Archivio Autore

Sanremo 2020 – Felicità è il nuovo libro di Antonio Cospito e Natale Maroglio che sarà presentato in occasione del Festival

Scritto da areastampa360 il . Pubblicato in Libri

Sanremo 2020 – Felicità è il nuovo libro di Antonio Cospito e Natale Maroglio che sarà presentato in occasione del Festival

Il lettore troverà molte risposte in forma breve e aforistica su che cosa è la felicità e l’essere felici. Dai filosofi ai maestri religiosi, dai poeti agli scienziati ognuno ci mostra la sua particolare visione della felicità. Senza dimenticare ovviamente gli scrittori di aforismi, e Papa Francesco.

Disponibile sui Book Store, e il cartaceo in esclusiva su Amazon.

Link di Pubblicazione:
https://www.amazon.it/dp/B07Z43H88Q

https://amazon.it/dp/1699857660

Il quadro WONDERLAND del Torinese Marco Sciarpa è protagonista nel film “Se mi vuoi Bene” con Claudio Bisio.

Scritto da areastampa360 il . Pubblicato in Film, Libri

Dopo Poveri, ma ricchi e Modalità aereo, Brizzi torna dietro la macchina da presa e mette in scena il genere che lui preferisce: la commedia sentimentale dei suoi esordi, stile Notte prima degli esami ed Ex.

S’intitola Se mi vuoi bene ed è tratto dal suo omonimo libro, in parte autobiografico, uscito nel 2015 ed edito da Einaudi. Lo produce, come nel caso del suo ultimo film, la Eliseo Cinema di Luca Barbareschi.

Protagonista è Claudio Bisio nelle vesti di un depresso cronico. Sarà uno strano negozio di “Chiacchiere” gestito da un signore piuttosto particolare (Sergio Rubini), che non vende nulla se non appunto conversazioni, a farlo uscire dalla sua palude emotiva.

Nel cast anche Lorena Cacciatore, Maria Amelia Monti e Lucia Ocone, rispettivamente nel ruolo della figlia che lavora sempre, dell’ex moglie antipatica e della migliore amica dalla bassa autostima di Claudio, la gattara Valeria Fabrizi e il tennista Memo Remigi nelle vesti dei suoi genitori, Dino Abbrescia e Susy Laude interpreti di una coppia di vegani, Flavio Insinna, Elena Santarelli e Gian Marco Tognazzi.

C’è pure un cameo di Luca Carboni, che canta Ci vuole un fisico bestiale. Ecco, esattamente quello che ci vuole per resistere, non solo “agli urti della vita”, ma anche all’urto (di nervi) di questo film che parte male e prosegue peggio.

Come dire, se Bisio, grazie al negozio gestito da Rubini, esce dal suo baratro esistenziale, noi invece, grazie a questo film, vi entriamo e ci rendiamo conto che era molto meglio andare a fare quattro “Chiacchiere” dal vivo con gli amici piuttosto che chiudersi in un cinema.

Si comincia con un lunghissimo monologo (dura almeno otto minuti) di Bisio che racconta i suoi tentativi di suicidio, con lo sguardo fisso in camera, senza riuscire a creare alcuna empatia con lo spettatore. Anzi, ad essere onesti un sentimento, simile a quello del personaggio, di depressione quindi, lo suscita: ma verso il film.

Una sensazione che prosegue e si rafforza nel corso di una storia, piena di siparietti scontati e tediosi, che portano solo a dire Se mi vuoi bene, anzi se ci volete bene, non fate questo tipo di film, che, nelle intenzioni, vorrebbero far ridere e commuovere allo stesso tempo, ma nei fatti non riescono a fare né l’una, né l’altra cosa. A dire il vero qualcosa la ottengono: quella di farci passare la voglia di andare al cinema. Insomma, per rimanere in tema, le “chiacchiere” stanno a zero per Brizzi. Meglio andare al bar.

