Archivio Autore

Sicurezza a vele spiegate

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Sport

Un appuntamento irrinunciabile per campioni, praticanti o semplici neofiti, il Windfestival 2013 (WF13) presenta un programma ambizioso ed una miscela esplosiva di energia sulla sabbia. Dal 4 al 6 ottobre Diano Marina, splendida località della Riviera dei Fiori (IM) ospiterà l’Expo più grande del Nord Italia, con la presenza dei più importanti brand del mondo del windsurf, kitesurf, surf e sup che presenteranno e faranno testare i materiali 2014.

Tra i protagonisti, anche First Line, leader da anni nella distribuzione delle ginocchiere CTi, prodotti rinomati per le loro caratteristiche performanti e di fondamentale supporto per chi desidera praticare lo sport in massima sicurezza

Una presenza importante, quella di First Line, che non poteva rinunciare a prendere parte ad uno dei più importanti eventi sportivi del Nord Italia, con gli atleti più forti delle varie specialità, tra cui la Coppa Italia di Windsurf Freestyle Tow-In, l’ultima tappa del Campionato Europeo di Sup Eurosupa Beach Race 7.2 e lo Special Event del Campionato Italiano di Sup Fisurf. Una tre giorni di spettacolo ed emozioni con esibizioni sportive tra vento e mare, con Super Session di Windsurf, Kitesurf e Wakeboard.

Tanto divertimento, ma in piena sicurezza, soprattutto indossando una ginocchiera CTi, salvaguardando il proprio ginocchio da eventuali traumi o infortuni. Le ginocchiere CTi sono infatti realizzate con eccellenti materiali e personalizzate su misura, irrinunciabili per chi vuole affrontare attività adrenaliniche e ad alto impatto fisico. Gli atleti sanno bene come queste discipline mettano a dura prova il ginocchio e i tendini rotulei, a causa di spinte e pressioni. La rottura del crociato (anteriore o posteriore), dei legamenti collaterali o la distorsione al ginocchio sono incidenti non così rari, che spesso comportano una fastidiosa sospensione nella pratica dello sport almeno di qualche mese. Le ginocchiere CTi diminuiscono invece questa eventualità e consentono di riprendere in breve tempo la pratica della propria passione.

Non solo prodotto, però, ma anche cultura della sicurezza. Soprattutto quando giovani e giovanissimi muovono i primi passi sulla tavola, come in questo Windfestival 2013 dove una scuola gratuita farà provare grandi emozioni ad adulti e piccini. Dalla ginocchiera CTi Custom Made per i professionisti alla linea CTi OTS per amatori e praticanti, First Line ha la risposta giusta per volare sulle onde in totale sicurezza.

First Line  www.ginocchiere.com  – 3357012767  info@first-line.itUfficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Più sicurezza in parete

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Sport

Che sia free climbing, arrampicata indoor o su pareti a strapiombo o lungo placche inclinate, per godere pienamente dell’emozione di questo sport è sempre bene dotarsi di tutti gli strumenti adatti a garantire la massima sicurezza. Tra i numerosi rischi per chi pratica questa disciplina, non bisogna certamente sottovalutare il continuo impatto e lo stress a cui vengono sottoposte le ginocchia e i legamenti, in particolare durante certi movimenti di torsione in salita, piuttosto che durante la discesa, quando si è ancora più affaticati. Fattori che possono provocare fastidiose tendiniti e infiammazioni. Per questo motivo non possono mancare nell’equipaggiamento per climbing e bouldering le ginocchiere, strumenti indispensabili per la sicurezza da traumi e infortuni.

A questo ha pensato First Line, protagonista da anni in Italia nella distribuzione e commercializzazione di prodotti legati alla salvaguardia del proprio corpo, promuovendo le ginocchiere CTi, ideali per proteggere le ginocchia da traumi o infortuni. First Line è infatti in prima linea nella diffusione della cultura della protezione, soprattutto per chi pratica sport ad alto impatto fisico, come appunto arrampicata e free climbing.

