Archivio Autore

Studio Legale Mascetti (Andrea Mascetti): Stefania Massarenti spiega la sentenza n.6047/2018

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende, Legale

Lo Studio Legale Mascetti è stato fondato nel 2004 da Andrea Mascetti, avvocato iscritto all’ordine di Milano. Tra il team di professionisti di cui si avvale lo Studio, Stefania Massarenti attraverso la sentenza n.6047/2018 ha analizzato l’uso dei social network in relazione al rapporto di lavoro e le potenziali conseguenze in seguito ad un comportamento fuori norma.

Andrea Mascetti, avvocato

Studio Legale Mascetti (Andrea Mascetti): la sentenza n.6047/2018

Avendo alle spalle una significativa esperienza in ambito giuridico, Andrea Mascetti dà vita allo Studio Legale Mascetti nel 2004, che si avvale di professionisti con competenze tali da affrontare con successo anche le più delicate questioni giuridiche relative ad aziende, privati ed enti pubblici. Il valore aggiunto dello Studio risiede proprio nel team di avvocati specializzati in differenti tematiche peculiari. Recentemente Stefania Massarenti, facente parte dello Studio fondato dall’avvocato varesino, ha analizzato il rapporto tra lavoro e l’uso dei social network in un articolo pubblicato sul sito ufficiale. Nell’ultimo periodo, con la proliferazione di tali piattaforme, la giurisprudenza si è occupata delle conseguenze che possono essere generate dai social sul rapporto di lavoro, sia in relazione a diligenza e fedeltà, sia per quanto riguarda comportamenti extra lavorativi. In particolare, attraverso la sentenza n.6047/2018, la Corte di Cassazione ha dichiarato la legittimità del licenziamento intimato per giusta causa ad un lavoratore che durante il periodo di malattia si era esibito in un concerto, postando poi, sul proprio profilo Facebook, tale attività. In questo caso specifico, la Corte Suprema ha ritenuto che il lavoratore non ha predisposto le cautele necessarie per facilitare la guarigione, in adempimento all’obbligo di buona fede e correttezza, come impone la legge.

Andrea Mascetti: avvocato e titolare dello Studio Legale Mascetti

Andrea Mascetti nasce a Varese nel 1971. Formatosi in ambito classico, consegue la laurea in Giurisprudenza nel 1996 presso l’Università degli Studi di Milano. Iscrittosi, in seguito, all’ordine degli avvocati di Varese, inizia la propria carriera in ambito giuridico presso uno Studio Legale Tributario associato ad Ernst & Young di Milano. Dopo aver sviluppato competenze tali da avviare una propria attività, fonda nel 2004 lo Studio Legale Mascetti, operativo principalmente nel ramo del diritto commerciale, amministrativo e penale. Andrea Mascetti svolge l’attività di consulente per società ed enti locali e continua ad occuparsi di appalti pubblici e privati, presenziando in qualità di arbitro davanti ai collegi arbitrali. Nel tempo libero, l’avvocato varesino è un cultore di libri e autori del Novecento, oltre ad essere profondamente appassionato di Geopolitica. Ha viaggiato spesso in Oriente, con focus primario nelle zone euroasiatiche tra Russia e Mongolia.

Paolo Campiglio al Family Business Network

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Anche Paolo Campiglio tra i partecipanti al Family Business Network di Brescia. L’evento, svoltosi tra il 4 e il 6 aprile scorso, ha visto numerosi workshop e dibattiti incentrati sull’ impresa familiare italiana.

Paolo Campiglio

Paolo Campiglio: Daclé al Family Business Network

Paolo Campiglio, presidente e direttore generale della società farmaceutica Daclé SA, ha partecipato al Family Business Network, svoltosi a Brescia dal 4 al 6 aprile. La tre giorni organizzata dal Corriere della Sera, dal settimanale L’Economia e dall’Università Bocconi racconta le aziende familiari italiane attraverso conferenze e interventi incentrati sulla maggiore realtà d’impresa del Paese. Numerose ditte a conduzione familiare sono oggi divenute multinazionali e sono portabandiera dell’eccellenza italiana nel mondo. Con il supporto di Ernst & Young e Ubs sono stati analizzati argomenti quali gli aspetti finanziari e organizzativi, la gestione dei manager esterni agli azionisti, le situazioni di conflitto all’interno del nucleo familiare e il cambio generazionale. Durante l’evento a cui ha preso parte anche Paolo Campiglio è stato portato in evidenza come in Italia le prime 100 aziende familiari per posizione finanziaria netta posseggano nelle proprie casse quasi 17 miliardi di euro, che arrivano a 40 miliardi se si prende in considerazione solo la liquidità. Si tratta soprattutto di dividendi non distribuiti, denaro di conseguenza utile per la crescita delle nuove generazioni. Inoltre, nel corso degli ultimi cinque anni le multinazionali non quotate in borsa, ovvero con capitale familiare, hanno fruttato ai soci la ragguardevole somma di 21,7 miliardi di utili netti e tutte hanno incrementato le performance economiche

