Archivio Autore

FINI: la pasta fresca resta italiana, anzi di Modena!

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Aziende, Industria

Il Gruppo Fini produttore di tortellini e ravioli a marchio Fini ribadisce la propria italianità.

In seguito alla diffusione della notizia dell’acquisizione da parte di ABF – Associated British Foods dell’azienda Acetum SpA titolare del marchio Fini per l’aceto balsamico Igp di Modena, si precisa che il marchio Fini pasta fresca di proprietà di Gruppo Fini è e rimane completamente italianoe non è coinvolto in alcun modo in questa trattativa.

Il Gruppo Fini SpA, dal 2016 società a socio unico, di proprietà del fondo Paladin Capital Partners è una grande realtà dell’alimentare 100% italiana titolare dei marchi Fini nato a Modena nel 1912, e Le Conserve della Nonna dal 1973 una realtà produttiva di pomodoro, vegetali, legumi e composte a Ravarino (MO).

Da anni il Gruppo conferma la propria vocazione italiana, e soprattutto emiliana, in tutte le attività svolte. Nel 2015, infatti ha rinnovato l’azienda di Ravarino, a pochi chilometri da Modena, centralizzando le produzioni dei due marchi Fini pasta fresca e Le Conserve della Nonna in uno stabilimento moderno e certificato secondo i principali standard internazionali.

Il legame con il territorio è anche evidenziato da Fini pasta fresca nel logo recentemente ridisegnato, che riporta in modo esplicito e centrale “Modena 1912” a firma dei prodotti della gamma.

Inoltre, l’azienda ha fatto del legame con il territorio la propria nota distintiva anche nelle strategie di comunicazione verso il pubblico con la recente campagna “Noi di Modena” presente sui social network.

L’italianità è quindi una caratteristica che rimane prioritaria per lo storico marchio modenese e molto legato al suo territorio di origine.

Gruppo Fini SpA Sede sociale: Via Confine, 1583 41017 Ravarino (MO); Amministrazione: Via Albareto, 211 41122 Modena info@nonsolobuono.it – www.nonsolobuono.it
Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200 – Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Gruppo Fini: una lunga storia a lieto fine

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Aziende, Economia, Industria

Un’azienda secolare che ha vissuto alterne vicende, ma che ha saputo confermare la propria identità e progettare il proprio sviluppo a Modena, lo stesso luogo che le ha dato origine nel 1912.

La storia del Gruppo Fini comincia nel lontano 1912 in corso Canalchiaro, nel cuore di Modena, quando Telesforo Fini inaugura il proprio negozio di alimentari, una tradizionale bottega di specialità emiliane. Era ancora presto per parlare di azienda, ma proprio da quella piccola attività cittadina è nato il marchio Fini, che in pochi decenni è riuscito a diventare sinonimo di pasta fresca ripiena di qualità, dando vita nel tempo ad una grande produzione alimentare italiana.

Ma arrivano i momenti difficili e nel 1989 gli eredi della famiglia Fini vendono  dalla multinazionale americana Kraft(oggi The Kraft Heinz Co.), colosso mondiale del settore alimentare, e lo storico marchio modenese cade in mani straniere.

Nel 1998 un nuovo cambio di proprietà: il brand viene acquistato dal gruppo imprenditoriale Malgara Chiari & Forti, Poi negli anni successivi intervengono fondi d’investimento stranieri e differenti società che si passano di mano lo storico marchio Fini.

A fine del 2006, Fini Modena Spa viene fusa in Nuova Conserve Spa e trasformata nell’attuale Gruppo Fini Spa,società proprietaria dei marchi Fini e Le Conserve della Nonna.

Nel 2008 il gruppo italiano Paladin Capital Partners diventa socio di maggioranza e alla guida di Gruppo Fini entra Andrea Ghia, ancora oggi amministratore delegato della società. Da quel momento, tutti gli sforzi del management sono rivolti a risollevare le sorti della grande azienda alimentare modenese, valorizzando il suo potenziale e riportandola ad essere una solida realtà italiana.

