Archivio Autore

Rossana Lanati

Associazione LIFE onlus non ha scopo di lucro.
Iscritta con decreto della Regione Lombardia nel Registro Generale delle Associazioni di Promozione Sociale, l’associazione promuove attività benefiche, culturali, didattiche e formative in Italia ed all’estero.

L’Associazione LIFE Onlus presente al Premio Mediterraneo 2017 nel Museo della Pace a Napoli.

Scritto da Rossana Lanati il . Pubblicato in Arte, Cultura

Presenza e discorsi del Presidente della Fondazione Mediterraneo Michele Capasso, dell’Assessore alla Cultura del Comune di Napoli Dott. Gaetano Daniele e del Vicepresidente di Poeti della Pace Vincenzo De Lucia presso la sede del MAMT-Museo della Pace nella cerimonia di consegna del Premio Mediterraneo 2017, premio importante a livello internazionale. Tema: la Pace e la Poesia.

L’Associazione LIFE Onlus (iscritta al Registro Generale delle Associazioni di Promozione Sociale da decreto della Regione Lombardia, che promuove attività benefiche, culturali, didattiche e formative e collabora per iniziative/progetti a livello comunale e governativo in Italia e all’estero) tramite il Vicepresidente Rocco Lanatà, appena tornato dal viaggio in Nepal per progetti sociali ed educativi, ha contribuito al significativo evento, presenziando assieme al Presidente della stessa associazione Rossana Lanati, e consegnando una lettera di saluti in nome della Pace da parte del Sindaco di Lumbini-Nepal, la terra natia del Buddha, menzionata assieme ai saluti per la nobile iniziativa del Console della Repubblica Ceca a Napoli e del Console Onorario d’Islanda. “Le parole hanno il potere di distruggere cosi’ come di guarire. Quando le parole sono sincere e gentili possono cambiare il nostro mondo. In questo senso è fondamentale l’incontro con l’altro e quindi le parole che ci si può scambiare. Il vero uomo di pace deve essere il motore che può cambiare il mondo proprio e altrui usando la gentilezza e sincerità.” sono state le parole profonde inviate da parte del Console di Norvegia, lette durante l’evento al pubblico presente.

Il “Premio Mediterraneo per l’azione in favore del dialogo interreligioso e della Pace” è stato assegnato e ritirato dal Professore Don Mario Maritano della Facoltà di Teologia dell’Università Pontificia Salesiana di Roma. Al Direttore dell’ufficio di rappresentanza italiano della Fondazione Internazionale degli Amici di L. Ron Hubbard , Renato Ongania, è stato consegnato il “Premio Mediterraneo per la Poesia” assegnato a L. Ron Hubbard (1911-1986) per la sua contribuzione nella promozione di una cultura di pace attraverso le Arti e in particolare la Poesia.

Molta commozione ha riscosso il momento in cui il direttore artistico di “Poeti per la Pace” Edoardo Elisei ha declamato liriche provenienti dai 5 continenti nelle loro lingue originali.

“Poeti per la Pace” è un gruppo apartitico, no-profit e a-confessionale, col proposito di unire tutti i poeti che desiderano la pace e compongono versi e poesie per la sua promozione. L’ONU nel 1981 ha istituito una giornata, il 21 settembre, una data a fondamento di questo gruppo. Poeti per la Pace è punto di riferimento per tutti poeti e gli artisti che si riconoscono nella Pace come valore universale per tutto il genere umano.

La Fondazione Mediterraneo, Ente Morale vigilato dallo Stato Italiano e partecipato da Enti Pubblici e Locali, è un’Organizzazione internazionale non lucrativa d’utilità sociale (Onlus) ideata dal 1989 da Michele Capasso, Presidente della stessa, e costituita nel 1994 a Napoli per promuovere il dialogo e la pace nel Mediterraneo e nel Mondo. Fanno parte della Fondazione studiose/i dell’area euromediterranea, politici di organismi internazionali e diplomatici impegnati in azioni per il dialogo e la pace. Il Premio Mediterraneo, nato nel 1996 e considerato uno dei più prestigiosi riconoscimenti a livello mondiale, è stato assegnato a personalità politiche, culturali e artistiche fra le quali Il Cardinale Carlo Maria Martini, Re Juan Carlos di Spagna, i premi Nobel Naguib Mahfouz e Shirine Ebadi, Fouad Twal Patriarca Latino di Gerusalemme per citarne alcuni. Il Museo della Pace – MAMT (Museo Mediterraneo dell’Arte, della Musica e delle Tradizioni) è uno spazio creato dalla Fondazione Mediterraneo, al cui interno oltre la Biblioteca, l’emeroteca, la music hall, sale convegni, il ristorante, il book-shop, fra i tanti patrimoni artistici, vi sono il Totem della Pace di Mario Molinari, la mostra “Stracciando i veli, donne artiste del Mondo Islamico”, la “sezione Architettura” con le presenze di Alvaro Siza, Pica Ciamarra Associati, Vittorio di Pace, Nicola Pagliara, Marco Introini e un’ampia sezione multimediale dedicata al grande musicista Pino Daniele ed altro ancora.

