Archivio Autore

Real estate: il profilo dell’imprenditore immobiliare Antonio Franchi

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

La carriera di Antonio Franchi inizia dalle prime esperienze lavorative come commercialista fino ad arrivare all’attuale impegno nel settore del real estate come Amministratore Unico e Socio Unico di Residenze Srl.

Antonio Franchi

Antonio Franchi: la formazione e l’attività come commercialista

Nato a Bologna nel 1960, Antonio Franchi è un professionista attivo nel settore del real estate. Si laurea a pieni voti in Economia Aziendale presso l’Università Luigi Bocconi di Milano nel 1983, per poi entrare tra i più giovani d’Italia nell’Ordine Professionale dei Dottori Commercialisti lo stesso anno del conseguimento della laurea. Fonda il suo Studio Professionale nel 1987, mentre nel 2000 avvia lo Studio Franchi Maccagnani, il primo Studio associato interdisciplinare di Verona. Antonio Franchi porta avanti il suo impegno nell’ambito accademico, collaborando con l’Università di Verona all’interno del Dipartimento di Diritto Tributario dal 1989 al 1993. Negli stessi anni, è attivo in ambito editoriale: pubblica diversi saggi, come “Casi e soluzioni di diritto tributario”, pubblicato nel 1989 da Giappichelli, e “La revocatoria fallimentare delle rimesse bancarie”, pubblicato nel 1992 da Giuffrè. Inoltre collabora con le riviste “Il Fisco” e “Bollettino Tributario”. Tali esperienze gli consentono di fondare lui stesso la Rivista Veronese di diritto e giurisprudenza d’impresa, guidandola anche in qualità di Direttore nel 1997.

Antonio Franchi: l’impegno nel settore immobiliare

Esperto di Diritto Fallimentare, Societario e di Contenzioso Tributario, Antonio Franchi porta avanti il suo impegno come commercialista per vent’anni, lavorando anche per fornire assistenza alle imprese nel reperimento di risorse finanziarie. È nel 2003 che decide di dare una svolta alla propria carriera per trasferirsi a Milano e dedicarsi al settore dell’imprenditoria immobiliare, occupandosi di ristrutturazione di interi fabbricati, palazzi e alberghi, di trading e di valorizzazione di immobili a destinazione residenziale di pregio. L’attività dell’imprenditore si estende alle maggiori città italiane, in particolare Milano, Roma, Firenze, Palermo, Bologna, Padova e Verona. Proprio in quest’ultima, avviene una delle sue operazioni più importanti nel 2008: la ristrutturazione e la rivendita dello storico Palazzo delle Poste, ubicato in centro città. Antonio Franchi, attualmente Socio Unico e Amministratore Unico della società Residenze srl, ha di recente promosso e registrato il marchio “Una Casa a Cinque Stelle”, con il quale sta costruendo due condomini di pregio in Veneto dotati della Certificazione “Condominio a 7 Stelle” di Seven Stars. Nonostante gli impegni lavorativi, l’imprenditore si impegna attivamente per portare avanti progetti legati alle sue passioni: dal 2017 è Socio, Vicepresidente e Consigliere Delegato del Club calcistico Verona Women, per il quale ha promosso un recente restyling e l’apertura del nuovo spogliatoio avanguardistico. Antonio Franchi è amante dell’Arte Orientale e possiede la più importante collezione del Veneto.

Real estate: il profilo professionale di Salvatore Leggiero

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Dopo le prime esperienze maturate in ambito commerciale, Salvatore Leggiero entra nel mercato immobiliare avviando il suo business nei primi anni del 2000 e fondando la LEGGIERO Real Estate S.p.A.

