Archivio Autore

Certifichiamo la nostra energia

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende

Un’azienda socialmente responsabile ha a cuore anche l’impatto ambientale. Se a comprovarlo è il conseguimento del “Sistema Ambientale” certificato fin dal 2001 secondo la norma UNI EN ISO 14001, oggi Varvel SpA, storica PMI bolognese specializzata in trasmissioni di potenza, ha scelto di certificare anche l’energia utilizzata per soddisfare il proprio fabbisogno produttivo, attraverso l’acquisto di GO – Garanzie di Origine – (Direttiva 2009/28/CE), certificati nominali europei che attestano l’origine rinnovabile dell’energia consumata. La certificazione si basa sull’immissione in rete di un quantitativo di energia pulita pari al consumo di energia di cui l’azienda ha chiesto la certificazione. Ogni titolo corrisponde a 1 MWh e i GO devono essere acquistati per il fabbisogno totale di uno o più contatori, con un costo di 0,8 euro/MWh.
Un contributo notevole, quello portato da Varvel, che con i 799 titoli di energia verde GO risparmia, già nel primo semestre 2014, ben 423 Tonnellate di CO2 altrimenti immesse nell’atmosfera.
Attraverso l’energia geotermica islandese, Varvel può produrre senza inquinare, andando così a rafforzare la propria politica ecofriendly, comprovata anche dal pannello luminoso posizionato all’ingresso dello stabilimento, in cui espone in tempo reale l’energia prodotta dal proprio impianto fotovoltaico. Un investimento importante che ha permesso all’impresa di Crespellano (BO) di arrivare ad una produzione annuale di circa 188.000 kWh, pari ad un 20% delle proprie necessità, con una riduzione delle emissioni di CO2 di 109 ton/anno e di NOX di 98 kg/anno, con un risparmio di combustibile fossile di 17 TEP/anno.
L’acquisto di energia pulita mediante i GO rappresenta pertanto un ulteriore sforzo compiuto dall’azienda per abbattere pressoché totalmente il proprio impatto ambientale. “L’adozione di politiche virtuose nei confronti della società, delle persone e dell’ambiente – affermano Francesco Berselli e Mauro Cominoli, Presidente e Direttore Generale di Varvel SpA – è coerente con la nostra filosofia e con i valori che ci rendono un’impresa socialmente responsabile, come espresso nel Bilancio di Sostenibilità annuale in cui condividiamo con tutti i nostri stakeholder, in totale trasparenza, ogni aspetto della vita aziendale e le ricadute positive per l’intera collettività”.

Varvel SpA – Via 2 Agosto 1980 n. 9 – 40056 Crespellano BO – Italy – Tel. +39 051 6721811 – Fax +39 0516721825 – varvel@varvel.com
Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200
Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Un Natale altruistico

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Cultura, Locale

Un’azienda socialmente responsabile come Varvel SpA, storica PMI bolognese specializzata nella progettazione, realizzazione e commercializzazione di motoriduttori, riduttori e variatori meccanici di velocità, non poteva non accogliere un’iniziativa di beneficienza per celebrare il Natale in modo non consumistico, ma anzi altruistico.
E’ nata così l’idea di sensibilizzare tutti i dipendenti istituendo un periodo di Festività solidali, ospitando il 15 dicembre un banchetto per l’acquisto delle Pigotte di Unicef, le bambole di pezza realizzate dalle detenute del carcere di Bologna. I proventi saranno destinati a progetti e programmi salvavita dell’Africa centrale e occidentale. Ogni Pigotta apre un cerchio di solidarietà che unisce chi ha realizzato la bambola, chi l’ha adottata e il bambino che, grazie all’UNICEF, verrà inserito in un programma di lotta alla mortalità infantile denominato “Strategia Accelerata per la sopravvivenza e lo sviluppo dell’infanzia”. A presiedere all’evento sarà Lea Boschetti della Direzione Unicef Italia che illustrerà l’attività delle ragazze della casa circondariale, facendo così comprendere come l’acquisto sia in realtà una formula per aiutare non solo i destinatari, ma anche coloro che hanno contribuito alla produzione. Ogni bambola, infatti, è realizzata con amore rigorosamente a mano ed è quindi un pezzo unico che porta con sé tutto il valore di un’attività di recupero utile al reinserimento nella società.
L’idea di Varvel di coinvolgere tutti i dipendenti si somma ad altre iniziative natalizie e alle donazioni continuative ad Unicef, Medici Senza Frontiere ed ANT, onlus che proprio quest’anno hanno festeggiato con la PMI bolognese il decennale del sodalizio che le vede beneficiarie di 2 eurocent per ogni pezzo venduto, legando così i risultati aziendali ad una finalità umanitaria.
“Abbiamo voluto coinvolgere tutti per far comprendere il valore di questa attività di recupero – affermano Francesco Berselli e Mauro Cominoli, Presidente e Direttore Generale di Varvel SpA “così come abbiamo incentivato la partecipazione volontaria all’iniziativa di Medici Senza Frontiere presso le librerie Feltrinelli, per avviare una riflessione su chi vive in situazioni difficili, a livello psicologico, umanitario, personale, in un momento come il Natale in cui la frenesia consumistica spesso allontana dai valori più importanti e profondi. Un segnale di coerenza e di un impegno reale di un’impresa socialmente responsabile, condiviso con tutti i propri stakeholder”.

