Archivio Autore

Risoluzione dell’immagine a 2 MegaPixel: Avidsen raddoppia la qualità della vigilanza garantita dalle sue telecamere IP

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino, Tecnologia Personale

Chi si aspettava che il tema della sicurezza dei cittadini italiani all’interno delle proprie case fosse destinato a essere ridimensionato, sarà sicuramente rimasto deluso: oltre ai fatti di cronaca che quotidianamente vengono raccontati, ecco giungere i recenti dati della Federazione Nazionale Cani da Guardia. Questi ci dicono che durante l’estate 2017 il numero delle intrusioni è aumentato a dismisura.

Non è dunque il momento di abbassare la guardia per quelle realtà impegnate nella realizzazione di soluzioni tecnologiche dedicate alla sicurezza domestica.

Come Avidsen, società specializzata nello sviluppo di sistemi elettronici e digitali innovativi di utilizzo per la casa, che a marzo aveva presentato una gamma di telecamere IP caratterizzate da una risoluzione di immagine fino a 1 MegaPixel (1280×720 pixel). Oggi la società francese, presente in Italia con la sua filiale in provincia di Milano, compie uno step tecnologico di grande rilievo presentando al mercato una gamma dello stesso prodotto, ma con risoluzioni ottiche aumentate fino a 2 MegaPixel (1920×1080 pixel).

Al di là delle singole peculiarità – riassunte più avanti – le tre nuove telecamere IP WiFi hanno vantaggi comuni di grande efficacia. Connesse a internet permettono di sorvegliare la propria abitazione o un altro locale in tutta tranquillità anche da remoto. La configurazione e l’installazione sono Plug & Play, semplici e veloci, grazie al QR code in dotazione, utilizzando uno Smartphone o un Tablet (Android 2.3 oppure iOS 7.0 o successivi). Tramite l’utilizzo dei medesimi device è possibile salvare immagini o video ripresi dalla telecamera.

Inoltre, grazie alla funzione di rilevazione del movimento, la telecamera invierà sul dispositivo notifiche email o push.

Ciascuna delle tre videocamere che compongono la nuova serie presenta poi delle singole peculiarità che possono essere così riassunte:

Telecamera IP WiFi 1080p – Uso interno (rif. 123480) – Prezzo: 69,90 euro

Presenta un sensore ottico CMOS ¼’’ a colori, e un angolo di visione di 85°, si collega a Internet tramite Wi-Fi e vanta una risoluzione dell’immagine di 1920×1080 pixel, fino a 25 fotogrammi. La portata della visione notturna raggiunge i 15 m, e l’avvio automatico delle registrazioni video e dei rilevamenti di movimento possono essere eseguiti tramite l’utilizzo di una scheda MicroSD (non inclusa), con volume di memorizzazione fino a 128 GB. 

Telecamera IP WiFi 1080p – Uso esterno (rif. 123481) – Prezzo: 129,9 euro

Anche questo modello per utilizzo esterno si collega a Internet tramite Wi-Fi, e, a richiesta, può essere dotato della scheda MicroSD per l’avvio automatico delle registrazioni video e per lo storage di video fino a 128 GB. Le caratteristiche di risoluzione immagine (pixel), del sensore ottico e della portata della visione notturna sono identiche al modello per uso interno. In più, naturalmente, è concepita per resistere alle condizioni atmosferiche esterne. 

Telecamera IP WiFi 1080p – Motorizzata /Uso interno (123482) – Prezzo: 89,9 euro

Anche per questo modello valgono le suddette caratteristiche di connessione, risoluzione immagine e possibilità di utilizzo di una scheda MicroSD a richiesta. La telecamera motorizzata presenta un sensore ottico CMOS ¼’’ a colori, con angolo di visione di 85°, e parametri di corsa orizzontale e verticale pari, rispettivamente, a 350° e 120°. Tramite i dispositivi è possibile comandare a distanza la telecamera.

Le nuove videocamere IP WiFi di Avidsen sono disponibili sul sito di e-commerce http://www.avidsenstore.it e presso i migliori negozi dedicati all’elettronica, al bricolage e al fai da te, e sono coperti da garanzia di 2 anni.

 

Jabra svela l’aggiornamento degli auricolari sportivi wireless più tecnologicamente avanzati

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia Personale

Il meglio… viene migliorato! Jabra annuncia un aggiornamento dei popolari auricolari wireless Jabra Elite Sport, con caratteristiche avanzate che includono una durata superiore della batteria, parametri sonori personalizzati e una nuova vivace tonalità

IFA Berlino, 31 agosto – Jabra rende oggi ancora più potenti gli auricolari wireless Jabra Elite Sport. Questo importante upgrade include le seguenti caratteristiche:

  • Durata giornaliera. Per godere fino a 13,5 ore di durata della batteria;
  • Personalizzazione del suono. Attraverso profili e impostazioni dell’equalizzatore;
  • Un nuovo colore. Alla classica tonalità “total black” del prodotto si aggiunge quella “Lime Green Gray” (eletta come “Colore dell’anno” da Pantone).

Sfruttando le competenze e il know how di GN Group nel settore delle cuffie e degli apparecchi acustici, Jabra continua nella ricerca di un suono ineguagliabile e di sempre più elevate capacità della batteria con il lancio del modello Elite Sport in versione aggiornata. Questa sostituisce a tutti gli effetti quella originale (non ci saranno due versioni sul mercato).

Oltre alle nuove funzionalità aggiornate, tutte le caratteristiche dell’originale Elite Sport sono ancora incorporate e supportate dai principali sistemi operativi smartphone (Android e IOS):

  • Alta qualità del suono per chiamate e musica, ottimizzata da quattro tecnologie del microfono;
  • Confortevole utilizzo lungo tutto il giorno e vestibilità comoda e sicura con opzioni di montaggio personalizzabili;
  • Monitoraggio cardiaco avanzato direttamente tramite gli auricolari;
  • Durata garantita. Garanzia di 3 anni contro il sudore.

I Jabra Elite Sport si affermano come gli auricolari sportivi wireless più tecnologicamente avanzati*. Rappresentano un vero e proprio supporto per l’allenamento, sono waterproof (standard IP67) e assicurano libertà di movimento, elevata durata della batteria, ottima fruizione della musica durante gli esercizi e analisi approfondita dei parametri fitness.

La guida personalizzata in tempo reale con l’app Jabra Sport Life integrata è in grado di monitorare un ritmo target o una zona di frequenza cardiaca durante una corsa, di contare le ripetizioni durante un circuito di allenamento o di tener traccia delle prestazioni complessive in tempo reale, mentre l’allenatore audio nell’orecchio sarà sempre a disposizione. Tutti questi risultati sono possibili grazie alla guida all’allenamento tramite frequenza cardiaca, il conteggio automatico delle ripetizioni, il test automatico del fitness tramite VO2 Max e i consigli sul recupero per evitare un sovrallenamento.

Gli auricolari presentano inoltre un focus specifico sull’esperienza della chiamata, offrendo una qualità audio superiore per le conversazioni telefoniche e per la fruizione della musica in modalità wireless. 