Associazione LIFE Onlus

Codice Fiscale 97698940158

Iscritta con Decreto della Regione Lombardia No. 10101 del 13/10/2016                                                                                       Registro Generale delle Associazioni di Promozione Sociale(Sezione F Settore Sociale/Civile)

Sede legale: Via dei Salici, 28 – 26020 Palazzo Pignano (CR)

Tel: 0373/983039 – Fax: 0373/972476

Sede operativa: Via Fiume, 21 – 23893 Cassago Brianza (LC)

Tel/Fax: 039/957274

Email: associazionelife2014@gmail.com

“UN LEGAME CON IL GIAPPONE”, EVENTO PER CELEBRARE L’UNIONE TRA GIAPPONE ED ITALIA.

Scritto da Rossana Lanati il . Pubblicato in Cultura

L’Associazione LIFE onlus e la presentazione dell’edizione commemorativa in italiano ed in versione giapponese del libro “The Way to Happiness/La Via della Felicità”, oltre al rituale della vestizione del Kimono e una galleria online dei robot dei fumetti e cartoni animati.

Sabato 3 giugno presso lo spazio FOLDER della titolare Iolanda Premoli, da sempre molto sensibile ad iniziative culturali di questa natura, a Milano si è svolto l’evento dal titolo “Un Legame con il Giappone”, inserito nelle celebrazioni ufficiali del 150° anniversario delle relazioni tra Giappone e Italia, organizzato dalla Associazione LIFE onlus, non a scopo di lucro e iscritta con decreto della Regione Lombardia nel Registro Generale delle Associazioni di Promozione Sociale. Il Vicepresidente Rocco Lanatà ha iniziato dicendo: “Questo è il secondo evento (il primo è stato il 27 maggio dal titolo “Incontro con il Maestro Shuhei Matsuyama”) sempre autorizzato dall’Ambasciata del Giappone, che mia moglie Rossana Lanati, Presidente dell’Associazione LIFE onlus, ed io abbiamo voluto creare per onorare le relazioni amichevoli tra Giappone ed Italia, data la natura stessa dell’associazione che promuove oltre ad attività benefiche, anche scambi culturali in Italia ed all’estero”.

La prima parte ha visto la dimostrazione da parte della signora Hoashi Tomoko, con la partecipazione di una modella italo-giapponese della vestizione del Kimono, vestito tradizionale giapponese finemente tessuto in seta che rappresenta uno dei maggiori simboli della cultura tradizionale giapponese. La signora Tomoko, esperta dell’arte della vestizione del Kimono che è un complesso rituale tramandato fedelmente nel corso degli anni, si è esibita in molte manifestazioni dal 2009 in molte città d’Italia: da citarsi la sua partecipazione alla Mostra dello Shunga a Palazzo Reale, al MITO Festival Musica in Triennale e al Museo Bagatti Valsecchi a Milano per passare a Piacenza per il Festival dell’Oriente fino ad arrivare in Svizzera, solo per menzionarne qualcuna. Per la maggior parte delle donne è impossibile indossare un kimono senza aiuto, dato che consiste di almeno dodici parti separate da indossare, unire e fissare secondo regole precise. Anche la scelta del Kimono da indossare non è semplice: è legata a numerosi simboli e messaggi sociali, riflette l’età della donna, il suo stato civile e formalità dell’occasione.

Nella seconda fase dell’evento, è stata presentata l’edizione speciale del libro “The Way to Happiness/La Via della Felicità” in lingua giapponese e quella italiana con una copertina commemorativa dedicata ai 150 anni di amicizia tra Italia e Giappone. The Way to Happiness/La Via della Felicità è un codice morale non religioso, basato sul buon senso, scritto da L. Ron Hubbard. L’autore dopo aver combattuto contro il Giappone nella Seconda Guerra Mondiale come Ufficiale della Marina degli Stati Uniti, ha riconosciuto gli errori delle Seconda Guerra Mondiale e ha testimoniato la propria amicizia e stima nei confronti del popolo giapponese. Ringraziamenti sono stati dati pubblicamente ai signori Angelo Zanini ed alla consorte Maria Angela Faletti presenti alla manifestazione per aver reso possibile la pubblicazione di 500 copie del libretto. Il Signor Renato Ongania, Direttore dell’Ufficio Italiano delle Relazioni Pubbliche Personali di L. Ron Hubbard, ha concluso il suo discorso dicendo: “Questo libro promuove valori universali, vuole innalzare il senso civico, la sopravvivenza ed il successo degli uomini di buona volontà. Questa edizione vuole essere un omaggio a tutti i Giapponesi e alla bellezza millenaria del Giappone”.

La terza parte si è conclusa con la menzione e spiegazione da parte di Rossana Lanati, Presidente della Ass.ne Life onlus, dell’opera dell’artista digitale torinese Andrea Gatti, illustratore eclettico e creatore di immagini per l’editoria, la pubblicità e per commissioni private. Per la celebrazioni dei 150 anni delle relazioni tra Italia e Giappone l’artista ha voluto creare una galleria online di personaggi (genere fantascientifico robotico) che hanno segnato l’infanzia di generazioni di bambini in Italia, in Giappone e nel mondo. La galleria visitabile su http://www.agatti.com/itjp150/ vuole essere un piccolo tributo alla cultura giapponese.

Foto by Vacca Gianni