Varvel SpA – Via 2 Agosto 1980 n. 9 – 40056 Crespellano BO – Italy – Tel. +39 051 6721811 – Fax +39 0516721825 – varvel@varvel.com
Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200
Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Lo sport come fucina di valori

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Salute, Sport

Non solo calcio ed un aiuto a chi dello sport ha fatto una vera e propria missione educativa. Con questa intenzione Varvel SpA, storica azienda bolognese specializzata nella progettazione, realizzazione e commercializzazione di motoriduttori, riduttori e variatori meccanici di velocità, ha scelto di sponsorizzare l’A.S.D. ATLETICA BLIZZARD, associazione sportiva nata a Bologna nel 2002 dall’iniziativa spontanea di appassionati e amanti dell’atletica leggera.
Tale decisione nasce dall’interesse di Varvel per i giovani, portando il proprio supporto a quelle realtà meritevoli con le quali condividere i valori che animano l’impresa socialmente responsabile di Crespellano (BO).
L’ A.S.D. ATLETICA BLIZZARD pone infatti particolare attenzione alle persone e non solo ai risultati, perseguendo esclusive finalità di promozione e sviluppo dell’attività sportiva, con particolare interesse alla pratica dell’atletica leggera come fenomeno sportivo idoneo allo sviluppo fisico, morale, sociale e culturale, specialmente in relazione alle categorie giovanili.
Una trasmissione di valori quali convivenza, rispetto ed onestà che Varvel ha fatto propri fin dalla sua fondazione, come testimoniato dalle diverse azioni in ambito sociale, territoriale, ambientale, attraverso certificazioni, visite guidate, convegni, donazioni. Una filosofia che troverà ulteriore diffusione anche grazie a questo connubio con l’ A.S.D. ATLETICA BLIZZARD che, oltre all’area provinciale, con i suoi atleti partecipa anche all’attività regionale e nazionale, in vari meeting e campionati di categoria sia Uisp che Fidal. Dal 2013 la Blizzard propone inoltre corsi di Camminata, Fitwalking e Nordic Walking, grazie alla collaborazione del Gruppo “Nordicamente Camminiamo”, specialità che fanno della socializzazione un ulteriore punto di forza ed un accresciuto valore aggiunto per iscritti, famiglie e tifosi.
“Sostenere gli sport cosiddetti minori è il miglior modo per non veder scomparire le piccole società sportive, vere e proprie fucine di giovani, in cui diffondere valori per noi fondamentali e pienamente condivisi – affermano Francesco Berselli e Mauro Cominoli Presidente e Direttore Generale di Varvel SpA”.

