Archivio Autore

Costruire il domani

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Industria

Occorre investire per poter continuare a crescere. Questo il segnale che giunge svogliando il Bilancio di Sostenibilità 2013 presentato da Varvel SpA , storica PMI bolognese specializzata nella progettazione, realizzazione e commercializzazione di motoriduttori, riduttori e variatori meccanici di velocità.
Un documento, quello proposto annualmente da Varvel, in cui l’azienda espone con la massima trasparenza tutti gli elementi che la caratterizzano, sia sul piano produttivo che su quello gestionale. Oltre al grande impegno per la collettività che la rende un’impresa socialmente responsabile, come testimoniato dal Bilancio stesso in cui emerge come Varvel consideri nella definizione della propria strategia, nell’identificazione dei propri principi e nei comportamenti di gestione quotidiani, gli interessi di tutte le parti interessate (dipendenti, clienti, fornitori, istituzioni, comunità sociale etc.) e gli impatti che il suo operato può avere sia a livello economico, che sociale ed ambientale.
Come emerge dalla lettura, il 2013 è stato un anno molto importante per Varvel, con un sessantesimo alle porte e numerosi progetti che hanno dato l’avvio al piano triennale di sviluppo che è alla base del processo di internazionalizzazione in corso. A partire dall’introduzione del gestionale SAP connesso ad un CRM, per potenziare i meccanismi relazionali con clienti e distributori, a cui si somma il Varvel Production System per bilanciare tutte le operazioni industriali sulla vera domanda di mercato, raccogliendo contestualmente i frutti di un’ottimizzazione logistica, con la piena operatività del nuovo polo milanese, inaugurato nel 2012.
Il 2013 è stato anche l’anno di lancio dei moduli entrata ISM con albero sporgente e BSM anti-ritorno, una grande novità nelle linee di prodotto, insieme alla prima versione di RB13, un riduttore ad assi paralleli che ha riscosso grandi consensi e a cui segue la versione 2014, ancor più performante in termini di silenziosità di funzionamento e pienamente rispondente alle esigenze del mercato globale.
Forte impegno ha dimostrato anche il reparto ricerca e sviluppo, dedicandosi a grassi e lubrificanti, al centro di nuovi studi e procedure innovative per la verifica delle prestazioni, oltre che a diversi sistemi all’avanguardia nell’analisi vibracustica, misurazione dei decibel e nella condivisione di un progetto del Ministero della Ricerca, migliorando ulteriormente il controllo qualità.
Uno slancio verso il domani che si è concretizzato con la partecipazione al Programma Europeo Horizon 2020 che fornirà le risorse per consentire la realizzazione di un rivoluzionario riduttore smart in grado di funzionare senza lubrificante.
Nel Bilancio di Sostenibilità trovano spazio anche le attività che caratterizzano Varvel come impresa socialmente responsabile e che anche nel 2013 sono proseguite attivamente, spaziando dalla riduzione dell’impatto ambientale al supporto a realtà benefiche locali, nazionali ed internazionali, arrivando al recente conseguimento della certificazione BS OHSAS 18001, relativa al sistema di gestione per la salute e la sicurezza sul lavoro, senza tralasciare la salvaguardia del made in Italy e di posti di lavoro, la crescita di una rete di impresa e del dialogo con tutti gli stakeholder, anche attraverso un forte potenziamento dei canali di comunicazione aziendali, per estendere il concetto di qualità non solo al prodotto, ma anche a tutti i soggetti con cui Varvel si relaziona, in Italia e nel mondo.
“Per un’azienda come Varvel è fondamentale condividere la filosofia che la anima – afferma Francesco Berselli Presidente di Varvel S.p.A. – proprio perché la trasparenza verso gli stakeholder e la diffusione dei valori che la caratterizzano sono parte integrante della nostra mission”.
“Lo scorso anno è stato molto impegnativo– conferma Mauro Cominoli, Direttore Generale di Varvel S.p.A. – poiché abbiamo dato il via ad una serie di progetti innovativi che nel corso del tempo ci regaleranno i frutti che ci auguriamo. Per un’azienda, specialmente nei momenti difficili come quelli che sta attraversando l’economia a livello globale, occorre puntare sull’innovazione per continuare a guardare avanti. Noi l’abbiamo fatto e già i primi riscontri sono molto positivi”.