Nel 2015, in seguito a un investimento di 6,5 milioni di euro, il Gruppo ha rinnovato e ampliato lo stabilimento di Ravarino, storica sede di Le Conserve della Nonna a pochi chilometri da Modena, trasferendo in quel luogo anche la produzione della pasta fresca a marchio Fini, centralizzando così in un unico polo produttivo le attività dei due marchi.

Infine, nel 2016 Paladin Capital Partners ha definitivamente saldato il debito della società con BPER e il Gruppo Fini Spa è diventato una società a socio unico 100% italiana.

Ancora oggi il Gruppo Fini ha sede a Modena, nel territorio in cui questa lunga storia è iniziata, e sceglie di continuare a puntare sullo sviluppo locale, garantendo un lavoro a quasi 100 dipendenti e dando lustro a livello nazionale e internazionale alle specialità gastronomiche che hanno reso l’Emilia famosa in tutto il mondo.

L’attenzione al territorio si manifesta anche attraverso le attività di comunicazione del marchio Fini, come la recente campagna online “Noi di Modena”, che mettono in luce gli elementi caratteristici dell’emilianità, della cultura del vivere bene e del gusto genuino e casalingo, della convivialità familiare tipica della tradizione locale.

Così, a differenza di numerose realtà dell’alimentare italiane, sempre più spesso rilevate da investitori stranieri, il Gruppo Fini scrive una storia a lieto fine grazie alla lungimiranza e all’impegno di una gestione imprenditoriale italiana che vede nell’italianità un valore imprescindibile per il mantenimento della qualità della tradizione e per lo sviluppo futuro.

“Il marchio Fini si conferma di anno in anno sempre tra i primi tre player leader a volume e a valore nel mercato della pasta ripiena. – commenta Andrea Ghiaamministratore delegato del Gruppo – InoltreFini è oggi l’unico grande marchio di pasta ripiena a livello nazionale a produrre proprio nella regione dove la tradizione della pasta fresca ripiena ha avuto le sue origini. Questo forte legame con la territorialità è per tutto il Gruppo Fini la spinta che guida la nostra vocazione allo sviluppo, anche oltre confine, è uno stimolo per continuare a crescere e guardare avanti. Il nostro lavoro è quello di trovare modi sempre nuovi per offrire al mercato e ai consumatori un gusto in grado di rappresentare la vera industria alimentare italiana”.

 

Gruppo Fini SpA Sede sociale: Via Confine, 1583 41017 Ravarino (MO); Amministrazione: Via Albareto, 211 41122 Modena info@nonsolobuono.it – www.nonsolobuono.it
Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200 – Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

1987-2017: happy birthday MecVel, da 30 anni sempre in movimento

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Industria

Nel 2017 MecVel taglia il traguardo dei 30 anni di attività e festeggia questo successo nel migliore dei modi: oltre a introdurre importanti novità all’interno della propria gamma di prodotti, l’azienda diventa più grande non solo nello spirito ma anche nel “corpo”

Il 10 settembre 2017 MecVel spegne 30 candeline, e per l’occasione si regala un ampliamento delle linee produttive, con un nuovo stabilimento adiacente all’attuale struttura. L’obiettivo è di massimizzare il proprio rendimento, grazie anche all’utilizzo di diversi magazzini automatizzati, a dimostrazione dello sviluppo tecnologico e del livello d’innovazione raggiunto dall’azienda, che aumenta la sua capacità produttiva a 60.000 pezzi l’anno.

Dal 1987 il core business di MecVel è la progettazione e la produzione di attuatori lineari elettrici e martinetti meccanici, sistemi di movimentazione che utilizzano motori, riduttori e assi di spinta per trasformare il moto rotatorio del motore in un movimento lineare, permettendo di sollevare, posizionare, spingere o tirare qualsiasi carico fino a 200.000 N (20 tonnellate). A questo si aggiunge un importante servizio di customizzazione, che consiste nel configurare ogni prodotto nel dettaglio, in modo da adattarlo alle specifiche esigenze della singola applicazione, creando una soluzione su misura per ogni cliente.