Varvel SpA – Via 2 Agosto 1980 n. 9 – 40056 Crespellano BO – Italy – Tel. +39 051 6721811 – Fax +39 0516721825 – varvel@varvel.com
Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200
Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

In cammino con Varvel

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Sport

Torna, come ogni anno, l’atteso appuntamento di Lavino di Mezzo, frazione del comune di Anzola Emilia (BO), per la tradizionale “Camminata 2 Mulini”, la gara podistica entusiasma migliaia di partecipanti e giunta quest’anno alla sua trentunesima edizione.
Una festa dello sport che vede protagonista anche Varvel SpA, storica PMI bolognese specializzata nella progettazione, realizzazione e commercializzazione di motoriduttori, riduttori e variatori meccanici di velocità. Anche per il 2014, infatti, l’impresa conferma il sodalizio con la polisportiva anzolese, offrendo il proprio contributo nella sponsorizzazione della manifestazione, prevista per domenica 16 novembre.
Con partenza alle ore 9:00 prenderà il via la camminata ludico motoria sulla distanza di 11,5 Km, quella alternativa di 7,5 Km e la mini camminata di 3,5 Km. Per i più allenati l’appuntamento al nastro di partenza è previsto per le 9:30, con la camminata competitiva di km 14,010 e a distanza di cinque minuti, l’avvio della mini-competitiva di categoria pulcini-esordienti, ragazzi, cadetti e allievi.
“Continuiamo con grande piacere a supportare l’iniziativa – afferma Francesco Berselli, Presidente di Varvel SpA – dal momento che crediamo, come azienda socialmente responsabile, che lo sport sia un ottimo momento di condivisione di valori e uno splendido mezzo di socializzazione. A maggior ragione, svolgendosi l’evento nel territorio in cui siamo ubicati, è per noi una motivazione ancora più forte e un piacere raddoppiato essere tra i sostenitori”.
“Non mancano, tra i partecipanti, anche nostri dipendenti, proprio perché in Varvel impresa non è solo un termine che individua un sito produttivo, ma anche un insieme di valori condivisi con la collettività ed il territorio in cui viviamo ed operiamo quotidianamente” – conferma Mauro Cominoli, Direttore Generale di Varvel SpA.
Del resto, l’attenzione per il sociale è una delle caratteristiche di Varvel, testimoniata da numerose iniziative che spaziano dalle borse di studio alle decennali donazioni ad enti ed associazioni come ANT, Medici Senza Frontiere e Unicef, senza tralasciare gli interventi a sostegno di scuole, enti di formazione, ricercatori e studenti, con un occhio di riguardo al territorio in cui l’azienda è inserita, come in occasione del recente dell’allestimento di un pullmino attrezzato per il trasporto di anziani e diversamente abili del comprensorio di Crespellano (BO).
Varvel SpA – Via 2 Agosto 1980 n. 9 – 40056 Crespellano BO – Italy – Tel. +39 051 6721811 – Fax +39 0516721825 – varvel@varvel.com
Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200
Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

In continuo miglioramento

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Industria, Tecnologia

Migliorare si può e si deve, soprattutto quando occorre rispondere alle richieste di un mercato globale con prodotti sempre più performanti. Per questo Varvel SpA , storica azienda bolognese specializzata nella progettazione, realizzazione e commercializzazione di motoriduttori, riduttori e variatori meccanici di velocità, ha ulteriormente migliorato RB13, un riduttore ad assi paralleli, caratterizzato da flangia attacco motore IEC56 B14 integrale in una delle due semi carcasse pressofuse in alluminio. E’ costituito da tre coppie di ingranaggi in linea con il pignone ingresso calettato direttamente sull’albero motore.
Il reparto Ricerca e Sviluppo, al fine di soddisfare sempre maggiormente le richieste della clientela per tale tipo di applicazione e le specifiche esigenze del mercato globale, ha ulteriormente migliorato le performance del riduttore in termini di silenziosità di funzionamento. Un risultato ottenuto mediante la realizzazione del pignone ingresso non più calettato sull’albero del motore elettrico, ma realizzato direttamente di macchina utensile sull’albero del motore stesso, eliminando così del tutto gli eventuali errori di concentricità ed ortogonalità eventualmente derivanti dalla precedente operazione di piantaggio del pignone sull’albero del motore elettrico.
Tale albero dentato elicoidale integrale è stato realizzato in due diversi rapporti di riduzione (3.95 e 8.50), che permettono un ampio spettro di rapporti ottenibili sul riduttore (tra i quali 41.12 – 69.81 – 83.38 – 88.94 – 109.0. – 117.46 – 140.72 – 177.99 – 221.07 – 254.20 – 271.16). Le motorizzazioni disponibili sono 60 W, 90 W e 120 W, ovviamente in funzione del rapporto di riduzione richiesto. Gli ingranaggi sono calcolati per una durata di 10.000 ore per coppia uscita massima applicabile di 60Nm.
L’albero uscita si presenta cavo con fori ø17 e ø20 con sede linguetta unificata, e con foro ø25 senza linguetta. Il corpo del riduttore è predisposto per il fissaggio pendolare con 4 fori ø8.5 passanti, intercambiabile con i principali competitors. Inoltre sono previsti 4 fori ciechi opzionali per viti M8 autoformanti su interasse ø85 idonei al montaggio della flangiatura uscita di RT/RS 50.