Salvatore Leggiero

Salvatore Leggiero: le prime esperienze professionali

Nato a Napoli, classe 1965, Salvatore Leggiero è un imprenditore dallo spiccato spirito d’intraprendenza. Appena entrato nel mondo del lavoro, si applica come elettricista e venditore di enciclopedie, per poi entrare nel team vivace di Radio Kiss Kiss negli anni ’80. Prosegue la sua carriera in Radio Spazio Uno e RCS-Pubblicità, diventando ben presto un esperto in ambito commerciale. Sfrutta le proprie esperienze insegnando Media Planning & Buying presso l’Art & Business School di Firenze, oltre a essere autore del libro “Il cliente ha sempre ragione”, pubblicato nel 2002. Il libro si presenta come un saggio sul CRM (Customer Relationship Management): ha come obiettivo quello di spiegare i vantaggi di adottare il cliente-centrismo in azienda, illustrando gli aspetti principali e le caratteristiche di questo tipo di organizzazione. È nei primi anni 2000 che Salvatore Leggiero decide di dare una svolta alla propria carriera e dedicarsi a quella che è la sua vera inclinazione: il mercato della finanza immobiliare. L’imprenditore inizia a investire in immobili a Firenze, comprando appartamenti nel centro storico.

Salvatore Leggiero: le attività nel settore immobiliare

Le attività della società LEGGIERO Real Estate si estendono da Firenze ad altre grandi città italiane come Milano e Roma. La società guidata da Salvatore Leggiero si dedica all’acquisto di palazzi di pregio e dal significativo valore storico per poi occuparsi del loro rilancio e della loro rivalorizzazione, creando progetti ad hoc, allo scopo di trasformare gli immobili in generatori di redditi da locazioni. Tra le attività della LEGGIERO Real Estate rientrano la ricerca di fonti finanziarie, di fornitori e di team di professionisti. L’obiettivo rimane quello di massimizzare i ritorni per i clienti e per gli investitori, sempre con riguardo al rispetto per l’ambiente e per il patrimonio storico delle città nelle quali interviene. Tra le operazioni più recenti, va ricordata l’acquisizione e la ristrutturazione di un palazzo di pregio ubicato davanti alla Fontana di Trevi, trasformato in hotel in seguito all’intervento. Nell’ottica di valorizzazione portata avanti dalla società guidata da Salvatore Leggiero, nel 2015 è stato indetto un concorso rivolto ai migliori architetti a livello internazionale per il rifacimento della facciata dell’Hotel Majestic a Firenze, per incentivarne il rilancio anche attraverso un’iniziativa importante sul piano artistico. Risale al 2013 invece l’acquisto del ristorante Alfredo sull’Arno, conosciuto ora come Signorvino, e l’operazione di rilancio dell’attuale Hotel Casa di Annalena.

Pam Panorama: inaugurazione del rinnovato punto vendita in via Olona a Milano

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Aziende

Pam si rinnova e festeggia i 60 anni di attività: Arturo Bastianello mantiene i valori di qualità, convenienza e varietà dell’offerta Pam Panorama, proponendo serate all’insegna di arte e gusto per festeggiare nei punti vendita storici.

Gruppo PAM

Gruppo Pam: l’inaugurazione del rinnovato punto vendita Pam a Milano

Si è svolto il 25 maggio a Milano, nello storico punto vendita di via Olona, il primo evento per festeggiare il restyling dei negozi Pam Panorama in occasione dei 60 anni di Gruppo Pam. La serata è stata animata da un aperitivo originale, con la possibilità di degustare prodotti freschi e di alta qualità insieme a un cocktail ideato appositamente per l’inaugurazione, in collaborazione con Martini & Rossi. Pam Panorama, azienda di Gruppo Pam facente capo a Arturo Bastianello, rinnova il design dei propri punti vendita per garantire ai clienti un’esperienza di spesa ancora più semplice e intuitiva, con un’offerta sempre attenta alla qualità, alla convenienza e alla varietà. L’inaugurazione del nuovo design dello store in via Olona rispetta pienamente quella che è la filosofia dell’azienda nonché il suo payoff: “La vita spesa al meglio” è il fil rouge scelto da Pam Panorama per gli eventi in programma, che si propongono di raccontare l’interazione col territorio e l’unione tra passato e presente. In quest’ottica si è svolto lo spettacolo dell’associazione culturale Dramatrà, che ha rappresentato durante l’evento del 25 maggio un curioso e divertente dialogo tra Leonardo da Vinci e una panettiera milanese.