Sicuramente una bella soddisfazione per Marco Sciarpa***, che con il quadro WONDERLAND (100×70 ad olio) aveva già vinto il secondo premio all’ARTES nel 2018.

Marco raccontaci le tue emozioni?

Beh, essere scelti per la seconda volta, la prima era successa con un film di Sergio Rubini nel 2006, grande felice perché noto una certa continuità nel lavoro che faccio, ed inoltre sapere che il mio quadro la possibilità di essere visto da tantissime persone è una cosa che mi “inorgoglisce”.

Come è potuto avvenire?

Sono iscritto alla associazione Artes che è un eccellenza Torinese di artigiani e professionisti in arte e comunicazione. Loro sono stati contattati dalla produzione del film, ed hanno sottoposto una serie di artisti e di opere tra cui la mia “WONDERLAND”.

Progetti futuri?

Sarò a “Paratissima 2019” e mi esibirò in una performance live con dei ballerini il 2 Novembre al Museo Accorsi-Ometto. Nel periodo natalizio mi esibirò a Carmagnola, in occasione delle attività della città per le feste, ed infine sto lavorando alla mia prossima personale che si svolgerà nel 2020 in teatro.

*** Il percorso artistico di Marco Sciarpa parte da opere estremamente astratte per poi confluire in rivisitazioni di icone note o meno e soggetti più figurativi; caratteristiche dell’artista sono la matericità delle opere e i colori che rendono le sue opere sempre estremamente vive e dinamiche.

Dal 2012 inizia ad esibirsi in brevi performances artistiche live che hanno risonanza specialmente sul web e negli eventi; le performances si fanno via via più raffinate ed articolate e a volte comprendono anche camei di danza e/o recitazione.

Si presenta come un “ladro di tramonti” e definisce la sua arte “un pò pop”.

“Le opere stravaganti ed originali, mai eccessive, ecclettiche nell’utilizzo delle tecniche, esprimono l’approccio materico e l’influenza di grafica e design, palesando un’arte mai sganciata dal reale. La continua evoluzione abbinata alla ricerca e allo studio dell’interazione tra le diverse tecniche sono all’origine di ogni opera. L’uso dei colori fluo identifica immediatamente la paternità delle opere e attribuisce all’artista uno stile particolare e personale.

Monfort Ottica di Bra rischia pesante condanna penale, per aver cagionato lesioni personali ad un cliente.

Scritto da areastampa360 il . Pubblicato in Locale, Opinioni / Editoriale

Monfort Ottica di Bra rischia pesante condanna penale, per aver cagionato lesioni personali ad un cliente.

Ha trattenuto acconti per l’acquisto di occhiali, ha rubato gli occhiali da sole del cliente, ha effettuato controllo della vista con gradazioni errate, e ha venduto occhiali con gradazione sbagliata da usare alla guida, crgionando lesioni personali e rischio di incidenti stradali.

Il cliente ha fatto tutte le perizie del caso, e ha rinnovato la patente senza l’utilizzo di occhiali.

Ecco i reati ravvisati:

Appropriazione indebita. Art. 646 codice penale, Lesione Personali. Art. 582 Codice penale, Diffamazione. Art. 595 codice penale. Furto. Art. 624 codice penale.

Antonio Cospito – Pubblica il libro Felicità di Marianna Calbi, lo porta a Sanremo 2020 e l’incasso sarà devoluto all’elemosineria Apostolica

Scritto da areastampa360 il . Pubblicato in Libri

Antonio Cospito famoso in tutto il mondo per aver scritto la prima canzone dedicata a Papa Francesco, pubblica il suo primo libro come editore. Abbiamo realizzato una intervista.