“Si è trattato di una scelta importante, presa nel 2013 e dettata dalla ferma convinzione di continuare ad investire sul futuro, mediante nuove proposte ed una tecnologia sempre più avanzata, in modo da rispondere alle esigenze specifiche dei diversi mercati, mantenendo un’ottica internazionale, pur incontrando le peculiari necessità della clientela” – afferma Francesco Berselli, Presidente di Varvel SpA.
Una politica aziendale lungimirante ma anche molto concreta, quella messa in atto da Varvel, basata sulla considerazione che un prodotto, oltre che valido in termini di qualità e affidabilità, sia anche in grado di offrire una effettiva soluzione sulla base delle diversificate istanze che le diverse compagini territoriali esprimono. “L’azienda si è guadagnata la fiducia dei propri interlocutori proprio perché si è sempre posta in maniera proattiva nei confronti degli stakeholder e RB13 rappresenta un esempio concreto di questo approccio al mercato globale” – spiega Mauro Cominoli, Direttore Generale di Varvel SpA.
Proprio il positivo riscontro ottenuto da RB13 rappresenta un risultato importante, in linea con lo sviluppo dei diversi mercati in cui è presente, con un’espansione che la vede mantenere ben saldi importanti punti di forza quali il rigoroso made in Italy, la massima qualità, una supply chain rafforzata e performante, nonché una consolidata logistica, anche grazie all’apertura, nel 2012, del polo di Settimo Milanese (MI).

Varvel SpA – Via 2 Agosto 1980 n. 9 – 40056 Crespellano BO – Italy – Tel. +39 051 6721811 – Fax +39 0516721825 – varvel@varvel.com
Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200
Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Un’azienda tutta da leggere

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Industria

Essere un’azienda socialmente responsabile che pubblica un Bilancio di Sostenibilità per illustrare con la massima trasparenza tutte le attività che la caratterizzano è una delle peculiarità di Varvel SpA , storica PMI bolognese specializzata nella progettazione, realizzazione e commercializzazione di motoriduttori, riduttori e variatori meccanici di velocità.
La progressiva crescita che ha interessato l’impresa e l’estensione del numero dei propri referenti, unitamente alla filosofia che anima l’azienda fin dalla sua costituzione nel 1955, ha spinto la direzione aziendale a promuovere un house organ trimestrale, Varvel International, registrato come testata giornalistica e gestito come una vera e propria rivista. Un organo di informazione che, come suggerisce il nome stesso, vuole dare spazio al processo di internazionalizzazione della PMI ma anche a tutte le componenti che caratterizzano il lavoro della compagine produttiva bolognese. Sulle pagine trovano infatti spazio sia notizie di prodotto che applicazioni, iniziative aziendali e momenti fieristici, senza tralasciare gli approfondimenti su tematiche specifiche e le innovazioni frutto della costante attività del reparto Ricerca e Sviluppo.
Distribuita in formato cartaceo a tutta la community degli stakeholder di Varvel e sfogliabile on line sul sito dell’azienda, Varvel International rappresenta uno sguardo d’insieme che spazia in tutti i continenti ma che non perde di vista l’unicità dell’individuo. Un filo conduttore che lega indissolubilmente ogni processo e che si incontra, specularmente, nella condotta e nell’operatività di ogni giorno. In questo senso trovano un comune denominatore lo spirito di squadra tra i dipendenti così come quello che anima il lavoro coordinato di una rete di impresa caratterizzato da più compagini, dal distretto produttivo bolognese al polo logistico milanese, fino alla joint venture a Chennai, in India.
“Abbiamo deciso di realizzare non un semplice house organ, ma un organo di informazione a tutti gli effetti – afferma Francesco Berselli Presidente di Varvel S.p.A – con l’auspicio che possa essere consultato non come un prodotto editoriale autoreferenziato, ma come una lettura che, accanto ad elementi tecnici e innovazioni tecnologiche, possa rappresentare anche un momento di riflessione e di confronto, a cui tutti sono invitati liberamente a partecipare. Una rivista che sia portatrice di quei valori che ci hanno permesso di giungere in vista di un traguardo così importante come il Sessantesimo, con il desiderio di proseguire il nostro cammino, tutti insieme, con lo stesso spirito che ci ha guidati fino ad oggi”.
“Il mondo Varvel è basato su rapporti che caratterizzano l’azienda non soltanto come un luogo di lavoro, ma come una vera e propria comunità capace di condividere un insieme di valori – conferma Mauro Cominoli, Direttore Generale di Varvel S.p.A. – per cui abbiamo deciso di dare voce alla nostra community, fornire informazioni a tutti gli stakeholder nel mondo e ricevere al contempo da questi le novità, i pensieri e le azioni che li rendono parte integrande del gruppo Varvel”.