Varvel SpA – Via 2 Agosto 1980 n. 9 – 40056 Crespellano BO – Italy – Tel. +39 051 6721811 – Fax +39 0516721825 – varvel@varvel.com
Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200
Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Il riduttore del futuro

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Economia

Un salto nel futuro, quello compiuto da Varvel S.p.A., storica PMI bolognese specializzata nella progettazione, realizzazione e commercializzazione di motoriduttori, riduttori e variatori meccanici di velocità. L’impresa ha infatti recentemente avuto la conferma di aver avuto accesso al Programma Europeo Horizon 2020. Una notizia che ha riempito di soddisfazione l’azienda, giunta ad un passo dal sessantesimo anniversario dalla propria costituzione, avvenuta nel 1955, dal momento che tale risultato – ottenuto soltanto da 20 imprese in tutta Italia di cui solo 2, compresa Varvel, nel panorama bolognese – consentirà di poter disporre delle risorse per concretizzare l’avveniristica idea di innovazione tramite uno studio di fattibilità mirato ed approfondito per la realizzazione di un riduttore smart in grado di funzionare senza lubrificante.
Una risposta che nasce dall’attenzione alle problematiche ambientali dei nostri giorni e fortemente sentita da Varvel S.p.A., da sempre distintasi nel panorama nazionale per essere un’azienda socialmente responsabile, come comprovato dalla pubblicazione annuale del Bilancio di Sostenibilità in cui con la massima trasparenza espone a tutti gli stakeholder i diversi aspetti che la caratterizzano.
Un successo prezioso, quello ottenuto con il passaggio allo step successivo del Programma Horizon 2020, perché consentirà di ottenere il sostegno economico dei fondi europei destinati alla ricerca e all’innovazione per la durata di 2 anni ed un ammontare superiore al milione di euro.
Indubbiamente l’obiettivo di lanciare un prodotto innovativo che possa consentire a Varvel di acquisire nuovi mercati e rimanere competitiva nel settore è di grande importanza, soprattutto considerando che si tratta di una sfida non ancora raccolta dai competitor.
Un simile riscontro rappresenta inoltre il consolidamento di un percorso ormai decennale di Varvel nell’ambito della ricerca e dell’innovazione, testimoniato dai numerosi progetti con Università e enti di ricerca in ambito regionale e nazionale. Pertanto Horizon 2020 e il coinvolgimento nell’ambito della Comunità Europea significano per Varvel la naturale e sperata evoluzione di un processo di sviluppo in cui l’azienda ha dimostrato un impegno costante nel corso dei decenni. Proprio quest’ultimo fattore è stato infatti determinante per individuare in anticipo potenziali soluzioni da impiegare nell’innovazione ed arrivare così ad essere pronti con un idea da proporre nel Programma Horizon 2020 che con un bilancio complessivo di 77 miliardi di Euro per il periodo 2014-2020, rappresenta lo strumento principale dell’Unione Europea per il finanziamento della ricerca e dell’innovazione in Europa, con un’attenzione particolare per la partecipazione delle imprese.
“Raccogliamo questa nuova sfida con entusiasmo – afferma Francesco Berselli, Presidente di Varvel S.p.A. – a coronamento di un lavoro portato avanti negli anni con il prezioso contributo di tutti, proprio alle soglie delle celebrazioni del nostro sessantesimo. Un traguardo che è in realtà non solo un punto di arrivo, ma contestualmente anche di lancio verso l’Europa e il mondo, andando a rafforzare quel processo di internazionalizzazione che oggi ci vede in 60 paesi, in tutti i 5 continenti”.
“Il nostro reparto ricerca e sviluppo è sempre stato all’avanguardia – conferma Mauro Cominoli, Direttore Generale di Varvel S.p.A. – grazie ad un continuo scambio con laboratori, università e programmi ministeriali che ci hanno permesso di raggiungere importanti risultati, i cui frutti si potranno vedere nei prossimi anni. Certamente Horizon 2020 sarà un’opportunità sui cui ci concentreremo con la massima determinazione, considerando che oltre ai benefici per l’azienda, la riuscita dell’impresa potrebbe davvero portare ad un rivoluzionario prodotto dalla enormi, positive ricadute sulla collettività”.
L’impatto di un riduttore smart capace di funzionare senza lubrificante apre infatti nuovi scenari nell’ambito della meccanica e delle trasmissioni di potenza, con effetti enormi nella gestione delle risorse, nella riduzione dell’impatto ambientale e nella differente gestione di parchi macchine. Oltre, ovviamente, ad un’incidenza significativa nell’ambito delle prestazioni, dell’affidabilità e della vita stessa dei prodotti, prefigurando scenari futuri che, nei laboratori R&D della storica PMI bolognese, stanno già prendendo forma.