La progettazione estetica e le funzionalità sono fondamentali, ma sappiamo che per molti utenti è la batteria a fare la differenza”– afferma Calum MacDougall, SVP di Jabra.

“Questo è vero per la maggior parte dei prodotti di elettronica, come i telefoni cellulari e i laptop – e certamente anche per le cuffie e gli auricolari – e oggi Jabra ha compiuto un passo significativo per aumentare l’efficacia della batteria nella categoria wireless”.

Jabra ha raggiunto un livello di vita della batteria pari a un ulteriore 50%, senza aggiungere nulla al peso e alla profondità degli auricolari stessi. Superando così, per il punto specifico, i principali competitor (Bragi The Dash, Samsung IconX, Sol Republic Amps Air, ecc.) Quindi, oggi è possibile godere di 4,5 ore aggiuntive da una carica, fino a un’incredibile durata di 13,5 ore. Non solo questo consente una giornata completa di ascolto continuo, ma potrà risultare utile in molte altre situazioni della routine quotidiana.

Oltretutto, sarà ora possibile personalizzare il suono con i profili e le impostazioni di equalizzazione per scegliere esattamente in che modalità ascoltare la propria canzone preferita. Il tutto arricchito dalla freschezza della nuova tonalità “Lime Green Gray”.

Secondo le principali ricerche di mercato, gli auricolari Jabra Elite Sport sono tra i primi tre prodotti wireless nei mercati chiave in Europa e in Nord America, e si sono affermati come la principale scelta per coloro che praticano la corsa e il jogging ascoltando musica, cercando sempre una soluzione tecnicamente superiore.

Prezzo e disponibilità

I nuovi Jabra Elite Sport sono disponibili al prezzo di vendita suggerito di 249,99 euro.

Per maggiori informazioni: http://www.it.jabra.com/sports-headphones/jabra-elite-sport

A IFA Jabra presenta gli auricolari Elite 25e con una batteria “best-in-class” per chiamate e musica in modalità wireless

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia

Fino a 18 ore di durata della batteria
Agile passaggio dalle chiamate alla fruizione della musica
Design di qualità superiore per il massimo comfort e vestibilità
Resistenti al vento e all’acqua
Pulsante specifico per accedere a Siri® e Google Now™

IFA Berlino, 31 Agosto – Jabra, marchio del gruppo GN, pioniere nello sviluppo e nella produzione di dispositivi audio, in occasione di IFA presenta i nuovi Jabra Elite 25e, auricolari stereo con collarino e una batteria di ottimizzata per le chiamate wireless e per l’ascolto della musica*. I Jabra Elite 25e sono un prodotto studiato per la fruizione in movimento e consentono di passare agilmente dalla modalità “chiamate” a quella “musica” durante tutto il giorno, con ottime prestazioni. Tutto questo a un prezzo accessibile.

Gli auricolari Jabra Elite 25e godono di una avanzata batteria: una carica alimenta l’utilizzo durante tutto il giorno o la settimana con un massimo di 18 ore di autonomia, garantendo la libertà di rimanere collegato in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo.
Sia che gli auricolari siano utilizzati per ascoltare musica, o per commutare e passare alla modalità “chiamate”, il microfono dotato di dispositivo di protezione dal vento consente un utilizzo senza fastidi o distrazioni.

Il collarino ha punti flessibili e il design garantisce una grande vestibilità e comfort per l’intera giornata. Migliorando la vestibilità con i Jabra’s EarGels™, gli utenti possono beneficiare di un suono ulteriormente migliorato. Gli eargel e gli altoparlanti sono progettati per un’esperienza audio immersiva.
Il nuovo design degli eargel consente inoltre una maggiore sicurezza e comodità, con conseguente minore perdita nella fruizione audio, anche della musica.

Con uno specifico pulsante di controllo vocale e di lettura dei messaggi in arrivo, è possibile accedere a Siri® e Google Now™ con un tocco, potendo così ottenere le informazioni richieste a mani libere e in movimento. Non ci sarà dunque più bisogno di avere il telefono in mano se si desidera rispondere a una chiamata o passare all’ascolto di una nuova canzone.

“Gli auricolari Jabra Elite 25e sono stati progettati con in mente un utente multi-tasking e in movimento che dà grande importanza alla qualità delle conversazioni e dellai musica”, ha dichiarato Calum MacDougall, SVP di Jabra. “Nessun prodotto attualmente sul mercato offre questo livello di vita della batteria ad un prezzo tanto accessibile. Ecco perchè noi crediamo che questo prodotto, seguendo le orme del grande successo degli auricolari Jabra Elite Sport, sia degno del marchio Elite”.

Caratteristiche

Fruizione musica e chiamate per l’intera giornata. Fino a 18 ore di durata della batteria.
Straordinaria longevità. Resistenti al vento e all’acqua. Grado di protezione IP54.
Migliore vestibilità. Design arricchito per collarino e EarGelsTM.
Connettività ottimale. Il prodotto si connette fino a 8 dispositivi via Bluetooth®, e a due in simultanea con Multiuse™.
Specifico pulsante di controllo vocale. Accesso a Siri® e Google Now™ con un tocco.
Eccezionale qualità del suono. Altoparlanti realizzati per un audio immersivo.

Per maggiori informazioni: http://www.it.jabra.com/elite25e

Prezzo e disponibilità

I Jabra Elite 25e sono disponibili – nella tonalità di nero – al prezzo di vendita suggerito di 79 euro.

*Based on the results of battery performance testing of leading competitors of Bluetooth wireless headsets below USD 100. Research was conducted by Strategy Analytics between 13-21 July 2017. See facts on www.jabra.com/commercial-claims

Acronis True Image 2018 porta la protezione dei dati basata sull’Intelligenza Artificiale agli utenti privati

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Aziende, Informatica

Il primo backup intelligente del settore dotato di difesa contro i ransomware basata sull’I.A. ridefinisce la protezione dei dati personali e di home office

Acronis, fornitore leader del settore della protezione cloud ibrida dei dati per aziende e consumatori ha lanciato oggi Acronis True Image 2018. La nuova release comprende aggiornamenti fondamentali per le capacità di backup e recovery del programma e rappresenta il primo software di backup personale ad incorporare la tecnologia basata sull’intelligenza artificiale concepita per una protezione attiva dei dati contro i ransomware.

“Come prima azienda ad offrire un backup full image ai consumatori, Acronis ha spianato la strada verso il backup intelligente per l’utilizzo domestico,” afferma Serguei Beloussov, co-fondatore e CEO di Acronis. “Acronis True Image 2018 porta avanti la tradizione di primo e unico software di backup personale in grado di utilizzare l’intelligenza artificiale per difendere i dati dei consumatori da una delle minacce con la crescita più rapida”.

Combinando la difesa anti-ransomware basata sull’intelligenza artificiale (IA), denominata Acronis Active Protection™, con una nuova generazione di potenzialità di backup e ripristino avanzate come la clonazione del disco attivo e la creazione automatizzata di WinPE boot media, Acronis True Image 2018 rappresenta il nuovo standard di “backup intelligente” per utenti privati, famiglie e piccole aziende.

