Archivio Autore

La carriera di Fabio Mazzeo

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Cultura, Libri

Fabio Mazzeo è un giornalista freelance. Attualmente si occupa delle attività di coordinamento presso l’ufficio stampa di AIFA ed è consulente del Direttore Generale presso l’ufficio stampa di Agenas. È prossimo alla pubblicazione il suo primo romanzo, “La solitudine degli amanti”.

Fabio Mazzeo, giornalista

Fabio Mazzeo: formazione e prime esperienze giornalistiche

Fabio Mazzeo nasce a Messina nel 1967. Muove i primi passi in ambito giornalistico presso l’emittente messinese Telespazio e comincia la frequentazione delle redazioni di radio e giornali Dal 1990 al 1993 è corrispondente da Messina di Telecolor – Video 3 e tre anni più tardi diventa giornalista professionista. Nell’ambito dell’emittente regionale, Fabio Mazzeo ha ideato e condotto trasmissioni giornalistiche di cronaca e sport, collaborato con giornali nazionali e regionali e contribuito alla realizzazione di servizi per Mixer, trasmissione Rai di Giovanni Minoli. Ha vinto alcuni premi giornalistici, tra i quali quello della Presidenza della Repubblica. Per dieci anni è stato Direttore Responsabile di Tremedia – VIP TV, uno dei primi esempi di televisione “all news”: telegiornali, programmi di approfondimento politico, culturale, sportivo. Nel 2008 si trasferisce a Roma e diventa capo ufficio stampa del gruppo parlamentare del PDL alla Camera dei deputati, mentre da maggio 2013 a dicembre 2016 è capoufficio stampa presso il Ministero della Salute. Attualmente è coordinatore delle attività dell’ufficio stampa di AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco).

Fabio Mazzeo: autore di “La solitudine degli amanti”

Fabio Mazzeo è autore del romanzo “La solitudine degli amanti”, in libreria dal 7 marzo. Il cadavere di un’artista cinquantenne, sposata con uno degli avvocati più influenti di Roma, viene ritrovato a Piazza delle Muse. Seduta su una poltrona di vimini, sembra contemplare il panorama incantevole e romantica. In realtà è stata uccisa. Nel suo braccio uno squarcio, un morso; all’anulare una vera di diamanti. Sono gli stessi elementi di un omicidio ancora irrisolto e avvenuto diciassette mesi prima. Le donne assassinate non si conoscevano tra loro ma hanno in comune segreti inconfessabili. Tutte conservano, trai loro effetti personali e nascosti, versi scritti con inchiostro verde su foglietti bianchi. Sono frasi del testo di una canzone di Ivano Fossati: L’amante.

Bernardo Bertoldi: l’attività in 3H Partners e gli altri impegni professionali

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Bernardo Bertoldi vanta una carriera di ampio respiro, che tocca il mondo accademico, imprenditoriale e finanziario: impegnato come docente, porta avanti le attività della società di consulenza strategica 3H Partners. Ha pubblicato diversi testi per Il Sole 24 Ore e l’Harvard Business School.

Bernardo Bertoldi

La carriera di Bernardo Bertoldi fino agli anni 2000

Nato a Torino nel 1973, Bernardo Bertoldi si laurea a pieni voti e con menzione in Economia e Management nel 1996, discutendo una tesi sul benchmarking come nuova tecnica manageriale. Si specializza ottenendo il Dottorato in Economia e Direzione d’Azienda nel 2003, occupandosi di “Strumenti innovativi per le valutazioni finanziarie”. Al contempo diventa Responsabile Commerciale Estero presso Aurora – Fabbrica Italiana Penne Stilografiche.. Nel 2004 Bernardo Bertoldi diventa Professore Aggregato presso il Dipartimento di Management dell’Università di Torino, mentre al contempo contribuisce alla nascita di 3H Partners, boutique di consulenza strategica e finanziaria che garantisce l’accesso a un esteso network di professori delle migliori business school. Contemporaneamente, contribuisce all’avvio del campus torinese di ESCP Europe, Grand Ecole francese, ottenendo la cattedra dei corsi di “Fondamenti di Finanza” e di “Entrepreneurship and Family Business”. L’anno seguente diventa insegnante di “Finanza Aziendale e decisioni strategiche di investimento” al Master in Business Administration della Facoltà di Economia di Torino.