I valori e la storia di Gruppo Pam

Il rinnovo dei punti vendita Pam prevede un’atmosfera accogliente, un layout ordinato e intuitivo e la valorizzazione dei reparti dedicati ai prodotti freschi come macelleria, pescheria, gastronomia e ortofrutta. Arturo Bastianello porta avanti così le tradizioni e i valori di Pam Panorama, che da sempre si concentra su un’esperienza di spesa piacevole, su un’offerta variegata, in grado di soddisfare tutti, e su prodotti di alta qualità. Gruppo Pam apre il primo supermercato nel 1958, in Veneto: in sessant’anni di attività è riuscito ad ampliare la propria rete su undici regioni d’Italia e può contare oggi sulla collaborazione di circa 9.500 dipendenti. Con punti vendita in Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lazio, Toscana, Piemonte, Lombardia, Trentino, Abruzzo, Umbria e Veneto, Gruppo Pam gestisce circa 1000 negozi tra ipermercati, supermercati, discount e punti vendita sia di proprietà che in franchising. Pam Panorama, società che opera con le insegne Pam, Panorama e Pam local, fa parte del Gruppo e conta 188 punti vendita.

Il focus di Gabriele Moretti sulla scienza della complessità

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

L’aspirante inventore e imprenditore Gabriele Moretti, specializzato nell’ambito del customer care, sottolinea come “nulla sia più vero della frase More Is Different”.

Gabriele Moretti, imprenditore

More is Different: il paragone di Gabriele Moretti tra imprenditoria e mondo scientifico

Nel 1972 Philip W. Anderson, premio Nobel per la fisica, coniò un titolo apparso sulla rivista Science: “More is Different”. Frase che come evidenzia Gabriele Moretti racchiudeva in poche parole una grande verità: “da diversi livelli di scala e complessità emergono proprietà tutte nuove, non deducibili dai livelli precedenti”. Conosciuta anche come teoria delle “proprietà emergenti”, nel corso degli anni ’70 ha riscosso un grande successo, affascinando gli studiosi delle più diverse discipline con l’idea che i sistemi complessi abbiano in comune tra loro più di quello che ci si potrebbe aspettare. Ragione che ha indotto numerosi scienziati a riunirsi al Santa Fe Institute, New Mexico, per individuare quei principi che regolano fenomeni diversi tra loro per natura, ma accomunati dalla medesima complessità. Tale disciplina, ricorda Gabriele Moretti, è stata ben identificata nelle parole dello studioso Mitchell Waldrop Morris, il quale afferma di come si occupi di “guardare il comportamento dei sistemi piuttosto che i loro componenti”. Metodologia che, continua lo scienziato, consente di “individuare i due estremi dell’ordine e del caos”. In base alla sua esperienza da imprenditore, il professionista e aspirante inventore piemontese esprime un paragone con la realtà dell’azienda in cui è attivo: “Al crescere del numero di dipendenti l’azienda cambiava forma, l’organizzazione si auto-adattava: talvolta verso l’immobilità e talvolta verso il caos. Senza saperlo, introducendo nuove regole, nuovi modelli e nuove tecnologie cercavo di mantenere l’organizzazione liquida e viva, al margine del caos”.

La biografia di Gabriele Moretti

Piemontese di nascita, Gabriele Moretti è un professionista attivo da oltre 20 anni nell’ambito del customer care. Sin da giovane insegue il sogno di diventare un giorno un inventore, idea che lo porta a studiare al Politecnico di Torino, università nella quale si laurea in Ingegneria Gestionale nel 1995 e a specializzarsi in seguito nell’ambito dell’intelligenza artificiale, sia come consulente che come imprenditore. Ai vertici di una realtà leader nel settore dei servizi al cliente, Gabriele Moretti frequenta nel 2014 i corsi The Analytics Edge e Big Data and Social Physic del Mit di Boston. Alcuni anni più tardi, nel 2017, partecipa inoltre al corso organizzato dalla Columbia University in Artificial Intelligence. L’impegno professionale non lo ha distolto dalle proprie ambizioni: il professionista torinese si continua a tenere aggiornato sugli ultimi sviluppi tecnologici grazie alla costante lettura di riviste del calibro di Wired, Science e Nature. Nel 2016 ha dato vita ad un blog personale, “Diario di un futuro inventore”, all’interno del quale esprime le sue riflessioni e opinioni su temi che spaziano dalla Realtà Aumentata alle opere di Pollock. Appassionato di fisica, informatica, futurologia, elettronica, neuroscienze e machine learning, nel tempo libero si interessa anche di architettura, arte e design.