Paolo Campiglio: la leadership di Daclé e gli interessi per musica e TV

Paolo Campiglio è un manager industriale specializzato in mercati esteri e internazionalizzazione delle imprese con particolare focus sulle nazioni dell’Europa centrale e orientale. Nasce a Milano nel 1975 e si diploma al liceo commerciale sostenendo la maturità di indirizzo giuridico-amministrativo. In seguito prosegue gli studi superiori iscrivendosi alla Facoltà di Farmacia dell’Università degli Studi di Pavia allo scopo di portare avanti la tradizione familiare. È direttore esecutivo della holding del gruppo Daclé e presidente di Daclé SA. Ha acquisito significative competenze in qualità di associate advisor della British-Polish Chamber of Commerce (associate advisor) e di vice-presidente esecutivo della Camera di Commercio Italo-Polacca, rivestendo ruoli ai vertici di direzione e coordinamento in numerose società in Italia e all’estero. Contemporaneamente all’attività imprenditoriale, si è speso a livello civico come presidente eletto per tre mandati del Consiglio comunale di Legnano e come vice-presidente per sei anni del Consorzio Bibliotecario Nord Ovest, il maggiore sistema culturale italiano tra enti pubblici locali. Paolo Campiglio è anche un critico televisivo. Da otto anni è ospite al Festival di Sanremo e da cinque lo segue anche in qualità di inviato radiofonico per Radio 1 New York, la frequenza più ascoltata dagli italo-americani residenti negli Stati Uniti. In collaborazione con un network composto da alcune radio per gli italiani all’estero copre inoltre eventi come il Festival di Cannes e la Mostra internazionale del cinema di Venezia. È tra i commentatori social maggiormente seguiti delle produzioni di RAI Cinema e RAI Fiction e di alcune produzioni di SKY Atlantic.

Gruppo Pam: due punti vendita local sulle Rupe di Orvieto

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Aziende

Pam local è arrivato ad Orvieto. Il nuovo format ideato da Gruppo Pam nel 2013 ha tra i suoi punti di forza la praticità e la convenienza, ragioni per le quali ha già conquistato migliaia di Clienti in tutta Italia. Gli store gestiti in franchising saranno al servizio di residenti e turisti in visita alla Rupe.

Gruppo Pam

Gruppo Pam porta il formato local a Orvieto

Orvieto apre le porte a Pam local: sulla Rupe sono stati recentemente inaugurati due punti vendita. Il format ideato da Gruppo Pam nel 2013 rappresenta un’esperienza di spesa innovativa, che ha nella convenienza e nella praticità i suoi punti di forza, diventando così la scelta primaria di migliaia di clienti in tutta Italia. Gli store gestiti in franchising serviranno residenti e turisti che quotidianamente visitano la nota località medievale, proponendo loro un ricco assortimento di prodotti, in linea con le ultime tendenze di mercato. Gruppo Pam ha puntato su piatti pronti e referenze monoporzione, pensati appositamente per chi vuole risparmiare e ridurre gli sprechi. “Le recenti aperture dei 2 nuovi Pam local in franchising nella città di Orvieto sono una ulteriore dimostrazione dell’apprezzamento che il format ha ottenuto in questi anni da clienti ed imprenditori. Il 16 maggio festeggeremo infatti a Roma l’apertura del 100° Pam Local in Italia”, ha dichiarato Lorenzo Seccafien, Direttore Vendite Pam Franchising.