Antonio come nasce questo progetto?
Nasce tutto per caso un mese fa. Molti mi conoscono, conoscono la mia storia ed il mio mondo lavorativo e spirituale, un po’ meno il mio essere umano comune come tutti gli altri, con i suoi pregi ed i suoi difetti ma anche con quelle fragilità che ben si nascondono in una vita ricca di circostanze ed eventi duri da affrontare. Ebbene nel susseguirsi di diversi eventi e dopo una delusione lavorativa in cui avevo canalizzato tutte le mie energie per sostenere un talento emergente, ho avuto modo di conoscere meglio e parlare di più con Marianna Calbi. In pochissimo tempo abbiamo instaurato un rapporto di fiducia, ed è emersa la sua volontà negli anni di voler di pubblicare un libro, ma la cui idea era stata accantonata per una serie di priorità. Mi sono illuminato ed ho ripreso le mie energie e voglia di rimettermi in carreggiata per cui le chiesi se avesse già idea di cosa scrivere, e lei mi disse certo ho un testo il titolo Felicità. Da quel momento con il mio staff di Area Stampa 360, abbiamo iniziato a seguire il progetto di Marianna Calbi.

Come mai proprio a Sanremo la presentazione ufficiale del libro?
Da 3 anni io e Natale Maroglio in occasione del Festival di Sanremo, abbiamo sempre proposto un nuovo libro Quest’anno purtroppo per i miei problemi di salute non mi è possibile assolutamente redigere un libro, e allora punteremo tutto su Marianna Calbi con il suo libro Felicità.

Emozionato?
Si, perché per la prima volta vado al Festival di Sanremo come editore, e penso sarà una bellissima esperienza ricca di soddisfazioni. Spero in una buona ripresa dopo l’ultimo intervento chirurgico alla spalla.

Ci sarà anche Marianba Calbi?
Purtroppo no, a causa dei suoi impegni lavorativi e familiari. Deve accudire cinque figli ed un marito. Anche per questi motivi abbiamo dovuto rinunciare a diversi “Incontri con l’autore”, che avevo già predisposto in diversi Mondadori Book Store.

La copertina del libro?
Ormai da più di 10 anni collaboro con Don Mauro Manzoni, autore anche della copertina del CD Papa Francesco (la prima canzone dedicata al Santo Padre). Come sempre gli ho inviato degli spunti e la copia del libro, dopo qualche giorno manda un bozza che mi è piaciuta molto, perché il concetto è “uscire da se stessi per la felicità”. Usando quella sua immagine abbiamo portato a termine la copertina, che oggi trovate su tutti i book store.

L’incasso del libro?
Sarà devoluto all’elemosineria Apostolica, per le opere di carità di Papa Francesco, appena saranno pagate le royalty dai Book Store.

Il libro di Marianna Calbi dal titolo Felicità esce con l’Edizione Speciale Sanremo 2020

Scritto da areastampa360 il . Pubblicato in Libri

Un Vademecum di strumenti e strategie per ottenere risultati efficaci e duraturi riconoscendo la nostra essenza e sprigionando il nostro potenziale. Molti identificano Marianna Calbi come mental coach o mental trainer, il che richiama subito alla mente il concetto di malattia mentale, problemi, di qualcosa che nessuno di noi vorrebbe avere. Vi assicuriamo che non è psicologa ma un professionista che ha seguito molti percorsi professionali riconosciuti a livello nazionale ed internazionale, che gli ha fornito conoscenze e competenze operative da applicare in ambito di crescita personale, aziendale e sportiva. Lavora con le persone per passione, per aiutarle a tirar fuori le risorse che già possiedono o insegna loro alcune tecniche per migliorare la propria autostima e conseguentemente accettazione totale migliorando di gran lunga i propri risultati in termini di performance, relazioni e soprattutto soddisfazione e felicità. Lavora con persone che hanno voglia di cambiare, di approcciarsi in modo differente alla vita, di riscoprirsi, migliorarsi e raggiungere i propri obiettivi. Non possiede bacchette magiche ne trucchi miracolosi in grado di cambiare le situazioni, ma fornisce semplici “attrezzi”, fogli di carta, matite per scrivere e programmare piani di allenamento da usare insieme agli strumenti che man mano emergono nelle diverse situazioni. In questo libro vuole raccontare in forma molto leggera alcune tecniche utili per poter raggiungere uno stato di consapevolezza, gratitudine ed equilibrio che generano Felicità! Un famoso psicoterapeuta del nord Italia afferma: ‘Puo’ aiutare… tutti gli approcci e le figure professionali possono aiutare e dare chiavi di lettura diversi…’.