Backup e ripristino affidabili

Nel corso di un sondaggio clienti Acronis a luglio 2017, il 95% degli intervistati ha affermato di scegliere e consigliare Acronis True Image perché i backup sono davvero affidabili. La release del 2018 migliora ancora di più le capacità fondamentali di backup e ripristino, grazie ai seguenti potenziamenti:

  • Clonazione del disco attivo: Gli utenti possono creare una replica esatta di un sistema Windows attivo senza arrestare e riavviare i media di boot, per una migrazione ancora più semplice verso un disco più rapido o più grande.
  • Una creazione di media aggiornata: Creazione automatica di boot media per un ambiente WinPE, affinché gli utenti possano risolvere rapidamente i problemi di configurazione dei driver e ripristinare i sistemi usando lo stesso o del nuovo hardware.
  • Backup continuo sul cloud: Gli utenti possono aggiornare i propri backup mentre lavorano ai file, salvando in sicurezza una versione off-site sul cloud.
  • Conversione del drive virtuale: Gli utenti possono testare la capacità di ripristino dei backup full image oppure utilizzare il sistema in un ambiente virtuale Hyper-V per testare varie applicazioni senza incorrere nel rischio di utilizzare il sistema primario, spostamento l’immagine completa del sistema su un altro computer come un drive virtuale.
  • Backup incrementali più rapidi: Una velocità fino a tre volte maggiore grazie alla nuova tecnologia Changed-Block Tracker che traccia le modifiche delle immagini in tempo reale.
  • Backup mobili automatici su dispositivi NAS: Oltre un quarto degli utenti Acronis dispone di un Network-Attached Storage (NAS) a casa. Ora non dovranno più preoccuparsi di fare un backup del dispositivo mobile, dal momento che il processo si avvia non appena il dispositivo si connette alla stessa rete Wi-Fi del NAS.

Acronis True Image 2018 inoltre soddisfa le esigenze della prossima generazione di utenti ampliando il supporto per i social media con l’esecuzione di backup automatici degli account Instagram, includendo foto, commenti e statistiche, come il numero di like, tag o commenti di un post.

Controllo semplice

Una nuova interfaccia visiva risponde alle preferenze dell’83% dei clienti Acronis che hanno richiesto maggiori informazioni e una veduta d’insieme nei propri backup. Con una visualizzazione grafica dell’attività di backup e delle statistiche, consente agli utenti di gestire i backup senza problemi – tra cui il numero di dati archiviati, le tipologie di dati nell’archivio e lo stato dei backup.

Protezione sicura dei dati

La capacità di ripristinare un sistema o singoli file è di importanza critica dopo un attacco ransomware. Acronis True Image 2018 non solo rende il ripristino automatico, ma compie un passo avanti nella protezione iniziale evitando in primo luogo che il ransomware corrompa i dati dell’utente.

Utilizzando modelli di apprendimento macchina, Acronis Active Protection riconosce le strutture non comuni dell’accesso ai file. Questi modelli sono generati nell’infrastruttura IA cloud dedicata di Acronis, che processa i dati a partire da centinaia di migliaia di processi maligni e legittimi al fine di creare quei modelli. Quei modelli vengono incorporati direttamente in Acronis Active Protection, consentendo ad Acronis True Image 2018 di proteggere i dati di sistema a prescindere, senza l’esigenza di una connessione Internet.

Quando Active Protection rileva un’attività insolita, controlla il processo utilizzando sia l’analisi euristica sia quei modelli di comportamento previsto e imprevisto. Se il processo è identificato come potenzialmente maligno, Acronis True Image 2018 allerta l’utente dell’attività sospetta.

Con un monitoraggio in tempo reale, Acronis Active Protection verifica tutti i processi così da consentire l’esecuzione delle attività autorizzate, al tempo stesso rilevando e arrestando i comportamenti potenzialmente pericolosi. Quindi, se un qualsiasi file viene criptato nel corso di un attacco ransomware, Acronis True Image 2018 ripristina automaticamente i file a partire dal backup.

Mentre i criminali informatici si indirizzano sempre più verso i file di backup per evitare che gli utenti possano ripristinare il sistema senza pagare il riscatto, la tecnologia di Acronis difende specificamente i file di backup e i dati originali. I danni previsti causati dai ransomware si attesteranno a quota $5 miliardi quest’anno, e il sistema unico di autodifesa Acronis per i file di backup, con Acronis True Image 2018, garantisce che i dati degli utenti rimarranno inalterati.

Oltre il 60% dei clienti Acronis ha affermato in un sondaggio di essere preoccupato per gli attacchi ransomware. Una nuova Security Dashboard fornisce agli utenti visibilità completa su Acronis Active Protection: è una garanzia del fatto che i propri dati sono protetti. Consente loro di tracciare il numero dei processi contrassegnati come potenzialmente pericolosi, vedere quali sono stati bloccati e gestire una whitelist di applicazioni affidabili.

Prezzi e disponibilità

Sono disponibili tre edizioni di Acronis True Image 2018 che si rivolgono ai vari utilizzi e preferenze dei clienti. Tutte le versioni includono Acronis Active Protection contro i ransomware e coprono un numero illimitato di dispositivi mobili.

  • La licenza Standard è una licenza perpetua che non prevede l’archiviazione cloud o l’accesso a funzionalità basate sul cloud, per i clienti che desiderano archiviare i propri dati solo su drive locali. A partire da $49,99 per un computer.
  • La licenza Advanced è un abbonamento annuale che include 250 GB di spazio di archiviazione sul cloud e l’accesso a tutte le funzionalità basate sul cloud. A partire da $49,99 all’anno per un computer.
  • La licenza Premium è un abbonamento annuale che include esclusive capacità di certificazione dati e firma elettronica basate su blockchain, nonché un 1 TB di spazio di archiviazione sul cloud. A partire da $ 99,99 all’anno per un computer.

Gli abbonati Advanced e Premium possono acquistare spazio di archiviazione aggiuntivo all’interno dell’applicazione. Le licenze Advanced supportano un upgrade fino a massimo 500 GB. Qualora sia richiesto un maggiore spazio di archiviazione, gli utenti Advanced possono potenziare la licenza passando alla categoria Premium, che offre uno spazio di archiviazione fino a 5 TB.

Il backup Instagram viene lanciato oggi all’interno di alcuni mercati e sarà disponibile a livello mondiale dal 4 settembre 2017

Acronis True Image 2018 è disponibile per l’acquisto all’indirizzo https://www.acronis.com/it-it/personal/computer-backup e presso i maggiori rivenditori di software e i negozi specializzati di tutto il mondo.

NOTA: Per i titolari di piccole aziende che desiderano proteggere più di cinque computer, o per le imprese dotate di workstation e server multipli, Acronis Backup 12.5 è in grado di scalare per proteggere migliaia di computer, offrendo strumenti utili per la gestione a gruppi di ambienti di qualsiasi complessità. I dettagli sono disponibili su https://www.acronis.com/it-it/business/backup.