First Line ha inoltre diversificato la sua offerta offrendo due modelli in grado di rispondere sia alle esigenze del professionista che del dilettante. Per i primi consiglia di affidarsi al modello performante CTI custom made, realizzato su misura in fibra di carbonio, kevlar e snodi multicentrici in acciaio. Questo modello protegge il ginocchio e l’area rotulea, garantendo la massima stabilità e protezione, dimostrandosi un ausilio prezioso per coloro che vogliono ottenere altissime prestazioni. Per praticanti amatoriali First Line consiglia invece il modello CTi OTS, ossia la versione standard di CTi, che garantisce prestazioni analoghe a quelle fornite dal modello personalizzato, ma a costi più contenuti.

In entrambi i casi prodotti di altissima qualità, performanti e innovativi, pensati e realizzati per coloro che vogliono sfidare la natura e guardare il mondo dall’alto. Il servizio di manutenzione e verifica annuale proposto da First Line consente inoltre di disporre sempre di strumenti in perfette condizioni, durevoli nel tempo ed affidabili in ogni situazione.

First Line  www.ginocchiere.com  – 3357012767  info@first-line.itUfficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Essere più sicuri da oggi conviene

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende

Proteggersi conviene e da oggi ancora di più, grazie alla campagna messa in atto da First Line, azienda leader nella distribuzione e commercializzazione in Italia dei prodotti CTi, legati alla salvaguardia del proprio corpo, con una attenzione particolare rivolta alle protezioni del ginocchio e del polso.

Proprio per promuovere il concetto di cultura della protezione, First Line ha deciso di lanciare un’interessante campagna promozionale.

Tutti coloro che da settembre a dicembre 2013 acquisteranno una nuova coppia di tutori della gamma CTi, restituendo le loro vecchie ginocchiere, riceveranno uno sconto immediato di 200 euro.

Un’occasione speciale per gli amanti degli sport estremi, come motocross ed enduro, trial, motard, ma anche per i praticanti di discipline quali downhill, running, skate, boxe, hockey, sci e freeride, snowboard, surf, kitesurf, football americano, rugby, solo per citare alcune delle categorie più note.

Le ginocchiere CTi sono realizzate con materiali di prima qualità e personalizzate su misura, create per sportivi professionisti o semplici appassionati che non possono o non vogliono rinunciare alla pratica della propria disciplina preferita, ma anche per coloro che hanno subito traumi o infortuni a livello articolare. Nella linea di ginocchiere distribuita da First Line si distinguono le performanti ginocchiere CTi Custom Made e OTS, prodotti di altissima qualità, per i quali First Line offre un’assistenza personalizzata, fornendo anche un programma di revisione periodica grazie al quale sarà possibile sostituire, in tempi veloci, i pezzi danneggiati o usurati.

La scelta di ritirare l’usato e offrire una forte scontistica sul nuovo deriva dalla volontà di First Line di andare incontro agli sportivi, favorendo un miglioramento della sicurezza attraverso l’adozione di tutori di ultima generazione e ancor più performanti, in grado di garantire ottime prestazioni anche nelle condizioni più estreme di utilizzo.

Una formula pensata dunque per premiare tutti coloro che hanno scelto di proteggersi e di diffondere la cultura della sicurezza, in linea con la filosofia che da anni First Line porta avanti per rendere lo sport ancora più avvincente.

First Line  www.ginocchiere.com  – 3357012767  info@first-line.it

Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200

Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Il sociale che “Farete”

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende

La Cooperativa Sociale La Rupe ha scelto di partecipare anche quest’anno a Farete, uno spazio di incontro e confronto al servizio di tutte le realtà imprenditoriali bolognesi, organizzato da Unindustria Bologna in partnership con Legacoop Bologna, il 16 e 17 settembre, presso il Centro Agro Alimentare (CAAB) di Bologna.

Memore dei positivi riscontri ottenuti nel corso della passata edizione, Rupe sarà presente con un proprio stand, in cui farà conoscere all’imprenditoria bolognese il valore della collaborazione tra imprese e realtà impegnate nel sociale. Una cooperazione che si dimostra una preziosa risorsa in questa difficile contingenza economica, coniugando l’impegno verso le categorie svantaggiate con la produttività.