La presentazione ufficiale del libro Felicità, avverrà in occasione del 70° Festival di Sanremo 2020.

Antonio Cospito – Ecco 4 voci stupende presentati a Sanremo Giovani 2020

Scritto da areastampa360 il . Pubblicato in Musica

A seguito di un lungo anno di lavoro, arriva la notizia ufficiale degli artisti presentati a Sanremo Giovani 2020.

Ecco i loro nomi:

La cantante “ Alessandra Cossu ( da Teulada , paese sul mare in Sardegna ) , Destiny ( da Terravecchia un paesino in collina sul litorale jonico della Calabria ) , Francesco Ippolito ( da Sala Consilina , prov di Salerno ) , Michele Cristoforetti ( da Trento ) .

Antonio Cospito – Marianna Calbi ha un libro forte per Sanremo 2020, Papa Francesco e Amazon

Scritto da areastampa360 il . Pubblicato in Libri

In un mondo difficile pieno di problemi, tutti ricercano la felicità, ma mi domando: sappiamo cosa sia davvero la Felicità? Dove la cerchiamo, cosa facciamo per essere felici, cosa o chi ci rende felici? Il libro di Marianna Calbi aiuta a ritrovare la serenità, guarigione interiore e la Felicità.

Come nasce questo progetto?
Nasce tutto per caso un mese fa. Molti mi conoscono, conoscono la mia storia ed il mio mondo lavorativo e spirituale, un po’ meno il mio essere umano comune come tutti gli altri, con i suoi pregi ed i suoi difetti ma anche con quelle fragilità che ben si nascondono in una vita ricca di circostanze ed eventi duri da affrontare. Ebbene nel susseguirsi di diversi eventi e dopo una delusione lavorativa in cui avevo canalizzato tutte le mie energie per sostenere un talento emergente, ho avuto modo di conoscere meglio e parlare di più con Marianna Calbi. In pochissimo tempo abbiamo instaurato un rapporto di fiducia, ed è emersa la sua volontà negli anni di voler di pubblicare un libro, ma la cui idea era stata accantonata per una serie di priorità. Mi sono illuminato ed ho ripreso le mie energie e voglia di rimettermi in carreggiata per cui le chiesi se avesse già idea di cosa scrivere, e lei mi disse certo ho un testo il titolo Felicità. Da quel momento con il mio staff di Area Stampa 360, abbiamo iniziato a seguire il progetto di Marianna Calbi.

Come mai proprio a Sanremo la presentazione ufficiale del libro?
Da 3 anni io e Natale Maroglio in occasione del Festival di Sanremo, abbiamo sempre proposto un nuovo libro ( su Maria De Filippi, Michelle Hunziker, è l’ultimo anno scorso i Grandi della televisione). Quest’anno purtroppo per i miei problemi di salute e a causa dell’intervento alla spalla dx del 19 settembre 2019, non mi è possibile assolutamente redigere un nuovo libro per Sanremo 2020. Per questo motivo ho deciso di investire insieme a Natale Marogio ed tutto lo Staff di Area Stampa 360 nel libro Felicità, un’opera così completa come quella di Marianna, un libro in cui sin dalla prima lettura delle bozze ho trovato qualcosa di speciale, qualcosa che ti tocca dentro, qualcosa di unico.

