Archivio Autore

Prodotti e collaborazioni ad alto valore aggiunto

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Aziende

Il Gruppo Fini SpA porta le sue eccellenze a Marca 2020, a Bologna il 15 e 16 gennaio. Grazie a qualità, servizio e sostenibilità, si conferma il partner ideale per le insegne e protagonista nella prestigiosa vetrina fieristica dedicata a buyer e operatori del mondo retail e della GDO.

 Manca poco all’appuntamento con Marca, il Salone Internazionale dei prodotti a Marca del Distributore, quest’anno a Bologna il 15 e 16 gennaio. Tra i protagonisti della due giorni sul mondo private label organizzata da BolognaFiere sarà il Gruppo Fini SpA con i suoi celebri brand Fini e Le Conserve della Nonna, presso il padiglione 26, stand C/75.

Il momento espositivo non sarà solo l’occasione per far conoscere al pubblico specializzato le sue variegate referenze di pasta fresca, passate, sughi e pesti, confetture e composte, ma anche l’opportunità per illustrare i punti di forza di una realtà che, grazie alla lunga esperienza maturata, si dimostra un partner perfetto per le insegne e il retail.

Tra i caratteri distintivi spicca la qualità, fondata su un’accurata selezione delle migliori materie prime, ricette autentiche della tradizione italiana e proposte in linea con le nuove esigenze nutrizionali. Fattori che consentono al Gruppo Fini di consegnare al mercato prodotti di grande valore, dal gusto e dall’aspetto inconfondibili, pienamente rispondenti alle preferenze di consumo dell’acquirente moderno, offrendo un’ampia selezione anche in private label.

Il merito di questa flessibilità e della convinta predilezione per la collaborazione a lungo termine con i fornitori e le insegne deriva dalla solida expertise a livello produttivo, dalla collaborazione del team R&D dedicato per ogni cliente e dai numerosi prodotti personalizzabili al 100%, assicurando un’origine e un’identità territoriale rintracciabili nel prodotto finale, con un costante controllo e nel pieno rispetto della sostenibilità, ottenuta grazie all’impiego di materie prime del territorio, alla realizzazione di pack 100% riciclabili e all’utilizzo di fonti di energia rinnovabili.

Numerose, dunque, le evidenze che testimoniano come Gruppo Fini SpA sia un referente privilegiato per il mondo PL, grazie alla capacità di fare proprie le istanze del mondo consumer e di quello retail, coniugando domanda e offerta in una gamma prodotti a filiera corta e controllata, elemento distintivo e caratterizzante di approfondite indagini di mercato volte a garantire a scaffale referenze ad alto valore aggiunto.

Gruppo Fini SpA sarà dunque protagonista a Marca 2020, forte di una notorietà e un’esperienza anche sui mercati d’oltralpe che lo rendono un interlocutore ideale anche della GDO estera in maniera estremamente competitiva, non solo in termini economici, ma anche di servizio, in formati e forniture con il giusto equilibrio tra modernità e tradizione.

One Express: il futuro è più grande e luminoso con gli occhi di un bambino

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende

Per il 2020, la bolognese One Express, leader nazionale per il trasporto merci su pallet – ha affidato la propria campagna pubblicitaria ai bambini: risorse indispensabili per guardare al futuro con entusiasmo e positività e affrontare il domani come occasione e momento di crescita

Recuperare un’aspettativa positiva nei confronti del futuro. Costruire una speranza per il domani che guidi il cammino e il lavoro di ciascuno, giorno dopo giorno. È questa la meta ambiziosa a cui mira la campagna pubblicitaria di One Express, riassunta nel concept “A grandi passi verso il futuro, a grandi passi verso l’eccellenza”. Un messaggio forte e profondo che il Pallet Network ha affidato ad un video emozionale, proiettato per la prima volta sabato 23 novembre in occasione della premiazione dei One Express Awards, tenutasi a Bologna presso la prestigiosa cornice di Palazzo Re Enzo.