Varvel SpA – Via 2 Agosto 1980 n. 9 – 40056 Crespellano BO – Italy – Tel. +39 051 6721811 – Fax +39 0516721825 – varvel@varvel.com
Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200
Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Costruire il domani

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Industria

Occorre investire per poter continuare a crescere. Questo il segnale che giunge svogliando il Bilancio di Sostenibilità 2013 presentato da Varvel SpA , storica PMI bolognese specializzata nella progettazione, realizzazione e commercializzazione di motoriduttori, riduttori e variatori meccanici di velocità.
Un documento, quello proposto annualmente da Varvel, in cui l’azienda espone con la massima trasparenza tutti gli elementi che la caratterizzano, sia sul piano produttivo che su quello gestionale. Oltre al grande impegno per la collettività che la rende un’impresa socialmente responsabile, come testimoniato dal Bilancio stesso in cui emerge come Varvel consideri nella definizione della propria strategia, nell’identificazione dei propri principi e nei comportamenti di gestione quotidiani, gli interessi di tutte le parti interessate (dipendenti, clienti, fornitori, istituzioni, comunità sociale etc.) e gli impatti che il suo operato può avere sia a livello economico, che sociale ed ambientale.
Come emerge dalla lettura, il 2013 è stato un anno molto importante per Varvel, con un sessantesimo alle porte e numerosi progetti che hanno dato l’avvio al piano triennale di sviluppo che è alla base del processo di internazionalizzazione in corso. A partire dall’introduzione del gestionale SAP connesso ad un CRM, per potenziare i meccanismi relazionali con clienti e distributori, a cui si somma il Varvel Production System per bilanciare tutte le operazioni industriali sulla vera domanda di mercato, raccogliendo contestualmente i frutti di un’ottimizzazione logistica, con la piena operatività del nuovo polo milanese, inaugurato nel 2012.
Il 2013 è stato anche l’anno di lancio dei moduli entrata ISM con albero sporgente e BSM anti-ritorno, una grande novità nelle linee di prodotto, insieme alla prima versione di RB13, un riduttore ad assi paralleli che ha riscosso grandi consensi e a cui segue la versione 2014, ancor più performante in termini di silenziosità di funzionamento e pienamente rispondente alle esigenze del mercato globale.
Forte impegno ha dimostrato anche il reparto ricerca e sviluppo, dedicandosi a grassi e lubrificanti, al centro di nuovi studi e procedure innovative per la verifica delle prestazioni, oltre che a diversi sistemi all’avanguardia nell’analisi vibracustica, misurazione dei decibel e nella condivisione di un progetto del Ministero della Ricerca, migliorando ulteriormente il controllo qualità.
Uno slancio verso il domani che si è concretizzato con la partecipazione al Programma Europeo Horizon 2020 che fornirà le risorse per consentire la realizzazione di un rivoluzionario riduttore smart in grado di funzionare senza lubrificante.
Nel Bilancio di Sostenibilità trovano spazio anche le attività che caratterizzano Varvel come impresa socialmente responsabile e che anche nel 2013 sono proseguite attivamente, spaziando dalla riduzione dell’impatto ambientale al supporto a realtà benefiche locali, nazionali ed internazionali, arrivando al recente conseguimento della certificazione BS OHSAS 18001, relativa al sistema di gestione per la salute e la sicurezza sul lavoro, senza tralasciare la salvaguardia del made in Italy e di posti di lavoro, la crescita di una rete di impresa e del dialogo con tutti gli stakeholder, anche attraverso un forte potenziamento dei canali di comunicazione aziendali, per estendere il concetto di qualità non solo al prodotto, ma anche a tutti i soggetti con cui Varvel si relaziona, in Italia e nel mondo.
“Per un’azienda come Varvel è fondamentale condividere la filosofia che la anima – afferma Francesco Berselli Presidente di Varvel S.p.A. – proprio perché la trasparenza verso gli stakeholder e la diffusione dei valori che la caratterizzano sono parte integrante della nostra mission”.
“Lo scorso anno è stato molto impegnativo– conferma Mauro Cominoli, Direttore Generale di Varvel S.p.A. – poiché abbiamo dato il via ad una serie di progetti innovativi che nel corso del tempo ci regaleranno i frutti che ci auguriamo. Per un’azienda, specialmente nei momenti difficili come quelli che sta attraversando l’economia a livello globale, occorre puntare sull’innovazione per continuare a guardare avanti. Noi l’abbiamo fatto e già i primi riscontri sono molto positivi”.