Quali sono i progetti futuri?
Sicuramente un grande risultato inatteso è stato quello di un libro cartaceo Limited Edition su Amazon, e dal 12 ottobre 2019 il libro cartaceo uscirà nella versione completa nei book store e nelle librerie. Ci sarà una novità decisa proprio oggi, chi acquisterà il libro felicità il Marianna Calbi, riceverà in omaggio la prima canzone dedicata a Papa Francesco, scritta dal sottoscritto, cantata da Sonia De Castelli di Telecupole ed introdotta dal vescovo di Noto Monsignor Antonio Staglianò.

Come si lega il libro Felicita a Papa Francesco?
Come dicevo inizialmente sono una persona molto religiosa (Dehoniano Orante) e da profondi valori che mi legano in un rapporto filiale con Papa Francesco, e seguendo i suoi insegnamenti ne ricalco le orme. Il Santo Padre ci dice infatti : “ se un cattolico non è felice non è un vero Cattolico” quindi quale strada migliore di diffondere un messaggio importante per affinare gli strumenti per essere Felici!! Mi auguro che tutti colgano questa grande possibilità della vita, essere felici, riscoprire la propria felicità.

——————-

Libro Felicità di Marianna Calbi

Un Vademecum di strumenti e strategie per ottenere risultati efficaci e duraturi riconoscendo la nostra essenza e sprigionando il nostro potenziale. Molti identificano Marianna Calbi come mental coach o mental trainer, il che richiama subito alla mente il concetto di malattia mentale, problemi, di qualcosa che nessuno di noi vorrebbe avere. Vi assicuriamo che non è psicologa ma un professionista che ha seguito molti percorsi professionali riconosciuti a livello nazionale ed internazionale, che gli ha fornito conoscenze e competenze operative da applicare in ambito di crescita personale, aziendale e sportiva. Lavora con le persone per passione, per aiutarle a tirar fuori le risorse che già possiedono o insegna loro alcune tecniche per migliorare la propria autostima e conseguentemente accettazione totale migliorando di gran lunga i propri risultati in termini di performance, relazioni e soprattutto soddisfazione e felicità. Lavora con persone che hanno voglia di cambiare, di approcciarsi in modo differente alla vita, di riscoprirsi, migliorarsi e raggiungere i propri obiettivi. Non possiede bacchette magiche ne trucchi miracolosi in grado di cambiare le situazioni, ma fornisce semplici “attrezzi”, fogli di carta, matite per scrivere e programmare piani di allenamento da usare insieme agli strumenti che man mano emergono nelle diverse situazioni. In questo libro vuole raccontare in forma molto leggera alcune tecniche utili per poter raggiungere uno stato di consapevolezza, gratitudine ed equilibrio che generano Felicità! Un famoso psicoterapeuta del nord Italia afferma: ‘Puo’ aiutare… tutti gli approcci e le figure professionali possono aiutare e dare chiavi di lettura diversi…’.

Sito Web Ufficiale:
www.mariannacalbi.it

Marianna Calbi manda il suo libro a Papa Francesco mentre la presentazione in occasione del Festival di Sanremo 2020

Scritto da areastampa360 il . Pubblicato in Libri

Marianna  Calbi, giovane scrittrice Lucana, entrata nel mondo dall’editoria con il libro ‘Felicità’ raccontando la sua storia ed il suo rapporto con la felicità: “La felicità non è altro che la vita stessa”.

Perché proprio durante il Festival di Sanremo 2020 la presentazione ufficiale del libro?
E’ un evento favorevole per promuovere un libro, in quanto tutti i media sono a Sanremo in quel periodo.

Ma è vero che hai mandato il libro a Papa Francesco?
Come cattolica, ci tenevo a mandare un copia del mio libro al Santo Padre. Speriamo di ricevere risposta alla mia lettera.

Felicità:un dono o una condizione da raggiungere? E’ possibile essere felici in una società  dominata dalla rabbia e dalla tristezza? Cosa significa essere felici?Felicità cosa vuol dire? – A queste e ad altre domande risponde il nuovo libro Marianna  Calbi, giovane scrittrice Lucana, entrata nel mondo dall’editoria con ‘Felicità’ raccontando della sua storia e del suo rapporto con la felicità: “La felicità non è altro che la vita stessa”.