In 30 anni di storia, l’azienda è passata dall’essere una piccola realtà nel mondo dell’artigianato locale a leader nel mercato degli attuatori lineari e dei martinetti meccanici, con una fortissima presenza a livello mondiale, confermata dal fatto che il 50% del fatturato (10 milioni di euro nel 2016) proviene da importanti aziende del panorama internazionale e da progetti speciali nei più diversi ambiti industriali: dalle energie rinnovabili (fotovoltaico, eolico, idroelettrico) all’industria pesante (siderurgico e minerario), dal packaging al medicale, dall’automotive al settore dei trasporti e all’automazione in generale.

Tutto questo senza mai allontanarsi dalle basi su cui MecVel è stata costruita: valorizzazione del Made in Italy, che da sempre identifica un livello di know-how e una qualità senza precedenti, e una continua attività di ricerca e sviluppo per essere costantemente in linea con le richieste del mercato. È così che tra i vari ingredienti che hanno portato a questo traguardo, non può mancare una gamma in costante evoluzione, con l’obiettivo di offrire sempre di più il prodotto perfetto per la tipologia di applicazione cui è destinato, rispettando la mission dell’azienda: dare vita a prodotti in grado di migliorare e rendere unica ogni movimentazione lineare.

Da 30 anni l’incontro tra profonda esperienza e progresso tecnologico costituisce il nucleo di una costante crescita aziendale, ma l’efficacia si arricchisce significativamente di fronte alla coesione della squadra: è proprio alle risorse umane che MecVel ha deciso di dedicare, lo scorso 15 settembre 2017, la celebrazione di questo importante traguardo, con un evento dal sapore familiare che ha lasciato trasparire il forte senso di appartenenza di un gruppo di lavoro affiatato e competitivo, verso il quale la proprietà ha dimostrato tutta la sua riconoscenza. Una serata dal clima festoso rivolta a chi, in passato, ha reso grande quest’azienda e a chi, anche e ancora oggi, contribuisce alla sua rapida espansione con dedizione e determinazione. Un trentennio è trascorso, tra sfide stimolanti e successi, e tanti altri dovranno ancora venire: MecVel spegne queste candeline con molte consapevolezze e lo sguardo già proiettato al futuro.

www.mecvel.it

Affari e Galateo: si torna a scuola di Stile con i corsi di Etiquette Italy

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Istruzione

Etiquette Italy getta le basi per un 2018 all’insegna del successo professionale: la fondatrice Simona Artanidi, in collaborazione con i partner di stile, illustra ai futuri esperti del Galateo Aziendale i segreti del Public Speaking, della Netiquette e del Dress Code applicato al business.

Un ventaglio di corsi variegato e altamente qualificato colora l’autunno di Etiquette Italy e rimette in moto l’iter formativo dei professionisti del bon ton applicato al mondo degli affari. Un percorso accademico completo e strutturato, volto a promuovere l’immagine professionale, che dal prossimo mese si terrà a Bologna presso la nuova Sala Corsi di Etiquette Italy.

Il 12 e il 19 ottobre 2017 sono le prime date da annotare sul calendario: torna a gran richiesta il corso “Speak with Etiquette” (Parlare in Pubblico con grazia ed eleganza), un’occasione ideale per gli imprenditori, i manager, i liberi professionisti e i consulenti che intendono rafforzare la capacità di esporre in pubblico, facendo leva sull’autostima e sulla sicurezza di sé e del proprio know-how. Nel corso di queste due sessioni, la fondatrice di Etiquette Italy Simona Artanidi, massima esperta italiana di Business Etiquette, Stile e Immagine, accompagnerà i partecipanti sulla strada della disinvoltura, del linguaggio del corpo elegante e della padronanza nelle situazioni ufficiali, evidenziando tutti gli accorgimenti da osservare per imprimere un ottimo ricordo di sé.

