Archivio Autore

Rinaldo Ceccano: il corso di Accademia Life per studiare l’efficientamento energetico

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Il corso in “Esperto di interventi energetici sostenibili a livello territoriale” offerto da Accademia Life, ente guidato da Rinaldo Ceccano, risulta essere un iter formativo di particolare importanza nel contesto imprenditoriale attuale, sempre più attento alla sostenibilità e alla produzione di energia dalle rinnovabili.

Rinaldo Ceccano

Rinaldo Ceccano: Accademia Life forma esperti di sostenibilità

Accademia Life racchiude in sé le competenze derivanti dalle precedenti realtà Consorzio Life, Italia Accademia, Formazione S.C.S. Onlus e World Future Service, società che si sono fuse per dare vita al nuovo ente. Rinaldo Ceccano ha avviato nel 2016 Accademia Life, realtà che si occupa di Formazione Professionale e Orientamento al Lavoro. In un contesto imprenditoriale sempre più attento alla sostenibilità e alla tutela ambientale, le figure professionali esperte nella produzione di energia da fonti rinnovabili sono altamente richieste. Il corso in “Esperto di interventi energetici sostenibili a livello territoriale” è gratuito e finanziato dalla Regione Lazio e dal Fondo Sociale Europeo: lo scopo del percorso è formare una figura professionale completa e riconosciuta, dalle competenze tecniche, giuridiche e di management legate alla produzione di energia da biomasse e altre rinnovabili. Il corso prevede 560 ore di lezione in aula e 240 ore di stage. Rinaldo Ceccano, attraverso Accademia Life, garantisce così un futuro lavorativo interessante in un ambito in rapida espansione.

Rinaldo Ceccano, una carriera dedicata alla formazione

Laureatosi in Economia presso l’Università La Sapienza di Roma, Rinaldo Ceccano si specializza in seguito nella Gestione delle Risorse Umane. Professionista attivo principalmente nell’ambito della formazione, dal 2013 è Direttore Generale di Accademia Life S.r.l., già Consorzio Life, nonché Presidente dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Academy World Sailing e Direttore dell’area marketing dell’azienda agricola Pienza. Muove i primi passi nel settore della formazione nel 2002 con Azzurra Multiservizi S.r.l. in qualità di docente e coordinatore. Attualmente alla guida di Accademia Life, è il Referente di Accreditamento della Regione Lazio della sede formativa di Sezze e Sabaudia. Si occupa delle attività di direzione e orientamento, oltre a essere responsabile del processo di erogazione dei servizi e di progettazione. Rinaldo Ceccano, da novembre 2018, è responsabile dell’accordo quadro per la ricerca e lo sviluppo delle attività di formazione nel territorio pontino tra Accademia Life e il Ce.R.S.I.T.e.S., Centro Universitario Interdipartimentale dell’Università La Sapienza. Negli anni, ha svolto attività di carattere redazionale ed editoriale.

Federico Motta Editore: il catalogo della mostra “Andy Warhol Timeboxes”

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Arte

Immergersi nella mente di Andy Warhol attraverso una mostra unica, fatta di installazioni nelle quali inoltrarsi per venire circondati da pareti decorate dalle carte originali dell’artista. Federico Motta Editore ne ha tratto un catalogo che è esso stesso un’opera d’arte dall’innegabile valore.