 

4ward si aggiudica il Microsoft Partner of the Year Awards

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Aziende, Informatica

In occasione di Inspire, l’annuale conferenza dedicata ai Partner Microsoft di tutto il mondo, che si è tenuta a Washington D.C. dal 9 al 13 luglio, alla presenza di più di17.000 partnerMicrosoft ha premiato i vincitori dell’edizione 2017 dei Microsoft Partner of the Year Awards. Questo riconoscimento celebra l’eccellenza dei partner nell’implementazione di tecnologie Microsoft attraverso soluzioni innovative in grado di supportare il processo di digital transformation e di rispondere puntualmente alle sfide del mercato. Sono34 i titoli che onorano le competenze chiave di ogni partner, in primis l’expertise in ambito Cloud, oltre allo spirito imprenditoriale, la responsabilità sociale d’impresa e l’eccellenza nelle vendite.

4ward è stata premiata da Microsoft come Cloud Transformation – Office 365 Partner of the Year for Italy 2017, per la capacità di sapersi distinguere e posizionarsi sul mercato come partner di riferimento per le soluzioni di produttività e collaborazione basate su tecnologie Microsoft.

Il 2017 è l’ottavo anno consecutivo che 4ward viene premiata, considerando sia riconoscimenti nazionali che europei ed internazionali. Infatti si era già aggiudicata il riconoscimento come Country Partner of the Year per 2 anni consecutivi ed è stata anche premiata Open Source on Azure Partner of the Year, 3 volte Cloud OS Partner of the Year e 5 volte Microsoft Partner Western Europe per le soluzioni di Application Lifecycle Management e Visual Studio.

“Grazie alla partnership più che decennale con Microsoft possiamo festeggiare un altro importante traguardo”, afferma Christian Parmigiani, Chief Marketing Officer di 4ward. “Tuttavia per noi questo rappresenta un punto di partenza più che di arrivo e rafforza gli investimenti fatti sulle nostre piattaforme di produttività, tra cui Agile Bundle (http://www.4ward.it/agile-bundle/)la soluzione per un’implementazione efficace dello Smart Working, sia dal punto di vista delle tecnologie che del Change Management, SFB365 Bundle (http://www.4ward.it/skype-for-business-bundle/), il framework per il deployment di Skype for Business Voiceche recentemente ha anche ricevuto la certificazione internazionale SOF (Skype Operations Framework) e 4ward365 (http://www.4ward365.com/), che invece consiste in una piattaforma avanzata e completa per la gestione ottimale ed il monitoraggio della suite Office 365. Recentemente abbiamo introdotto ancheSmartFlow365 (http://www.smartflow365.com/), una soluzione innovativa e completamente personalizzabile, che permette di sfruttare tutte le potenzialità di SharePoint e di aggiungerne di nuove, migliorando la gestione dei processi aziendali con un significativo risparmio di tempi e costi e un rilevante aumento della produttività” – conclude Parmigiani.

Cellulare alla guida: ritiro immediato della patente. Non correre inutili rischi, scegli Jabra  

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia Personale

Giro di vite per chi viene beccato a parlare al telefonino senza auricolari o speakerphone mentre è alla guida. Già alla prima infrazione è in arrivo l’immediata sospensione della patente fino a tre mesi, che potranno diventare sei in caso di recidiva.

Inoltre aumentano le sanzioni pecuniarie e la decurtazione di punti sulla patente. È l’emendamento presentato, ed approvato, dal presidente della Commissione Trasporti della Camera Michele Meta al disegno di legge sulle modifiche all’articolo 173 del codice della strada inerente la distrazione alla guida e l’utilizzo di dispositivi elettronici al vaglio della Commissione.

Con l’emendamento si modifica la misura che invece prevedeva la sospensione della patente di guida soltanto alla seconda infrazione in due anni. Più in generale il provvedimento è volto anche a garantire una maggiore sicurezza sulla strada per i ciclisti e bimbi a bordo.

Ma ciò non significa non poter più fare o ricevere telefonate mentre si è alla guida, bensì che per farlo bisogna dotarsi di dispositivi che permettano di tenere le mani ben salde sul volante e l’attenzione alla strada. 

Precursore in tale senso, Jabra da sempre produce e commercializza dispositivi per le comunicazioni a mani libere, che queste siano effettuate in ufficio, durante le attività sportive e anche in automobile.

La scelta è ampia e tale da soddisfare sia chi preferisce l’auricolare, sia che si trova più comodo con uno speaker Bluetooth. Tutte le soluzioni Jabra sono dotate delle più avanzate tecnologie per audio di alta qualità, funzioni premium (come la lettura vocale dei messaggi arrivati) e design compatto ed ergonomico.

Nello specifico i dispositivi più avanzati per chi vuole assicurarsi una guida senza distrazioni, anche in vista delle partenze estive e dei conseguenti lunghi viaggi sono:

SPEAKERPHONES: 

Jabra DRIVE 

Con una batteria capace di ben 20 ore di autonomia in chiamata e 30 giorni in standby, Jabra DRIVE è lo speakerphone che si caratterizza per l’uso più immediato e semplificato.

Nessuna procedura di installazione o settaggio, salite in auto e cominciate a parlare in tutta sicurezza e facilità. Con Jabra DRIVE potrete intrattenervi con amici e famigliari anche durante i viaggi più lunghi, mentre la qualità audio delle conversazioni sarà garantita dalla tecnologia DSP a cancellazione del rumore.

Con Jabra Drive potrai ascoltare musica in streaming e ricevere indicazioni GPS direttamente dal tuo telefono. Collegalo a due dispositivi Bluetooth contemporaneamente e alternane l’uso per ascoltare musica o ricevere chiamate.

Un prezzo fortemente competitivo caratterizza questo dispositivo, piccolo nel costo, ridotto nelle dimensioni, ma grande nelle prestazioni.

Prezzo: 59,99 euro 

Jabra Tour

Puoi dire addio alle istruzioni. Utilizza le semplici indicazioni vocali per scoprire come effettuare la connessione con il tuo telefono cellulare. Inoltre, Jabra Tour ti fa sapere quando la batteria è quasi scarica e annuncia il nome del chiamante quando ricevi una chiamata. Tieni pure le mani sul volante e utilizza la voce per effettuare e rispondere alle chiamate.

La tecnologia con cancellazione del rumore assicura chiamate chiare senza il fastidioso “effetto altoparlante”. Tutte le tue parole verranno ricevute forte e chiaro grazie al microfono per chiamate ad alta definizione. Non importa che tu sia impegnato in una chiamata o stia ascoltando musica: il potente altoparlante da 3 Watt ti offre un audio fantastico.

Oltre che per gestire le tue chiamate, utilizza Jabra Tour anche per ascoltare musica in streaming, indicazioni GPS e podcast.

La voce guida integrata offre supporto per l’associazione dei dispositivi, notifica quando è il momento di ricaricare la batteria e annuncia il nome del chiamante – tutto questo a mani libere!