Varvel SpA – Via 2 Agosto 1980 n. 9 – 40056 Crespellano BO – Italy – Tel. +39 051 6721811 – Fax +39 0516721825 – varvel@varvel.com
Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200
Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Il riduttore del futuro

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Economia

Un salto nel futuro, quello compiuto da Varvel S.p.A., storica PMI bolognese specializzata nella progettazione, realizzazione e commercializzazione di motoriduttori, riduttori e variatori meccanici di velocità. L’impresa ha infatti recentemente avuto la conferma di aver avuto accesso al Programma Europeo Horizon 2020. Una notizia che ha riempito di soddisfazione l’azienda, giunta ad un passo dal sessantesimo anniversario dalla propria costituzione, avvenuta nel 1955, dal momento che tale risultato – ottenuto soltanto da 20 imprese in tutta Italia di cui solo 2, compresa Varvel, nel panorama bolognese – consentirà di poter disporre delle risorse per concretizzare l’avveniristica idea di innovazione tramite uno studio di fattibilità mirato ed approfondito per la realizzazione di un riduttore smart in grado di funzionare senza lubrificante.
Una risposta che nasce dall’attenzione alle problematiche ambientali dei nostri giorni e fortemente sentita da Varvel S.p.A., da sempre distintasi nel panorama nazionale per essere un’azienda socialmente responsabile, come comprovato dalla pubblicazione annuale del Bilancio di Sostenibilità in cui con la massima trasparenza espone a tutti gli stakeholder i diversi aspetti che la caratterizzano.
Un successo prezioso, quello ottenuto con il passaggio allo step successivo del Programma Horizon 2020, perché consentirà di ottenere il sostegno economico dei fondi europei destinati alla ricerca e all’innovazione per la durata di 2 anni ed un ammontare superiore al milione di euro.
Indubbiamente l’obiettivo di lanciare un prodotto innovativo che possa consentire a Varvel di acquisire nuovi mercati e rimanere competitiva nel settore è di grande importanza, soprattutto considerando che si tratta di una sfida non ancora raccolta dai competitor.
Un simile riscontro rappresenta inoltre il consolidamento di un percorso ormai decennale di Varvel nell’ambito della ricerca e dell’innovazione, testimoniato dai numerosi progetti con Università e enti di ricerca in ambito regionale e nazionale. Pertanto Horizon 2020 e il coinvolgimento nell’ambito della Comunità Europea significano per Varvel la naturale e sperata evoluzione di un processo di sviluppo in cui l’azienda ha dimostrato un impegno costante nel corso dei decenni. Proprio quest’ultimo fattore è stato infatti determinante per individuare in anticipo potenziali soluzioni da impiegare nell’innovazione ed arrivare così ad essere pronti con un idea da proporre nel Programma Horizon 2020 che con un bilancio complessivo di 77 miliardi di Euro per il periodo 2014-2020, rappresenta lo strumento principale dell’Unione Europea per il finanziamento della ricerca e dell’innovazione in Europa, con un’attenzione particolare per la partecipazione delle imprese.
“Raccogliamo questa nuova sfida con entusiasmo – afferma Francesco Berselli, Presidente di Varvel S.p.A. – a coronamento di un lavoro portato avanti negli anni con il prezioso contributo di tutti, proprio alle soglie delle celebrazioni del nostro sessantesimo. Un traguardo che è in realtà non solo un punto di arrivo, ma contestualmente anche di lancio verso l’Europa e il mondo, andando a rafforzare quel processo di internazionalizzazione che oggi ci vede in 60 paesi, in tutti i 5 continenti”.
“Il nostro reparto ricerca e sviluppo è sempre stato all’avanguardia – conferma Mauro Cominoli, Direttore Generale di Varvel S.p.A. – grazie ad un continuo scambio con laboratori, università e programmi ministeriali che ci hanno permesso di raggiungere importanti risultati, i cui frutti si potranno vedere nei prossimi anni. Certamente Horizon 2020 sarà un’opportunità sui cui ci concentreremo con la massima determinazione, considerando che oltre ai benefici per l’azienda, la riuscita dell’impresa potrebbe davvero portare ad un rivoluzionario prodotto dalla enormi, positive ricadute sulla collettività”.
L’impatto di un riduttore smart capace di funzionare senza lubrificante apre infatti nuovi scenari nell’ambito della meccanica e delle trasmissioni di potenza, con effetti enormi nella gestione delle risorse, nella riduzione dell’impatto ambientale e nella differente gestione di parchi macchine. Oltre, ovviamente, ad un’incidenza significativa nell’ambito delle prestazioni, dell’affidabilità e della vita stessa dei prodotti, prefigurando scenari futuri che, nei laboratori R&D della storica PMI bolognese, stanno già prendendo forma.