Bernardo Bertoldi: dal secondo decennio del 2000 alle attività attuali

Nel ruolo di CEO di Sviluppo Italia Piemonte S.p.A., Bernardo Bertoldi supporta il Comitato Olimpico Internazionale e Locale nella realizzazione delle Olimpiadi Invernali Torino 2006. Nel 2008 è tra i fondatori del primo club di business angel italiano, il Club degli Investitori, di cui è tutt’oggi Vice Presidente. Viene nominato Consigliere della società di investimenti Piemontech High Technology srl, e viene nominato inoltre nei consigli di amministrazione o nei collegi sindacali di importanti realtà come Rai, Azimut Benetti e Sabelt. Nel 2010 e nel 2014 l’Harvard Business School pubblica due suoi testi: il primo, “The Agnelli and Fiat: Family Business Governance in a Crisis”, tratta della scomparsa di Umberto Agnelli e dell’avvio della leadership di John Elkann. Il secondo, “Sergio Marchionne at Chrysler”, approfondisce la figura del grande manager e l’applicazione del suo stile di leadership nei primi 90 giorni in Chrysler. Nel 2010 Bernardo Bertoldi avvia anche la collaborazione con Il Sole 24 Ore, trattando temi riguardanti l’automotive e il capitalismo familiare. La casa editrice del quotidiano pubblica “Manager di famiglia” nel 2015, un suo lavoro che analizza l’esperienza di quattro uomini d’affari. Nel 2014 l’Università di Torino gli affida il corso di laurea magistrale in Family Business Strategy, riconoscendo il suo ruolo fondamentale nella promozione di questo argomento, sempre più importante nel contesto accademico e manageriale. Il successo di 3H Partners porta all’apertura della sede romana e al lancio di nuove linee di servizio, frutto del rigore accademico e dell’approccio imprenditoriale che da sempre caratterizzano la società. Di recente, Bernardo Bertoldi ha contribuito a lanciare il master in “Family Business Management” della LUISS.

Il sito dedicato al primo romanzo di Fabio Mazzeo, “La solitudine degli amanti”

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Cultura, Libri

Sul sito dedicato a “La solitudine degli amanti”, il romanzo di Fabio Mazzeo, sono riportate tutte le informazioni utili riguardo l’autore e il libro. Dal 7 marzo l’avvincente storia nata dalla fantasia dello scrittore arriva in libreria, sullo sfondo di una Roma ricca di segreti.

Fabio Mazzeo

Fabio Mazzeo: il sito dedicato al romanzo “La solitudine degli amanti”

“Io vi illudo di avervi ridotto senza di me a piaceri imperfetti”: è la citazione che ci introduce al sito ufficiale dedicato a “La solitudine degli amanti“, il primo romanzo di Fabio Mazzeo Tratta dalla canzone L’amante, di Ivano Fossati, è un elemento chiave dell’intera narrazione. Il sito racchiude tutte le informazioni sull’autore e sulla trama del libro, oltre ai contatti per raggiungere la pagina Facebook e il profilo Instagram dedicati. Il romanzo, in libreria dal 7 marzo, ha come cornice Roma, la sua maestosa bellezza, i suoi quartieri storici e quelli meno noti, le sue zone grigie e misteriose. Ivano Fossati e le sue canzoni rappresentano il fil rouge che collega i diversi personaggi, oltre che un tassello importante per la risoluzione dei delitti. Il primo delitto narrato è quello di un’artista cinquantenne, sposata con uno degli avvocati più influenti di Roma. Alcuni particolari rinvenuti sulla scena del delitto rimandano a un omicidio avvenuto 17 mesi prima e rimasto irrisolto. A indagare sulle vicende due personaggi controversi: un ispettore che ha subito un grave lutto e una donna magistrato decisa a raggiungere la verità giudiziaria. Fabio Mazzeo tratteggia così, capitolo dopo capitolo, un quadro di amore e delitto dolce e al contempo terribile.