Forte del successo della passata edizione, la Cooperativa Sociale La Rupe vuole ancora una volta testimoniare la propria capacità di rispondere alle necessità delle aziende, grazie al continuo potenziamento delle proprie capacità produttive nel corso della sua storia trentennale. Questo ha permesso di dare vita a numerose collaborazioni con alcune delle eccellenze industriali del comprensorio bolognese, a riprova delle competenze acquisite, consentendo contestualmente alle imprese di usufruire dell’art. 22 della L.R. 17/2005, facendo fronte all’obbligo di assunzione di persone diversamente abili, esternalizzando alla Cooperativa Sociale una commessa di lavoro che copra le spese di assunzione, da parte di quest´ultima, della persona accolta.

Tra i punti di forza di Rupe, il reparto elettromeccanico, con la realizzazione di cablaggi elettrici pronti per l’installazione, forniti anche con certificato di avvenuto collaudo, e la produzione, su indicazione del cliente, di quadri comando e centraline elettroniche per il controllo di impianti elevatori e sistemi automatizzati. Notevole anche l’apporto della Lavanderia Splendor di Zola Predosa, con un servizio di lavanolo che utilizza procedure all’avanguardia e un sistema informatico per la ricomposizione dei lotti che elimina ogni margine di errore, da fornire al singolo operaio il proprio completo pulito, igienizzato e, ove richiesto, anche rammendato. A completare l’offerta, a Farete saranno presentati anche i servizi di giardinaggio e catering, ulteriori opportunità a favore delle imprese.

 

COOPERATIVA SOCIALE LA RUPE

LABORATORIO DI ELETTROMECCANICA

Via Cà de Testi, 32 40037 Sasso Marconi (BO) – T. 051.6750550 elettromeccanica@cooprupe.it

LAVANDERIA INDUSTRIALE SPLENDOR

Vicolo Artigiani, 7 40069 Zola Predosa (BO) – T. 051.799199 lavanderia@cooprupe.it

Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200

Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Dal mondo a Bologna

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende

Una gradita conferma, la partecipazione di Dynamicard per il secondo anno consecutivo a Farete, uno spazio di incontro e confronto al servizio di tutte le realtà imprenditoriali bolognesi, organizzato da Unindustria Bologna in partnership con Legacoop Bologna, il 16 e 17 settembre, presso il Centro Agro Alimentare (CAAB) di Bologna.

L’azienda, specializzata nella realizzazione di card in tecnologia digitale, dal 2007, anno di costituzione, ha saputo conquistarsi l’attenzione dei mercati internazionali grazie a soluzioni dall’alto grado di personalizzazione, che oggi trovano applicazione come controllo degli accessi, fidelity, associative, di garanzia, gift e gadget, chip card, con una richiesta che spazia dall’ospitalità agli abbonamenti, dalle prepagate a quelle identificative.

Un’eccellenza bolognese che punta alla qualità, come testimoniato dalla certificazione ISO 9001:2008 e dalle parole del Presidente Marco Ruggieri: ”Operiamo guardando al futuro, con la consapevolezza che le card sono ormai parte integrante della vita quotidiana ma che per soddisfare tutte le esigenze degli utilizzatori, anche a livello di aziende, è necessario applicare nuove tecnologie in grado di rendere sempre più performanti prodotti dal grande valore aggiunto”.

Incontrare l’imprenditoria bolognese a Farete è quindi per Dynamicard un modo per far conoscere anche al tessuto produttivo locale le positività e l’innovazione che le hanno permesso di affermarsi in tutto il mondo, conquistandosi in breve tempo una clientela che spazia dalle grandi case di moda ai club sportivi più noti, dagli istituti bancari alle realtà alberghiere d’eccellenza, fino a rinomate imprese. Un’innovazione, quella offerta da Dynamicard, anche ad alto contenuto di servizio, dalla logistica che consente lo stoccaggio anche di grossi quantitativi con consegna on demand all’occorrenza, per ridurre sprechi energetici e di materiali in produzione, al servizio, unico in Italia, di campionatura, così da permettere ai clienti di ricevere in preview 10 card perfettamente identiche a quelle che verranno poi realizzate in serie.

Dynamicard si è inoltre distinta nelle personalizzazioni, che spaziano dall’inserimento del pannello firma alle applicazioni a caldo, della banda magnetica colorata, fino all’applicazione dell’ologramma. Ogni esemplare, grazie a codici a barre o numerici, risulta al tempo stesso uguale e diverso da ogni altro, inimitabile e sicuro, con un’estetica estremamente definita.