Gruppo Pam, dalla fondazione a oggi

Il 13 dicembre 1958, a Padova, è stato inaugurato il primo supermercato di Gruppo Pam, dove in precedenza sorgeva una sala cinematografica. L’attenzione al cliente, la qualità dei prodotti, l’ampiezza e la convenienza dell’offerta sono i capisaldi su cui l’azienda è stata fondata e i tratti che la contraddistinguono tutt’oggi. Attualmente, Gruppo Pam conta oltre 9.500 collaboratori, un migliaio di punti vendita e ha chiuso il 2015 con un fatturato di 2,4 miliardi di euro. Grazie ad un’ottima capacità di adattamento ai repentini mutamenti del mercato, la controllata Pam Panorama è cresciuta notevolmente: oggi è presente in undici regioni del Paese (Piemonte, Lombardia, Liguria, Trentino Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Lazio e Abruzzo) con oltre 190 punti vendita tra supermercati e superstore PAM, ipermercati Panorama e supermercati di prossimità Pam local.

Frabemar: storia e servizi della società

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Dopo una lunga e comprovata esperienza nel settore della logistica, nel 1995 Franco Bernardini fonda Frabemar, società specializzata nell’ambito dei trasporti marittimi. La fidelizzazione dei clienti e la creazione di un rapporto stretto con loro si configurano come gli obiettivi aziendali principali.

Frabemar Srl

Frabemar: la fondazione della società da parte di Franco Bernardini

Frabemar nasce dall’idea del fondatore Franco Bernardini. Questi, dopo oltre 30 anni di esperienza nel settore dei trasporti marittimi in West Africa ma non solo, nel 1995 decide di costituire un’agenzia marittima di spedizioni verso l’Africa Occidentale. Tuttavia, in seguito alla liberalizzazione dei diritti marittimi nelle aree dove operava, Frabemar ha spostato il suo raggio d’azione nell’ambito delle spedizioni internazionali, occupandosi inoltre della rappresentanza di diversi enti nazionali dei Consigli dei Caricatori. Successivamente, su richiesta di numerosi clienti, la società ha aperto i dipartimenti di Trading internazionale e Chartering di M/N. Per rispondere ai bisogni tecnologici e stare al passo con il progresso e l’innovazione, Frabemar si è equipaggiata di strumenti di lavoro professionali e all’avanguardia e di un dipartimento di nuove tecnologie. Il servizio principale di tale sfera è finalizzato alla manutenzione degli strumenti di lavoro per offrire un servizio all’avanguardia. Il principale focus del reparto risiede nel campo della connessione satellitare in Africa.

Frabemar: obiettivi societari e servizi offerti

Il trasferimento di beni e servizi tra aree geografiche distanti è una delle conseguenze dell’interazione tra popoli, come dimostra la storia dell’uomo. A tal proposito, la missione di Frabemar consiste nella fornitura di servizi per ottimizzare gli approvvigionamenti, concentrando la propria attenzione nelle aree relative al Nord Africa. Le attività della società sono certificate da organismi accreditati, affinché vengano rispettate le norme internazionali di qualità. In questo contesto, per operare in maniera indipendente e svincolata dalle compagnie di navigazione, Frabemar ha intrapreso un costante percorso di miglioramento dei processi interni, così da poter inoltre garantire il servizio più appropriato e idoneo alla clientela, nel miglior rapporto qualità/prezzo. Non a caso, tra gli obiettivi societari primari e nella mission aziendali primeggiano la soddisfazione dei desideri dei clienti e la conseguente fidelizzazione, con la creazione di un rapporto indissolubile.

David Barzazi: Gruppo Green Power e la lotta ai cambiamenti climatici

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

David Barzazi, attraverso Gruppo Green Power, sostiene gli sforzi del Ministero dell’Ambiente e si occupa in prima persona di efficientamento energetico, promuovendo l’utilizzo delle rinnovabili: servirsi di energia pulita per le attività quotidiane è ormai di fondamentale importanza.