Varvel SpA – Via 2 Agosto 1980 n. 9 – 40056 Crespellano BO – Italy – Tel. +39 051 6721811 – Fax +39 0516721825 – varvel@varvel.com
Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200
Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Protagonista oggi e domani

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Economia

Sul palco per condividere i passi che hanno condotto al successo. Varvel S.p.A., storica PMI bolognese specializzata nella progettazione, realizzazione e commercializzazione di motoriduttori, riduttori e variatori meccanici di velocità è infatti tra le realtà del workshop organizzato da Aster, il 21 Ottobre, presso il Savoia Hotel Regency di Bologna.
Grazie ad un avveniristico progetto per lo sviluppo di un riduttore smart in grado di funzionare senza lubrificante, prototipo unico nel suo genere, l’azienda bolognese giunta alle soglie del sessantesimo anno dalla sua costituzione, nel 1955, ha infatti recentemente avuto la conferma di aver avuto accesso al Programma Europeo Horizon 2020.
Un riconoscimento importante, ottenuto soltanto da 20 imprese in tutta Italia di cui solo 2, compresa Varvel, nel panorama bolognese, che consentirà di poter disporre delle risorse per concretizzare l’avveniristica idea di innovazione tramite uno studio di fattibilità mirato ed approfondito per la realizzazione del riduttore del futuro.
L’adesione al workshop è volta ad esporre le opportunità di finanziamento di Horizon 2020 per le imprese, portando la propria esperienza diretta su regole e fasi di partecipazione, gli aspetti relativi alla tutela della proprietà intellettuale e i servizi di supporto per le imprese regionali. L’incontro, organizzato da ASTER, nel suo ruolo di Sportello Emilia-Romagna di APRE (Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea) e di punto di contatto locale della Enterprise Europe Network, la rete europea a supporto dell’innovazione nelle imprese, rappresenta un momento prezioso per far comprendere non solo il valore del Progetto Horizon 2020, ma anche quali implicazioni e impatti possa avere l’adesione ad esso per un’azienda.
“Il conseguimento di un simile obiettivo – affermano Francesco Berselli e Mauro Cominoli, Presidente e Direttore Generale di Varvel S.p.A. – è stato per noi un momento di grande soddisfazione, ma anche di un rinnovato impegno. Abbiamo scelto di condividere la nostra esperienza per cercare di aiutare, per come ci è possibile, altre realtà ad accedere a questo programma e poter a loro volta sviluppare progetti che possano cambiare il futuro, in meglio, come auspichiamo possa fare il nostro rivoluzionario riduttore a secco”.