Federico Motta Editore

Federico Motta Editore: nella mente di Andy Warhol

“Andy Warhol Timeboxes” è una mostra fuori dal comune, organizzata a Trieste nel luglio 2006 presso il Centro Espositivo di Arte Moderna Contemporanea. Il concept, articolato e particolare, prevedeva l’installazione di grandi contenitori: i visitatori avevano la possibilità di entrarvi per trovarsi avvolti in una stanza dalle pareti decorate con riproduzioni di carte da parati originali di Warhol. La mostra garantiva così un’esperienza sensoriale a 360 gradi, un viaggio all’interno della mente del grande artista. Federico Motta Editore ha curato il catalogo della mostra, realizzandone ben due versioni di cui una in versione una limited edition. Si tratta di un’opera dal grande valore artistico che va oltre la funzione del semplice catalogo illustrativo, diventando così una fonte preziosa per sintetizzare l’arte di Andy Warhol. L’opera edita da Federico Motta Editore, di oltre 300 pagine, è realizzata con ben 14 tipi di carta differenti, che raccolgono più di 450 soggetti, pop up e invenzioni mobili che riproducono alcuni oggetti contenuti nelle “Time Capsules” originali dell’artista, elementi che fungono da nucleo principale della mostra. Per la stesura del saggio introduttivo, Gianni Salvaterra ha collaborato con Robert Rosenblum, professore di Fine Art presso la New York University.

Federico Motta Editore: non solo Enciclopedie

I settori di interesse di Federico Motta Editore non si limitano al mondo dell’Enciclopedia ma spaziano dall’editoria per ragazzi (MottaJunior) alle collane di architettura e riviste di moda. La collana di libri d’arte e fotografia, con la pubblicazione di famosi cataloghi delle grandi mostre d’arte, ha avuto particolare impulso negli anni, accrescendo il valore culturale e internazionale della Casa Editrice. Fondata nel 1929 con il nome di “Cliché Motta”, l’attività commerciale cresce e raggiunge direttamente le famiglie su tutto il territorio italiano. L’attenzione verso le famiglie e l’innovazione rimangono sempre due pilastri della filosofia di Federico Motta Editore. Il valore e l’autorevolezza delle opere si accrescono grazie a vari riconoscimenti e alle collaborazioni con autori di fama internazionale come Umberto Eco e Margherita Hack. La Casa Editrice ha sviluppato partnership con Telecom, Telefono Azzurro, Zecchino d’Oro, Rai, Disney, il Sole 24 Ore, Corriere della Sera e molti altri. Tra i numerosi riconoscimenti ricevuti vanno ricordati il Premio Pirelli InterNETional Awards, vinto nel 2007, e l’Ambrogino d’Oro, nel 1980.

Imperator Rome, la recensione di Giampaolo Sutto

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Videogame

Giampaolo Sutto ha recentemente recensito sul suo blog Imperator Rome, videogioco strategico ambientato durante l’ascesa dell’Antica Roma.

Giampaolo Sutto recensisce Imperator Rome

Per la maggior parte dei videogiocatori, il mondo del gaming è rappresentato dai titoli più famosi come Fifa o Call of Duty. Esiste tuttavia una nicchia agguerrita in cui il proprio passatempo preferito rappresenta anche un momento dove ampliare la propria cultura e ritrovarsi in epoche passate. È il caso di Giampaolo Sutto, blogger appassionato di videogiochi strategici e gestionali. Tra gli ultimi prodotti disponibili del settore e da lui recensiti, ha recentemente fatto capolino Imperator Rome, disponibile dalla fine di aprile. Ambientato a pochi decenni dalla scomparsa di Alessandro Magno, consente ai giocatori di prendere il controllo su una civiltà qualsiasi dell’epoca con lo scopo di portarla alla grandezza attraverso oltre 300 anni di storia. È così possibile scegliere tra la stessa Roma, tra i regni successori di Alessandro, le tribù barbare del nord, la potente Cartagine, o anche una delle tante popolazioni celtiche. In imperator Rome si viene chiamati a guidare le sorti dello Stato attraverso la guerra, la diplomazia e il commercio, con differenti sfaccettature a seconda del governo adottato, come nel caso delle monarchie o delle repubbliche, o della religione dei nostri sudditi.