La clip riassume la quotidianità e l’universo One Express – leader nazionale per il trasporto merci su pallet, – a partire da una simpatica finzione narrativa che vede i figli dei dipendenti impegnati nel ruolo dei genitori. Buffi e teneri, i giovani volti rappresentano, con la loro curiosità e leggerezza d’animo, una risorsa indispensabile, un monito a guardare il presente con stupore e entusiasmo; fattori indispensabili per costruire grandi storie e grandi progetti, e non rassegnarsi alle difficoltà e alle incertezze, che costellano questi tempi.
“Con questa operazione vogliamo invitare tutti i nostri dipendenti e Affiliati, a guardare il presente come un’opportunità e una ricchezza – ha commentato Roberto Taliani, responsabile marketing di One Express. – Oggi, infatti, ciò che domina le persone è la sfiducia, il presentimento che il domani nasconda soltanto difficoltà. Invece, guardando ai bambini possiamo invertire questo pessimismo e ritrovarci grati e orgogliosi dello straordinario lavoro che svolgiamo ogni giorno”.

Con ironia ed effetto il video gioca su un doppio registro. Nella prima parte emerge la One Express dei sogni, un mondo ideale che non conosce problemi ne imperfezioni, il desiderio inconfessato di ogni presidente o amministratore delegato. Dall’altra, invece, si impone la realtà dei fatti con le sue incongruenze, incomprensioni e difficoltà quotidiane. “È questo il terreno di sfida – commenta Taliani – in cui siamo chiamati a confrontarci ogni giorno. Perché se è vero che la One Express non rappresenta ancora una realtà ideale, è vero che questo mondo ideale può rappresentare la direzione dei nostri passi, il motivo dei nostri sforzi. Se guardiamo alle difficoltà odierne è normale spaventarsi e tirarsi indietro. Ma se pensiamo a 12 anni fa, quando questa storia è cominciata, diventiamo consapevoli che tutto è possibile e non esiste limite alla nostra crescita. L’importante è continuare ad essere come dei bambini. A stupirci ogni giorno della strada compiuta per guardare con maggiore serenità a quella che deve ancora venire”.

Oggi per One Express il desiderio di puntare alla perfezione si traduce nell’ambizione costante alla crescita, all’espansione in nuovi mercati, al miglioramento dei propri standard qualitativi e alla soddisfazione dei propri Clienti. Una prospettiva che non esclude ma anzi comprende pienamente anche i valori di un’azienda socialmente responsabile che attraverso la propria attività, non mira solo a produrre ricchezza e benessere, ma anche a offrire un contributo positivo e di valore al tessuto sociale nel quale opera, consapevole del proprio ruolo nei confronti delle generazioni di domani. “Con questo video non ci rivolgiamo soltanto ai nostri Dipendenti e Affiliati – conclude Taliani – ma alla società in generale, che oggi più che mai necessita di recuperare quella fiducia nel futuro che si respirava durante gli anni d’oro dell’Italia e che oggi è a rischio di estinzione, con gravi danni per tutta la collettività”.

https://www.oneexpress.it

One Express e un 2019 all’insegna del sociale

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Salute

Dopo il sostegno annuale al FAI, One Express rilancia il proprio impegno nel sociale con un contributo ad Amaci onlus, associazione che sostiene le attività della chirurgia pediatrica dell’ospedale Gozzadini e ospedale Maggiore di Bologna

Per One Express la spinta alla crescita, la ricerca della Qualità, la tensione costante allo sviluppo, si misura ogni giorno e dialoga con l’esigenza di lasciare una traccia importante nel tessuto sociale, un contributo di qualità al presente e al futuro. Una responsabilità che nel 2019 si è tradotta in diverse iniziative a sostegno dell’ambiente e, infine, al prossimo. Come ogni anno, infatti, il Pallet Network sostiene il Fai come Corporate Golden Donor, mentre una settimana fa ha rilanciato il proprio impegno sociale, sostenendo le attività di Amaci Onlus.