La costruzione e il mantenimento di una solida reputazione di sé, oltre che del proprio operato, percorre un duplice canale di comunicazione, off e on line. Per le figure professionali che avvertono la necessità di apprendere le più efficaci strategie di utilizzo del web e della tecnologia, Etiquette Italy ripropone il 26 ottobre 2017 l’attualissimo workshop “Web & Etiquette Reputation”: un incontro ideato da Simona Artanidi per trasmettere i segreti della Netiquette e fornire un utile prontuario per relazionarsi sul web, via mail e più in generale con le tecnologie con accortezza e cortesia, nel pieno rispetto del Bon Ton. Una buona reputazione e il personal branding infatti si costruiscono anche on line.

Il 9 novembre 2017, “L’eleganza del Gentleman – Vestirsi per il successo” chiuderà questa fase del ciclo formativo, che ripartirà nel 2018 abbracciando aspetti della Business Etiquette sempre più concreti e dettagliati.

Alessandro Lunati, consulente di Galateo Aziendale di Etiquette Italy, e Diego Venturelli, consulente di stile maschile e partner di Etiquette Italy, dimostreranno ai partecipanti l’importanza del giusto dress code nelle diverse occasioni, nonché la centralità del buon gusto e del metalinguaggio in tutte le forme di relazione, sociale e professionale.

Maggiori informazioni:

www.etiquetteitaly.com

tel. 051.269190 (Reception Etiquette Italy)

Tecnologia Varvel per l’allevamento e l’agricoltura

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Industria

La gamma di riduttori di velocità Varvel offre molteplici soluzioni per le strumentazioni impiegate nell’agricoltura e nell’allevamento.

Il Gruppo Varvel offre al mercato locale e internazionale sistemi di trasmissione di potenza dalle elevate prestazioni che vengono abitualmente impiegati in numerosi settori della filiera produttiva e distributiva.

Da oltre 25 anni l’azienda propone al mercato delle tecnologie per l’agricoltura e l’allevamento soluzioni ottimali per il controllo della potenza e la realizzazione di diverse tipologie di strumentazioni: ciò ha permesso a Varvel di diventare un partner ideale per tutta l’industria del settore.

Grazie a questa esperienza, il Gruppo ha potuto confrontarsi con le principali tematiche di questo mercato: ecosostenibilità, benessere degli animali, esclusività delle produzioni, adattamento alle diverse condizioni climatiche, attenzione per la sicurezza alimentare e garanzia di tutela della qualità del prodotto finito. Le soluzioni tecnologiche studiate da Varvel sono altamente flessibili e si adattano perfettamente alle diverse necessità della clientela internazionale.

Per presentare l’ampiezza delle possibilità di utilizzo dei riduttori Varvel nell’allevamento e nell’agricoltura, da poco è stato diffuso online un rendering interattivo, pubblicato su tutti i siti dell’azienda, dove vengono illustrate numerose applicazioni: movimentazione del mangime per gli animali, controllo dell’apertura e della chiusura delle finestre, pulizia delle gabbie e raccolta delle uova sono solo alcuni dei casi pratici in cui la gamma Varvel è la scelta ideale da parte dei costruttori di macchine automatiche. È sufficiente esplorare il documento per scoprire le molteplici applicazioni nei diversi contesti legati all’agricoltura e l’allevamento.

Oltre alla versione interattiva, lo stesso contenuto è stato realizzato anche in formato cartaceo con brochure pensate per i vari mercati locali, disponibili in inglese, italiano, francese, tedesco, spagnolo e russo.

Varvel SpA – Via 2 Agosto 1980, 9 – Loc. Crespellano, 40053 Valsamoggia (BO) – Italy – Tel. +39 051 6721811 – Fax +39 051 6721825 – varvel@varvel.com

Ufficio Stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna – Tel. 0514450204 – Matteo Barboni – 3496172546 m.barboni@borderlineagency.com

Il Gruppo Varvel in rete anche in India

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Dal Mondo, Industria

Il Gruppo specializzato in sistemi di trasmissione di potenza ha di recente pubblicato il nuovo sito dedicato alla filiale indiana e consolida la propria presenza nel mercato locale

L’esperienza nell’ideazione, produzione e commercializzazione di riduttori di velocità ad alto valore tecnologico del Gruppo Varvel è ormai consolidata non solo in Italia, ma in oltre 60 Paesi in tutto il mondo.