Marianna il tuo libro racchiude in una parola un immensa ricerca succedutasi negli anni , ma di  cosa parla il tuo libro “Felicità”? Perché questo libro? – Il libro ‘Felicità’ è un Vademecum di strumenti e strategie per ottenere risultati efficaci e duraturi riconoscendo la nostra essenza e sprigionando il nostro potenziale.Parto dal racconto della mia infanzia per sviluppare temi importati e necessari per riscoprire noi stessi e la consapevolezza di quanto siamo “esseri meravigliosi e speciali”…Posso dire che è un susseguirsi di racconti e strumenti che aiutano sicuramente ad aumentare la nostra autostima raggiungendo traguardi , strutturando bene degli obiettivi e soprattutto riscoprendo il nostro vero “se”.Sono suggerimenti ed esercizi pratici che sviluppati e ripetuti nella quotidianità possono portare risultati strabilianti cambiando completamente il nostro modo di pensare e proiettandolo verso la Felicità!

Siamo ormai saturi  di informazioni , libri , saggi  sulla felicità, perché allora continuiamo a vedere gente infelice? – Grazie per questa domanda , sicuramente molto interessante e mi solletica un immediata risposta con un invito di riflessione …lo stesso concetto potremmo associarlo alla conoscenza, alla tecnologia, ed a tanti altri tipi di argomenti di cui siamo sommersi di informazioni, ad esempio su come non inquinare, il web è pieno, se ne parla sempre più spesso anche in televisione, ma di fatto inquiniamo tantissimo e anche se sappiamo cosa fare, non sempre lo facciamo. La felicità è di certo qualcosa di più articolato  del semplice “fare qualcosa”. Oggi sembra andare di moda l’essere soddisfatti  non la felicità, si vedono molte persone che propongono tecniche, qualcosa che devi fare e come devi farla , ma questo non rende felici, al massimo rende più efficaci. Felicità e soddisfazione sono due cose differenti
Viviamo nell’epoca di  quella che scherzosamente potremmo definire “bacchetta magica”: ossia l’abitudine ormai di volere tutto e subito e soprattutto senza fatica.
In realtà la felicità  , quella che ci pervade nel profondo deriva dal modo in cui viviamo la nostra vita . Il mio pensiero è che la nostra cultura non ci abbia insegnato a vivere con gioia , ma ci induce spesso  a rinvangare  problemi e passato con il risultato di focalizzare  la nostra attenzione su ciò che di negativo ci circonda .La nostra cultura sin da piccoli ci ha educati ad aver paura di ciò che è sconosciuto , non siamo “formati”  a tollerare il malessere o il disagio, piuttosto ad evitarlo e scappare il più lontano possibile. Proprio per questo motivo ricorriamo alle scorciatoie per raggiungere rapide soluzioni e talvolta ci accontentiamo e cerchiamo sollievo per le cose che non ci piacciono invece di percorrere la strada che può portarci a ciò che realmente desideriamo. Ci spaventa una strada impegnativa, che richiede tempo, sacrifici e fatica, ma soprattutto la voglia di mettersi in gioco , in discussione , osservarsi e cambiare, migliorarsi, fare i conti i propri errori e lavorarci su e scoprire  i propri limiti.
Purtroppo non siamo abituati a tutto ciò , non siamo educati a conoscerci, entrare in contatto con noi stessi,guardarci dentro.
In sostanza una cosa è parlare di felicità, un’altra è sperimentarla davvero, poiché  richiede una serie di scelte che sono opposte al nostro modus operandi ,alla nostra cultura  e richiedono uno sforzo a cui non siamo abituati e di cui spesso ne  siamo anche spaventati.