L’esperienza professionale di Fabio Mazzeo, autore di “La solitudine degli amanti”

Fabio Mazzeo si dichiara messinese ma vive a Roma dal 2008. E la città che lo ospita ha profondamente contribuito a ispirarlo per l’ambientazione del suo primo romanzo. E’ un giornalista, mestiere che ha cominciato a 19 anni, collaborando con emittenti radio e tv. La sua esperienza professionale si arricchisce presso l’emittente regionale Telecolor – Video 3, per la quale lavora come corrispondente da Messina e poi nella sede centrale di Catania, occupandosi dell’ideazione e della conduzione di trasmissioni di cronaca e sport. In questo contesto, partecipa alla realizzazione del primo TG interamente trasmesso sul web. Ha collaborato con giornali nazionali e regionali, ha svolto il ruolo di inviato per il Giornale di Sicilia, ma considera la collaborazione con Mixer e Giovanni Minoli il vero esempio di professione in Tv: Fabio Mazzeo dal 1998 al 2008 è stato Direttore di Tremedia – VIP TV, una all news locale. Dopo le esperienza come capo ufficio stampa ai gruppi parlamentari della Camera e del ministero della Salute, svolge attività di coordinamento dell’ufficio stampa di AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco).

Pam: affiliazione in grande stile nei primi mesi del 2019 nella riviera di Ponente

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Aziende

Pam, ai cui vertici siede Arturo Bastianello, ha affiliato a gennaio 2019 un totale di 16 supermercati Arimondo situati nel Ponente ligure, con la previsione di altre sei nuove aperture entro fine anno.

Gruppo Pam

Pam: un’offerta all’insegna della qualità e della varietà

Pam, azienda leader della grande distribuzione guidata da Arturo Bastianello, ha ampliato a inizio anno il proprio network nel territorio del Ponente ligure portando sotto il proprio cappello diversi nuovi punti retail. A partire da gennaio 2019, infatti, 16 negozi Arimondo delle provincie liguri di Genova, Savona e Imperia compaiono ora sotto la nuova insegna. Grazie a Pam, i punti vendita sono stati così in grado di diversificare la propria offerta commerciale, allargandola, approfittando della qualità certificata delle esclusive linee recanti i brand del Gruppo: da Pam Panorama, che racchiude una vasta scelta di prodotti food e no-food, a BIO PamPanorama, che fornisce alimenti realizzati in un’ottica environment friendly e provenienti da agricoltura biologica, compresa un’offerta di referenze Veg&Veg, pensata per il pubblico sempre più folto di consumatori vegetariani e vegani, fino ad arrivare a Semplici e Buoni, la gamma di articoli speciali per chi soffre di allergie e intolleranze alimentari. A completamento dell’offerta al grande pubblico troviamo Eco, prodotti per la pulizia della casa senza tensioattivi di origine chimica e totalmente compostabili, Arkalia, per l’igiene e la cura della persona, Arkalia Bio e Arkalia Bio Baby, linee di prodotti per il corpo tutte al naturale per adulti e bambini e, infine, Zóa, per la sana alimentazione degli amici a quattro zampe.

I vantaggi della collaborazione tra Arimondo e Pam

La qualità dei prodotti freschi rimane, pur tuttavia, il vero fiore all’occhiello dell’offerta nata dalla partnership tra Arimondo e Pam. Nei punti vendita passati sotto insegna Pam, infatti, continueranno a essere disponibili alimenti di produzione locale e stagionali, con frutta e verdura cresciute in coltivazioni di aziende agricole del Ponente ligure, carne proveniente dal prestigioso centro di macelleria Tallone e proposte gastronomiche, pane sfornato fresco quotidianamente e pasticceria artigianale, tutti di produzione propria interna. Il Gruppo, dal canto suo, ha portato a fattor comune la sua expertise decennale nella scelta del top di gamma italiano, sia per quello che concerne il reparto dell’ortofrutta, sia per quanto attiene ad insaccati e prodotti caseari. Anche Carta Per Te, il programma fedeltà di Pam, può essere utilizzata nei negozi passati ora sotto la nuova insegna. Tra i vantaggi riservati ai nuovi beneficiari della tessera vi è la possibilità di guadagnare un punto per ogni euro di spesa, con la scelta, poi, se tramutare i punti accreditati in sconti immediati alla cassa oppure approfittare delle promozioni aggiuntive ed esclusive o, ancora, sfruttare le convenzioni con i partner del Gruppo.