Imperator Rome: l’opinione di Giampaolo Sutto

Dopo averlo giocato per svariate ore, Giampaolo Sutto esprime la convinzione che Imperator Rome sia un titolo riuscito solo a metà. Dopo le fasi iniziali in cui si può esultare per via delle prime espansioni territoriali, ben presto si intuisce che il meccanismo di gioco è destinato a ripetersi: crea un casus belli, dichiara guerra al nemico, vinci e annetti le sue province. E nell’intermezzo? Nulla. L’impressione del blogger, condivisa da moltissimi utenti sui forum e sulla pagina ufficiale di Steam del Gioco, è quella di una versione Beta, ovvero ancora in fase di sviluppo. Basti pensare che in effetti gli sviluppatori hanno reagito alle cattive recensioni promettendo un rigoroso piano di nuove patch gratuite in arrivo, una in particolare rilasciata dopo pochi giorni l’uscita sul mercato. La Paradox d’altronde ha già abituato i suoi fans alla politica dei dlc, ovvero parti aggiuntive di gioco da comprarsi separatamente a caro prezzo. Tale modus operandi non è disdicevole a priori: molti sono coloro che sostengono come questa sia una strategia utile a far si che un gioco possa migliorare continuamente. Tuttavia, in questo caso sembra che l’incompletezza del gioco sia voluta dalla partenza, proprio per obbligare i videogiocatori a comprare i dlc per potersi godere a pieno il titolo. Secondo Giampaolo Sutto Imperator Rome, allo stato attuale risulta deficitario su molti punti: gameplay, grafica, colonna sonora e ricchezza di dettagli.

FME Education partecipa a Fiera Didacta Italia

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

FME Education ha realizzato il progetto MyEdu School per portare avanti la sua mission: affiancare insegnanti e studenti nelle attività quotidiane per un apprendimento all’insegna del divertimento. Il progetto ha partecipato alla prima edizione della Fiera Didacta Italia, rappresentando un supporto didattico innovativo.

FME Education, MyEdu School

FME Education a Fiera Didacta Italia

In occasione della prima edizione della Fiera Didacta Italia, FME Education ha partecipato portando l’innovativo progetto MyEdu School. L’ambiente didattico digitale per insegnanti e studenti comprende una vasta serie di lezioni, esercizi, giochi e verifiche organizzati in percorsi digitali a sostegno del piano formativo delle classi primarie e secondarie di primo grado. Il progetto MyEdu School ha coinvolto quasi 50 istituti comprensivi del Nord Italia nell’ultimo anno scolastico: un totale di 30.000 ragazzi e 4.000 insegnanti che sono stati supportati nelle lezioni attraverso corsi di formazione sulla didattica digitale, i contenuti didattici del portale e la dotazione di tablet. I docenti hanno a disposizione un pannello di controllo innovativo per monitorare i risultati di ogni singolo alunno. La Fiera Didacta rappresenta un’importante occasione per incontrare i principali interlocutori del mondo della scuola. “Configurandosi come il più importante appuntamento fieristico sulla scuola del futuro, Didacta rappresenta per noi un’occasione imperdibile per partecipare al dibattito sul mondo dell’istruzione e per incontrare di persona i vari stakeholder del settore: insegnanti e dirigenti scolastici”, ha commentato FME Education. L’editore ha siglato il nuovo protocollo d’intesa con il MIUR per la promozione dell’innovazione tecnologica nella didattica.

FME Education: imparare divertendosi

La mission di FME Education è racchiusa nel motto “Imparare divertendosi!”. L’Editore si impegna a realizzare contenuti didattici innovativi per studenti, insegnanti e famiglie: gli strumenti forniti agevolano i docenti nell’insegnamento e gli studentinell’apprendimento quotidiano. MyEdu è un ambiente didattico digitale modulare che offre contenuti in linea con le più recenti Indicazioni Nazionali del MIUR. A questo scopo FME Education ha sviluppato il progetto MyEdu School, un’offerta completa che comprende la formazione dei docenti, i laboratori didattici per gli studenti, la “classe virtuale” supportata dai tablet MyEdu e l’accesso all’ambiente didattico digitale con i contenuti realizzati da FME Education. La piattaforma MyEdu Plus è invece dedicata all’insegnante 2.0: il sistema aiuta e supporta il docente nel proporre lezioni digitali d’autore, complete di esercizi interattivi. Con MyEdu Plus per il docente è più semplice costruire percorsi didattici personalizzati per offrire una lezione ancora più coinvolgente. Parte integrante di MyEdu Plus è il network tra docenti e scuole, che consente di consultare appunti, spunti e consigli pubblicati da altri insegnanti. MyEdu Family punta invece ad accompagnare i ragazzi nello studio a casa, nello svolgimento dei compiti e nella realizzazione di ricerche. Un Tutor Online li sostiene durante tutto il percorso scolastico dalla scuola primaria alla secondaria.