Come spesso accade – conclude Ruggieri – si è spesso più conosciuti al di fuori del territorio in cui si risiede. Farete anche quest’anno è per noi un’opportunità per farci conoscere anche al mondo industriale bolognese, visto anche il successo e i consensi della scorsa edizione”.

Dynamicard, Via Bellini, 18 40067 Pianoro (BO) Italia

T. +39.051.6751173 F. +39.051.6260566 info@dynamicard.it www.dynamicard.it

Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200

Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Grande successo per i trent’anni di Rupe

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende

Al via i festeggiamenti per i trent’anni di Rupe, Cooperativa Sociale  la cui mission è l’accoglienza, il sostegno e il reinserimento socio-lavorativo di persone in difficoltà. La Rupe ha raccontato al folto pubblico intervenuto, tramite le testimonianze dello staff interno e dei dirigenti di prestigiose aziende, l’importanza del lavoro come via per un reintegro della persona nella società, coniugando il valore sociale con quello della produttività. Da questo binomio si è sviluppato negli anni l’attuale Area Lavoro della Cooperativa, che ad oggi può contare su un laboratorio di assemblaggio elettromeccanico, una lavanderia industriale, un settore per la manutenzione delle aree verdi e un neonato servizio di catering. Nel corso degli anni sono nate collaborazioni virtuose con numerose eccellenze imprenditoriali di tutta la Regione Emilia Romagna, anche grazie all’opportunità per le Aziende di poter far fronte all’obbligo di assunzione di persone diversamente abili attraverso l’esternalizzazione di commesse di lavoro alla Cooperativa (art. 22 della L.R. 17/2005), con ricadute positive sulle rispettive realtà e sul benessere di tutta la comunità territoriale.

Ad aprire la conferenza, Lorenzo Zanarini, Direttore Area Lavoro Cooperativa Sociale Centro Accoglienza La Rupe, che ha posto l’accento sulla presenza di Rupe nel territorio “Il comune di Sasso Marconi è un nostro  partner prezioso e ci consente di impiegare persone svantaggiate in alcune aree lavoro, come la manutenzione del verde. Siamo riusciti a sviluppare tutti i nostri progetti grazie ai valori che ci animano da sempre: sostegno, accoglienza, determinazione e profonda volontà di aiutare le persone in difficoltà a reintegrarsi. Cerchiamo di essere degli animatori sul territorio, non occupandoci solo di disagio ma anche di promozione sociale in senso lato.

Anche l’educazione è un fattore primario per La Rupe. I giovani sono infatti coinvolti in attività che, senza soffocare la loro creatività, li porti a un percorso di crescita individuale e all’interno della comunità locale. A darne testimonianza, la bella performance di tre giovani writer che hanno realizzato alcuni murales nel corso dell’evento, dedicati al tema del lavoro, a dimostrazione di come la libera espressione artistica possa avere un forte valore culturale e formativo.

Stefano Mazzetti, Sindaco di Sasso Marconi, ha sottolineato il clima particolare che si respira in Rupe “Non è la prima volta che faccio visita al capannone e ogni volta rimango piacevolmente colpito dal clima positivo, dalla volontà di collaborazione e dal piacere di stare insieme. La Rupe rappresenta un momento sociale importante per il territorio di Sasso Marconi, un rapporto che è cresciuto nel corso negli anni, radicandosi sempre più con lo sviluppo progressivo dei servizi sociali offerti. Rupe ha la peculiarità di essere una vera e propria azienda, ma focalizzata su principi etici molto forti, quali la qualità del lavoro e la centralità della persona”.

Silverio Ventura, Assessore alle Attività Produttive di Sasso Marconi, ha puntato l’attenzione sull’importanza di conoscere le realtà imprenditoriali della zona, promuovendone le attività “per creare collaborazioni tra le aziende ed esempi virtuosi come quello rappresentato dalla cooperazione sociale. Sostenere un percorso come quello di Rupe potrebbe favorire il lancio di un progetto pilota per creare un forte volano economico”.