Stefano Nesti: le esperienze professionali dall’ambito immobiliare al mondo del gaming

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Attualmente Dirigente in Logispin UK Limited, Stefano Nesti è un professionista ed imprenditore toscano dalla comprovata esperienza in ambito immobiliare. Si è successivamente dedicato al settore del gaming.

Stefano Nesti: le esperienze nel mercato immobiliare

Classe 1954, originario di Montale, Stefano Nesti è un professionista ed imprenditore toscano. Dopo essersi trasferito a Milano e aver conseguito il diploma in ragioneria, entra ben presto nel mondo del mercato immobiliare, dove si distingue ricoprendo ruoli direttivi per diverse società attive nel settore. Nel 1994 torna nella sua terra d’origine per rivestire l’incarico di Amministratore Unico presso Teorema Srl, società di Montecatini Terme. Tale esperienza è particolarmente rilevante per la sua carriera: Stefano Nesti, infatti, viene chiamato a gestire lo stesso incarico per SOVIC Srl. Sette anni dopo, nel 2009, conclude un investimento che lo porta ad acquisire le quote di minoranza di GB Invest Holding AG, società che possiede il 100% di GoldBet Sportwetten GmbH. Successivamente acquisisce la totalità delle quote del Gruppo e si trasferisce in Austria, a Innsbruck, dove segue le operazioni prima come CEO e poi come consulente. Prima di passare il controllo delle attività al figlio Lorenzo, decide di fondere GoldBet con la società inglese Logispin (NB il 24.02.15 avviene ladonazione delle quote da stefano al figlio, non la merger!)

Stefano Nesti: l’attività come Dirigente in Logispin

Dopo l’entrata di Goldbet nel sistema concessorio italiano, Stefano Nesti si trasferisce in Inghilterra, dove attualmente vive, per svolgere la funzione di International Development Director per Logispin. È responsabile dell’espansione delle attività sul panorama internazionale, ruolo a cui si dedica fino al 2017, concentrandosi in particolare sul continente africano. In seguito, Stefano Nesti ottiene la nomina a Chief Operating Officer (COO), che mantiene tutt’oggi. il Logispin Group nasce nel 2009 ed opera nella progettazione e creazione di applicativi per il mondo del gaming. La società si contraddistingue per innovazione, qualità dei prodotti e capacità commerciale, ed è attualmente una delle realtà più attive nel settore. Il Gruppo Logispin conta al suo interno 10 Società in diverse giurisdizioni, fra le quali Malta, l Regno Unito, Italia, Serbia e Austria. Oltre ad occuparsi del mercato del gaming, Logispin produce anche servizi di marketing e back office, ottimizzazione e customizzazione di software di terze parti.

Blog: Giampaolo Sutto, una vita in viaggio

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Lifestyle, Turismo, Viaggi

Esperto viaggiatore, Giampaolo Sutto ha dato vita a un blog all’interno del quale fornisce raccomandazioni e consigli su come prepararsi al meglio prima di partire.

Giampaolo Sutto: consigli per i viaggiatori

Mettersi in viaggio rappresenta per un numero sempre crescente di persone l’occasione di staccare la spina dai propri impegni e dalla routine quotidiana. Grazie al costo ridotto degli spostamenti aerei, in particolare, oggi è possibile raggiungere qualsiasi meta senza spendere una fortuna. Nell’epoca del turismo di massa si rischia tuttavia di non prendere gli opportuni accorgimenti prima di mettersi in viaggio. “Prima di partire – chiarisce nel suo blog Giampaolo Sutto – bisogna assicurarsi di possedere tutti i documenti necessari”. Precauzione che da sola, avverte, tuttavia non basta. Occorre infatti custodire attentamente i bagagli, stabilire un tetto di spesa massimo e i mezzi di trasporto da utilizzare una volta giunti in loco, nonché dove soggiornare e cosa mangiare. Importante soprattutto prestare attenzione alle località esotiche, dove spesso possono nascondersi insidie pericolose. Avendo vissuto in Africa nel corso della sua infanzia, Giampaolo Sutto ha imparato a proprie spese questa dura lezione nel corso di un incontro ravvicinato con un serpente a sonagli. Da allora ha deciso di fare proprio il motto “Solo se temi la natura e per questo la rispetti, puoi sperare di salvarti in situazioni estreme”.