Varvel SpA – Via 2 Agosto 1980 n. 9 – 40056 Crespellano BO – Italy – Tel. +39 051 6721811 – Fax +39 0516721825 – varvel@varvel.com
Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200
Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Protagonista oggi e domani

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Economia

Sul palco per condividere i passi che hanno condotto al successo. Varvel S.p.A., storica PMI bolognese specializzata nella progettazione, realizzazione e commercializzazione di motoriduttori, riduttori e variatori meccanici di velocità è infatti tra le realtà del workshop organizzato da Aster, il 21 Ottobre, presso il Savoia Hotel Regency di Bologna.
Grazie ad un avveniristico progetto per lo sviluppo di un riduttore smart in grado di funzionare senza lubrificante, prototipo unico nel suo genere, l’azienda bolognese giunta alle soglie del sessantesimo anno dalla sua costituzione, nel 1955, ha infatti recentemente avuto la conferma di aver avuto accesso al Programma Europeo Horizon 2020.
Un riconoscimento importante, ottenuto soltanto da 20 imprese in tutta Italia di cui solo 2, compresa Varvel, nel panorama bolognese, che consentirà di poter disporre delle risorse per concretizzare l’avveniristica idea di innovazione tramite uno studio di fattibilità mirato ed approfondito per la realizzazione del riduttore del futuro.
L’adesione al workshop è volta ad esporre le opportunità di finanziamento di Horizon 2020 per le imprese, portando la propria esperienza diretta su regole e fasi di partecipazione, gli aspetti relativi alla tutela della proprietà intellettuale e i servizi di supporto per le imprese regionali. L’incontro, organizzato da ASTER, nel suo ruolo di Sportello Emilia-Romagna di APRE (Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea) e di punto di contatto locale della Enterprise Europe Network, la rete europea a supporto dell’innovazione nelle imprese, rappresenta un momento prezioso per far comprendere non solo il valore del Progetto Horizon 2020, ma anche quali implicazioni e impatti possa avere l’adesione ad esso per un’azienda.
“Il conseguimento di un simile obiettivo – affermano Francesco Berselli e Mauro Cominoli, Presidente e Direttore Generale di Varvel S.p.A. – è stato per noi un momento di grande soddisfazione, ma anche di un rinnovato impegno. Abbiamo scelto di condividere la nostra esperienza per cercare di aiutare, per come ci è possibile, altre realtà ad accedere a questo programma e poter a loro volta sviluppare progetti che possano cambiare il futuro, in meglio, come auspichiamo possa fare il nostro rivoluzionario riduttore a secco”.

Varvel SpA – Via 2 Agosto 1980 n. 9 – 40056 Crespellano BO – Italy – Tel. +39 051 6721811 – Fax +39 0516721825 – varvel@varvel.com
Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200
Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Con ANT per la prevenzione oncologica