Tra i relatori, Alberto Alberani, Presidente Lega Coop, che ha catturato l’attenzione del pubblico con un’interessante soluzione economica che guarda al futuro “Le cooperative sociali sono la ricetta contro la crisi. I modelli capitalista e comunista hanno fallito, non hanno funzionato e non funzioneranno neanche in futuro. Non si tornerà più a produrre come in passato, ma tra questi due sistemi deficitari ci siamo noi, le cooperative sociali, con una formula dal grande potenziale. Tuttavia, perché questo modello funzioni, bisogna evitare l’individualismo e l’autoreferenzialità, promuovendo processi aggregativi e generando una massa critica tale da avere una forte voce in capitolo nell’economia del futuro. E’ quindi necessario uscire dal territorio locale e guardare avanti, creando progetti comuni.

Ad arricchire il confronto, le testimonianze di due importanti realtà imprenditoriali. Marco Casari, Direttore Acquisti di FAAC, nota azienda specializzata in soluzioni per automazioni, ha ripercorso la storia della felice collaborazione con Rupe: “La convenzione con Rupe è nata quando, per fronteggiare un picco di produzione, abbiamo pensato di esternalizzare alcune attività, con l’assunzione di tre disabili. La nostra collaborazione è iniziata nel 2008 e, a fronte dei risultati raggiunti, il nostro desiderio è di continuare su questa via. Rupe è sinonimo di qualità, servizio ed efficienza, le persone che lavorano con noi sono competenti e disponibili. Sono felice di poter affermare che è un’avventura che ha portato grandi soddisfazioni reciproche”.

Federico Bellotti, Responsabile di Produzione di SELE Ascensori Italiani, primo gruppo italiano specializzato nei sistemi di sollevamento verticale ha ricordato come “La collaborazione con Rupe risale a molto tempo addietro, che non si è mai interrotta e che anzi si è arricchita di una nuova attività. Oltre agli altri servizi di cui ci avvaliamo, Rupe ha infatti iniziato a informatizzare il nostro archivio tecnico, dimostrandosi anche in questo un partner affidabile e molto disponibile a fornire una risposta concreta alle nostre necessità”.

L’evento è proseguito con la visita allo stabilimento e alla nuova palazzina servizi, per concludersi con un sfizioso cocktail party realizzato dal catering di Rupe.

COOPERATIVA SOCIALE LA RUPE – SEGRETERIA e AMMINISTRAZIONE

Via Rupe, 9 • 40037 Sasso Marconi (BO) •T. 051.841206 • F. 051.6750400 • rupecentrale@centriaccoglienza.it

Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200

Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Sicurezza tra le vette

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Sport

Una buona attrezzatura è davvero indispensabile anche per l’escursionista più esperto. Troppo spesso però ci si dimentica che camminare in montagna sottopone le articolazioni, soprattutto di caviglie e ginocchia, a forti sollecitazioni, generando, fastidiose tendiniti o infiammazioni e nei casi più gravi, distorsioni. E’ quindi fondamentale proteggere le proprie ginocchia con un corretto equipaggiamento. Proprio per questo First Line, protagonista nella distribuzione e commercializzazione in Italia dei prodotti legati alla salvaguardia del proprio corpo, promuove da anni la linea di ginocchiere CTi, ideali per proteggere le ginocchia da eventuali traumi o infortuni.

First Line è infatti in prima linea nella diffusione della cultura della protezione, con particolare attenzione per chi ama praticare sport potenzialmente traumatici. Nel trekking, la discesa rappresenta uno di quei momenti particolarmente critici, in cui il peso del corpo sottopone a forte stress le articolazioni, già in costante difficoltà per via del terreno accidentato. Anche in queste situazioni estreme, le ginocchiere Cti, realizzate con materiali di prima qualità e personalizzate su misura, sono diventate ormai un elemento insostituibile nell’equipaggiamento dello sportivo che non vuole correre rischi. First Line si prende cura di chi vuole trascorrere le proprie giornate all’aria aperta in tranquillità, promuovendo il modello Trainer, un tutore dinamico, leggero e flessibile, raccomandato negli sport a basso impatto fisico, che assicura un sostegno straordinario durante le camminate. Per chi predilige invece percorsi decisamente più impegnativi, First Line consiglia la linea CTi Custom Made o CTi OTS. Realizzati in fibra di carbonio, kevlar e snodi multicentrici in acciaio, proteggono il ginocchio e l’area rotulea dagli urti, garantendo la massima stabilità e protezione. Questi modelli sono utilizzati principalmente da quegli escursionisti che vogliono ottenere altissime prestazioni. L’affidabilità consolidata delle ginocchiere CTi, consente di poter praticare, il proprio sport, in sicurezza, anche in seguito ad un infortunio sull’articolazione.

