Archivio Autore

La Tecnologia di Studio – formazione gratuita on-line

Scritto da Valentina Monti il . Pubblicato in Religione

Pensateci un attimo: in tutto il tempo che avete trascorso a scuola, qualcuno vi ha mai insegnato come studiare qualcosa? Tutta l’attenzione si concentra sulle materie di studio ma non sul modo per apprendere veramente qualsiasi informazione.

Al giorno d’oggi ci sono persone che, quando finiscono la scuola, non sono neanche capaci di leggere o scrivere ad un livello adeguato a mantenere un lavoro o affrontare la vita con successo. È un problema enorme. Non è che sia impossibile imparare le materie di studio; il fatto è che a scuola non insegnano il modo in cui impararle. Questa è la fase mancante di tutta l’istruzione.

Ron Hubbard ha colmato questa lacuna con la prima e unica tecnologia che insegna come studiare. Egli ha scoperto le leggi dell’apprendimento e ha ideato metodi efficaci che chiunque può mettere in pratica. Ha chiamato questa sua scoperta “Tecnologia di Studio”.

Questa tecnologia insegna le basi dell’apprendimento e fornisce metodi precisi per superare tutte le insidie che si possono incontrare durante lo studio.

La tecnologia di studio non ha niente a che vedere con la cosiddetta “lettura veloce” o con altri trucchetti mnemonici [relativi alla memoria]. Tali metodi si sono dimostrati inefficaci nell’aumentare la capacità di capire l’argomento studiato o la capacità di leggere e scrivere. La Tecnologia di Studio spiega in che modo si deve studiare per capire una materia e metterla in pratica.

Questo capitolo on line descrive soltanto una piccola parte della tecnologia di studio ideata da L. Ron Hubbard. Tuttavia questa breve panoramica offre i principi fondamentali che vi permetteranno di studiare con più efficacia.

Con questa tecnologia, puoi imparare qualsiasi soggetto, e così pure chiunque altro lo può fare.

Per iscriverti immediatamente al corso gratuito vai al sito: http://it.volunteerministers.org/training/study/overview.html.

#Padovaliberadalladroga – campagna sociale, fondamentale per la sicurezza dei ragazzi e dei nostri quartieri-

Scritto da Valentina Monti il . Pubblicato in Religione

Cosa può significare la frase: “A volte penso di essere normale…poi passa.” Qual è la difficoltà di sentirsi normali? Che sensazioni non si riescono più a sperimentare? Certo che il problema della “normalità” sotto l’effetto di sostanze tende a passare, e la volta successiva sperimentare la “normalità” ne richiederà di più e di più. E questa è la storia della dipendenza che sta risucchiando i giovani e la cultura nella spirale discendente dell’intera società.  Oggi la droga risulta essere uno dei principali problemi planetari, ciò che ha previsto anni fa anche l’umanitario L. Ron Hubbard “.

E Padova rispecchia esattamente questa scena, con in primo piano il problema legato alla droga.

Per ridurre i danni causati dalla così detta “cultura dello sballo” a Padova anche i negozianti aderiscono alla campagna #Padovaliberadalladroga. L’iniziativa realizzata in collaborazione a diversi gruppi e associazioni e dei volontari dall’associazione Mondo libero dalla droga che in questo li riforniscono di materiale informativo dal titolo La verità sulla droga.

Non è un’esagerazione affermare che la droga è diventata ormai il problema sociale che più ci tormenta. Questa piaga colpisce ogni sfera della vita. Criminalità e violenza sono le sue conseguenze più ovvie, per non parlare dell’amoralità, dei fallimenti nel campo dell’istruzione e delle vite rovinate, conseguenze altrettanto gravi e diffuse.

I volontari sostengono che ogni giorno, in tutto il mondo, vengono salvate vite umane con la Verità sulla droga, ed ecco alcune testimonianze:

“Grazie mille per quello che fate per tutti gli adolescenti. Vorrei che ogni ragazzo vedesse questo video perché a me ha aperto gli occhi. Credo proprio che non toccherò mai più una droga.” Studente

Mentre lo Sceriffo della Contea di Los Angeles afferma: “La campagna educativa – La verità sulla droga – è fondamentale per la sicurezza delle nostre scuole e dei nostri quartieri. E’ davvero un programma che ha un successo mondiale ed è particolarmente necessario. E’ per questo che abbiamo addestrato un reparto dei nostri agenti per l’utilizzo di questo ineguagliabile programma. Vorrei ringraziarvi per tutto ciò che avete fatto per aiutarmi a fare il mio lavoro, dato che oggi a Los Angeles il tasso di criminalità è ai livelli minimi degli ultimi 40 anni.”

Aderisci anche tu alla campagna contattando i volontari al 348 3332499 o

Visita il sito: www.drugfreeworld.it

E sempre un buon momento per prenderci cura della nostra bella città, perché non dal 1 dell’anno?