Rinaldo Ceccano: i progetti di Accademia Life a sostegno dell’ambiente

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Rinaldo Ceccano è Direttore Generale di Accademia Life. Tutti i corsi proposti dall’ente formativo laziale sono orientati al mondo del digitale e a quello della sostenibilità ambientale. Tra i principali spiccano: Esperto di Interventi Energetici Sostenibili a livello territoriale e il Corso di Tecnico nella Pianificazione del Ciclo Integrato dei rifiuti urbani, entrambi nell’ambito del progetto Waste Manager. L’obiettivo ultimo è la formazione di profili coscienti, consapevoli dell’ambiente circostante e con dimestichezza nella gestione delle tecniche produttive di energie pulita.

Rinaldo Ceccano

Rinaldo Ceccano: il messaggio di sostenibilità di Accademia Life

Rinaldo Ceccano è Direttore Generale di Accademia Life, ente formativo da lui fondato nel 2016 attraverso la fusione di importanti aziende attive nel medesimo settore con le quali collaborava. La mappa dei corsi offerti dalla società è completamente orientata al mondo del digitale e della sostenibilità ambientale. Nello specifico, quello di Esperto di Interventi Energetici Sostenibili a livello territoriale e il Corso di Tecnico nella Pianificazione del Ciclo Integrato dei rifiuti urbani si affermano come due opportunità per comprendere al meglio il mondo che ci circonda e le problematiche che lo minacciano. Attraverso tali corsi, Accademia Life appoggia lo sviluppo sostenibile: il progetto ha previsto interventi formativi in campo energetico, della gestione locale di rifiuti in economia circolare, di sostegno alla qualificazione e all’occupabilità delle risorse. Il fine ultimo è quello di formare dei profili coscienti sulle problematiche ambientali e che abbiano dimestichezza con le tecniche per la produzione di energia pulita.

Rinaldo Ceccano: dagli studi alla fondazione di Accademia Life

Nato a Latina nel 1970, Rinaldo Ceccano è Direttore Generale di Accademia Life. Dopo aver conseguito la laurea in Economia presso l’Università La Sapienza di Roma, si è specializzato nell’ambito della Gestione delle Risorse Umane. Inizia il proprio percorso professionale nel settore della Riscossione dei Tributi, prima presso Monte dei Paschi di Siena e poi in CRS S.p.A., dove è impegnato nella Gestione delle Risorse Umane fino al 2001. Successivamente, Rinaldo Ceccano costruisce la propria carriera concentrandosi nel settore della formazione. Approda ad Azzurra Multiservizi S.r.l. prima come Responsabile Gestione e Sviluppo Risorse Umane e, in seguito, in qualità di Direttore Generale, ruolo che eserciterà fino al 2009. Ha operato, inoltre, in Consorzio Life che, dopo aver acquisito World Future Service e Accademia Italia, è diventata l’attuale Accademia Life S.r.l. Tra le altre attività, il manager laziale è Presidente dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Academy World Sailing e Direttore dell’area marketing dell’azienda agricola Pienza, che si occupa di coltivazione, produzione e commercializzazione di vino e olio.