Prezzo: 89,99 euro 

AURICOLARI

Jabra Halo Smart

Gli auricolari stereo Jabra Halo Smart sono stati sviluppati con in mente la massima qualità del suono.

Grazie a un microfono di alta qualità, l’esperienza delle chiamate viene migliorata con una protezione dai rumori esterni (come il vento), con funzionalità vocali avanzate e un suono coinvolgente. Gli auricolari Jabra Halo Smart sono dotati di altoparlanti a 10 mm che garantiscono un’eccezionale qualità acustica.

Inoltre, grazie alle 17 ore di tempo di conversazione o 15 ore di ascolto musicale con una sola carica, si possono tranquillamente indossare e utilizzare tutti i giorni e per 24 ore di seguito.

L’applicazione Jabra Assist, inoltre, consente agli utenti di tracciare l’esatto utilizzo della batteria e suggerisce quando è il momento di ricaricare gli auricolari Jabra Halo Smart, per garantirne la massima disponibilità in qualsiasi circostanza.

Prezzo: 89,99 euro

Jabra Classic

Rendi la tua giornata più semplice con l’eccezionale funzionalità delle cuffie Bluetooth Jabra Classic. Ma non lasciarti ingannare dalle apparenze: oltre all’elegante estetica super compatta, queste cuffie offrono grandi potenzialità. Le cuffie Jabra Classic sono progettate per essere indossate comodamente tutto il giorno lasciando le mani libere. E grazie agli auricolari disponibili in diverse versioni garantiscono una vestibilità perfetta su ogni orecchio.

Oltre al tasto a scorrimento di accensione, ci sono i controlli per il volume sul lato e un tasto per rispondere e terminare le chiamate posizionato al centro: il tutto semplice da raggiungere e utilizzare.

E se ti capita di perdere le cuffie, la funzione Find My Jabra dell’app Assist di Jabra ti aiuterà a trovarle. La funzione registra l’ultima collocazione in cui le cuffie sono state utilizzate in modo che tu possa ritrovarle tramite la mappa.

Prezzo: 39,99 euro

Ecco perché il canto degli uccelli ci rende più produttivi

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Lifestyle, Musica

È il momento di introdurre la natura nella nostra giornata lavorativa. Scopri come i suoni naturali presenti nella colonna sonora “Focus on Work” possono contribuire ad alleviare lo stress e a renderci più produttivi sul lavoro

I rumori e le distrazioni sul posto di lavoro vi impediscono di svolgere bene la vostra attività?

Concedetevi un po’ di necessaria concentrazione con “Focus on Work” – una colonna sonora gratuita di 90 minuti che potete scaricare qui (per concessione di Jabra e Restworks.)

Prendete le cuffie e iniziate a godervi questa musica rilassante! Sarete stupiti di quanto essa possa distaccarvi dalla confusione di un ufficio open space migliorando la vostra concentrazione. Una volta che avete provato, assicuratevi di scaricare la versione di 90 minuti per poterla ascoltare quando volete e nei momenti in cui necessitate maggiore attenzione.

Molti utenti hanno già provato e si sono dimostrati entusiasti. Uno dei commenti ricevuti è stato: “Non sono sicuro di come funzioni, ma lo fa – ed è incredibile!

Apprezziamo il commento e concordiamo sul fatto che “Focus on Work” sia un ottimo strumento per migliorare le performance sul lavoro.

Suoni rilassanti per sollevare il nostro umore … e la produttività

La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che la musica può avere un effetto potente sul nostro benessere. Gli studi dimostrano che l’ascolto di suoni rilassanti solleva il nostro umore, calma i nostri nervi e allevia la percezione del dolore. Quindi è naturale aspettarsi che questo tipo di musica abbia un potente effetto anche su di noi, sul posto di lavoro.

Una delle prime cose che noterete ascoltando “Focus on Work è un’abbondanza di suoni naturali, in particolare il canto degli uccelli. Questa connessione con la natura è fondamentale per aiutarci a rilassarci al lavoro. Perché? A causa di come il nostro cervello reagisce ai rumori a cui veniamo sottoposti.

La risposta del nostro corpo alle tracce di rumore risale a quando gli esseri umani iniziarono a vagare per la terra. Pensate ai rumori molto forti – come la sveglia al mattino, un martello pneumatico in azione o al frastuono di un open space. Questi suoni evocano una reazione istintiva di “combattimento” nei nostri cervelli, provocando un rilascio di sostanze chimiche che stimolano l’azione immediata. Questa reazione è stata strumentale alla nostra sopravvivenza per ere, ed è così ancora oggi. Il suono di un clacson stimola immediatamente il nostro cervello e il corpo a reagire rapidamente evitando il pericolo.

L’esposizione costante a troppi rumori e troppa confusione – come spesso accade sul posto di lavoro – può sovraccaricarci di sostanze chimiche stimolanti, mantenendo il nostro cervello in un costante stato di allerta e tensione.

Di conseguenza, la pressione sanguigna rimane elevata e rimaniamo in stato di allerta, generando stress e riducendo la capacità di concentrarci e lavorare in modo efficiente e produttivo.

Un ritorno alla natura

Mettete ora a confronto quei rumori così forti e fastidiosi con i suoni più morbidi del canto degli uccelli. Molti esperti sono convinti che questi suoni rassicurino gli esseri umani perché in migliaia di anni di evoluzione abbiamo appreso che la loro dolce melodia è una testimonianza della sicurezza del nostro ecosistema.

Questa sensazione di sicurezza, a sua volta, riduce la pressione sanguigna, permette di concentrarci meglio e ci aiuta a pensare più chiaramente.

Altri esperti del suono hanno una teoria diversa sul perché il melodioso canto degli uccelli tenda a rilassarci. Credono che sia a causa del fatto che esso è composto da molti suoni casuali, senza modelli o ritmi ripetuti. Proprio in virtù di questa casualità, il nostro cervello tende a non concentrarsi sulla musica stessa ma piuttosto sull’attività che sta svolgendo in quel momento.

Non sappiamo quale sia la verità e forse non è neanche di fondamentale importanza saperlo. Ciò che importa è la consapevolezza di potere trovare pace e produttività durante la nostra giornata lavorativa, indipendentemente da quello che accade di fianco a noi.

Il noto esperto di suono Julian Treasure, ritiene che l’ascolto del suono degli uccelli “aumenti la produttività fino a triplicare quella che sarebbe come prevista come standard“.

Unitevi a noi nell’ascolto di “Focus on Work“, rilassiamoci, concentriamoci e portiamo a termine i nostri compiti!

A cura di Holger Reisinger (SVP, Jabra Business Solutions)

I robot stanno “uccidendo” la Customer Satisfaction?     

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Tecnologia

Gli esseri umani, nel corso della storia, si sono distinti per la capacità di dare vita a conversazioni appassionate e sensibili con un loro simile; siamo “programmati” per fare ciò quando le cose hanno una certa importanza. Preferibilmente, le conversazioni si vivono “faccia a faccia”. A un gradino inferiore troviamo solo conversazioni come le telefonate perché anche esse ci consentono di interagire con un altro essere umano che capisce il nostro sentimento e che può rispondere con nuove domande per arrivare al nucleo del problema.