Il 23 novembre durante i One Express Awards, la serata di gala che ha raccolto nella storica cornice di Palazzo Re Enzo, tutti gli Affiliati del Pallet Network, l’azienda ha organizzato una lotteria per raccogliere fondi a favore dell’associazione no profit che sostiene le attività della chirurgia pediatrica dell’Ospedale Gozzadini e dell’ospedale Maggiore di Bologna. Il contributo raccolto è stato, dunque, devoluto all’associazione che dal 1994 affianca l’equipe medica e la struttura sanitaria pubblica bolognese attraverso l’acquisto di materiale e attrezzature medico-scientifiche, il finanziamento di borse di studio di medici specializzandi e il miglioramento dell’assistenza domiciliare e di aiuto alle famiglie dei piccoli pazienti.

Un gesto concreto e che si sposa con la vision che One Express ha rinnovato in vista del 2020 e tradotto in un video emozionale che invita l’intera compagine a guardare al futuro con gli occhi di un bambino. “E’ questo l’approccio che dobbiamo recuperare – spiega Roberto Taliani, responsabile marketing di One Express – per imparare a guardare con entusiasmo i risultati raggiunti, ma anche gli sbagli e gli insuccessi che fanno parte di ogni percorso. I bambini con la loro curiosità e fiducia nel futuro sono un esempio che vogliamo seguire ogni giorno. Forti di questa consapevolezza siamo certi che il domani ci vedrà sempre più impegnati nel tutelare, difendere e valorizzare le nuove generazioni attraverso iniziativi simili a quella a favore di Amaci Onlus”.

https://www.oneexpress.it/

Il cammino di tutti e di ciascuno: una scarpa per One Express

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende

A conclusione del 2019, il Pallet Network ha deciso di omaggiare i propri collaboratori con una scarpa realizzata dalla storica Pantofola d’Oro, eccellenza del made in Italy che vanta più di 130 anni di tradizione.

Il valore di un’azienda non si misura soltanto nei bilanci e fatturati di fine anno, ma anche attraverso la capacità e la volontà del top management di creare un clima aziendale positivo e armonioso, dove ciascun membro possa sentirsi considerato e parte di un percorso condiviso tanto negli obiettivi quanto nei valori. Un traguardo alto e che spesso si traduce in iniziative non convenzionali e premianti. È il caso di One Express – il Pallet Network che riunisce oltre 120 aziende e che viaggia sulle strade di tutta Europa – che a fine anno ha voluto omaggiare l’impegno, la professionalità e l’appartenenza dei propri collaboratori regalando a ciascuno una scarpa personalizzata con il logo e i colori dell’Azienda. L’idea partorita dal brillante e visionario Roberto Taliani, Network & Operation Manager di One Express, ha, infatti, l’obiettivo di ribadire l’importanza dei risultati raggiunti fino ad ora, e allo stesso tempo di rilanciare il percorso iniziato dieci anni fa e avente come obiettivo e mèta comune la crescita costante del Network in tutta Europa.

La calzatura di alto valore artigianale è frutto della sapienza e del know-how di Pantofola d’oro, azienda ultracentenaria, per anni leader nel mercato delle calzature sportive per il calcio professionale. La scarpa, ispirata a un modello della fine degli anni ’80 si presenta come un prodotto prestigioso, frutto dell’eccellenza del made in Italy. Realizzata in vitello morbido e in materiale impermeabile, si adatta alla vita di tutti i giorni. Confortevole e sportiva è chiamata a diventare un elemento di stile e appartenenza per tutti componenti del Network.
“Ho pensato a qualcosa di semplice e al tempo stesso prezioso – commenta Taliani, Netwok & Operation Manager di One Express – qualcosa di indispensabile e capace di migliorare la quotidianità, proprio come un’uniforme, una divisa da lavoro, un segno di riconoscimento che rende simile tra simili, come una vera squadra, la grande squadra di One Express”.