David Barzazi

David Barzazi: i vantaggi delle energie rinnovabili

Tra le più grandi sfide di oggi vi è la lotta ai cambiamenti climatici, che influenzano negativamente la nostra vita e benessere quotidiani. Un grande aiuto ci arriva dalle fonti di energia rinnovabile, che rappresentano uno strumento utile per diminuire l’impatto delle attività dell’uomo sul Pianeta. Gruppo Green Power, sotto la guida di David Barzazi, si occupa di efficientamento energetico, una risorsa fondamentale per limitare gli effetti negativi del riscaldamento globale. La necessità di generare sempre più energia pulita per svolgere le attività quotidiane è innegabile ed evidente. Restringendo lo sguardo ai confini italiani, il 2017 è stato uno degli anni più secchi, mentre il 2018 è stato devastante per le nostre foreste: gli effetti della tempesta “Vaia”, generata dall’impatto di emissioni inquinanti, hanno messo a dura prova il territorio. David Barzazi sostiene il Ministero dell’Ambiente e i suoi programmi di sensibilizzazione per informare sulle dannose conseguenze dell’inquinamento da fonti di energia fossile. Gruppo Green Power basa le proprie attività sullo sviluppo sostenibile, promuovendo la riduzione delle emissioni nocive e offrendo le migliori soluzioni sul mercato italiano: unire alta qualità, risparmio energetico e sostenibilità è possibile.

L’esperienza professionale di David Barzazi

David Barzazi è un professionista veneto. Dopo aver conseguito il diploma come tecnico aeronautico, avvia il suo percorso professionale nel settore dell’energia e delle telecomunicazioni. Si occupa di organizzazioni di vendita e acquisisce una solida esperienza in ambito gestionale. Per anni lavora come consulente di intermediazione finanziaria e assicurativa, per poi diventare Presidente di Cell Shop S.r.l., società attiva nel settore della telefonia mobile. La svolta professionale arriva nel 2011: David Barzazi entra in Gruppo Green Power e in breve tempo diventa Amministratore Delegato e Consigliere di Amministrazione. Guida l’azienda verso ottimi risultati nonostante la crisi economica, contribuendo alla sua ammissione nell’AIM della Borsa Italiana. Nel 20184 l’AD viene riconfermato e assume anche la carica di Presidente.

Mauro Ticca: l’edizione 2019 di Transpotec Logitec, quattro giorni dedicati a logistica e trasporti

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Mauro Ticca, manager con esperienza decennale nei settori del trasporto e della logistica, esprime le sue osservazioni in merito all’edizione 2019 di Transpotec Logitec, la più grande fiera italiana dell’autotrasporto. Ribadite centralità e importanza nel panorama internazionale.

Mauro Ticca

Mauro Ticca commenta l’edizione 2019 di Transpotec Logitec

Mauro Ticca è attivo da diversi anni nei settori maggiormente collegati alla logistica di magazzino e all’autotrasporto. Esperto nella direzione, controllo e coordinamento di unità operative complesse nei comparti del trasporto merci, si è spesso occupato nel corso della propria carriera lavorativa delle tendenze del mercato nel settore distributivo. Non sorprende dunque che il manager torinese abbia salutato positivamente anche quest’anno l’edizione di Transpotec Logitec. La principale vetrina del comparto italiano del trasporto a quattro ruote si è svolta in quattro giorni, precisamente dal 21 al 24 febbraio, presso la Fiera di Verona. L’evento è importante in quanto occasione ineguagliabile per confrontarsi sulle ultime novità riguardanti mezzi di trasporto, articoli, merci e servizi e per dotarsi degli strumenti più consoni per gestire il cambiamento che sta attraversando il settore dell’autotrasporto. Più nello specifico, Transpotec Logitec fornisce agli esperti del comparto le chiavi per comprendere a 360 gradi evoluzioni e scenari futuri concernenti il transito verso la digitalizzazione in ambiti come l’efficientamento energetico, la sostenibilità ambientale e la sicurezza.

Mauro Ticca evidenzia l’importanza di Transpotec Logitec per l’autotrasporto italiano

Mauro Ticca sottolinea poi anche il rilievo e lo spessore simbolici rivestiti dalla quattro giorni veronese. Transpotec Logitec è infatti supportato attivamente da Alis, la maggiore associazione italiana della categoria della logistica. La stessa raggruppa sotto la propria sigla 1.350 aziende dello shipping, mettendo a fattor comune 150mila lavoratori assunti e oltre 100mila mezzi adoperati nelle attività del comparto. Entrando nello specifico della manifestazione fieristica, Transpotec Logitec si configura come strategica opportunità di confronto tra operatori privati, pubblici ed istituzioni a livello internazionale, con una modalità che unisce esposizione, business matching e workshop. La centrale importanza di questa vetrina, ampiamente riconosciuta dagli addetti ai lavori come Mauro Ticca, si concretizza inoltre nell’intervento del Presidente di Alis Guido Grimaldi: “Oggi il ruolo che siamo istituzionalmente chiamati a rivestire è quello di collettore di istanze degli operatori del settore ed artefici di un laboratorio strategico per lo sviluppo dell’economia del Paese e della sostenibilità ambientale”.