Frabemar: la tecnologia al servizio delle esigenze del cliente

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Il caso del trasporto eccezionale avvenuto presso il Golfo del Porto di La Spezia è la dimostrazione di come mantenere aggiornate e all’avanguardia le tecnologie sia fondamentale nell’ambito del cargo navale: per questo Frabemar da tempo si è dotata del Dipartimento di nuove tecnologie.

Frabemar Srl

Frabemar: innovazione e vicinanza al cliente

Nel campo dei trasporti marittimi la tecnologia è fondamentale: grazie all’innovazione è stato possibile portare a termine con successo un’operazione complessa che prevedeva l’imbarco di un magnete dal peso lordo di oltre 200 tonnellate presso il Terminal del Golfo del porto di La Spezia. Il magnete costituisce una parte fondamentale per la costruzione della centrale nucleare di Cadarache, nella Francia del Sud. Per l’operazione sono state coinvolte oltre 20 persone, uomini attrezzati e altamente specializzati. Sono state utilizzate due gru di ultima generazione e due carrelli SPMT (self-propelled modular transporters). Senza investire nell’innovazione tutto ciò non sarebbe stato possibile: è per questo motivo che Frabemar S.r.l., attiva principalmente nelle tratte del West Africa, si impegna ogni giorno per implementare nuove tecnologie, formare personale specializzato e mantenere all’avanguardia gli strumenti di lavoro. Frabemar possiede un Dipartimento di nuove tecnologie dedicato all’innovazione, inoltre punta particolarmente sul contatto diretto col cliente, in modo da poter valutare caso per caso le specifiche esigenze e offrire, di conseguenza, la soluzione col miglior rapporto qualità-prezzo.

Frabemar Srl: la storia

Fondata nel 1995 da Franco Bernardini, Frabemar nasce come società attiva nel trasporto marittimo nell’area dell’Africa Occidentale. L’Agenzia Marittima sposta il suo raggio d’azione sulle spedizioni internazionali e sulla rappresentanza di diversi enti nazionali dei Consigli di Caricatori. La mission aziendale si focalizza sulla fornitura di servizi per l’ottimizzazione degli approvvigionamenti, con particolare attenzione verso le zone del West Africa. L’esperienza della società è ormai consolidata negli anni: un’organizzazione agile e flessibile consente di rispondere efficacemente alle diverse esigenze dei clienti, garantendo caso per caso la miglior riuscita dell’operazione a prezzi convenienti. Frabemar S.r.l. opera in totale indipendenza dalle compagnie di navigazione, mantenendo così un rapporto diretto col cliente senza utilizzare intermediari. Tutte le sue attività sono certificate da organismi accreditati, per rispecchiare le norme internazionali di qualità.

Andrea Mascetti: dalla laurea in Giurisprudenza alla fondazione di uno Studio Legale

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Lo Studio Legale fondato e guidato da Andrea Mascetti è un punto di riferimento di settore per aziende, privati ed enti pubblici che richiedono assistenza in ambito giuridico. Tra gli elementi di forza, un team interdisciplinare di professionisti.

Andrea Mascetti, avvocato

Andrea Mascetti: l’esperienza professionale

Andrea Mascetti è titolare dello Studio Legale Mascetti, con sede a Varese e Milano. L’avvocato si è laureato in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Milano ed è iscritto all’Ordine degli Avvocati di Milano. La sua carriera prende avvio in ambito giuridico presso lo Studio Legale Tributario associato a Ernst & Young, a Milano. Questa prima importante esperienza gli consente di sviluppare e approfondire le proprie competenze nel settore, portandolo due anni più tardi ad avviare la sua attività e mettersi in proprio. Andrea Mascetti fonda così lo Studio Legale Mascetti, attivo nel ramo del diritto commerciale, amministrativo e penale. A lato di queste attività, l’avvocato prosegue il lavoro di consulenza per società ed enti locali e continua a occuparsi di appalti pubblici e privati. Presenzia inoltre davanti ai collegi arbitrali in qualità di arbitro. In seguito all’implementazione dell’area di diritto penale nello Studio, ha iniziato a presiedere diversi Organismi di vigilanza. Nel tempo libero è appassionato di libri e autori del Novecento e si interessa di Geopolitica.