Serenissima Ristorazione si conferma una delle realtà in cui il contesto lavorativo è migliore

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Aziende

Serenissima Ristorazione si è classificata 261esima su un totale di 400 aziende italiane in un sondaggio di un ente indipendente tedesco avente come focus il contesto di lavoro e il possibile apprezzamento nei confronti di familiari e conoscenti. Il Presidente dell’azienda Mario Putin soddisfatto per i risultati incoraggianti.

Serenissima Ristorazione

Serenissima Ristorazione in posizione apicale nel suo settore di riferimento

“Le persone che la compongono rappresentano da sempre la forza della nostra azienda. Il risultato di questa indagine è il più importante attestato di stima che si possa desiderare”. Mario Putin, Presidente di Serenissima Ristorazione, è soddisfatto degli esiti assolutamente positivi del sondaggio commissionato dall’ente tedesco indipendente “Statista”. Il gruppo di Vicenza è infatti il 261esimo su 400 in classifica e ottiene il primato nell’ambito servizi, risorse umane, gastronomia, turismo e attività ricreative. Il poll, somministrato in modalità riservata a oltre 15mila dipendenti nel corso delle ultime settimane, chiedeva di fornire una votazione compresa tra zero e dieci relativa alla “recensione” del proprio posto di lavoro nei confronti di parenti ed amici. Quindi una autentica valutazione, a seconda dei casi positiva, negativa oppure neutra, del vissuto dei collaboratori all’interno di un ambiente di lavoro più o meno vivo e incoraggiante. Lo stazionamento di Serenissima Ristorazione alla metà della lista è controbilanciato dal primato dell’azienda all’interno della propria sottocategoria di afferenza, una delle 21 individuate e così ripartite per rappresentare al meglio le differenti realtà settoriali italiane.

Serenissima Ristorazione, una realtà europea con solide radici in Italia

Serenissima Ristorazione è una società di primo piano guidata da Mario Putin e con oltre settemila dipendenti sia italiani che all’estero. Infatti, pur continuando a essere situata a Vicenza, è una realtà europea presente nella penisola iberica con le controllate Serenissima Iberia e La Dujonka e in Polonia con Serenissima Polska. Le dimensioni medio-grandi dell’azienda le permettono di rientrare nei paletti fissati per l’indagine da “Statista”, leader mondiale nei dati di mercato online, che infatti è stata svolta su realtà aziendali con un minimo di 250 dipendenti. Le ditte intervistate in totale sono state quasi duemila, mentre i questionari somministrati in forma anonima sono stati circa dodici. Dopo aver risposto a tutte le domande presenti nel sondaggio formulato, le aziende con punteggi più alti sono risultate essere quelle più appetibili da parte dei lavoratori e conseguentemente anche quelle maggiormente consigliate all’interno della propria cerchia di parenti e conoscenti da parte degli stessi collaboratori.

Andrea Mascetti: formazione e carriera

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Dopo aver conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Milano, Andrea Mascetti intraprende la carriera giuridica presso lo Studio Legale Tributario associato a Ernst & Young di Milano. Due anni più tardi, fonda lo Studio Legale Mascetti, attivo nel ramo del diritto commerciale, amministrativo e penale.

Andrea Mascetti

Andrea Mascetti: studi ed esperienza accademica

Andrea Mascetti nasce a Varese nel 1971. Dopo gli studi classici, consegue la laurea in Giurisprudenza nel 1996. Iscritto all’ordine degli avvocati di Varese e poi di Milano, inizia la propria carriera in ambito giuridico presso lo Studio Legale Tributario associato ad Ernst & Young. Successivamente, decide di mettersi in proprio e di fondare lo Studio Legale “Mascetti”, operativo principalmente nel ramo del diritto commerciale, amministrativo e penale, ove svolge attività di consulenza per società ed enti locali, occupandosi di appalti pubblici e privati. Andrea Mascetti presiede diversi Organismi di Vigilanza. È un cultore di libri antichi e autori del Novecento ed è fortemente appassionato di Geopolitica, passione che lo ha spinto a viaggiare spesso in Oriente, concentrandosi nelle zone euroasiatiche tra Russia e Mongolia.