Tuttavia, la robotizzazione delle conversazioni telefoniche è in aumento. I robot sono programmati per essere in grado di condurre in un prossimo futuro contemporaneamente più di 10.000 telefonate. Le aziende che investono nella robotizzazione delle conversazioni con i clienti devono comunque comprendere che le chiamate che alla fine saranno indirizzate verso l’interazione umana sono quelle che si rivelano complesse e critiche per il raggiungimento della soddisfazione del cliente. Analizzando il Customer Satisfaction Index1, il biennio 2013-2015 ha evidenziato in tema il dato più significativo fin dalla metà degli anni novanta. Non sorprende che questo sia lo stesso momento temporale in cui è aumentata la complessità della natura di una conversazione telefonica. Le chiamate sono diventate più complesse per la semplice ragione che i clienti sono diventati più informati. Quando inoltrano la chiamata probabilmente hanno già cercato di trovare la risposta stessa attraverso diversi canali online. C’è poi una aspettativa da parte dei clienti di ricevere una risposta da esperti, dovessero anche passare di step in step fino a raggiungere la conversazione con un essere umano. Questo è il caso specifico delle aziende che nel passato, tradizionalmente, avevano un punto-clienti offline.

La società di analisi Gartner2 prevede che nel 2019 il 20% di tutte le interazioni degli utenti con uno smartphone avverrà tramite interfacce vocali. Questi sviluppi nel campo dell’Intelligenza Artificiale (AI) indurranno le aziende a ripensare il modo di interagire con il loro bene più prezioso: i clienti. Questo perché il loro successo dipende dal modo in cui organizzano le interazioni con essi, così come dalla disponibilità ad investire sugli agenti del contact center che sempre più devono affrontare interazioni complesse con gli interlocutori. Più le questioni specifiche sono importanti per i clienti, più è probabile che esse verranno deviate dall’ambiente online a una chiamata.

Costo rispetto alla qualità

Le aziende sperimentano molteplici modi per abbattere i costi della chiamata: dall’esternalizzazione ai paesi a basso costo, fino al ricorso ai robot alimentati da AI. È una mossa intelligente? Sì, se l’obiettivo principale è ridurre i costi. Tuttavia, se l’obiettivo è risolvere i problemi del loro asset più importante – come detto il cliente – le cose sembrano completamente diverse. I robot non sono esseri umani che hanno la capacità di ascoltare, capire, cercare informazioni e applicare alle situazioni le conoscenze accumulate e le esperienze del passato per rappresentare un prezioso risolutore di problemi.

Quindi anche se un’azienda può risparmiare denaro robotizzando le chiamate in futuro, la medesima si assume un grande rischio andando a de-umanizzare i punti di contatto nel percorso del cliente. Probabilmente coloro che lavorano nel dipartimento IT accoglieranno positivamente l’introduzione dei robot: è loro il compito di garantire che le interazioni dei clienti funzionino correttamente con una contemporanea riduzione dei costi. Essi non vengono valutati sulla qualità di questa interazione. Ed è qui che un’impresa dovrebbe invece sostenere la qualità dell’interazione; come umanizzare le conversazioni telefoniche nel modo migliore, investendo nella giusta cultura e tecnologia.

Cultura

La chiamata del cliente dovrebbe rientrare nella sfera di coloro che sono più vicini alle strategie di mercato; dipartimenti vendita o marketing. Oggi per ragioni di costo la pratica investe spesso l’ufficio back-end, supportato dal dipartimento IT. Tuttavia, con il corretto coinvolgimento di altri dipartimenti –  con le rispettive mentalità – le chiamate possono diventare un differenziale di marca anziché un fattore di costo.

Ecco alcuni facili “trucchi” per trasformare una chiamata in un approccio vincente:

  • Avviare una discussione. Che cosa è più umano che avere una conversazione con una persona reale? Inserite il vostro numero di telefono affinché tutti lo vedano e invitate i clienti a chiamarvi per un acquisto, per condividere le loro sensazioni, per porvi domande, per segnalare le specifiche del prodotto o – ebbene sì – persino per ricevere i complimenti per il prodotto acquistato o per il vostro servizio.
  • Essere visibili e rappresentare un ideale. Molte aziende sono percepite come entità senza vita e con carenza di personalità. Offrendo i nostri pensieri e prospettive creiamo invece un terreno comune, oltre a stimolare un dibattito utile, costruire la fiducia e invitare i clienti a condividere con noi le nostre scelte, ecc.
  • Approccio personale e umano. Quanto spesso hai ricevuto un messaggio di ringraziamento che è firmato con un generico “Customer Service Department”? Dovremmo cercare di rendere tutte le interazioni con i clienti sincere, significative e memorabili. Può essere facile, anche semplicemente assicurandosi che tutta la corrispondenza sia firmata da un altro essere umano, o dando un seguito telefonico nei giorni successivi per verificare il grado di soddisfazione del cliente.

Tecnologia

Le aziende investono miliardi di dollari ogni anno sugli strumenti tecnologici per aiutare a migliorare la cosiddetta “Customer Experience” (e di conseguenza la fidelizzazione del cliente). A partire dai sistemi di Customer Relationship Management (CRM) che forniscono un focus a 360 gradi sui clienti, con una massima ottimizzazione rispetto ai siti online, i vari “programmi fedeltà” e i molteplici canali dei social media.

La chiave di queste personali interazioni con i clienti mirate a risolvere i loro problemi è la qualità della conversazione. Tuttavia, la voce umana nelle conversazioni viene infastidita dal rumore, circostanza che impatta negativamente sulla soddisfazione del cliente. Secondo una relazione di British Telecom3, si prevede che tra il 2015-2020 le chiamate amplieranno la loro durata del 40% rispetto a oggi. Ciò rende ancora più cruciale la necessità di cancellazione del rumore. Il problema può essere risolto fornendo all’agente una cuffia con il posizionamento del microfono progettato per prendere il controllo del raggio della conversazione, eliminando il rumore a 360° e spostando il focus sulla sola voce umana. Ciò consente a entrambi i partecipanti di concentrarsi completamente sulla chiamata in corso, senza essere distratti dai colleghi, dal traffico o da altri suoni di fondo.

Un altro importante sviluppo tecnologico riguarda il movimento in modalità wireless. Uno studio condotto da Jabra4 ha rivelato che una soluzione mobile come una cuffia wireless potenzia la produttività: coloro che lavorano in questa modalità sono produttivi più del 20% rispetto ai corrispondenti con le cuffie con il filo; il punto è aumentare la mobilità che consente agli impiegati con cuffie wireless di ottenere informazioni da colleghi specializzati per risolvere i problemi complessi durante la conversazione telefonica. Essere in grado di farlo, assicura che la richiesta del cliente sia affrontata in modo più rapido e adeguato – migliorando la Customer Experience.