Da anni Varvel è molto presente anche in India, dove nel 2011 ha costituito insieme a MGM Motori Elettrici la joint-venture MGM-Varvel Power Transmission Pvt. Ltd. Da allora la meccanica di precisione made in Italy viene valorizzata anche nel mercato manifatturiero indiano grazie all’operato della filiale che, dalla sede di Chennai, si occupa di assemblaggio e distribuzione dei prodotti Varvel in tutto il Paese. Per dare ulteriore impeto alla presenza nel mercato indiano, è da poco stato pubblicato il sito www.varvel.in, nuova estensione del sito istituzionale volta a rendere ancora più accessibile e familiare il brand Varvel all’industria locale.

Oltre a questa novità, MGM-Varvel dimostra sempre molta vivacità nelle iniziative per presentare al sistema locale i riduttori Varvel partecipando alle principali manifestazioni che hanno luogo in India.

Ad esempio, dal 3 al 6 agosto l’azienda ha partecipato a PackPlus, principale evento nel continente asiatico dedicato al confezionamento e trattamento dei prodotti, oltre che alla filiera produttiva e distributiva in tutti i settori legati al packaging. Inoltre, dal 9 al 12 agosto, l’azienda ha esposto anche durante la fiera Automation Expo a Mumbai, l’appuntamento più importante per l’automazione e le strumentazioni industriali dell’area.

Tutte queste attività sono ulteriori conferme dell’efficacia della strategia di internazionalizzazione messa in atto dal Gruppo Varvel da anni e ancora in corso.

“Viviamo in una dimensione internazionale e dobbiamo confrontarci con uno scenario sempre più vasto e competitivo – affermano Francesco Berselli, Presidente di Varvel SpA e Mauro Cominoli, Direttore Generale di Varvel SpA– e per poterci distinguere dobbiamo presentare al meglio i valori che ci differenziano dalla concorrenza. Per noi rappresentare l’eccellenza tecnologica italiana nel mondo è motivo di grande orgoglio e ci stimola a lavorare sempre meglio e con lo sguardo rivolto al futuro.

 

Varvel SpA – Via 2 Agosto 1980, 9 – Loc. Crespellano, 40053 Valsamoggia (BO) – Italy – Tel. +39 051 6721811 – Fax +39 051 6721825 – varvel@varvel.com

Ufficio Stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna – Tel. 0514450204 – Matteo Barboni – 3496172546 m.barboni@borderlineagency.com

Pubblicato il Bilancio di Sostenibilità 2016 del Gruppo Varvel

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Industria

Nuova edizione per il documento ufficiale che racconta il lavoro di un anno del Gruppo Varvel per condividerne i risultati con tutti gli stakeholder 

Come ogni anno, anche nel 2017 il Gruppo Varvel presenta la nuova edizione del Bilancio di Sostenibilità relativo all’andamento dell’anno precedente.

Anno dopo anno, in un’azienda dinamica come Varvel, cambiano molte cose, ma non cambia l’attenzione verso i membri di tutta la squadra e la consapevolezza del valore della condivisione di tutto il lavoro svolto nel corso del 2016.

Il Bilancio di Sostenibilità 2016 espone nel dettaglio tutte le attività che hanno visto l’azienda impegnata nei 12 mesi in esame, tutti gli investimenti effettuati e tutti i traguardi raggiunti, in una logica di totale trasparenza e apertura nei confronti degli stakeholder, che vengono messi nelle condizioni di conoscere e valutare gli esiti delle iniziative intraprese, l’impatto delle scelte gestionali, gli effetti delle politiche messe in atto. Impegno sociale, progetti di innovazione, investimenti per l’aggiornamento tecnologico e per la formazione delle risorse, continuo impeto all’internazionalizzazione e alla crescita in nuovi mercati: queste le caratteristiche che guidano l’operato di Varvel ogni anno, confermate anche nel 2016.