Andrea Mascetti: avvocato e titolare dello Studio Legale Mascetti

Dopo significative esperienze maturate in ambito giuridico, Andrea Mascetti dà vita allo Studio Legale Mascetti nel 2004, che si avvale di professionisti con competenze tali da affrontare questioni giuridiche relative ad aziende, privati ed enti pubblici. Il valore aggiunto dello Studio risiede proprio nel team di avvocati specializzati in differenti ambiti che consentono l’analisi del problema in modo mirato e approfondito e di proporre al cliente efficienti soluzioni. Lo Studio guidato dall’avvocato Andrea Mascetti è attivo principalmente in ambito giudiziale e stragiudiziale in materia di diritto amministrativo, civile e penale, grazie ai costanti aggiornamenti delle proprie competenze e alla rete di collaborazioni italiane e internazionali.

Bernardo Bertoldi: il reale potere delle imprese familiari italiane

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Bernardo Bertoldi, docente universitario ed esperto di capitalismo familiare, descriveva a fine 2012 gli strumenti e i modelli di gestione utili al fine di sostenere le aziende familiari nel management imprenditoriale delle loro attività.

Bernardo Bertoldi

Bernardo Bertoldi: il quadro generale del capitalismo familiare italiano

Bernardo Bertoldi, docente universitario torinese ed esperto di capitalismo familiare, descriveva in un articolo di fine 2012 una sua iniziativa che, a cadenza regolare, riuniva gli eredi di piccoli e grandi nuclei famigliari imprenditoriali con l’obiettivo di scambiarsi informazioni e pensare a modelli gestionali al passo con i tempi. Tali incontri cercavano di coniugare il presupposto che la stragrande maggioranza delle imprese italiane era ed è a conduzione familiare insieme con la richiesta parallela di crescita e di management dell’impresa da parte del mercato mondiale. Mercato, questo, con orizzonti di brevissimo periodo, al contrario di quelli a lungo termine e valoriali tipici delle imprese familiari, tra le poche realtà genuinamente interessate a continuare ad operare in modo sostenibile e a creare ricchezza. Bernardo Bertoldi proseguiva affermando che era allo studio un metodo relativamente nuovo per l’Italia, ma non per altre nazioni come Francia e USA, che sarebbe venuto in aiuto delle ditte famigliari a restare saldamente sul mercato e continuare a usufruire dei capitali. Questo criterio avrebbe consentito alle famiglie imprenditoriali di far valere un voto multiplo alle azioni di loro proprietà, avvantaggiandole in termini di importanza rispetto a quelle sul mercato e consentendo così di poter mantenere la visione e le decisioni di lungo termine nelle mani degli azionisti che sarebbero rimasti nel tempo fedeli all’investimento.

Bernardo Bertoldi parla dei vantaggi del voto plurimo alle azioni e della Costituzione di Famiglia

Bernardo Bertoldi proseguiva l’intervista spiegando che il potere delle famiglie imprenditoriali sull’impresa si era espresso fino a quel momento o tramite il sistema delle holding di partecipazione oppure garantendosi la quota maggioritaria delle azioni. Con queste premesse, attraverso uno studio condotto partendo da un censimento delle imprese straniere e da una analisi della veridicità se le performance fossero effettivamente migliori laddove le azioni venissero pesate e non semplicemente contate, si domandava se fosse possibile superare lo stato attuale delle cose. In questo modo sarebbero stati facilitati nelle loro decisioni sia gli azionisti, che avrebbero scelto se investire nei valori aziendali o viceversa privilegiare l’ambito più speculativo di breve termine, sia la guida imprenditoriale, che avrebbe potuto realizzare il proprio piano industriale senza eccessive pressioni di breve periodo o potenziali eventi dirompenti, quali un’acquisizione ostile. Bernardo Bertoldi concludeva parlando del progetto relativo alla cosiddetta Costituzione di Famiglia per il passaggio generazionale interno alle imprese familiari. Si tratta di un atto in forma scritta dove sono regolamentati i punti salienti dell’alternanza tra padri e figli alla guida aziendale ed esplicitati i principi dell’impresa e di conseguenza del nucleo familiare fondatore. Questi ultimi sono soprattutto valori gestionali, norme sulla composizione dei conflitti, cultura d’impresa e skills, ruoli e passaggi di quote con una visione di crescita di lungo periodo avulsa dalla massimizzazione di utili e ricavi.