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Salute

Proprio quest’anno Varvel SpA, storica azienda meccanica bolognese operante a livello internazionale, specializzata nell’ideazione, progettazione, produzione di variatori e riduttori di velocità, festeggia i 10 anni del programma di sostegno continuativo a favore di tre Onlus, ANT, Medici Senza Frontiere e Unicef, versando a ognuna delle tre associazioni, per ogni prodotto venduto, un contributo di 0,02 euro.
Per celebrare l’anniversario, l’azienda, impegnata attivamente nel sociale fin dalla sua costituzione avvenuta nel 1955, ha scelto di favorire una solidarietà proattiva, nella speranza che azioni ad ampia condivisione possano aumentare la ricaduta positiva sui beneficiari.
Da sempre attenta al territorio in cui risiede, Varvel ha pertanto scelto di offrire insieme ad ANT 10 giornate di visite di controllo e prevenzione oncologica a Crespellano e a Castello di Serravalle, compagini oggi incluse nel Comune di Valsamoggia (BO), nel periodo autunno-inverno 2014, il sabato, per favorire la massima partecipazione e coprire a pieno il territorio. Con la preziosa collaborazione delle Istituzioni che hanno messo a disposizione i locali, i medici della Fondazione ANT potranno così effettuare diverse centinaia di visite per la prevenzione e la diagnosi precoce dei tumori della cute ed in particolare del melanoma, così come delle neoplasie tiroidee.
Con i suoi 4.000 malati seguiti ogni giorno a domicilio da 400 professionisti, ANT rappresenta la più ampia realtà non profit nel Paese per l’assistenza socio-sanitaria gratuita ai sofferenti di tumore. A partire dal 2004, la Fondazione ANT ha affiancato all’impegno nell’assistenza domiciliare ai malati di tumore anche quello nella prevenzione oncologica gratuita, arma assai efficace nella lotta alle neoplasie, attraverso visite volte alla diagnosi precoce di alcuni tumori che, se individuati sul nascere, presentano elevate possibilità di guarigione. Il melanoma, subito dopo il cancro al polmone nelle donne, è il tumore la cui diffusione è maggiormente cresciuta negli ultimi anni, mentre i tumori della tiroide rappresentano le più frequenti neoplasie del sistema endocrino, spesso sviluppandosi in maniera silente e subdola.
Le visite, effettuate da medici specialisti della Fondazione ANT, sono interamente gratuite per l’utente finale: la gratuità è infatti segno concreto di solidarietà e della volontà di tutelare la salute della persona, superando possibili difficoltà economiche di chi desidera beneficiare delle visite.
“Alle soglie del sessantesimo che celebreremo il prossimo anno e nel decennale della collaborazione con ANT – afferma Francesco Berselli, Presidente di Varvel SpA – abbiamo voluto ulteriormente testimoniare, con queste visite di prevenzione, la vicinanza alla compagine territoriale che ci ha visto crescere in questi anni, confermando come un’azienda non sia solo un luogo produttivo, ma un insieme di persone che vivono su il territorio in cui si trovano pressoché quotidianamente, condividendo determinati valori”.
“Quest’anno, per celebrare questo lungo rapporto – conferma Mauro Cominoli, Direttore Generale di Varvel SpA – abbiamo scelto di favorire azioni tali da coinvolgere maggiormente il pubblico e diffondere ulteriormente la nostra filosofia, secondo cui investire nel sociale non è solo una questione d’immagine e una mera azione di facciata, ma un modo per dimostrare un impegno reale, intimamente vissuto come un compito precipuo di un’azienda come Varvel che si voglia definire socialmente responsabile”.

Varvel SpA – Via 2 Agosto 1980 n. 9 – 40056 Crespellano BO – Italy – Tel. +39 051 6721811 – Fax +39 0516721825 – varvel@varvel.com
Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200
Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Pronta a tutto con la “Daily Bag”

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Beauty & Wellness, Lifestyle