Il documento è anche uno strumento per consolidare valori e obiettivi condivisi da chiunque faccia parte della community internazionale di Varvel: si ripercorrono infatti anche le iniziative benefiche per il sostegno a realtà locali, nazionali o internazionali, l’attenzione per le risorse umane, l’impegno per il continuo miglioramento della sede produttiva. Chiaramente non mancano le informazioni economiche che quantificano i risultati e gli sforzi di tutta la squadra, sia in Italia che negli oltre 60 Paesi dove il Gruppo Varvel arriva tutti i giorni grazie al processo di internazionalizzazione costante.

Il 2016 è stato sicuramente un anno ricco di impegni e soddisfazioni: dagli importanti lavori strutturali per l’ampliamento della superficie operativa e logistica alla realizzazione di nuovi materiali per il mercato statunitense, dall’avanzamento del progetto Smart Gearbox alla pubblicazione dei siti locali, nuovi strumenti di comunicazione diretta con il target internazionale.

Per l’edizione 2016 è stato ideato un nuovo formato per questo documento: un template quadrato, dal forte impatto visivo, completamente rivisitato nella grafica e nell’organizzazione degli argomenti, realizzato seguendo l’impostazione del GBS 2013 (Gruppo di studio per il bilancio sociale), uno degli standard più seguiti nella stesura di questo tipo di documentazione.

http://www.varvel.com/it/download/file/209

Varvel SpA – Via 2 Agosto 1980, 9 – Loc. Crespellano, 40053 Valsamoggia (BO) – Italy – Tel. +39 051 6721811 – Fax +39 051 6721825 – varvel@varvel.com

Ufficio Stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna – Tel. 0514450204 – Matteo Barboni – 3496172546 m.barboni@borderlineagency.com

Borderline spegne 5 candeline… a colpi di racchetta!

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Sport, Tennis

L’agenzia di comunicazione bolognese gioca in casa e sceglie il torneo di beach tennis made in Palabeach (BO) per festeggiare un traguardo importante, in compagnia di sportivi e community

Le mete raggiunte acquistano valore se condivise con chi si è incontrato lungo la strada: questo Borderline, agenzia di comunicazione di Bologna, lo sa bene ed è per questo che si appresta a celebrare questo significativo evento insieme ad amici, partner e amanti dello sport in una cornice familiare, come quella del Palabeach bolognese di via dell’Aeroporto 40.

Lunedì 17 luglio, dalle 19 alle 23.30, il centro gestito dall’Associazione Sportiva Dilettantistica Beach Tennis Bologna vedrà sfidarsi 16 coppie maschili sui suoi campi. Il torneo, aperto a tutti gli appassionati di questo sport, trasporterà i presenti in una dimensione di relax, perfetta per un tramonto energico e frizzante allietato da un gustoso buffet allestito per giocatori e spettatori.

Tra i partecipanti del torneo Borderline, le prime 4 squadre classificate riceveranno i meritati premi composti da utili gadget brandizzati dell’agenzia e un buono per l’acquisto di articoli sportivi, offerto da Palabeach.

Il gioco di squadra è alla base di un buon risultato e di un progetto vincente: è questo il principio che spinge l’agenzia di comunicazione integrata di Bologna ad alimentare l’intesa, non solo all’interno del proprio team creativo, ma anche nei preziosi rapporti con i clienti, i fornitori e tutti gli stakeholders. Lo sport non è solo un’ottima espressione di team building, ma rappresenta l’espressione di un metodo vincente, sensibile agli stimoli esterni e al principio del dinamismo.

Il valore aggiunto di Borderline è un solido bagaglio professionale e un know-how ad ampio raggio e risiede proprio nel giusto mix tra esperienza e freschezza di una realtà giovane e ricca di entusiasmo.

L’affiatato gruppo di creativi senza confini offre quotidianamente ai suoi clienti servizi completi e trasversali, spaziando dall’editoria alla grafica, dall’event management alle moderne strategie di marketing, dal giornalismo al multiforme universo del web, grazie a un elevato standard di specializzazione.

L’essenza stessa di Borderline la spinge a varcare ogni confine e a cimentarsi in attività sempre più stimolanti, abbracciando numerosi ambiti lavorativi con professionalità e competenza: dal food alla meccanica, dall’automotive alla logistica, dal beauty al settore agronomico, sono moltissime le sfide finora raccolte dall’agenzia e molte altre ne stanno per arrivare.