Lo Studio Legale fondato da Andrea Mascetti

Lo Studio Legale Mascetti nasce nel 2004 su iniziativa dell’avvocato Andrea Mascetti, tutt’oggi titolare dell’attività. Grazie al costante aggiornamento delle proprie competenze e a una rete di collaborazioni italiane e internazionali, la qualità dei servizi offerti è garantita in campo giudiziale e stragiudiziale, in materia di diritto amministrativo, civile e penale. Lo Studio è composto da un gruppo di professionisti specializzati in una o più tematiche peculiari: si tratta di professionisti in grado di affiancare con successo aziende, privati ed enti pubblici nelle più delicate questioni giuridiche. Le soluzioni offerte al cliente sono frutto dell’integrazione e del lavoro sinergico di un team multidisciplinare. Lo Studio fondato da Andrea Mascetti propone soluzioni mirate e aggiornate. Lo Studio ha sede a Varese e Milano. L’avvocato si esprime così in relazione alla storia del suo Studio Legale: “La mia famiglia costruì, negli anni Venti, il palazzo che oggi ospita la sede Varesina dello Studio. Da quel mondo ho appreso la lungimiranza, la costanza, il costruire il futuro su solide basi, senza avere paura della fatica e delle sfide che s’incontrano lungo il cammino. Nella mia attività professionale unisco la tensione verso l’eccellenza allo studio e all’impegno quotidiano”.

Gruppo Green Power: l’inaugurazione della prima clinica di cura in Italia con metodo Feldenkrais

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Gruppo Green Power, tramite Fondazione Giovani Leoni, ha comunicato l’apertura del primo centro in Italia dove è possibile curare alcune patologie secondo i dettami del metodo innovativo Feldenkrais.

Gruppo Green Power

Gruppo Green Power e il coinvolgimento in Fondazione Giovani Leoni per il metodo Feldenkrais

“Suo figlio non potrà mai essere in grado di camminare, mangiare e parlare autonomamente” avevano comunicato gli specialisti a Maria Giovanna, mamma di Riccardo e moglie di Christian Barzazi. Tetraplegico a causa di complicanze da parto, il bambino, che ha spento la quinta candelina, ha invece fatto significativi passi in avanti grazie ad una metodologia innovativa. Questa consiste in un trattamento messo a punto da un ingegnere e fisico originario di Israele di nome Moshé Feldenkrais, che si è dimostrato efficace nelle terapie per persone con problematiche connesse con il sistema nervoso. Due anni e mezzo fa ne ha fatto la conoscenza anche Christian, che con il fratello David Barzazi, Amministratore Delegato di Gruppo Green Power, ha dato impulso a diverse iniziative si sensibilizzazione con la Fondazione Giovani Leoni. Questa realtà opera con lo scopo di portare a conoscenza della collettività i giovamenti a livello di salute che i bambini con paralisi cerebrale, stroke, malattie genetiche e disturbi da deficit di attenzione, ma anche adulti con esiti da ictus, morbo di Alzheimer o Parkinson possono trarre dal metodo Feldenkrais. Si tratta di una metodologia innovativa, dolce e delicata che permette alla mente di apprendere in maniera spontanea per mezzo di nuovi collegamenti e agevolando in questo modo il bambino nel pensare il movimento e quello che succede al suo corpo.