Giampaolo Sutto, la biografia

Nato a Torino, Giampaolo Sutto non si è mai sentito legato in tutto e per tutto alla sua terra natale. Al contrario si considera ancora oggi “cittadino del mondo, come mi piace pensare di tutti noi”. Alla base di questa filosofia di vita un’esperienza che lo ha segnato nel profondo nel corso dell’infanzia. Poco più che un bambino segue infatti la famiglia, trasferitasi in Africa. Passato qui un decennio, fa ritorno in Italia, non prima però di esser entrato in contatto con le ricche tradizioni culturali locali. La lunga permanenza nel Continente lo spinge negli anni successivi a voler continuare a conoscere ed esplorare il mondo in lungo e in largo. Come lui stesso racconta nel suo blog: “Ho viaggiato molto nella mia vita, in luoghi diversi e lontani tra loro, alcune volte mi sembrava di visitare pianeti diversi, tanto i paesaggi si differenziavano tra loro”. Gli impegni professionali non lo hanno allontanato nel frattempo dalla sua passione. Durante gli studi alla facoltà di Architettura, materia nella quale si è laureato, ha iniziato in particolare a visitare il patrimonio artistico e culturale e italiano. Ancora oggi, sfruttando le trasferte lavorative, Giampaolo Sutto non perde l’occasione di fare il turista. Nel corso delle sue esperienze all’estero ha scoperto una vera e propria vocazione per il fai da te e l’arte del trasloco, tematiche a cui ha dedicato una parte del suo sito.

Milano Food Week: le iniziative di PAM, gruppo guidato da Arturo Bastianello

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Le iniziative di PAM Panorama, Main Sponsor di un importante evento come la Milano Food Week: il gruppo guidato da Arturo Bastianello ha in serbo per la manifestazione una serie di appuntamenti di rilievo.

Gruppo PAM

PAM, gruppo guidato da Arturo Bastianello, alla Milano Food Week

La Milano Food Week, in programma dal 7 al 13 maggio, è uno degli eventi più significativi del settore e una vetrina per il meglio della cucina italiana. PAM, il gruppo guidato da Arturo Bastianello, è stato scelto come Main Sponsor della manifestazione e presenterà una serie di appuntamenti di rilievo per appassionati e non. Si comincia con “IL BIO IN CUCINA”, storycooking con la partecipazione di Viviana Varese, chef stellata che avrà il compito di mostrare come si valorizza la carne biologica Pam Panorama. “SOLO E SEMPRE FRESCHISSIMI” avrà per protagonista, invece, lo chef Andrea Berton, alle prese con il branzino, punto di forza dell’offerta di PAM Panorama. Chiude il cerchio delle iniziative “Laboratorio di cucina con i bambini”, un appuntamento rivolto ai più piccoli e organizzato presso la Public Kitchen (Largo Beltrami): domenica 13 maggio verrà offerto a tutti gli iscritti un gustoso cestino firmato PAM Panorama per un picnic nel parco.

Le altre iniziative di PAM, gruppo capitanato da Arturo Bastianello

Parallelamente alla preparazione degli eventi per la Milano Food Week, PAM ha concluso un’iniziativa in collaborazione con la app ComeHome. Il gruppo guidato da Arturo Bastianello, tramite Pam Panorama, arriverà nelle case dei superhost, fornendo gli ingredienti di prima qualità per la preparazione delle cene speciali che avranno luogo nelle case degli ospitanti. Un’altra interessantissima proposta è “Carrello Charity”, nata dall’impegno del gruppo nella promozione di progetti per combattere gli sprechi. Tale iniziativa fornisce la possibilità ai Clienti dei numerosi punti vendita PAM di Milano di rendersi utili per gli altri con la donazione nei weekend 5/6 maggio e 12/13 maggio di una serie di prodotti alimentari inutilizzati. La raccolta avverrà attraverso un apposito carrello presieduto dai volontari che si occuperanno della ridistribuzione del cibo donato alle Onlus Caritas Ambrosiana, SoliDando, Opera Cardinal Ferrari ed Equoevento Lombardia.