Nutrire e stimolare l’appartenenza al Network è la strada scelta per creare un gruppo coeso e compatto dove ciascuno è chiamato a sentirsi protagonista e responsabile del successo e della crescita comune. Un percorso che era già stato inaugurato l’anno scorso in occasione del decimo anniversario di One Express con la realizzazione di esclusivi modelli di cravatte e di foulard brandizzati e che quest’anno continua con ancora maggior convinzione attraverso il dono di una scarpa che è simbolo di impegno e cammino quotidiano.
“Ci piace l’idea di farci riconoscere perché fieri di ciò che facciamo. – Spiega Roberto Taliani – Del resto, puntiamo sulla Qualità e per raggiungere livelli che rasentano la perfezione assoluta, poniamo un impegno non comune. Per questo siamo orgogliosi di ciò che facciamo e del risultato, valorizzandolo anche attraverso iniziative in cui vogliamo distinguerci ed essere distinti”. Una visione, quella del Netwok & Operation Manager di One Express, condivisa e foriera di curiose novità che ogni volta sanno stupire, oltre al pubblico e la clientela, anche gli stessi dipendenti, raccogliendo l’entusiasmo di una squadra coesa e sempre più performante”.

https://www.oneexpress.it

Le soluzioni di Norblast alla prima edizione del MECSPE di Bari

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende

Con l’innovativo processo di Inox Peen® e altre novità, l’azienda bolognese sarà tra gli espositori della prima edizione barese di MECSPE, la fiera di riferimento del manifatturiero 4.0

Dal 28 al 30 novembre il Gruppo Norblast, azienda specializzata nelle tecnologie per i trattamenti superficiali di precisione che trovano applicazione in tutti i settori dell’industria meccanica, parteciperà, presso la Nuova Fiera del Levante, alla prima edizione del MECSPE di Bari. La manifestazione, organizzata da Senaf, è il frutto dell’esperienza maturata nelle 18 precedenti edizioni di Mecspe Parma e nasce con l’obiettivo di diventare un punto di riferimento per una nuova area del Paese per quanto riguardo lo sviluppo delle tematiche di innovazione 4.0 attraverso un network di partner qualificati e di patrocini che includono il Comune di Bari, la Camera di Commercio di Bari, Confindustria Bari-Bate e il Cluster Fabbrica Intelligente.

In questa cornice inedita, che raccoglierà le aziende manifatturiere del Centro e del Sud Italia, il Gruppo Norblast (espositore presso il Pad. NP, Stand A27) presenterà gli ultimi progetti in corso per il 2019 inerenti ai trattamenti di finitura e miglioramento delle superfici con applicazioni legate all’additive manufacturing, sistema di produzione che si è diffuso grazie alle stampanti 3D. Infatti, allo stato dell’arte e della tecnica, i prodotti che escono dal processo di stampa presentano una qualità superficiale e valori di rugosità che, per la maggior parte delle applicazioni, sono inaccettabili. Da qui il vantaggio e la necessità delle soluzioni di finitura superficiale di Norblast, capaci di donare ai particolari trattati effetti estetici particolarmente gradevoli e profili di rugosità idonei al loro corretto funzionamento.

Ampio spazio sarà dedicata anche a una soluzione di alto valore tecnologico: il processo Inox Peen® messo a punto dal Gruppo Norblast grazie alla competenza specializzata della consociata Peen Service, realtà di fama internazionale dedicata allo studio dello shot peening. Inox Peen® è un trattamento dedicato ai componenti in acciaio inossidabile, caratterizzato dalla capacità di conferire alle superfici un gradevole aspetto estetico. Dunque, un processo di pulizia meccanica che si pone come ottima alternativa al decapaggio chimico e consente di ottenere in tempi rapidi una superficie pulita.

“Dopo l’esperienza positiva dello scorso Marzo al MECSPE di Parma, – spiega Stefano Norelli, Sales Manager di Norblast – ci accingiamo con molta aspettativa a questa manifestazione con l’obiettivo di avviare nuove partnership e relazioni commerciali. La kermesse di Bari rappresenta un primo passo verso un nuovo territorio e mercato e, quindi, un’entusiasmante sfida che vogliamo vincere confermando ancora una volta il valore del Gruppo Norblast come subfornitore e partner tecnologico privilegiato, in grado di accelerare il business e la competitività di tutte le aziende che operano nel vasto e articolato settore dell’industria meccanica”.