Da sempre attenta al mondo femminile, Cotoniera Facchini, storica azienda bolognese che da quasi un secolo veste, con la propri linea di abbigliamento professionale, “le Donne che lavorano”, lancia sul mercato la nuova linea “Fashion Shopping”, pensata esclusivamente per appagare le diverse necessità della donna moderna.
Le “Daily Bag”, borse in tessuto ideate dal reparto creativo della Cotoniera Facchini, sono i primi articoli usciti in anteprima dalla nuova linea di produzione, tutta rigorosamente made in Italy.
Disponibili in diversi colori, con fantasie moderne e alla moda, le “Daily Bag” by Cotoniera Facchini sono progettate per soddisfare le esigenze della Donna di oggi, sempre più dinamica e in movimento, quindi bisognosa di accessori pratici, comodi e che le permettano di avere tutto a portata di mano in ogni occasione.
Per la realizzazione, gli stilisti della Cotoniera Facchini si sono ispirati ad un design easy e allo stesso tempo pratico e versatile. Le nuove “Daily Bag” Cotoniera Facchini sono infatti ideali per lo shopping e il tempo libero, per il cambio della divisa al lavoro, in palestra e per uscire la sera con le amiche o per il weekend al mare.
Le differenti fantasie, varie e colorate, sono disegnate per seguire la donna in qualsiasi situazione: i pois sono ideali per il lavoro giornaliero, le righe per il tempo libero o in spiaggia, mentre i motivi “chic” floreali in rosa, viola, azzurro, grigio e giallo, sono un perfetto accompagnamento anche per le uscite serali.
Una novità importante per l’azienda bolognese, caratterizzata da una dirigenza tutta al femminile che con coraggio decide di andare oltre il settore storico di riferimento, l’abbigliamento professionale per Dottoresse, Odontoiatre, Farmaciste, Infermiere, Estetiste, Fisioterapiste per lanciarsi in una nuova avventura dedicata a tutte le Donne.
Un’idea, la “Daily Bag”, davvero vincente e pienamente ripagata dal grande successo ottenuto in questo primo periodo di vendite, tanto che lo staff Cotoniera Facchini, fortemente motivato da questo positivo riscontro e sollecitato dalle richieste delle entusiaste clienti, è già al lavoro per la “Winter Collection” in uscita nei prossimi mesi.
Le “Daily Bag” sono disponibili per l’acquisto tramite e-commerce sul sito www.cotonierafacchini.it, oltre che nell’atelier di via San Vitale, in pieno centro storico a Bologna.

Cotoniera Facchini Srl – Via Caduti di Cefalonia, 5 40125 Bologna
- Italy – T. +39.051 231418
 F. +39. 051263757 – info@cotonierafacchini.it – www.cotonierafacchini.it

Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200
Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Cotoniera Facchini Srl

Borderline

Comodità a portata di tasca

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Beauty & Wellness, Lifestyle

Cotoniera Facchini Srl , azienda operante dal 1924 nel settore tessile, continua a stupire il pubblico femminile a pochi giorni dal lancio della linea “Fashion Shopping” e delle borse “Daily Bag”. La storica impresa bolognese, infatti, presenta le “Pocket Ballerina”, scarpe basse griffate Dr. Scholl, dal tessuto morbido e pieghevole, dedicate a chi è sempre in movimento e non vuole rinunciare alla comodità.
Le “Pocket Ballerina” sono pratiche e poco ingombranti, ideali per dare sollievo al piede dopo una giornata lunga e frenetica.
Non solo, grazie all’elevata leggerezza e flessibilità, possono essere comodamente trasportate in una borsetta o persino in una tasca, dimostrandosi la soluzione definitiva per tutte le donne che adorano i tacchi, ma vorrebbero un’alternativa sempre a portata di mano.
La grande forza delle “Pocket Ballerina” Dr. Scholl è infatti l’essere sempre pronte per l’uso al momento di bisogno, in un intelligente connubio di comfort e praticità, ad esempio nel tragitto casa-lavoro.
Caratterizzata da materiale elastico e suola imbottita, la nuova linea di calzature innovative proposta da Cotoniera Facchini risulta morbida e facile da indossare: per guidare, camminare o viaggiare in totale relax.
Una grande novità per il pubblico femminile di Cotoniera Facchini che amplia ulteriormente l’offerta di prodotti studiati per il benessere di tutte le donne, proprio come per la linea di borse pratiche e versatili “Daily Bag”, recentemente lanciate dalla storica azienda bolognese.
Entrambi i prodotti rispecchiano così la volontà di Cotoniera Facchini e della sua dirigenza tutta al femminile, di andare incontro alle esigenze e alle necessità della donna di oggi, prima sul lavoro, con divise e abiti professionali, poi nel tempo libero, con la “Daily Bag” e ora con la “Pocket Ballerina”, con il chiaro intento di rendere più facile e confortevole la vita di tutti i giorni.
La “Pocket Ballerina” è disponibile all’acquisto on-line, sul sito www.cotonierafacchini.it, o presso l’atelier Cotoniera Facchini in via San Vitale, nel cuore del centro storico di Bologna.