Serenità o felicità, quali differenze?.Tu cosa ne pensi, possono essere la stessa cosa? – Io penso che siano Parole.
Entrambe sono  uno strumento prezioso, ma tutto dipende da come le usiamo ….sono un mezzo. Secondo me felicità è serenità interiore, nel senso più profondo felicità significa pace, insieme di emozioni positive, benessere psico-fisico  , sentirsi in equilibrio ed in armonia con noi stessi e tutto ciò che ci circonda .
Sembra quasi che la felicità nella nostra società , nel nostro  “immaginario” sia fuori dalla nostra portata per cui tendiamo ad  “accontentarci  ” della serenità,intesa come la tranquillità e qualcosa di “umanamente” accessibile. In realtà pensiamoci bene , felicità e serenità,sono soltanto parole , la differenza dipende soltanto dal senso che gli attribuiamo.
Quindi per comprenderne meglio il significato sarebbe ideale chiederci (e chiedere agli altri) “Cosa intendiamo con…” e cercare di capire cosa indica quella parola per ognuno di noi piuttosto che  attribuire un unico significato come “verità assoluta”. Quando parlo di felicità io intendo “stare bene” e penso che questo concetto sia comune un po’ per tutti

Secondo te gli altri hanno un ruolo nella nostra felicità? – Nessuno …Nessuno non vuol dire  che gli altri non contano,piuttosto  significa che la felicità è una questione esclusivamente interiore e personale. Tutto dipende da come viviamo quel che ci accade, da come gestiamo le nostre emozioni Le nostre emozioni infatti  dipendono soltanto da noi, da cosa pensiamo e da come affrontiamo  tutto quello che ci accade,dipende dal senso che gli attribuiamo dunque   è tutto nella nostra mente.
Ad esempio Posso essere circondata da persone che mi amano che mi supportano e sostengono ma sentirmi incompresa , sola ed insoddisfatta ;oppure  posso essere circondata da tante persone ed essere triste ugualmente.
. .. La felicità e la nostra vita sono il frutto delle nostre scelte, del nostro atteggiamento interiore di fronte a ogni cosa. Così la mia felicità non dipende da nessuno, la creo come equilibrio interno e gli altri li considero come i destinatari di tutto quello che di meraviglioso costruisco giorno dopo giorno dentro di me.

Sei felice? Perché?
Io sono felicità ! Questo è il titolo che ho dato ad uno dei capitoli del libro ….. potrebbe essere impossibile per chiunque considerarsi “assolutamente felici”ma si può imparare a riconoscere la propria felicità. Se devo date un immagine della felicità certamente non è un interruttore che può essere acceso o spento, piuttosto mi piace immaginarla come   una luce che ci indica una direzione da seguire, e man mano ci  avviciniamo ci  illumina sempre più ;oppure come la vetta di una altissima montagna che cerchiamo  di conquistare  salendo di quota e scalandola passo dopo passo. Non ha importanza quanto sia distante quella vetta o se sia più o meno accessibile , quello che ci rende felici è  il semplice fatto di avanzare verso di essa. Quindi, posso sicuramente dire che sono molto più felice rispetto a quando ho iniziato il mio percorso, molto più felice rispetto ieri perché anche oggi ho fatto un altro passo , un tragitto durante il quale mi sono liberata  di tanti pesi inutili e arricchita di esperienze. Certamente non è arrivare il mio traguardo ma godermi ogni attimo di felicità dell’intero percorso.

Esistono infiniti, corsi, teorie  sulla felicità .Secondo te sono concetti corretti e perché  le persone sono infelici , forse  non li mettono in pratica? – Considerando tutto ciò che ci siamo detti fin ad ora , posso sicuramente affermare che non esiste la “formula della felicita” , non si può insegnare a essere felici! Faccio fatica a pensare corsi che insegnino ad essere felici , piuttosto considero l’ipotesi che esistano percorsi di riscoperta e valorizzazione di se stessi e consapevolezza delle proprie capacità, un po’ come l’intento del mio libro. Si possono condividere idee, il proprio percorso e magari il proprio pensiero che dia una luce differente alle situazioni ma senza la pretesa di identificare un maestro o un allievo. Come abbiamo ripetuto più volte  la ricerca della felicità è un percorso individuale,per costruirò è necessario riconoscere ciò che di sbagliato è in noi e all’esterno e ricostruire su basi differenti con solide fondamenta di accettazione e consapevolezza è un lavoro costante.