Serenissima Ristorazione implementa la modalità di pagamento via Satispay

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Da sempre Serenissima Ristorazione si muove nel campo dell’innovazione per garantire ai clienti un servizio agile e di qualità: ora nei bar e self service della società guidata da Mario Putin è possibile pagare tramite l’applicazione Satispay, che consente di saldare il conto usando semplicemente il cellulare.

Serenissima Ristorazione

Serenissima Ristorazione: i vantaggi di Satispay

Gli italiani non sono tra i primi europei a utilizzare il pagamento via smartphone, ma si tratta comunque di un settore destinato a crescere. Per dargli nuovo slancio, Serenissima Ristorazione ha attivato nella maggior parte dei propri self service e bar il servizio Satispay, che consente l’innovativo pagamento cashless per il pranzo o anche solo per un caffè. Si tratta di una applicazione per smartphone che consente di collegare il conto bancario a un account personale per poi effettuare pagamenti con il cellulare o ricevere e inviare denaro utilizzando unicamente i numeri di telefono in rubrica. Per chi non ama adoperare contanti e carte di credito si tratta di un vero e proprio “must have”. Serenissima Ristorazione coglie così un’opportunità per proseguire sulla strada dell’innovazione: secondo l’Osservatorio Community Cashless Society di The European House – Ambrosetti, in media nell’UE il 26% dei pagamenti viene effettuato senza contanti. Il servizio via mobile ha mostrato una crescita importante già negli ultimi anni.

Serenissima Ristorazione: qualità e convenienza italiane

La società fondata da Mario Putin è tra i leader in Italia nel settore della ristorazione collettiva, con una produzione giornaliera di 200.000 pasti. Serenissima Ristorazione è specializzata nella fornitura di servizi di ristorazione sociosanitari, oltre a partecipare a importanti interventi di project financing. Avviata a Vicenza negli anni ’80, punta a espandersi sempre più all’estero, seguendo un trend di crescita costante. La società offre un’ampia diversificazione di servizi e prodotti italiani di qualità, unendo a questo servizio il vantaggio di un’offerta economica conveniente e vantaggiosa. Serenissima Ristorazione da sempre porta avanti progetti dedicati al risparmio e al recupero alimentare, in partnership con enti e associazioni nazionali. L’azienda si impegna a informare i propri consumatori su questi importanti argomenti, oltre che a dare consigli riguardo le buone abitudini alimentari e le diete più adatte per grandi e piccoli. Tra i suoi casi d’eccellenza, la società annovera l’EFSA, autorità europea deputata al controllo della sicurezza alimentare, il Centro Internazionale di Formazione dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro e l’Università Bocconi di Milano.

Andrea Mascetti è dal 4 aprile 2019 membro del Consiglio di Amministrazione di Italgas

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Andrea Mascetti è uno dei due candidati precedentemente proposti dagli azionisti istituzionale di Italgas ad essere entrato nel nuovo board societario. L’assemblea per il rinnovo degli organi sociali si è tenuta lo scorso 4 aprile.

Andrea Mascetti, avvocato

Andrea Mascetti nel Consiglio di Amministrazione di Italgas

C’è anche Andrea Mascetti tra i componenti del nuovo Consiglio di Amministrazione di Italgas. La società ha infatti tenuto la riunione in assemblea in data 4 aprile 2019, in unica convocazione e con all’ordine del giorno il rinnovo degli organi sociali. Il nuovo Presidente in carica eletto è Alberto Dell’Acqua, che subentra all’uscente Lorenzo Bini Smaghi e che sarà affiancato dall’Amministratore Delegato Paolo Gallo. Il nuovo Board, che rimarrà in carica per i prossimi tre esercizi, è composto inoltre dai consiglieri Yunpeng He, Paola Annamaria Petrone, Maurizio Dainelli, Giandomenico Magliano e Veronica Vecchi, facenti parte della lista di maggioranza presentata unitamente da Cdp Reti e Snam. Gli azionisti di carattere istituzionale, che invece detengono in minoranza meno dell’1,4% degli asset di Italgas, avevano precedentemente depositato anch’essi un listino unitario, ottenendo l’elezione dei loro consiglieri Andrea Mascetti e Silvia Stefini. Il neoeletto Board, riporta Italgas in una nota, è “composto per la maggioranza da amministratori indipendenti”, oltre ad essere composto per il 33% da membri femminili, in compliance alla legislazione vigente in tema di pari opportunità tra i generi. L’assemblea ha infine nominato il collegio sindacale per i prossimi tre mandati e ha dato il via libera al bilancio di esercizio 2018