Cotoniera Facchini Srl – Via Caduti di Cefalonia, 5 40125 Bologna
- Italy – T. +39.051 231418
 F. +39. 051263757 – info@cotonierafacchini.it – www.cotonierafacchini.it

Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200
Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Con MSF contro la malnutrizione infantile

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Dal Mondo

Nel 2014 ricorre il decennale del programma di sostegno continuativo messo in atto da Varvel SpA, storica azienda meccanica bolognese operante a livello internazionale, specializzata nell’ideazione, progettazione, produzione di variatori e riduttori di velocità, a favore di tre Onlus, ANT, Medici Senza Frontiere e Unicef, versando a ognuna delle tre associazioni, per ogni prodotto venduto, un contributo di 0,02 euro.
Per sottolineare questo lungo percorso insieme, quest’anno Varvel ha scelto di realizzare azioni di carattere locale, nazionale ed internazionale, con l’intento di diffondere ulteriormente la propria filosofia, secondo cui investire nel sociale non è solo una questione d’immagine ed una mera azione di facciata, ma un modo per dimostrare come un’azienda non sia soltanto un luogo produttivo, quanto piuttosto un insieme di persone accomunate da valori condivisi e vissuti quotidianamente.
A tale scopo, Varvel ha scelto di sovvenzionare Medici Senza Frontiere per assicurare un trattamento completo a base di alimenti terapeutici pronti all’uso per oltre 200 bambini gravemente malnutriti, coinvolgendo inoltre il proprio personale nell’iniziativa di volontariato La Feltrinelli-MSF che prevede da fine novembre a fine dicembre la partecipazione in qualità di volontari nelle librerie La Feltrinelli, impacchettando i libri dei clienti a fronte di una donazione per MSF.
La decisione di favorire una solidarietà proattiva rappresenta un ulteriore stimolo per Varvel, animata dalla speranza che azioni ad ampia condivisione possano incentivare il tessuto produttivo e l’opinione pubblica a rendersi parte attiva in iniziative di carattere sociale, aumentandone così la ricaduta positiva.
“Abbiamo sempre desiderato andare oltre la semplice contribuzione economica – afferma Francesco Berselli, Presidente di Varvel SpA – legando direttamente la produttività dell’impresa ed i suoi risultati alla tutela di persone meno fortunate, coinvolgendo e incentivando tutta la filiera aziendale al conseguimento degli obiettivi. Varvel non è solo un’impresa socialmente responsabile, ma anche un gruppo di persone realmente accomunate da valori condivisi, come dimostrano queste azioni che, oltre al diretto contributo offerto, aspirano a diventare fonte di ispirazione per altre realtà similari”.
“Per Varvel – dichiara Mauro Cominoli, Direttore Generale di Varvel SpA – essere un’impresa socialmente responsabile significa, fin dalla sua costituzione nel 1955, considerare nella definizione della propria strategia, nell’identificazione dei propri principi e nei comportamenti di gestione quotidiani, gli interessi di tutti gli stakeholder e gli impatti che il proprio operato può avere sia a livello economico che sociale ed ambientale”.

Varvel SpA – Via 2 Agosto 1980 n. 9 – 40056 Crespellano BO – Italy – Tel. +39 051 6721811 – Fax +39 0516721825 – varvel@varvel.com
Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200
Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Varvel accende i motori