Geoplant scommette sul kiwi Boerica

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Agricoltura, Aziende

Dopo l’industry 4.0, l’azienda vivaistica ravennate comincia a parlare anche di agricoltura 4.0, innestandosi in questo contesto tecnologico con grandi passi in avanti.

Un’importante novità nel campo dell’innovazione varietale per la Società agricola romagnola Geoplant Vivai: arriva il kiwi Boerica, varietà di riferimento tra le più apprezzate e coltivate in Italia, scoperta circa vent’anni fa come mutazione spontanea di Hayward. A gareggiare con Boerica altre sperimentazioni frutto di diversi studi effettuati nel corso degli anni, ma nessuna con risultati così buoni in termini qualitativi.

Con un gusto ottimo e una maggiore lunghezza complessiva rispetto al frutto medio classico Hayward, questa varietà è più gestibile a livello di carico e produce meno scarto grazie alla sua tendenza a diradarsi in minor misura. Boerica garantisce alti standard produttivi, comportando una resa commerciabile netta del 10% in più. Resta identica la resistenza a livello di batteriosi e le sue fasi fenologiche: il germogliamento, la fioritura, la maturazione e tutti gli step di accrescimento della pianta.

Storicamente il kiwi si produce a pieno campo con conseguente estirpazione e commercializzazione a partire dalla fine del secondo anno di vita. Da una decina d’anni Geoplant rifiuta questo tipo di produzione optando per una crescita in serra in ambiente protetto, dove il frutto non viene esposto agli eventi atmosferici quali acqua, grandine o vento, un dettaglio significativo per quanto riguarda il mantenimento dello stato sanitario. Grazie a questo metodo che dà maggiori garanzie di durata rispetto a un impianto classico, l’accrescimento della pianta in vaso dura 12-18 mesi e matura una certa consistenza: 8-10 millimetri di spessore e 100-120 centimetri di altezza.
La scelta filosofica di Geoplant è quella di fornire all’agricoltore un prodotto più pulito dal punto di vista sanitario che in terza foglia garantisce le stesse rese di una pianta di due anni coltivata in pieno campo.

Sebbene siano presenti resistenze da parte degli agricoltori ancora fortementi legati ai metodi tradizionali e restii ad abbracciare scelte più moderne, Geoplant intercetta le richieste del mercato con una proposta che migliora la struttura e la morfologia delle piante, controlla tutti i processi per la sicurezza sanitaria e produce sul mercato la migliore varietà proveniente dalla ricerca mondiale.
Geoplant non si risparmia in quanto a portata innovativa e investe nelle proprie piante operando su più fronti: i suoi prodotti sono tutti in vitro, incluso il kiwi Boerica, le serre sono climatizzate con impianti di irrigazione di cui viene monitorato il ph dell’acqua quotidianamente, la gestione della nutrizione e dell’irrigazione è quasi totalmente informatizzata e non manca uno studio attento del substrato.

Vengono prodotte annualmente circa 10.000-15.000 piante di Boerica in esclusiva per il mercato italiano, mentre altre varietà di kiwi di casa Geoplant non hanno limitazioni territoriali. Il mercato europeo di kiwi è legato soprattutto all’Italia, alla Grecia e più marginalmente alla Spagna e al Portogallo, dove Geoplant assicura rese estremamente positive in termini quantitativi e risultati eccellenti da nord a sud.

http://www.geoplantvivai.com/

Cambia lo scrigno ma non la delizia contenuta

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Aziende

L’Antica Ricetta 1912 dei tortellini Fini si veste di colore rosso per Natale con un bipack delle Feste che esalta una tradizione immutata da oltre un secolo