Netflix: le recensioni di Giampaolo Sutto

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Film, TV

Amante delle serie tv, Giampaolo Sutto evidenzia nel suo blog le migliori produzioni in circolazione con classifiche, recensioni e approfondimenti.

Serie tv: gli approfondimenti di Giampaolo Sutto

L’avvento di una rivoluzione che porta il nome di streaming ha portato nell’ultimo decennio a un profondo cambiamento nel mondo del piccolo e grande schermo. Il pubblico, in particolare per quanto riguarda le generazioni più giovani, sembra essersi allontanato sia dai cinema che dalla televisione tradizionale. Una crisi che se da una parte ha portato ad esempio al fallimento della catena Blockbuster e alla chiusura di molte sale, dall’altra ha reso possibile il successo di piattaforme digitali come Netflix. Allo stesso tempo, il format delle serie tv ha conosciuto una grande espansione. Appassionato sin da piccolo di questo mondo, Giampaolo Sutto ha aperto un blog dedicato proprio alle ultime novità in uscita: grazie a recensioni e focus dedicati, offre qui preziosi consigli per orientarsi all’interno di un’offerta sempre più ampia. Nel suo spazio digitale è possibile trovare inoltre uno speciale angolo della fantascienza, dedicato a chi come lui ama il genere in tutte le salse, sia che si tratti di libri, fumetti, serie tv o film.

Giampaolo Sutto: la biografia

Originario del Veneto e informatico di professione, Giampaolo Sutto ha iniziato ad innamorarsi delle serie tv sin dall’infanzia, a partire dai cartoni animati giapponesi come Holly e Benji, Ken il guerriero e l’Uomo Tigre. Una volta cresciuto, non solo non ha perso la sua passione per le produzioni del Sol Levante, ma l’ha approfondita grazie alla scoperta dei fumetti. Interesse che lo spinge ogni qualvolta ne abbia l’occasione a visitare le fiere di settore come Lucca Comics e Cartoomics, dove arricchisce la sua collezione di manga. Fan accanito del genere fantascientifico e horror, Giampaolo Sutto trova tra i suoi registi preferiti Lucio Fulci, Sergio Leone, Takashi Miike e Hideo Nakata, mentre i suoi film più amati sono Blade Runner, Star Wars, La Cosa, Alien e Non aprite quella porta. Profondamente affascinato dalla cultura giapponese, ha visitato il Giappone in più riprese, da Sapporo alla capitale Tokyo. Tra i suoi sogni nel cassetto vi è quello di diventare un giorno un novello Steve Jobs, suo grande idolo.

Netflix: le recensioni di Giampaolo Sutto

Scritto da articoli news il . Pubblicato in TV, Videogame

Amante delle serie tv, Giampaolo Sutto evidenzia nel suo blog le migliori produzioni in circolazione con classifiche, recensioni e approfondimenti.

Serie tv: gli approfondimenti di Giampaolo Sutto

L’avvento di una rivoluzione che porta il nome di streaming ha portato nell’ultimo decennio a un profondo cambiamento nel mondo del piccolo e grande schermo. Il pubblico, in particolare per quanto riguarda le generazioni più giovani, sembra essersi allontanato sia dai cinema che dalla televisione tradizionale. Una crisi che se da una parte ha portato ad esempio al fallimento della catena Blockbuster e alla chiusura di molte sale, dall’altra ha reso possibile il successo di piattaforme digitali come Netflix. Allo stesso tempo, il format delle serie tv ha conosciuto una grande espansione. Appassionato sin da piccolo di questo mondo, Giampaolo Sutto ha aperto un blog dedicato proprio alle ultime novità in uscita: grazie a recensioni e focus dedicati, offre qui preziosi consigli per orientarsi all’interno di un’offerta sempre più ampia. Nel suo spazio digitale è possibile trovare inoltre uno speciale angolo della fantascienza, dedicato a chi come lui ama il genere in tutte le salse, sia che si tratti di libri, fumetti, serie tv o film.