L’esperienza professionale di Stefano Nesti

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Dopo il diploma di ragioneria, Stefano Nesti inizia la sua esperienza lavorativa nel mondo del real estate. Attualmente lavora a Londra alla progettazione e all’innovazione di sistemi legati al gaming, presso la società Logispin UK, nata nel 2009.

Il manager Stefano Nesti: dalle prime esperienze lavorative a Logispin Group

Classe 1954, Stefano Nesti nasce in Toscana, nella località di Montale. Termina la sua formazione a Milano, diplomandosi in ragioneria. Fa ben presto carriera nel settore del real estate, ricoprendo ruoli di rilievo già in giovane età. È nel 1994 che torna nella sua regione d’origine, a Montecatini Terme, per rivestire il ruolo di Amministratore Unico presso la società Teorema S.r.l. Nel 2002 assume la stessa carica per SOVIC S.r.l. Nel 2009 Stefano Nesti decide di lasciare l’ambito immobiliare per dedicarsi a quello del gaming: attraverso un importante investimento, acquisisce le quote di minoranza di GB Invest Holding AG, per poi successivamente ultimare l’acquisto del 100% delle quote. Il manager diventa così proprietario dell’intero capitale societario del Bookmaker austriaco GoldBet Sportwetten GmbH. Si trasferisce a Innsbruck in qualità di CEO e Consulente della ristrutturazione aziendale, contribuendo anche allo sviluppo sui mercati esteri. Nel 2014 il manager toscano effettua un merging con il Gruppo Logispin, prima di lasciare la società nelle mani del figlio.

Il ruolo di Stefano Nesti in Logispin UK Limited

Logispin è una multinazionale nata nel 2009 e attiva nel settore del gaming. Stefano Nesti si trasferisce a Londra per seguire la produzione e lo sviluppo di applicativi legati soprattutto al gaming online, rivestendo il ruolo di COO (Chief Operating Officer), incarico che ricopre tuttora. La società si è distinta per la qualità dei prodotti e per capacità commerciali, spaziando dal gaming ai sistemi di pagamento, programmi anti frode, trading, gestionali, analisi statistiche e back office. Core Business dell’azienda londinese in cui opera Stefano Nesti è la creazione di sistemi, piattaforme e software di alto livello per le industrie del settore.

Film e Serie TV: online il blog di Giampaolo Sutto

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende, Informatica

Giampaolo Sutto, nato in Veneto, è un professionista attivo in ambito informatico. Grande appassionato di Serie TV, ha aperto un blog nel quale esprime le proprie considerazioni sul piccolo e grande schermo.

Il blog di Giampaolo Sutto

Quello delle Serie TV non è di certo un format sconosciuto al piccolo schermo. Eppure, in particolar modo negli ultimi anni, questo mondo ha vissuto un vero e proprio boom. Chi è appassionato di cinema sa bene che siamo entrati in un’epoca d’oro, tanto che molti registi (e attori) hanno preferito dedicare i propri sforzi in questa direzione. Da Steven Spielberg a Martin Scorsese, l’offerta probabilmente non è stai mai così ricca. È il pensiero di Giampaolo Sutto, informatico e appassionato divoratore di film e Serie TV. Iscritto a Netflix, ha avuto modo di osservare come ad esempio la piattaforma statunitense abbia fatto di questa tendenza il proprio cavallo di battaglia, sfornando numerose opere di sua produzione. Ma non è la sola: anche i suoi concorrenti stanno lavorando in questa direzione. Restare al passo coi tempi e orientarsi in questo caos diventa dunque sempre più difficile. Per aiutare lo spettatore smarrito, Giampaolo Sutto ha deciso di dare vita a un blog dove pubblica numerose recensioni e classifiche, tese a dare una mano a chi come lui a volte è indeciso su cosa vedere in streaming. Appassionato di fantascienza, ha dedicato una parte del suo nuovo spazio digitale all’argomento, intitolato “L’angolo della fantascienza di Giampaolo Sutto”.