La soddisfazione del cliente è senza dubbio uno dei temi più caldi all’interno delle politiche di vendita e marketing. Mentre la tecnologia sta rapidamente evolvendosi, l’elemento umano non può essere sostituito a un livello più complesso. Pertanto è importante per le aziende cercare agenti che non solo sappiano come affrontare le chiamate in arrivo, ma che abbiano la qualità per confrontarsi con clienti su un’ampia varietà di piattaforme. Tutto ciò, in combinazione con la tecnologia giusta potenzierà l’”agente umano” del futuro.

1 American Customer Satisfaction Index, 1994 – 2016 

2 Gartner’ annual mobile apps survey, December 2016  

3 British Telecom – SuperAgent 2020

4 Jabra Call Centric Study, 2015

Eleganti, pratiche e votate al risparmio energetico: sono le soluzioni della nuova gamma di Avidsen dedicata alla telefonia mobile

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia

Avidsen, società specializzata nello sviluppo di sistemi elettronici e digitali innovativi di semplice utilizzo per la casa, ha annunciato la nuova gamma di accessori per la telefonia mobile.

“Mobile” è una gamma compatta, costituita da alimentatori (Power Adapter), batteria di emergenza portatile (Power Bank), cavi per ricarica (Data Cable), supporti per auto e vari accessori, tra cui il pennino per schermo (Car Support & Accessories).

La proposta è in linea con la tradizione e la filosofia di Avidsen, da sempre improntata alla produzione di qualità, efficace, caratterizzata da eleganza e praticità, ma anche sostenibile e sicura. La gamma “Mobile” è dunque composta da prodotti di ultima generazione, in grado di garantire risparmio energetico e connessioni efficienti con un alto livello di compatibilità con i vari dispositivi (Smartphone, Tablets, GPS, Fotocamere, lettori MP3, ecc.)

Qui di seguito i prodotti in dettaglio suddivisi per categorie:

Power Adaptor

La categoria comprende un adattatore di alimentazione declinato in varie versioni. Power Adaptor (Euro 4,90) è compatibile con la maggior parte di dispositivi alimentati con USB: iPhone, Smartphone, Tablets, lettori MP3 e Fotocamere. Vanta un circuito elettronico di protezione da sovraccarichi e cortocircuiti.

La versione Quick Charger 3.0 (Euro 15,90) ricarica invece il dispositivo più velocemente del 25% rispetto ai normali carica-batterie e riduce il consumo d’energia fino al 45%. Come la versione base, è compatibile con la maggior parte dei dispositivi alimentati con USB e ha il medesimo circuito elettronico di protezione.

Quick Charger 3.0/2.4 (Euro 22,90) presenta invece 2 prese USB e ha una velocità di ricarica superiore grazie alla tecnologia iSmart, che permette di effettuare una carica completa in poco tempo e con una riduzione del consumo d’energia fino al 45%. 

Power Bank

Si tratta di una batteria di emergenza portatile, declinata in 4 versioni. La Power Bank 2500 mAh (Euro 14,90) è fornita di adattatore USB compatibile con i principali dispositivi (come la Power Adaptor), e ha un cavo di alimentazione di 25 centimetri. Pesa 65 g, per una dimensione di 64x98x6 mm, e ha il formato di una carta di credito, tascabile e leggera.

La Power Bank 5000 mAh (Euro 19,90) ha le medesime caratteristiche, con in più un indicatore del livello batteria, e offre la possibilità di ricaricare due dispositivi contemporaneamente. Le dimensioni sono 68x120x10 per un peso di 118 g. La Power Bank 10.000 mAh (Euro 26,90), dotata di tecnologia Quick Charge, ricarica due dispositivi contemporaneamente, vedendo sensibilmente crescere il peso a 230 g (77x148x14 mm). La gamma Power Bank oltre ad essere completa (da 2500 mAh a 10000 mAh) incorpora il cavo di connessione per il telefonino con apposito adattatore iOS.

La versione che si distingue nettamente da un punto di vista iconografico è la Power Bank 4000 mAh (Euro 19,90), che presenta un involucro esterno in silicone anti-scivolo e anti-urto. Reca le medesime caratteristiche di connessione del modello base (e ricarica due dispositivi contemporaneamente) ma si rigenera con l’energia solare e presenta un mini led che funge da torcia. Dimensioni:  75x142x12 mm, per un peso di 141 g, e batteria in Li-polimero.

Data Cable

La serie di cavi per ricarica si declina in versioni che si differenziano soprattutto per le opzioni di connessioni. La serie è composta da Lighting Data Cable (Euro 14,90), Lighting Flat Data Cable (Euro 17,90) entrambe con certificazione MFI, Micro USB Data Cable (Euro 7,90), Micro USB Flat Data Cable (Euro 9,90). Più due versioni più ricercate rispetto alle feature basiche delle quattro soluzioni: Type-C Data Cable (Euro 19,90) e Hybrid Flat Data Cable (Euro 19,90).

In generale parliamo di cavi di trasmissione di dati e ricarica (sincronizzazione e trasferimento dal dispositivo al PC) lunghi dai 100 ai 120 cm e compatibili con tutti i prodotti Apple (Lighting Data Cable, Lighting Flat Data Cable) o Android (Micro USB Data Cable, Micro USB Flat Data Cable).

Il Type-C Data Cable è dotato inoltre di un connettore Type C 3.1 reversibile, che pone fine alle problematiche legate al giusto verso di inserimento del medesimo, e di un connettore USB-A 3.1 High Speed. È perfetto per essere utilizzato con i dispositivi dotati di tecnologia Fast Charger e possiede una velocità di trasferimento fino a 10 Gbps.

Il cavo Hybrid Flat Data Cable, infine, è configurato per la ricarica dei dispositivi compatibili con le soluzioni Lightning & Micro USB. Nel processo di sincronizzazione e trasferimento dati dal dispositivo al PC si rende dunque compatibile con i dispositivi sia Apple che Android.

Car Support & Accessories

La serie è caratterizzata da accessori di grande utilità, tra cui spicca il caricabatteria da auto Quick Charge Car USB declinato in due versioni. Come feature comuni si segnalano l’utilizzo nell’apposito slot per “accendisigari”, e una ricarica velocissima per i dispositivi in quanto fonte erogatrice fino a 2/2.1 A (ricaricano, per esempio, la batteria del telefonino all’80% in soli 30 minuti). Comune anche la compatibilità con tutti i dispositivi alimentati con USB (iPhone, Smartphone, Tablets, iPad, lettori MP3, ecc.).

La versione Quick Charge Car 2 USB (Euro 9,90), con due ingressi USB, permette la ricarica di due dispositivi in contemporanea. Quella Quick Charge Car 3 USB (Euro 14,90) offre invece la ricarica di ben tre dispositivi contemporaneamente.

Altri accessori della serie sono: una Mini Penna Touch Screen (Euro 3,50, pennino compatibile con Smartphone, Tablet e tutti i supporti touch-screen;); la Led Light USB (Euro 5,90, fonte di luce utilizzabile con tutti i tipi di ingressi USB); due supporti per Smartphone e GPS: l’Universal Support Car (Euro 9.90) e l’Universal Magnetic Car Support (Euro 9.90).