La carriera lavorativa di Andrea Mascetti

Andrea Mascetti, fondatore nel 2004 dello Studio Legale a lui intitolato, nasce a Varese nel 1971. Si laurea in Giurisprudenza a 25 anni nel 1996 presso l’Università degli Studi di Milano. Il suo nominativo è nell’Albo degli Avvocati del capoluogo lombardo ed è inoltre patrocinante avanti la Corte di Cassazione. Il suo lavoro in ambito legale è incentrato principalmente su tematiche riguardanti il diritto societario e amministrativo. Nell’ultimo periodo, Andrea Mascetti si è anche speso lavorativamente in prima persona per attività concernenti i settori della web reputation e del diritto legato all’arte. Ha inoltre ricoperto i ruoli di Presidente e membro di organismi di vigilanza, in applicazione di quanto previsto dalla legge 231 del 2001, nonchè di sindaco di collegi e membro dei Consigli di Amministrazione di istituti di credito e imprese commerciali sul territorio nazionale e all’estero.

Bernardo Bertoldi commenta il libro L’Impresa Riformista

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende, Economia

Bernardo Bertoldi rinnova il suo impegno come editorialista attraverso la collaborazione con “L’Incontro”, rivista torinese che si è trasformata in un blog online. L’esperto ha commentato in un recente articolo il libro di Antonio Calabrò, L’Impresa Riformista, sottolineando l’importanza degli spunti che fornisce al lettore.

Bernardo Bertoldi

L’Impresa Riformista: il commento di Bernardo Bertoldi al libro di Antonio Calabrò

Il libro L’Impresa Riformista di Antonio Calabrò è stato oggetto di un recente articolo scritto da Bernardo Bertoldi per “L’Incontro”, storica rivista che da poco è stata rinnovata e trasformata in un blog online. “L’Impresa Riformista definisce la visione europea dell’impresa come soggetto positivo e sociale, ma soprattutto soggetto che partecipa con una sua autonomia e posizione allo sviluppo della società”, spiega l’editorialista, docente e imprenditore. “Negli Stati Uniti l’impresa è un fatto privato e di profitto, in Cina è un fatto politico e strumento di pianificazione; in Europa può essere soggetto riformista”. Secondo Bernardo Bertoldi, il libro di Antonio Calabrò fornisce due spunti utili: offre una sintesi efficace dell’evoluzione che stiamo vivendo, passando dall’idea di Aristotele ad Harvard, unendo storia e modernità, oltre a proporre una rinnovata visione dell’impresa come luogo di appartenenza e integrazione, come motore sociale fondamentale per rendere il cambiamento una occasione per migliorarsi. Dal testo di Antonio Calabrò traspare chiaramente l’importanza dell’impresa come motore sociale, come luogo essenziale d’istruzione e cittadinanza: “l’impresa è inclusione”, afferma l’autore, è la giusta risposta ad un Paese che da troppo tempo rimane immobile, con le nuove generazioni sempre più schiacciate dal debito pubblico e dalle tendenze conservative italiane.

Bernardo Bertoldi e l’esperienza de “L’Incontro”

Dopo aver collaborato con il maggior quotidiano di economia e finanza, “Il Sole 24 Ore”, Bernardo Bertoldi rinnova il suo impegno come editorialista attraverso la collaborazione con “L’Incontro”: storica rivista fondata da Bruno Segre nel 1949, è di recente stata rinnovata e trasformata in una testata online. “L’Incontro” è diventato così un blog diviso in sezioni, pur mantenendo lo spirito che da sempre ha animato la testata. 18 professionisti e imprenditori si sono occupati di arricchire il sito, raccogliendo l’appello del fondatore che auspicava una nuova vita per il giornale in seguito alla pubblicazione dell’ultimo numero cartaceo nel febbraio 2018. Online dal 22 marzo, il blog è suddiviso in 6 sezioni: Bernardo Bertoldi si occupa di curare la seconda, dedicata a temi di economia, fisco e finanza. Le altre sezioni trattano del XX secolo, di diritti civili, di innovazione, fake news, intelligenza artificiale e di temi legati al web. “L’Incontro” lascia spazio anche alle domande e alle problematiche dei giovani attraverso la sezione “Next”, arricchita dai ragazzi dei licei torinesi.