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Industria, Italia

Varvel SpA, PMI bolognese da sessant’anni specializzata nella progettazione, produzione e commercializzazione di riduttori e variatori di velocità, torna in pista per fornire il proprio supporto alla terza edizione del Master in Ingegneria della moto da Corsa, tenuto dalla società di alta formazione Datagest, di Bologna, con la partecipazione di docenti provenienti dal mondo delle competizioni e dell’industria.
Il connubio, nato attraverso il supporto per due borse di studio a favore di altrettanti ragazzi emiliani provenienti dalle aree colpite dal terremoto del 2012, è proseguito lo scorso anno e si rinnova anche per l’edizione 2014-2015, in linea con l’impegno di Varvel SpA nel fornire un sostegno ai giovani, concretizzato attraverso numerose iniziative sia individuali che associative.
Il master in Ingegneria della Moto da Corsa si posiziona come riferimento formativo di conoscenze nel settore bike motorsport a livello internazionale. Unico master in Italia, si pone l’obiettivo di fornire competenze tecniche di progettazione e di sviluppo della moto da competizione, approfondendo argomenti in area motoristica, veicolistica ed elettronica. In particolare si propone di presentare criteri e metodi moderni di ingegneria applicata al motoveicolo da competizione ed al settore del design motorsport, illustrando il processo di progettazione e presentando il livello tecnologico delle moto da competizione ai giorni nostri, permettendo a giovani laureandi e laureati di acquisire una conoscenza valida per entrare in un reparto corse ed anche in ambienti indirettamente connessi con le competizioni motociclistiche.
Francesco Berselli, Presidente di Varvel SpA, afferma come sia un compito fondamentale dell’industria “Realizzare un forte legame tra formazione e impresa, tra il mondo della ricerca e dell’istruzione ed il tessuto produttivo”. Un impegno che Varvel SpA conferma attraverso numerose collaborazioni e testimoniato dall’affiancamento a numerosi laureandi, dall’adesione all’iniziativa «Bollino OK Stage» promossa dalla Repubblica degli Stagisti che individua le imprese che sviluppano stage con criteri «virtuosi», donazioni a istituti del territorio e la partecipazione nell’assegnazione di numerose borse di studio a livello associativo, in Assiot, Associazione Italiana Costruttori Organi di Trasmissione e Ingranaggi. Senza tralasciare il progetto IFTS Istruzione e Formazione Tecnica Superiore “Tecnico superiore di industrializzazione del prodotto e del processo nella meccanica” in attuazione del Piano Triennale Regionale della Formazione Superiore – Rete Politecnica 2013 – 2015 Regione Emilia-Romagna come partner della Fondazione Aldini Valeriani di Bologna e le numerose visite di studenti ai reparti produttivi.
“Siamo convinti che per un futuro migliore – sostiene Mauro Cominoli, Direttore Generale di Varvel SpA – le imprese socialmente responsabili debbano puntare sui giovani, sostenendo la formazione e la ricerca, favorendo l’innovazione tecnologica e l’ingresso nel mondo del lavoro”.

Varvel SpA – Via 2 Agosto 1980 n. 9 – 40056 Crespellano BO – Italy – Tel. +39 051 6721811 – Fax +39 0516721825 – varvel@varvel.com
Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200
Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

LA SCUOLA È PIÙ BELLA CON COTONIERA FACCHINI

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Lifestyle

A settembre riprende la scuola e Cotoniera Facchini, azienda che da nove decenni rappresenta un punto di riferimento per il settore tessile professionale pubblico e privato, non poteva non lanciare le proprie linee per il “Back to School”. L’azienda ha dedicato molta attenzione a chi è chiamato a lavorare nel contesto scolastico, assicurando prodotti resistenti, comodi e pratici, come le divise e le calzature professionali per insegnanti, personale non docente e operatori di cucina.
Un occhio di riguardo è stato tenuto inoltre per la biancheria da letto per i bimbi, esaudendo anche richieste personalizzate del cliente, per il totale benessere dei piccoli, con lenzuolini, copertine, trapuntine, paracolpi, traverse e coprimaterassi impermeabili, anche nella versione ignifuga, ma anche guancialini e materassini.
Grande rilevanza è data alla biancheria da tavola, studiata per andare incontro ad ogni necessità, con un’ampia gamma di tovaglie, strofinacci, presine, asciugamani, bavaglini e manopole. L’abbigliamento professionale e gli accessori, appositamente realizzati per il mondo scolastico, confermano la qualità delle proposte di Cotoniera Facchini, fatte per durare nel tempo senza perdere bellezza e robustezza anche dopo numerosi lavaggi.
Giunta alla soglia dei 90 anni, infatti, l’azienda continua a seguire l’evoluzione del mercato inserendo migliorie pienamente rispondenti ai bisogni di un pubblico specializzato, come docenti, bidelle, addetti alla mensa e al refettorio, ma anche degli alunni, spaziando dal nido alla scuola materna.
Gli acquisti sono possibili sia per l’ingrosso, anche con il canale MePA riservato alla pubblica amministrazione, sia per i privati, attraverso il nuovo sito internet e-commerce www.cotonierafacchini.it.
COTONIERA FACCHINI Srl
Via Caduti di Cefalonia, 5 40125 Bologna
T. +39.051 231418
 F. +39. 051263757
info@cotonierafacchini.it – www.cotonierafacchini.it