I prodotti della gamma Mobile di Avidsen sono disponibili sul sito di e-commerce http://www.avidsenstore.it e presso i migliori negozi dedicati all’elettronica, al bricolage e al fai da te; e sono coperti da garanzia di 2 anni.

Segui Avidsen:

Web  www.avidsenstore.it

Facebook www.facebook.com/AvidsenItalia

Twitter https://twitter.com/AvidsenIT

Il ransomware è diventato un’epidemia globale. Solo Acronis possiede il vaccino

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Aziende, Informatica, Tecnologia

La massiccia ondata planetaria di attacchi ransomware del 12 maggio 2017 ha trasformato istantaneamente una minaccia malware relativamente sconosciuta in un problema di sicurezza urgente per i leader di tutto il mondo, catturando l’attenzione della maggioranza dei media. La cosiddetta versione WannaCry del ransomware, potenziata in un virus letale grazie all’exploit rubato dalla National Security Agency degli USA, è esplosa in 99 paesi, paralizzando ospedali in UK e le telecomunicazioni in Spagna. Se la minaccia del ransomware non era fra le tue priorità di ieri, lo è oggi. E se stai annaspando alla ricerca di una risposta, Acronis ti offre la migliore difesa individuale contro gli attacchi ransomware, WannaCry incluso: Acronis Backup 12 Advanced con Active Protection™, in grado di sterminare proattivamente il ransomware e ripristinare in modo automatico e istantaneo i dati danneggiati.

Per i non addetti, il ransomware è un virus programmato in grado di infettare PC, server o dispositivi mobili, di norma quando un utente ignaro, nella sua casella e-mail, fa clic su un link oppure apre un allegato. Il malware blocca con calma i file della vittima con una criptazione indistruttibile, quindi visualizza una nota del ransom (riscatto): “Inviaci un pagamento [solitamente parecchie centinaia di dollari, a volte migliaia] in Bitcoin a questo conto online, e riceverai la chiave di decriptazione per ripristinare i tuoi file. Se ti rifiuti di pagare, i tuoi file rimarranno criptati o saranno persino eliminati”. Alcune varianti sofisticate hanno capacità worm grazie alle quali possono infettare altri PC e server, moltiplicando geometricamente l’infezione in quanto ciascuna macchina appena compromessa invia attacchi a molteplici nuovi obiettivi.

WannaCry ha sfruttato una vulnerabilità nel Server Message Block (il protocollo di condivisione file di Microsoft) scoperta solo di recente, a cui quindi molte aziende ancora non hanno posto riparo. Quella vulnerabilità, in combinazione con un worm trasformato in arma e sviluppato dalla NSA, diffuso nella recente fuga di informazioni di ShadowBrokers, ha consentito a WannaCry di moltiplicarsi ed espandersi a una velocità strabiliante, seminando distruzione in tutto il mondo in meno di 24 ore.

Per difendersi dal ransomware, Acronis ha da tempo sostenuto l’utilizzo della protezione dati: se esegui un backup dei tuoi file all’interno di vari supporti di memoria e con diverse destinazioni, puoi ripristinare velocemente un computer criptato da un ransomware e riportarlo allo stato di pre-infezione. La procedura potrebbe richiedere alcune ore o giorni di lavoro, ma non sarebbe necessario pagare il riscatto. Acronis protegge anche le proprie copie di backup, cui mira solitamente il ransomware per sabotare gli sforzi di ripristino. Recentemente quest’anno, Acronis ha introdotto significativi miglioramenti, lanciando Active Protection per le nostre soluzioni di protezione dati.

Questa tecnologia unica e brevettata utilizza l’analisi euristica e l’apprendimento macchina per rilevare e bloccare in maniera intelligente un attacco ransomware, ripristinando poi istantaneamente qualsiasi dato criptato. In altre parole, identifica attivamente le attività di file sospetti, comuni a tutti gli attacchi ransomware, e termina immediatamente i processi non conformi. Il caching locale consente di ripristinare la quantità irrisoria di file che è stata criptata prima del rilevamento e della cessazione dell’attacco. Altrettanto importante è Active Protection, per rilevare e sconfiggere gli attacchi basati su exploit a giorni zero (vulnerabilità la cui esistenza è in gran parte sconosciuta) che evitano le difese basate su firma come gli antivirus.

Mentre WannaCry ha fatto improvvisamente conoscere gli effetti del ransomware al pubblico, si tratta semplicemente dell’ultima di una serie di varianti che ha iniziato a infestare i dispositivi di aziende e consumatori anni fa. Le bande criminali dietro il ransomware hanno estorto oltre $ 1 mrd. dalle vittime nello scorso anno; circa il 47% delle imprese ha sperimentato almeno un attacco ransomware. Dal momento che potrebbe essere più facile pagare semplicemente il riscatto, si tratta comunque di una scommessa destinata a perdere: una vittima su cinque che ha pagato non riceverà mai il rimedio promesso, e il pagamento non ha alcun effetto sulla prevenzione di attacchi futuri. Cedere all’estorsione del ransomware incoraggia solamente i criminali e li arricchisce ulteriormente nei loro sforzi di sviluppo. È necessario costruire una difesa o divenire inevitabilmente una vittima di attacchi ripetuti.

Ciò che WannaCry dimostra a chiare lettere è che i truffatori del ransomware stanno costantemente tentando di migliorarsi. L’incremento del ransomware-as-a-service (il ransomware come servizio), in cui i programmatori di malware assumono eserciti di criminali inesperti per infettare le macchine – proprio come il comparto legale del software-as-a-service distribuisce i propri prodotti ai consumatori rispettando la legge – fornisce una prova evidente dell’aumento di complessità e di portata relative a questa minaccia in rapida espansione.

Il cataclisma malware di venerdì spingerà molte aziende, prima ignare o indifferenti, a prendere finalmente sul serio la minaccia del ransomware. I professionisti della sicurezza IT consigliano un approccio di difesa in profondità multilivello: mantenere un regime di backup rigoroso, correggere scrupolosamente le vulnerabilità conosciute nei sistemi operativi e nelle applicazioni, adottare misure di sicurezza estreme come antivirus e mantenere aggiornati i database di firma, segmentare le reti con firewall e VLAN per prevenire la propagazione del worm, educare gli utenti a prestare attenzione ai vettori di infiltrazione come link a messaggi e-mail e allegati sconosciuti, siti web infettati da virus, inserzioni online maligne e unità USB infette.

Acronis raccomanda di adottare tutte queste misure. Tuttavia, se desideri davvero una garanzia che i tuoi dati aziendali rimangano al sicuro dai ricattatori del ransomware – persino contro attacchi con la versione potenziata, straordinariamente letale, di WannaCry – hai solamente una soluzione che non può fallire. Hai bisogno di una protezione dati altamente integrata attiva e passiva che arresti il ransomware durante i suoi tragitti (persino le varianti con exploit a giorni zero), che ripari automaticamente i file danneggiati dal ransomware e che protegga le tue copie di backup dalla distruzione: Acronis Backup 12 Advanced con Active Protection™.