Gruppo Green Power illustra i risultati relativi al progetto di bilancio consolidato e di esercizio

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Gruppo Green Power, società attiva nell’ambito dei servizi inerenti l’efficientamento energetico e le energie rinnovabili, ha dato l’ok definitivo lo scorso 4 marzo al progetto di bilancio consolidato al 31 dicembre 2018 e a quello di esercizio. Importanti i risultati conseguiti.

Gruppo Green Power

Gruppo Green Power convalida il progetto di bilancio consolidato e quello di esercizio

Lo scorso lunedì 4 marzo 2019 si è riunito in sessione il board di Gruppo Green Power, società della provincia di Venezia presente da circa un decennio nel mercato dell’efficientamento energetico e quotata in Borsa. Il Consiglio di Amministrazione del Gruppo ha approvato, come da prassi fissa semestrale, il progetto di bilancio consolidato al 31 dicembre 2018 e quello di esercizio. Questi si distinguono per importanti risultati sia sul piano economico che su quello finanziario. Alcuni dati: i ricavi netti consolidati totalizzano un valore di 16 milioni e 844mila euro; il margine operativo lordo consolidato equivale a 1 milione e 770mila euro e il patrimonio netto supera il milione e mezzo di euro. Sono inoltre degni di nota il margine sulle vendite, pari al 10,5%, la posizione finanziaria netta consolidata di oltre 600mila euro e l’utile d’esercizio consolidato di 259mila euro. Nel calcolo stilato da Gruppo Green Power sul progetto di bilancio consolidato e su quello patrimoniale e finanziario al 31 dicembre 2018 sono presenti le controllate BluePower Connection Srl, Unix Group Srl e Soluzioni Green Srl. Delle tre, solo la prima ha la propria sede all’estero, in Romania, mentre le altre due si trovano in Italia. Inoltre, a partire dall’inizio di quest’anno, viene inserita tra le compartecipate anche Green Energy Group Srl., specializzata nel commercio, design e nella posa di impianti per l’efficientamento per utenze domestiche. Anche questa ha la sua sede in Italia, ad Este, in provincia di Padova.

Gruppo Green Power: la storia

Gruppo Green Power, realtà di Mirano (in provincia di Venezia), è specializzata in attività e servizi di acquisto, assistenza post vendita e posa di nuovi prodotti tecnologici a ridotto impatto ambientale e ad alto efficientamento energetico. Si rivolge principalmente a nuclei familiari e a piccole e medie imprese. Nel 2011 i Fratelli Christian e David Barzazi divengono componenti del Consiglio di Amministrazione del Gruppo. Nel 2012 GGP muta la propria ragione sociale e da Società a responsabilità limitata diviene Società per azioni. L’azienda di Mirano lancia poi nel 2013 l’help desk di marketing telefonico Bluepower Connection S.r.l. e l’anno successivo diviene parte del Mercato alternativo del capitale presso Piazza Affari. Si tratta dell’ombrello sotto il quale sono raggruppate le PMI nazionali con gli indicatori di sviluppo più elevati nel breve e medio periodo. Nel 2015 il Gruppo lancia ufficialmente il CONSORZIO GGP, una rete di installatori e fornitori scelti con attenzione e con l’obiettivo dichiarato di assecondare il cliente senza rinunciare alla qualità. Nel 2017 vede la luce Soluzioni Green Srl, unità che propone servizi quali check-up manutentivi, messa in opera di impianti sostenibili e dispositivi a classe energetica superiore e scrittura delle pratiche amministrative obbligatorie secondo la normativa attualmente vigente in materia. Gli ambiti di competenza di Gruppo Green Powersono quelli dell’efficientamento energetico, dei sistemi ibridi, degli impianti fotovoltaici, degli accumulatori di energia, delle pompe di calore ACS, dei dispositivi di illuminazione a LED, dell’automazione domotica, delle colonnine di ricarica autovetture e della mobilità elettrica.