I fratelli Barzazi (Gruppo Green Power) all’inaugurazione della prima casa di cura Feldenkrais

Nel periodo di cura trascorso con la docente del metodo Feldenkrais Eilat Almagor, Riccardo, figlio di Christian Barzazi, ha manifestato notevoli miglioramenti. Per esempio ha imparato a rotolare sul proprio ventre e a strisciare sulla schiena, ha cominciato a fonare con la bocca alcune sillabe in più e a rimanere seduto in auto sul suo seggiolino. Sorride infondendo speranza e ottimismo a mamma e papà e ai bambini che soffrono degli stessi disturbi. Uno dei desideri più grandi dei genitori di Riccardo è vederlo danzare al suo matrimonio come è successo ad Elizabeth, una dei primissimi pazienti trattati con il metodo Feldenkrais. Nella speranza che ciò si avveri anche per Riccardo, Gruppo Green Power e la Fondazione Giovani Leoni sono solo alcuni tra gli investitori del piano per un istituto di cura incentrato sull’utilizzo del metodo Feldenkrais. Un desiderio e un’aspirazione che sono divenuti realtà domenica 19 maggio quando, negli spazi del Centro Medico Viola di Cazzago di Pianiga e alla presenza tra gli altri di Christian e David Barzazi, ha aperto la prima clinica sul territorio nazionale dedicata al Feldenkrais. Un enorme balzo in avanti che infonderà fiducia nei piccoli degenti e nelle loro famiglie che spesso, dato l’elevato importo necessario per le cure, non possono affrontare da sole gli oneri economici previsti. Attualmente la Fondazione Giovani Leoni fornisce questi trattamenti a costo zero per i nuclei familiari più in difficoltà, con l’intenzione a tendere di offrirlo gratuitamente a tutti indistintamente. A tale scopo è stata lanciata una campagna di fundraising ed è stato richiesto alla Regione Veneto l’inserimento del metodo nell’elenco di quelli rimborsabili.

Bernardo Bertoldi: l’euro compie 20 anni. Che impatto ha avuto sull’industria italiana?

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Economia

Il clima elettorale a margine delle imminenti europee riporta in auge il vecchio dibattito sull’utilità della moneta unica. A 20 anni di distanza dall’introduzione dell’euro, come si è evoluta l’economia italiana? Il pensiero di Bernardo Bertoldi è chiaro: le imprese medie hanno saputo cogliere al volo le opportunità di sviluppo. Attenzione però al contesto: il 1989 è l’anno in cui il mondo ha iniziato a dare i primi segnali di globalizzazione.

Bernardo Bertoldi

Bernardo Bertoldi riflette sulle conseguenze della moneta unica in Europa

Sono passati vent’anni da quel 1° gennaio 1999, quando entrò in vigore per la prima volta l’euro. A poche settimane dalle elezioni europee, probabilmente le più significative dall’introduzione della moneta unica, ritorna in primo piano il dibattito sull’euro. Quali sono state le conseguenze a livello economico e industriale? Bernardo Bertoldi ha commentato l’analisi di Fulvio Coltorti, realizzata per Affari & Finanza, spostando l’arco temporale di riferimento e portandolo indietro di 10 anni. È il 1989, l’anno della caduta del Muro di Berlino, che ha dato i primi segni di cambiamento. Il mondo è diventato “piatto”, un unico ecosistema globale e a quel punto l’euro era assolutamente inevitabile. Nello specifico, però, Bernardo Bertoldi individua tre categorie di aziende che hanno saputo sfruttare al meglio le opportunità date dalla moneta unica: gli imprenditori, che hanno semplicemente allargato il proprio raggio di azione, le aziende, che hanno comprato le catene di negozi per sfuggire al pressing dei distributori, e infine chi ha saputo inserirsi nelle catene globali di prodotti e servizi.

Bernardo Bertoldi: il profilo professionale

Torinese, classe 1973, Bernardo Bertoldi consegue la laurea in Economia presso l’Università degli Studi della città. Conclude la propria formazione con il Dottorato e, subito dopo, muove i primi passi professionali in qualità di revisore dei conti e commercialista. Nel 2004 decide di affiancare la carriera accademica a quella di libero professionista, lavorando come Professore Aggregato presso il Dipartimento di Management dell’Università di Torino e dando vita alla propria società di consulenza strategica e finanziaria, 3h Partners. Bernardo Bertoldi contribuisce, inoltre, alla fondazione del Campus di Torino dell’ESCP Europa, Grand Ecole francese. Tra le altre attività, il manager ha all’attivo anche la collaborazione con il maggior quotidiano di economia e finanza italiano, “Il Sole 24 Ore”, che ha pubblicato alcuni tra i suoi case-study. Recentemente ha dato vita al master “Family Business Management” della LUISS e attualmente è impegnato nel ruolo di Vicepresidente del “Club degli Investitori”, il primo club di business angel sorto in Italia.