In vista delle Feste, arriva per i Tortellini Fini un nuovo bipack pieno di colore, ben riconoscibile a scaffale e che anticipa nell’estetica l’allegria e il gusto sprigionato da ogni assaggio. L’eplosione cromatica introduce quella dei sapori, visto che si tratta dei tortellini Antica Ricetta 1912, ripieni di prosciutto crudo, parmigiano reggiano Dop e mortadella, simbolo della cucina emiliana e con un sapore tutto speciale, quello di una storia che parte da lontano e che non cambia da oltre 100 anni.
Per il Natale 2019 Fini si veste di rosso, con un bipack che richiama l’idea di una strenna e di fatto godere di un piatto di tortellini è davvero fare e farsi un gradito regalo. Un piacere pensato per le famiglie più e meno numerose, grazie alla doppia vaschetta, ciascuna da 250 grammi, che consente di soddisfare qualsiasi esigenza di consumo, perfetta per portare la tradizione di Modena sulla propria tavola a Natale.
Ben in vista anche il richiamo alla data di fondazione del marchio e il luogo di origine. Del resto, non potrebbe essere altrimenti, dal momento che i tortellini vengono lavorati con attenzione e cura nel pastificio di Ravarino (MO) del Gruppo Fini, a pochi chilometri dal luogo in cui, secondo la leggenda, nacquero i primi tortellini della storia. Ingredienti di qualità per un primo piatto che lascia il segno, i tortellini Antica Ricetta 1912 sono realizzati con ingredienti 100% naturali, farine 100% italiane e senza conservanti.
Una garanzia assoluta per un successo a tavola, visto che si tratta di Fini, azienda specializzata nella pasta fresca ripiena fin dal 1912 e di una ricetta al 100% modenese per la tavola dei giorni di Festa che testimonia un legame con il territorio e una una storicità che solo questo brand può esibire nel mercato nazionale della pasta ripiena. E’ infatti dell’unica realtà industriale emiliana a produrre da oltre un secolo una sfoglia trafilata, frutto della tradizionale sapienza modenese che si riconosce nei tortellini piccoli e annodati come se fossero fatti a mano, una sfoglia ruvida e porosa, grazie alla trafilazione in bronzo, una chiusura annodata e non pinzata, come su un mignolo di una massaia. Unitamente alla sicurezza e alla varietà di offerta che solo un grande pastificio 100% italiano può offrire. Per ubicazione produttiva e storia Gruppo FINI è l’unico pastificio emiliano distribuito a livello nazionale in GDO.
Si tratta dunque di un prodotto che rispecchia pienamente il piatto celebrato in tutto il mondo e che trova la sua apoteosi nella classica cottura in brodo, anche se non è da meno se condito con la panna o la crema di Parmiggiano Reggiano.
Questo prodotto fa parte della linea de “I Granripieni di Sapore”, una selezione dei formati di pasta fresca dedicata a quei consumatori alla ricerca dell’appagamento del mangiare bene, che vogliono scoprire gli ingredienti e apprezzarne ogni sfumatura, assaggio dopo assaggio, per un viaggio unico nel gusto e nelle tradizioni italiane.

https://nonsolobuono.it/

La formazione prima di tutto: Poggi e la trasmissione di conoscenza

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Formazione

La bolognese Poggi trasmissioni meccaniche SpA il 17 ottobre ha avviato un progetto di formazione di tecnici specializzati in Dentatura CNC auspicando il loro inserimento tra le fila aziendali e portare così ulteriore know-how in una realtà in continuo sviluppo.

Nel panorama in continua evoluzione della produzione di ruote dentate, non sono solo la scelta dei componenti, dei materiali e dei metodi di lavorazione a permettere di raggiungere i risultati migliori, ma sono il fattore umano e le competenze diversificate a fare davvero la differenza. Questo processo in continuo cambiamento necessita una buona dose di flessibilità ed efficienza abilmente orchestrate da mani esperte e consapevoli.