First Line  www.ginocchiere.com  – 3357012767  info@first-line.it Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com Addetta stampa Francesca Scoto press@borderlineagency.com

In movimento con Varvel

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende

Non poteva non rispondere all’appello anche Varvel SpA, storica PMI che ha proprio nel territorio di Crespellano (BO) la sede principale. E’ stato così possibile portare a compimento il progetto “Liberi di essere, liberi di muoversi” promosso da Asc-InSieme (Azienda consortile Interventi Sociali valli del Reno, Lavino e Samoggia) e l’Assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Crespellano (BO), in collaborazione con la società “Mobility Life”.

L’entusiastica risposta del tessuto produttivo locale ha permesso la consegna in comodato d’uso gratuito di un automezzo “Fiat Ducato” attrezzato e di una Fiat Punto a metano destinati alle attività sociali del territorio. Alla cerimonia di consegna, in presenza delle autorità comunali, Varvel SpA sul palco dei relatori ha voluto rimarcare l’importanza del ruolo svolto da aziende animate da un forte senso di responsabilità sociale. Mauro Cominoli, Direttore Generale di Varvel SpA, invitato sul palco ha infatti sottolineato come un’impresa deve vivere il contesto in cui è inserita. Per questo, pur operando a livello internazionale e in tante parti del mondo, Varvel SpA ha da sempre un occhio di riguardo per l’area in cui è ubicata. A dimostrarlo, le diverse azioni compiute negli anni a favore di enti, associazioni, scuole e realtà locali.

Un’impresa deve saper vivere il territorio – ha spiegato Mauro Cominoli, Direttore Generale di Varvel SpAcoglierne le problematiche e contribuire per quanto le è possibile alla risoluzione dei problemi. Anche in questo caso Varvel Spa ha voluto partecipare a questa raccolta fondi per testimoniare come un’impresa non sia solo un sito produttivo, ma un insieme di persone che in maniera dinamica e attenta sanno ascoltare le esigenze della comunità, rispondendo in maniera concreta”.

Dello stesso avviso anche Francesco Berselli, Presidente di Varvel SpA: “Abbiamo sempre incentrato la nostra filosofia sull’essere un’impresa socialmente responsabile. Ogni anno cerchiamo di individuare dei progetti e di sostenerli perché ci sentiamo parte integrante di una comunità con la quale ci relazioniamo nella nostra quotidianità. Ci è quindi parso doveroso portare il nostro contributo per aiutare il Comune nella gestione dei trasporti di anziani e diversamente abili, grazie a questi mezzi appositamente progettati per questo tipo di esigenza”.

 

Varvel SpA – Via 2 Agosto 1980 n. 9 – 40056 Crespellano BO – Italy – Tel. +39 051 6721811 – Fax +39 0516721825 – varvel@varvel.com

Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200

Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Tempo di esami con Varvel

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende

Da sempre Varvel SpA, pmi di Crespellano (BO) specializzata nella progettazione, realizzazione e commercializzazione di motoriduttori, riduttori e variatori meccanici di velocità, conosciuta in tutto il mondo, è impegnata nella formazione dei giovani. Non poteva quindi non sposare il progetto IFTS “Tecnico superiore di industrializzazione del prodotto e del processo nella meccanica” presentato all’interno del bando 2012 “Invito a presentare progetti di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) e progetti di formazione alta e superiore” in attuazione del Piano Triennale Regionale della Formazione Superiore – Rete Politecnica 2011 – 2013. In qualità di partner del progetto, ha fornito la disponibilità di un proprio tecnico per effettuare lezioni presso istituti di formazione professionale, come nel caso della Fondazione Aldini Valeriani di Bologna, accompagnando gli studenti fino alle prove finali.

Nelle giornate del 17 e 18 luglio 2013, i ragazzi che già erano stati in visita presso la sede di Varvel SpA, si sono trovati all’ultimo passo, l’esame per l’ottenimento del Certificato di Specializzazione tecnica Superiore – IV° Livello Europeo. Gli studenti si sono applicati in una prova di simulazione pratica che ha riguardato la soluzione di un caso aziendale ed in particolare l’analisi di un ciclo di lavoro, all’interno del processo produttivo di un’azienda meccanica, nel quale si evidenziano le problematiche di analisi relative al controllo e al flusso di produzione. Ad aiutarli, nel difficile momento, anche Varvel che ha donato i 18 riduttori necessari per lo svolgimento del compito assegnato.