Andrea Mascetti sostiene la mostra “Intangibili gravità. Materialità significanti in dialogo”

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Arte, Cultura

Andrea Mascetti è uno dei sostenitori della mostra ospitata dalla Fondazione Sangregorio di Sesto Calende fino al 2 giugno. Le principali opere esposte sono sculture degli artisti Stella Ranza di Varese e Vittorio D’Ambros di Novara.

Andrea Mascetti, avvocato

Andrea Mascetti tra i sostenitori della mostra “Intangibili gravità. Materialità significanti in dialogo”

Andrea Mascetti, a capo dello Studio Legale Mascetti, è tra i promotori della mostra “Intangibili gravità. Materialità significanti in dialogo”. L’esposizione è allestita e visitabile presso gli spazi della Fondazione Sangregorio a Sesto Calende, in provincia di Varese e con l’elegante cornice del Lago Maggiore. Fino al 2 giugno, saranno presentati i lavori della scultrice e ceramista Stella Ranza di Varese e dello scultore Vittorio D’Ambros di Novara. L’inaugurazione ha avuto luogo sabato 11 maggio alle 17. Si tratta di un programma al cui interno si collocano alcune mostre limitate nel tempo. Si comincia con una considerazione sulle nozioni non misurabili dello spazio e del tempo presenti nei lavori dei due artisti. Il dibattito coinvolge anche un altro esperto, l’italo argentino Lucio Fontana, e intavola uno scambio di idee e opinioni interessanti che si interseca con le circa venti opere proposte. All’esposizione sono inoltre presenti una successione di “Teste” di Giancarlo Sangregorio appositamente scelte e sei disegni di Fontana. L’allestimento comincia con la Melusine di Stella Ranza, scultura che si innalza per circa due metri e che è fatta di ceramica, ferro e fossili di conchiglie, installata all’esterno. Si va poi avanti con le sculture in alluminio e acciai ossidati di Vittorio D’Ambros. La mostra è visitabile presso l’Atelier Hartman Sangregorio, nel parco della Fondazione, in un complesso dalle linee minimal e che si apre sul verde e sul Lago Maggiore. Il progetto per la mostra ha origine da un’idea del Presidente della Fondazione Sangregorio Francesca Marcellini e del Direttore Artistico Angelo Crespi.

La carriera professionale di Andrea Mascetti

Andrea Mascetti, fondatore nel 2004 dello Studio Legale che porta il suo nome, nasce nel 1971 a Varese. Si laurea in Giurisprudenza nel 1996 presso l’Università degli Studi di Milano. Si iscrive all’Albo degli Avvocati, prima di Varese e poi di Milano e diventa Patrocinante avanti la Corte di Cassazione. Il suo operato nel settore legale si focalizza prevalentemente su tematiche concernenti il diritto societario e amministrativo. Svolge inoltre attività come consulente presso numerose società ed enti locali. Ha collaborato presso studi quali il SALT, Studio Associato Legale Tributario consociato con Ernst & Young. Nel corso degli ultimi anni, Andrea Mascetti si è anche impegnato in prima persona per attività afferenti ai settori della reputazione web e del diritto legato all’arte. Ha altresì rivestito le posizioni di Presidente e componente di organismi di vigilanza, in ottemperanza a quanto previsto dalla legge 231 del 2001. Infine ha ricoperto il ruolo di Sindaco di numerosi collegi e componente dei Consigli di Amministrazione di istituti di credito e imprese commerciali sul territorio italiano ed estero.