Con questa stimolante serata all’insegna della sana competizione sportiva e di squadra, Borderline chiude un ciclo e si prepara ad intraprendere un lungo cammino ricco di ambiziosi obiettivi.

L’atmosfera, lo svago e l’entusiasmo dei partecipanti faranno il resto!

www.borderlineagency.com

Fabrizio Bosso e Julian Oliver Mazzariello in concerto al Casalunga Golf Resort

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Musica

Nuovo appuntamento con la musica al vivo nell’oasi del benessere e del relax alle porte di Bologna

Il jazz torna ad essere protagonista sul palco del Casalunga Golf Resort lunedì 17 luglio, con l’esclusivo concerto di Fabrizio Bosso e Julian Oliver Mazzariello che presentano l’ album “Tandem”, nato dalla loro collaborazione.

Due musicisti molto diversi che hanno deciso di unire la loro arte e i loro strumenti suonando all’unisono: da questa unione è nato “Tandem”, approdo naturale di un rapporto artistico già rodato. Un progetto artistico condiviso iniziato sul palco, ma che trascende le regole delle classiche collaborazioni. Bosso e Mazzariello si incontrano anni fa nella primissima formazione degli High Five, una “All Stars” di giovani talenti del firmamento jazzistico italiano. Da quel giorno li lega un’amicizia complice che li fa mettere naturalmente a disposizione della stessa passione per la musica e della sperimentazione tra generi. “Tandem” racconta proprio questa condivisione che i due trovano nella vita così come nell’arte, interpretando grandi canzoni e temi della musica internazionale, senza distinzione di genere: da “Oh Lady Be Good” di George Gershwin a “Luiza” di Antonio Carlos Jobim, dall’omaggio a Michel Legrand in una versione di “Windmills of your Mind”, al tema di “Taxi Driver” di Bernard Herrmann, brani che confermano nuovamente, dopo l’interpretazione di Nuovo Cinema Paradiso, l’omaggio a Nino Rota e la sonorizzazione de “Il Sorpasso”, la fascinazione di Fabrizio Bosso per il mondo del cinema. Non mancano brani originali con “Wide Green Eyes” e “Dizzy’s Blues” di Fabrizio Bosso e “Goodness Gracious” di Julian Oliver Mazzariello.

Con il concerto “Tandem” i presenti potranno lasciarsi trasportare in un viaggio magico guidati dalla tromba di Bosso e il pianoforte di Mazzariello, in una miscela di tensioni e distensioni, sperimentazioni e improvvisazioni in grado di trasmettere l’energia che solo la musica dal vivo può esprimere.

Questo concerto è un’ulteriore proposta di qualità nel variegato programma estivo del Casalunga Golf Resort, elegante meta del lifestyle e del divertimento per l’estate bolognese, a pochi chilometri dalla città.

Per info e prenotazioni
Tel. 329.8859306
info@casalungagolfresort.com
www.casalungagolfresort.com

Renato Zoia: l’amanuense del cioccolato

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Gastronomia e Cucina

Gesti sapienti e un’esperienza più che trentennale guidano la mano del Maestro Renato Zoia nella decorazione a cornetto, tecnica antica e ormai rara che il titolare della Pasticceria Eporedia e inventore del Cioccolato Bolognino porta avanti con passione.

E’ davvero difficile non rimanere incantati nell’osservare i gesti armoniosi del Maestro Pasticcere Renato Zoia, titolare della pasticceria Eporedia e inventore del noto cioccolato Bolognino, mentre realizza una decorazione a cornetto.

Un’arte antica che Zoia possiede e che dona al pubblico, spiegandola, durante eventi e manifestazioni che lo vedono protagonista indiscusso del cioccolato, suo grande amore.

Attraverso movimenti rapidi e precisi, piuttosto che calibrati e più lenti, Zoia compone opere d’arte con il cioccolato bianco, al latte e fondente, mediante scritte e architetture che richiamano il barocco italiano. Un vero e proprio amanuense del cioccolato che porta avanti una tradizione antica e sempre meno seguita dai giovani pasticceri, a causa della difficoltà e dello sforzo per apprendere una lavorazione che richiede anni di perseveranza e dedizione.

