingendo alla lunga esperienza del Gruppo GN nel settore audio, cuffie e apparecchi acustici, ogni nuovo prodotto Elite contiene peculiari configurazioni del microfono per garantire che la voce degli utenti venga sempre nitidamente sentita, sia che si stia parlando con l’assistente Alexa, sia che ci si trovi in un interno o all’esterno sulla strada. Inoltre, l’App Jabra Sound+ consente di personalizzare la propria musica con il tipo di suono che più si gradisce.

Oltre alla migliore esperienza vocale e musicale, i nuovi prodotti Elite sono dotati anche della garanzia di due anni contro il deterioramento per polvere e acqua (per gli Elite Active 65t è inglobata anche quella relativa al sudore). Mentre sperimenteranno la grande esperienza vocale e musicale che i prodotti Elite offrono, gli utenti potranno anche scegliere lo stile di abbigliamento più adatto a loro. La gamma Elite include varianti in modalità wireless e con il morbido collarino, con la lettera del suffisso che indica chiaramente i diversi stili di indossaggio. 

Integrazione con Alexa

Per coloro che preferiscono utilizzare i comandi vocali, i nuovi prodotti consentono il supporto per tutti i principali servizi ‘voce’, incluso anche Alexa on-the-go, l’’assistente’ di Amazon. Jabra sarà tra i primi a offrire questa funzione mobile, fornendo ai clienti l’accesso ad Alexa direttamente dagli auricolari. Con Alexa è possibile chiedere di riprodurre musica, sentire le notizie, controllare il meteo e i dispositivi della smart home e molto altro.

Nell’offrire un’esperienza vocale e musicale del livello di un leader del mercato – e una lunga durata della batteria –  ciascuno dei prodotti Elite che Jabra presenta al CES di quest’anno reca anche delle caratteristiche specifiche:

Elite 45e: Progettati per la migliore esperienza vocale e musicale.

Gli Elite 45e sono destinati agli utenti che desiderano la migliore combinata esperienza vocale e musicale in auricolari con un design discreto e un’ottima vestibilità. Questi auricolari con morbido collarino (con cavetto di memoria) hanno una forma leggera e una peculiare soluzione di box microfono che offre la più chiara comunicazione vocale su qualsiasi dispositivo stereo senza fili. 

Elite 65t: Progettati per la migliore esperienza vocale e musicale wireless.

Gli Elite 65t sono degli auricolari wireless di terza generazione pensati per coloro che desiderano la migliore esperienza vocale e musicale in modalità wireless. Sono progettati per garantire una connessione wireless stabile e la migliore qualità per le funzioni chiamata e ‘voce’. I 65t includono l’accesso one-touch a Siri® e Google Now ™, e la nuova integrazione per Amazon Alexa on-the-go; vantano un autonomia fino a 15 ore (con base di ricarica inclusa).

Elite Active 65t: Progettati per utenti attivi che desiderano un’esperienza vocale e musicale wireless durante gli allenamenti o gli esericizi.

I Jabra Elite Active 65t sono adatti a chi desidera le funzionalità degli Elite 65t, con in più la possibilità di essere utilizzati in un contesto sportivo o di allenamento. Gli auricolari hanno un livello di presa incrementato grazie a speciali rivestimenti, un accelerometro integrato per le funzioni di rilevamento e la certificazione IP56 per il sudore, l’acqua e la polvere. Gli Elite Active 65t assicurano cinque ore di ascolto con una carica, con due cariche aggiuntive nella base.

“Ampliando la gamma Elite, abbiamo dimostrato agli utenti di soluzioni audio che comprendiamo le loro esigenze e che siamo pienamente impegnati a fornire le migliori soluzioni di cuffie vocali e musicali. La nostra nuova ‘famiglia’ di auricolari Elite supporta tre livelli di tecnologia per la capacità di interazione tra audio, microfono e ‘voce’, diversi livelli di resistenza e soluzioni sia per auricolari wireless che per quelli con il collarino.” – ha dichiarato René Svendsen-Tune, CEO di Jabra – “Con la ‘famiglia’ Elite, oggi offriamo dispositivi audio per ogni tipo di vestibilità, utilizzo e prezzo”.