UFFICIO STAMPA
COMMUNICATION MANAGER & P.R.
MATTEO BARBONI
M. +39.349.6172546
m.barboni@borderlineagency.com
BORDERLINE snc
C.F. e P.I.: 03215951207 | REA: BO501070

Un esempio da condividere

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende

Varvel SpA, storica PMI bolognese da quasi sessant’anni specializzata nella progettazione, produzione e commercializzazione di riduttori e variatori di velocità, annuncia la sua partecipazione a Farete 2014, convention dedicata all’imprenditoria nazionale italiana, organizzata da Unidustria Bologna in partnership con Legacoop Bologna. L’edizione 2014, collegata al tema dell’Italia manifatturiera che corre da sola e vince nei mercati del mondo, si svolgerà presso i padiglioni di BolognaFiere lunedì 8 e martedì 9 settembre.
Da sempre attenta alle dinamiche legate al mondo delle PMI, con particolare riferimento ai processi di internazionalizzazione, Varvel SpA partecipa alla kermesse bolognese con l’intento di condividere con il panorama imprenditoriale italiano il proprio know-how, accumulato in quasi sessant’anni di esperienza, ponendosi come obiettivo la realizzazione di una rete d’impresa d’eccellenza che possa imprimere un nuovo impulso al tessuto produttivo locale e nazionale, soprattutto in chiave estera.
Tante le iniziative e gli incontri programmati per questa due giorni, grande interesse suscita la partecipazione di Mauro Cominoli, Direttore Generale di Varvel SpA, al workshop “Il recruiting all’estero per l’internazionalizzazione delle PMI” organizzato da Unindustria Bologna, in cui spiegherà l’importanza del cross-cultural manager, emergente figura manageriale dedicata alla gestione di team caratterizzati da culture e nazionalità diverse, nell’economia dei processi d’internazionalizzazione. Una partecipazione importante che darà la possibilità al Direttore Generale di Varvel SpA di illustrare le implicazioni non solo economiche inerenti l’approdo nei mercati esteri, attraverso la presentazione dell’esperienza maturata dalla joint venture indiana MGM-Varvel, attiva dal 2010.
“Anche quest’anno partecipiamo convinti della bontà del progetto Farete – afferma Francesco Berselli, Presidente di Varvel SpA – oggi quanto mai necessario per rilanciare l’imprenditoria nazionale in un momento economico così difficile. Da parte nostra, siamo ben felici di mettere a disposizione delle aziende più giovani l’esperienza accumulata in sessant’anni di attività a livello internazionale”.
Dello stesso avviso Mauro Cominoli, Direttore Generale di Varvel SpA: “Il processo di internazionalizzazione in molte occasioni può rappresentare la chiave di volta per lo sviluppo a lungo termine di una qualsiasi impresa, non solo in ambito industriale. E’ importante quindi che le aziende condividano quanto appreso nelle singole esperienze e nei percorsi individuali, così da creare una rete effettiva che unisca le eccellenze e lavori per rilanciare l’imprenditoria italiana nel mondo”.
Varvel SpA – Via 2 Agosto 1980 n. 9 – 40056 Crespellano BO – Italy – Tel. +39 051 6721811 – Fax +39 0516721825 – varvel@varvel.com
Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200
Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Varvel SpA
Borderline