Entrando nel laboratorio di via Bentini 24, a Corticella (BO) dove ha sede la Pasticceria Eporedia, di cui Renato Zoia è titolare, pare di trovarsi all’interno di un palazzo ottocentesco, osservando sui ripiani le composizioni pronte per essere portate via da una clientela che sa come stupire amici, parenti e ospiti. Del resto, non capita tutti i giorni di poter offrire un’opera d’arte tutta a base di cioccolato, né di poter disporre di una creazione artigianale di pregio.

Si tratta di una tecnica che si sta perdendo e che io sono felice di trasmettere ai miei figli – racconta il Maestro Zoia quando nelle occasioni pubbliche illustra alle persone il suo lavoro – perché oggi si tende a realizzare torte semplice, stampa, glasse e decorazioni di zucchero. Per arrivare a decorare a cornetto con una certa sicurezza ci vogliono anni di allenamento e tanta concentrazione, velocità e precisione”. In effetti, il cioccolato temprato è una materia viva e basta davvero poco per perdere la fluidità necessaria per utilizzarlo come “inchiostro”, specialmente quando si usa il tratto più sottile, quello più pregiato ma anche più difficoltoso.

Lo sa bene il Maestro Zoia, così appassionato del cacao da aver realizzato, come omaggio al capoluogo emiliano, il Bolognino, un cioccolato speziato in cui le materie prime sono dosate ed equilibrate, richiamando la gastronomia di Bologna, i profumi e i sapori della città. Un concentrato di aromi e profumi, con note particolarissime che emergono gradevolmente nel corso della degustazione, di realizzazione rigorosamente artigianale.

RENATO ZOIA

Veneto di origini, nato professionalmente in Piemonte, ma bolognese di adozione, Renato Zoia da oltre cinquant’anni dedica la propria vita al mondo della pasticceria.

La grande scuola piemontese ha lasciato un segno indelebile nello stile di Renato Zoia e il Maestro ha sempre cercato di coniugare le esperienze maturate ad Ivrea con la grande tradizione gastronomica di Bologna, città che lo vide trasferirsi oltre trentacinque anni fa.

Se il Piemonte è rimasto nel cuore del Maestro Pasticcere, come dimostra il nome della sua pasticceria, Eporedia, l’antico nome di Ivrea, la scoperta della gastronomia bolognese ha permesso a Renato Zoia di stupire il pubblico del capoluogo emiliano con creazioni innovative e originali, di rara bontà.

Da questo connubio deriva la ricca proposta di lievitati e dolci delle Feste, come panettoni, pandori, colombe, come le brioches di tutti i tipi. Difficile la scelta tra i vari tipi di torroni, spaziando da quelli classici a quelli morbidi, al caffè, al cioccolato, al miele di agrumi.

Grande amore di Renato Zoia, fin dai primi anni di lavoro, è stato il cioccolato. Un incontro che è diventato una passione straordinaria, sfociata in spettacolari uova di Pasqua, cioccolatini di ogni tipo e con ogni farcitura, praline, ricoperti, fino alla delizia per eccellenza, la celebre “Torta Eporedia” che ha decretato il successo della sua pasticceria, grazie al delizioso pan di spagna al cioccolato farcito con una mousse senza l’utilizzo di alcun tipo di liquore.

Renato Zoia è tra i protagonisti indiscussi del Cioccoshow, manifestazione dove insegna al pubblico i segreti di questa delizia degli dei, nonché membro fondatore dell’Associazione CiocchinBò, Associazione Italiana Maestri Cioccolatieri.

Pluripremiato, nominato Ambasciatore del Cibo Italiano nel Mondo dalla Camera di Commercio di New York, con un gran numero di riconoscimenti, tra cui un Guinnes dei Primati per la moneta di cioccolato più grande del mondo, Renato Zoia è tra i più importanti Maestri Cioccolatieri a livello nazionale ed è molto noto anche all’estero, dove si reca per dimostrazioni, corsi e missioni informative.