Un piccolo gesto – afferma Francesco Berselli, Presidente di Varvel SpAma anche una testimonianza di quanto sia prezioso per noi aiutare le scuole e gli enti di formazione. Abbiamo sostenuto il progetto fin dall’inizio ed è stato emozionante seguire i ragazzi fino alla fine. I riduttori e variatori meccanici di velocità donati volevano essere un po’ anche un portafortuna per questi giovani che affrontano ora il mondo del lavoro”.

Dello stesso avviso anche Mauro Cominoli, Direttore Generale di Varvel SpA: “La formazione è fondamentale per riuscire a trovare uno sbocco professionale, soprattutto in questo difficile momento in cui l’industria cerca figure preparate e competenti. Le imprese hanno per noi il dovere di aiutare questi processi di scambio e di conoscenza, perché l’esperienza e la pratica che un’azienda può offrire arricchiscono e completano quanto appreso a livello teorico sui libri e a lezione. Ben vengano quindi queste opportunità a cui Varvel risponde sempre con grande disponibilità ed entusiasmo”.

Varvel SpA – Via 2 Agosto 1980 n. 9 – 40056 Crespellano BO – Italy – Tel. +39 051 6721811 – Fax +39 0516721825 – varvel@varvel.com

Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200

Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Adrenalina senza limiti con First Line

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Sport

In sella a una mountain bike, lungo sentieri di montagna e terreni sterrati, oppure lanciati in discese che tolgono il respiro, adrenalina e avventura allo stato puro sono garantite. Non mancano però i rischi e gli imprevisti lungo il percorso: passerelle basculanti, scivolate, buche, cadute, non sono certo una rarità. Anche il professionista più audace di downhill o freeride non può perciò fare a meno della specifica attrezzatura. Insieme alla speciale mountain bike super ammortizzata e con freni a disco, casco integrale, pettorina con paraschiena, guanti rinforzati, si rivelano indispensabili anche le protezioni per le ginocchia.

L’immancabile allenamento, fondamentale per la pratica di questo sport che richiede grande concentrazione, insieme ad un pizzico di follia, soprattutto nelle competizioni sportive, deve infatti essere accompagnato da adeguati strumenti a tutela degli atleti. La pratica del downhill sottopone infatti braccia e gambe a molti contraccolpi e sollecitazioni che possono comportare rischi elevati per il ginocchio, come fastidiose distorsioni.
First Line ha pensato agli appassionati di questi sport estremi, importando e distribuendo una linea di ginocchiere con materiali di prima qualità e altamente performanti. Per i professionisti che vogliono provare il brivido su due ruote, First Line consiglia CTi Custom Made, ossia il modello personalizzato per chi si misura in gare o competizioni. Realizzato su misura, in fibra di carbonio, kevlar e snodo in acciaio multicentrico, protegge il ginocchio e l’area rotulea dagli urti violenti e dalle cadute. Questa linea è utilizzata principalmente da quegli atleti che vogliono ottenere altissime prestazioni, anche a seguito di un infortunio. I più temerari potranno così lanciarsi lungo discese mozzafiato fino a raggiungere gli 80 Km/h.

Non solo in montagna, o sull’Appennino, ma anche in città. Arriva infatti anche in Italia l’urban downhill che porta i professionisti di questi sport a misurarsi nel centro delle città attraverso vicoli, piazze e scalinate, garantendo così uno spettacolo di adrenalina allo stato puro.

Ma non bisogna per forza essere rider esperti per praticare downhill. Per chi desidera infatti avvicinarsi a questa disciplina e trascorrere un pomeriggio diverso dal solito immerso nella natura, divertendosi ma in sicurezza, First Line propone il modello CTi OTs, distribuito in 5 taglie e realizzato con i medesimi materiali del modello personalizzato ma a costi più contenuti.

Divertimento, adrenalina e sicurezza sempre garantiti, con le ginocchiere First Line!

First Line  www.ginocchiere.com  – 3357012767  info@first-line.itUfficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com Addetta stampa Francesca Scoto press@borderlineagency.com