Caratteristiche principali della ‘famiglia’ Elite: 

–       La migliore esperienza vocale: la peculiare tecnologia microfonica  garantisce le migliori chiamate e interazioni vocali sul mercato. Più il supporto per tutti i principali assistenti vocali virtuali inclusa la nuova integrazione con Amazon Alexa-on-the-go;

–       Esperienza musicale personalizzata: gli utenti possono adattare il suono alle proprie preferenze personali con l’App Jabra Sound;

–       La più ampia scelta di stili di vestibilità: modalità wireless, con collarino (anche morbido) e headband;

–       Durata imbattibile: due anni di garanzia contro il deterioramento per acqua e polvere, due anni di garanzia contro il deterioramento per sudore e polvere per le varianti Active & Sport.

Con l’affitto breve si guadagna il 50% in più!

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Casa e Giardino, Economia

Una simulazione condotta da CleanBnB, azienda leader in Italia nel settore delle locazioni a breve termine, dimostra, numeri alla mano, che un appartamento dato in affitto breve  può portare nelle tasche del proprietario circa il 50% in più, rispetto al tradizionale affitto di lungo periodo.

L’Italia è un Paese di proprietari, oltre il 70% delle famiglie italiane possiede la casa in cui abita. Ma tantissimi sono gli appartamenti che per varie ragioni restano vuoti o poco valorizzati. Un rapporto Istat parla di 7 milioni di appartamenti sfitti: un potenziale incredibile per il settore degli affitti brevi. Basta fare due conti per capire quanto questo modello di affitto possa rivelarsi conveniente”. Queste le parole di Francesco Zorgno, socio fondatore di CleanBnB.

Proviamo allora a fare un calcolo rapido per capire quanto possa rendere un appartamento in affitto breve, rispetto a una locazione tradizionale. Prendiamo il caso di un bilocale in città, in una zona semicentrale, con un canone mensile di 1.000 euro in affitto della durata di 4+4 anni. Per affittarlo, il proprietario si rivolge a un mediatore spendendo circa 1.500 euro una tantum; di conseguenza, a fine anno ha un incasso di poco superiore ai 10.000 euro.

Lo stesso appartamento, sul mercato degli affitti brevi può arrivare a un incasso mensile di circa 2.000 euro. Considerando circa 200 euro al mese di costi per utenze e spese di condominio, e altri 500 euro mensili per i costi di gestione, a fine anno lo stesso appartamento avrà generato per il proprietario oltre 15.000 euro.

E le tasse?

In ambedue i casi il trattamento fiscale è analogo con applicazione della cedolare secca – precisa Zorgno – , quindi ne risulta che il proprietario con l’affitto breve guadagna di norma il 50% in più di quello che guadagnerebbe con l’affitto lungo. La recente normativa che rende applicabile la cedolare secca anche agli affitti brevi in questo caso è fortemente incentivante”. 

Gli altri vantaggi

Al vantaggio puramente economico dell’affitto breve se ne aggiungono molti altri, che CleanBnB così riassume.

  1. Durata contrattuale: il contratto di gestione con il proprietario dura di norma un anno (rinnovabile): soluzione ideale per coloro che, nell’ottica di una possibile vendita o occupazione diretta dell’immobile in futuro, non vogliono vincolarsi con i classici contratti di durata 4+4 o 6+6 anni.
  2. Nessun rischio morosità: nel mondo degli affitti brevi non è consentito l’accesso all’appartamento se non si è già integralmente saldato il soggiorno. Pertanto si annulla
    il problema di insolvenza endemico degli affitti di lungo periodo.
  3. Profilazione degli inquilini: lavorando su piattaforme online tipo Airbnb.com si conoscono il profilo e la storia pregressa dei soggiorni di ciascun ospite. In questo modo è possibile evitare sorprese spiacevoli.
  4. Disponibilità dell’immobile: può essere consentito ai proprietari l’uso saltuario del proprio immobile per motivi personali, il che ovviamente è impossibile nell’affitto di lungo periodo.
  5. Nessun costo fisso di intermediazione: nell’affitto lungo, normalmente esiste un mediatore il cui costo fisso si ammortizza solo sul lungo periodo. Non è così con gli affitti brevi.

Come si può evincere dai punti sopra, – conclude Francesco Zorgno – i fattori non economici sono tali e tanti da rendere molto spesso (più di quanto si pensi) l’affitto breve comunque preferibile a quello di lungo periodo, a prescindere dai vantaggi economici che comunque sono spesso molto significativi”.