Giampaolo Sutto: la biografia

Originario del Veneto, regione nella quale si è formato ed attualmente risiede e lavora, Giampaolo Sutto per mestiere è un informatico. Sin da piccolo, grazie in particolare ai cartoni animati, si è innamorato del Giappone, terra che nel corso della sua vita ha visitato in più occasioni, dalla capitale Tokyo sino alla più lontana Sapporo. Del Paese del Sol Levante adora anche i Manga, tanto da non mancare mai alle principali fiere di settore (tra gli esempi Lucca Comics e Cartoomics). Cultore del genere fantascientifico, tra le pellicole preferite da Giampaolo Sutto rientrano Alien, Star Wars, La Cosa e Blade Runner. Tra i generi che apprezza maggiormente spazio anche per l’horror e per il cinema Made in Japan. Seguace delle idee di Steve Jobs, suo grande idolo, durante il tempo libero lascia la mente libera di vagare alla ricerca dell’idea che rivoluzionerà il mercato dell’elettronica di consumo. Non disdegna nel frattempo di affrontare anche lunghe sessioni di gioco in multiplayer con i suoi migliori amici.

Beatrice Trussardi: avviata la collaborazione con lo store online Yoox

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Dalla sciarpa di Cattelan allo skateboard di Warhol: Beatrice Trussardi cura la nuova sezione del sito italiano Yoox, dimostrando come il web e l’e-commerce possano rappresentare una risorsa anche per l’arte e il design.

Beatrice Trussardi

Beatrice Trussardi nel mondo dell’e-commerce

Spesso inaccessibile, soprattutto per chi non è già un esperto del settore, il mondo del design e dell’arte moderna non è sempre facile da approcciare. Per questo Beatrice Trussardi, imprenditrice culturale e dal 1999 Presidente della Fondazione Nicola Trussardi, si impegna da tempo nel trovare strade alternative che avvicinino i cittadini, anche i meno avvezzi, alle opere di arte contemporanea e di design. L’imprenditrice culturale milanese ha di recente sottolineato il suo interesse verso il mondo del web, considerandolo uno strumento utile e necessario per condividere opere, fare conoscere artisti emergenti e rendere più comprensibile e accessibile a tutti il fascino degli oggetti di design. È in quest’ottica che Beatrice Trussardi ha dato il via a una collaborazione con il sito e-commerce italiano Yoox, piattaforma online dell’omonima azienda italiana leader nel settore delle vendite di beni di moda e di lusso. L’imprenditrice si occupa della nuova sezione dedicata all’arte e al design, selezionando gli oggetti in catalogo in qualità di curatrice.

Beatrice Trussardi: la collaborazione con Yoox

È rintracciabile vicino alle classiche sezioni “Donna”, “Uomo” e “Bambini” ed è intitolata “Design + Art” la nuova proposta commerciale online di Yoox curata da Beatrice Trussardi. La citazione in prima pagina è del designer Achille Castiglioni: “Se non siete curiosi, lasciate perdere!”. Il catalogo, in perfetta linea con l’identità di Yoox, si propone di rendere disponibili al più ampio pubblico un elenco di oggetti di design contemporanei, selezionando in particolare pezzi innovativi e sperimentali. Sono molte infatti le opere d’arte uniche o in edizione limitata, insieme a oggetti di design famosi e merchandising: dagli skateboard personalizzati à la Paul McCarthy e Andy Warhol alle sciarpe di Maurizio Cattelan, dalle lampade di Achille Castiglioni all’altoparlante “Change the Record” dello studio di design di Paul Cocksedge. Il tutto presentato con una linea editoriale studiata, che sfrutta lo storytelling per raccontare l’opera di ogni artista. “Ripensare alla sezione Design + Art di Yoox”, commenta Beatrice Trussardi, “è stato un grande esercizio per sintetizzare ciò che l’arte e il design contemporanei dovrebbero offrire oggi in termini di esperienza e possibilità. Ho progettato uno spazio virtuale in cui tutti possono trovare non solo prodotti da acquistare, ma arte accessibile e oggetti di design che uniscono linguaggi e stili, mescolando e connettendo estetica e funzioni”.