Sito Web Ufficiale:
http://www.mariannacalbi.com

E’ uscito ‘Felicità’ di Marianna Calbi, che al ‘Festival di Sanremo 2020’ debutterà come Mental Coach Artistico, e farà promozione del libro.

Scritto da areastampa360 il . Pubblicato in Libri

Marianna Calbi afferma: ‘La felicità è una scelta quotidiana. Non la trovi in assenza di problemi: la trovi nonostante i problemi’.

La natura ci insegna quanto sia meravigliosa la diversità e come nello stesso tempo generi un profondo stato di equilibrio ed armonia, possiamo seguirne l’esempio e ricrearlo nelle nostre relazioni. Fondamentalmente siamo tutti diversi, intrecciamo relazioni di molteplici sfumature in un modo in cui tessiamo un meraviglioso drappeggio colorato!

Basta guardare un prato fiorito e notare i mille colori e profumi diversi, o mille sfumature di verde in un bosco, o la varietà delle forme delle foglie ed e le sfumature dei loro colori. Pensare di cambiare il carattere di una persona affinché diventi più simile a noi è come chiedere di avere un clone, impossibile ed in realtà non c’è nessun motivo per farlo.

Proprio come un pesce non può trasformarsi in un uccello ed eccellere nel volo, costringere qualcuno a diventare come noi o emulare qualcun altro, crea il rischio di allontanarli dalla loro vera essenza, di bloccare i loro talenti. Facciamo un esempio pratico, se la rosa fosse trasformata in giglio insieme alle spine perderebbe il suo magnifico profumo, generando una distorsione piuttosto che un mutamento.

In sintesi dunque più che trasformarci in qualcun altro, potremmo prendere in considerazione l’idea di diventare la miglior versione di noi stessi (be your best self) ed aiutare gli altri a fare altrettanto.

Distribuzione: Amazon, Mondadori Store, La Feltrinelli, ITunes, Google Play, e in tutte le librerie.

Sito Web Ufficiale:
www.mariannacalbi.com

Davide D’Urso – Leo Mas – Francesco Damiano sono artisti poco seri e professionali

Scritto da areastampa360 il . Pubblicato in Opinioni / Editoriale

Scriviamo quest’articolo perché da molti anni non capitava, una situazione del genere.

Il nostro direttore ha realizzato un progetto artistico di cabaret per l’Hotel Topazio di Lurisia, ma ad un certo punto arriva inaspettatamente l’annullamento della data da parte del sig. Mario Baino.

Precisiamo subito che si erano proposti prezzi di favore e senza ricarico, in quanto non siamo agenzie di spettacolo.

Gli artisti sono stati immediatamente avvisati dell’annullamento, e si è fornito per trasparenza e correttezza il telefono del committente.

Quando un artista cerca di recuperare una serata annullata, trattando direttamente con il committente, l’artista perde ogni titolo artistico.

Infatti, non si tratta più di un artista professionista, ma di un artista opportunista da dimenticare, e da non far più lavorare.

Il nostro direttore ribadisce: ‘quando manca il rispetto nei confronti di chi ha ideato lo spettacolo e proposto lo spettacolo, non si può parlare assolutamente di Artista. Gli artisti portano molto rispetto agli organizzatori e non si prendono mai la briga di contattare il luogo per cercare di recuperare o trattare direttamente una serata. Quando viene a mancare il rispetto, ed educazione, l’artista per me è da dimenticare’.

Conclusioni, Davide D’Urso – Leo Mas – Francesco Damiano sono artisti poco seri e professionali.