Giampaolo Sutto: la biografia

Originario del Veneto e informatico di professione, Giampaolo Sutto ha iniziato ad innamorarsi delle serie tv sin dall’infanzia, a partire dai cartoni animati giapponesi come Holly e Benji, Ken il guerriero e l’Uomo Tigre. Una volta cresciuto, non solo non ha perso la sua passione per le produzioni del Sol Levante, ma l’ha approfondita grazie alla scoperta dei fumetti. Interesse che lo spinge ogni qualvolta ne abbia l’occasione a visitare le fiere di settore come Lucca Comics e Cartoomics, dove arricchisce la sua collezione di manga. Fan accanito del genere fantascientifico e horror, Giampaolo Sutto trova tra i suoi registi preferiti Lucio Fulci, Sergio Leone, Takashi Miike e Hideo Nakata, mentre i suoi film più amati sono Blade Runner, Star Wars, La Cosa, Alien e Non aprite quella porta. Profondamente affascinato dalla cultura giapponese, ha visitato il Giappone in più riprese, da Sapporo alla capitale Tokyo. Tra i suoi sogni nel cassetto vi è quello di diventare un giorno un novello Steve Jobs, suo grande idolo.

Mauro Ticca: Il profilo professionale

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Il manager torinese Mauro Ticca ha alle spalle una carriera consolidata nell’ambito del trasporto merci, logistica e handling aeroportuale, avendo operato per più di 30 anni in aziende specializzate nel settore, in qualità di Direttore e Coordinatore delle attività.

Mauro Ticca

Mauro Ticca: dagli studi alle prime esperienze professionali

Mauro Ticca nasce a Torino nel 1960. Dopo aver frequentato il Liceo Scientifico, si iscrive alla Facoltà di Giurisprudenza, ma muove i primi passi del proprio percorso professionale in ambito commerciale. Nel 1987, infatti, viene assunto da Executive Trasporti e quattro anni dopo si sposta nell’area commerciale di Federal Express, società specializzata nel trasporto internazionale via aerea. Nel 1993, Mauro Ticca approda in Bartolini S.p.A. in qualità di Direttore delle filiali di Ivrea e Asti e successivamente nell’Hub di Torino, dove si occupa di conto economico, operations e budgeting operativo, arrivando a gestire un fatturato di 6 milioni di euro. Dal 2000 al 2004 lavora come Consulente per Aziende di rilevanza nazionale nel settore del trasporto espresso. Il manager torinese approfondisce le proprie conoscenze nell’ambito, attraverso due corsi di formazione: “Gestione e motivazione dei collaboratori e negoziazione con la clientela” a Bologna nel 2000 e “Gestione del personale e flessibilità operativa. Smart working. Principi di ingegneria gestionale”, tenutosi a Bruxelles nel 2018.

Mauro Ticca: il percorso professionale nell’handling aeroportuale

Il 2004 segna la svolta del percorso professionale di Mauro Ticca, poiché si estende all’ambito dell’handling aeroportuale. In qualità di Direttore dello Scalo di Venezia in GH Italia S.p.A, arriva a gestire 250 risorse, conseguendo risultati degni di nota. L’anno successivo, infatti, ricopre il ruolo di Station Director in Aviapartner S.p.A, una delle aziende più rilevanti a livello internazionale nel settore. Fino al 2017, è stato Responsabile Operativo ed Economico-Finanziario degli scali di Torino, Venezia, Reggio Calabria e Lamezia Terme, dove si è verificata una crescita dell’Ebit e, in particolare, a Venezia ha contribuito al mantenimento della certificazione ENAC, ripristinando la qualità gravemente compromessa dello scalo. Nel 2018 consegue la certificazione emessa da Federmanager come General Manager, dimostrando una professionalità tale da assicurare l’intera gestione aziendale di un’impresa o di progetti complessi. Attualmente è Direttore Generale presso un primario consorzio che opera nel settore air cargo.