Poggi Trasmissioni Meccaniche SpA collabora da tempo con Gi Group e con FAV, Fondazione Aldini Valeriani, e a questo turno, grazie ad un lavoro di sinergia e collaborazione tra le tre Aziende, nasce un’Academy, per far fronte alla mancanza di operatori specializzati. Questa iniziativa unisce l’esigenza di personale qualificato da parte delle aziende del settore meccanico alla possibilità per numerosi giovani in cerca di occupazione di formarsi in maniera specifica e sul campo. Disponendo di un monte ore da dedicare alla pratica direttamente sulle macchine automatiche, e un monte ore teorico, si crea così una base di esperienza e una prospettiva di assunzione futura. In particolare, l’Academy porta alla vera e propria creazione di alcune figure specializzate e personale qualificato in ambito Dentatura CNC in grado di apportare un concreto vantaggio competitivo ad una realtà aziendale in crescita costante.

Nel mese di ottobre è partita la prima tranche di questo corso basato su una programmazione dettagliata del lavoro che tiene conto del monte ore totale e dell’alternanza teoria/pratica, il tutto curato nel dettaglio grazie alla collaborazione fra i tecnici di Poggi Trasmissioni Meccaniche SpA e i docenti di FAV, e grazie alla gestione organizzativa ed al reclutamento di Gi Group. La storica sede di Poggi Trasmissioni Meccaniche SpA ha accolto i giovani inseriti in questo percorso formativo, professionale e gratuito. L’Academy prevede l’apprendimento delle basi per la lettura del disegno meccanico, l’utilizzo delle apposite attrezzature, la metrologia sulle ruote dentate e l’uso delle dentatrici. Il corso trasmette dapprima conoscenze teoriche, e poi conoscenze orientate alla pratica sviluppate da maestranze interne all’azienda e specializzate nel settore che insegneranno a sfruttare al meglio le macchine in modo da ridurre al minimo errori e sprechi di tempo.

Tra i temi trattati un’iniziale e doverosa introduzione al mondo Poggi con la sua organizzazione, le sue procedure e processi interni. A seguire un focus sul disegno meccanico di base che verrà integrato da una parte dedicata alle ruote dentate. Tecnologie dei materiali, utilizzo delle attrezzatture e tematiche legate alla sicurezza sono solo alcune tra le materie approfondite. Nella seconda parte del corso gli studenti sperimentano un affiancamento ravvicinato e affrontano le lavorazioni meccaniche direttamente su ruote dentate.
Ancora formazione in Poggi Trasmissioni Meccaniche SpA. Grazie alla collaborazione con l’Università di Bologna Poggi continua a investire risorse in formazione, e in questo caso in ricerca e sviluppo, con il progetto di un innovativo banco prova prodotti. Il nuovo banco prova permetterà di testare ed eseguire simulazioni reali molto affidabili dei rinvii angolari Poggi acquisendo e inviando i dati in ufficio tecnico per elaborarli, in modo da poter confrontare i risultati pratici con i risultati teorici dei programmi di calcolo e dimensionamento. Questo consentirà di eseguire verifiche precise dei pezzi, nell’intento di individuare ulteriori migliorie ai rinvii, al fine di ottenere un upgrade del prodotto che ne massimizzi il rendimento e l’affidabilità.

Inoltre, la laureanda in Ingegneria Meccanica Sara Censi, a partire da ottobre è ospitata dall’Azienda per uno stage. Oggetto della tesi di laurea sarà la progettazione di un nuovo sistema di calcolo e dimensionamento dei rinvii angolari e ricerca di ulteriori migliorie tecniche.

Investimenti continui in Poggi Trasmissioni Meccaniche SpA, un’Azienda con realtà in continuo sviluppo.

http://www.poggispa.com/

DT Swiss sfreccia ancora più lontano con Norblast

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende

Controllo sul processo di pallinatura e introduzione dello shot peening: sono queste le plusvalenze con cui Norblast ha ottimizzato l’attività di DT Swiss, azienda svizzera leader nella realizzazione di componenti per bici da corsa e mountain bike