Varvel SpA – Via 2 Agosto 1980 n. 9 – 40056 Crespellano BO – Italy – Tel. +39 051 6721811 – Fax +39 0516721825 – varvel@varvel.com
Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200
Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Con ANT per la prevenzione oncologica

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Salute

Proprio quest’anno Varvel SpA, storica azienda meccanica bolognese operante a livello internazionale, specializzata nell’ideazione, progettazione, produzione di variatori e riduttori di velocità, festeggia i 10 anni del programma di sostegno continuativo a favore di tre Onlus, ANT, Medici Senza Frontiere e Unicef, versando a ognuna delle tre associazioni, per ogni prodotto venduto, un contributo di 0,02 euro.
Per celebrare l’anniversario, l’azienda, impegnata attivamente nel sociale fin dalla sua costituzione avvenuta nel 1955, ha scelto di favorire una solidarietà proattiva, nella speranza che azioni ad ampia condivisione possano aumentare la ricaduta positiva sui beneficiari.
Da sempre attenta al territorio in cui risiede, Varvel ha pertanto scelto di offrire insieme ad ANT 10 giornate di visite di controllo e prevenzione oncologica a Crespellano e a Castello di Serravalle, compagini oggi incluse nel Comune di Valsamoggia (BO), nel periodo autunno-inverno 2014, il sabato, per favorire la massima partecipazione e coprire a pieno il territorio. Con la preziosa collaborazione delle Istituzioni che hanno messo a disposizione i locali, i medici della Fondazione ANT potranno così effettuare diverse centinaia di visite per la prevenzione e la diagnosi precoce dei tumori della cute ed in particolare del melanoma, così come delle neoplasie tiroidee.
Con i suoi 4.000 malati seguiti ogni giorno a domicilio da 400 professionisti, ANT rappresenta la più ampia realtà non profit nel Paese per l’assistenza socio-sanitaria gratuita ai sofferenti di tumore. A partire dal 2004, la Fondazione ANT ha affiancato all’impegno nell’assistenza domiciliare ai malati di tumore anche quello nella prevenzione oncologica gratuita, arma assai efficace nella lotta alle neoplasie, attraverso visite volte alla diagnosi precoce di alcuni tumori che, se individuati sul nascere, presentano elevate possibilità di guarigione. Il melanoma, subito dopo il cancro al polmone nelle donne, è il tumore la cui diffusione è maggiormente cresciuta negli ultimi anni, mentre i tumori della tiroide rappresentano le più frequenti neoplasie del sistema endocrino, spesso sviluppandosi in maniera silente e subdola.
Le visite, effettuate da medici specialisti della Fondazione ANT, sono interamente gratuite per l’utente finale: la gratuità è infatti segno concreto di solidarietà e della volontà di tutelare la salute della persona, superando possibili difficoltà economiche di chi desidera beneficiare delle visite.
“Alle soglie del sessantesimo che celebreremo il prossimo anno e nel decennale della collaborazione con ANT – afferma Francesco Berselli, Presidente di Varvel SpA – abbiamo voluto ulteriormente testimoniare, con queste visite di prevenzione, la vicinanza alla compagine territoriale che ci ha visto crescere in questi anni, confermando come un’azienda non sia solo un luogo produttivo, ma un insieme di persone che vivono su il territorio in cui si trovano pressoché quotidianamente, condividendo determinati valori”.
“Quest’anno, per celebrare questo lungo rapporto – conferma Mauro Cominoli, Direttore Generale di Varvel SpA – abbiamo scelto di favorire azioni tali da coinvolgere maggiormente il pubblico e diffondere ulteriormente la nostra filosofia, secondo cui investire nel sociale non è solo una questione d’immagine e una mera azione di facciata, ma un modo per dimostrare un impegno reale, intimamente vissuto come un compito precipuo di un’azienda come Varvel che si voglia definire socialmente responsabile”.

Varvel SpA – Via 2 Agosto 1980 n. 9 – 40056 Crespellano BO – Italy – Tel. +39 051 6721811 – Fax +39 0516721825 – varvel@varvel.com
Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200
Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com