Nel panorama industriale moderno, abituato a lavorare su grandi volumi, la presenza di un controllo qualificato sull’intero ciclo produttivo, rappresenta un nuovo fattore di competizione, capace di incidere tanto sulla qualità quanto sul prezzo del prodotto finale. Una gestione attenta e oculata dell’intero processo, infatti, permette di individuare punti deboli e criticità, eliminare sprechi e, soprattutto, mantenere standard elevati per ogni singola lavorazione.
Lo sa bene DT Swiss, azienda svizzera, leader nella realizzazione di componenti per bici da corsa e mountain bike, che ha trovato in Norblast, player indiscusso nella progettazione e costruzione di macchine per i trattamenti superficiali, un partner ideale per ottimizzare e potenziare la propria attività, già riconosciuta nel settore come un’eccellenza, soprattutto in relazione alla realizzazione di cerchi in alluminio, apprezzati dal mercato per una particolare rugosità superficiale.
Ed è stato proprio quest’ultimo l’ambito di intervento che ha caratterizzato l’operato di Norblast. Nello specifico DT Swiss ha consegnato all’azienda bolognese una duplice sfida: da una parte fornire gli strumenti per controllare le performance della pallinatura superficiale sui cerchi in alluminio – trattamento che DT Swiss già realizzava in autonomia -, dall’altra parte introdurre i benefici derivanti dallo shot peening, trattamento di cui, il Gruppo Norblast vanta una specializzazione a livello mondiale attraverso il know how della consociata Peen Service.
Attraverso un metodo lavorativo consolidato e orientato alle esigenze del cliente, Norblast ha raccolto e vinto questa sfida. Analizzando il processo produttivo di DT Swiss, la più che quarantennale esperienza di Norblast ha permesso di individuare alcuni elementi volti a potenziare il processo e il risultato, introducendo la tecnica dello shot peening. È stato così realizzato un impianto su misura, valido per tutta la gamma di taglie cerchio che DT Swiss produce, dalla mountain bike alle bicicletta da corsa, in grado di superare le aspettative iniziali del cliente. Sotto la soglia del minuto, la macchina garantisce la lavorazione di due cerchi, mantenendo invariati i requisiti di tensione benefiche, l’effetto superficiale caratteristico dei prodotti DT Swiss e, infine, permette un importante risparmio di graniglia, tra i costi più elevati del processo. Con questa soluzione Norblast si conferma come partner privilegiato, in grado di operare in qualsiasi settore industriale, forte del know how acquisito nell’ambito dei trattamenti superficiali e della capacità di interpretare le esigenze specifiche del cliente e trasformarle in soluzioni customizzate di alto valore tecnologico.

https://norblast.it/

Campagnola Ibérica: il successo in Centro e Sud America

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Agricoltura, Aziende

L’azienda di Zola Predosa si afferma in Sud America tramite la concessionaria in esclusiva per la Penisola Iberica

Campagnola Ibérica de Suministros Agricolas nasce per cogliere e soddisfare le esigenze del mercato della Penisola Iberica e fin da subito si è dimostrata una scelta di successo nel settore della raccolta e della potatura meccanizzate. Negli ultimi due anni rappresenta Campagnola anche nei Paesi del Centro e Sud America, dove sta operando con fatturati in continua crescita, confermandosi un’altra scelta vincente per il Gruppo capitanato dall’azienda emiliana.

Campagnola Ibérica è guidata dal nipote del fondatore di Campagnola srl, il Commendatore Pio Vittorio Ferretti. Il signor Maurizio Guerra sta guidando la concessionaria spagnola verso un continuo progresso. I segreti di questo successo sono la capacità manageriale e la grande passione e dedizione che Maurizio dimostra nello svolgere il proprio lavoro, avvalendosi di fidati agenti per il territorio spagnolo e validi importatori per il Portogallo ed i Paesi oltreoceano, che lo spalleggiano nel presidiare un vasto territorio sempre più ricettivo ed interessato alla meccanizzazione agricola.

Il brand Campagnola è oggi così apprezzato dall’utenza centro e sudamericana per le stesse caratteristiche per cui si fa tanto amare dagli utilizzatori finali di casa nostra e di tanti altri Paesi nel mondo: soluzioni pratiche, alta qualità, ampia gamma di prodotti disponibili ed assistenza impeccabile, tratti distintivi di un marchio sempre più noto, ma che mantiene il proprio volto umano da oltre sessant’anni.

https://campagnola.it/