Scritto da Valentina Monti il . Pubblicato in Religione

Ogni pretesto è buono per i Volontari per il quartiere RetakePadova.

Questo è il primo incontro ufficiale del nuovo gruppo RetakePadova composto da cittadini Volontari che dedicano la loro passione per la loro città intraprendendo azioni, interventi attivi sulle aree che “chiedono” aiuto. Grande fermento e collaborazione per far crescere l’estetica nella nostra bella Padova. C’è una gran voglia di fare, e fare in modo di ottenere “Il Bello più Bello”; questo è l’intento. Nell’uscita del 1° gennaio si parte con un’intervento sull’area del Brenta a Pontevigodarzere, ore 11.00 tutti pronti al parcheggio vicino al ponte e al centro sportivo Pontevi Calcio.

I cittadini e mamme con i loro bambini avranno un ambiente migliore dove passeggiare e giocare. Nei prossimi giorni l’incaricato del gruppo per le comunicazioni porterà dei promemoria che affiggerà per invitare le persone a collaborare e tenere pulita l’area. Come citava il Filosofo L. Ron Hubbard, “Un’essere è di valore nella misura in cui aiuta gli altri”. Aiutiamo a piene mani!!!

Si tante speranze…., più avanti terranno un altro intervento ma i volontari sono certi che la costanza serve di buon esempio. Tutto questo, sta raccogliendo sempre più consensi tra i passanti ed i volontari che si prestano a queste attività.

Un grazie particolare all’Aps-acegas per il supporto e la collaborazione sempre pronta e vivace.

Buon 2019 ai cittadini di Padova dal gruppo RetakePadova

Aspettando il Natale: conclusa l’iniziativa di beneficenza natalizia di Scientology

Scritto da Valentina Monti il . Pubblicato in Religione

Si è tenuta sabato pomeriggio la festa di beneficenza “Aspettando il Natale” dei volontari dell’associazione “La via della Felicità” alla presenza di autorità, rappresentanti di associazioni

«E’ ormai tradizione per noi celebrare il Natale all’insegna della beneficenza e della solidarietà – ha detto Tiziana Bonazza della Chiesa di Scientology – E questa sera, come da tradizione, abbiamo ospitato l’iniziativa natalizia dei Volontari de La Via della felicità, che da anni si ispirano all’omonima alla guida al buon senso, per una vita migliore, del filosofo L. Ron Hubbard. Anche quest’anno l’iniziativa ha visto impegnati molti volontari per dei mesi per poter dare un sorriso alle famiglie meno fortunate della nostra città».

L’iniziativa:

Nel quartiere, da un paio d’anni, l’iniziativa si svolge in collaborazione all’associazione Nuova Arcella, e commercianti del quartiere che si son adoperati, non solo personalmente, ma sensibilizzando i propri clienti a fare un dono. Uno speciale ringraziamento va dell’Angolo della Biancheria per aver contribuito, oltre con dei doni, anche con le borse che son state consegnate.

Ettore Botter coordinatore dell’attività dei volontari, ha dato un grosso riconoscimento a tutti coloro che hanno sostenuto e lavorato impegnandosi nella riuscita dell’iniziativa, dicendo: «Grazie alla sensibilità dei cittadini, aziende e negozianti del quartiere, anche quest’anno son stati realizzati più di 200 borsoni come quelli che vedete …che verranno consegnati prima di Natale, e di questo devo veramente ringraziare tutti. E’ un piccolo gesto, ma fatto con il cuore, per far sentire la vicinanza dell’intera comunità a chi ne ha più bisogno».

Da oltre 20 anni i volontari de La via della felicità si adoperano per raccogliere doni da distribuire; inizialmente erano solamente persone più anziane oppure ospiti delle case di riposo, da qualche anno però l’attività si è estesa alle famiglie che per la crisi si son trovate in difficoltà. Alla fine della serata, i doni raccolti e impacchettati son già stati consegnati direttamente ad amministratori, associazioni e parrocchie che pensano poi alla consegna.

Importanti e sentite le parole di encomio per l’iniziativa da parte del Sindaco di Grantorto Luciano Gavin presente a nome di alcune associazioni del suo comune, oltre che a quelle dei rappresentanti delle associazioni di beneficenza tra cui Flora Grassivaro l’Associazione delle Donne per la Pace nel mondo, Ibrahim Azakay dell’associazione Assais, e e di Angelo Chirulli rappresentante dell’Associazione delle Famiglie per la Pace nel mondo. Per il pubblico erano anche disponibili copie gratuite dell’opuscolo La via della felicità di L. Ron Hubbard che i volontari hanno distribuito durante la raccolta doni, a cui i volontari si sono ispirati per la realizzazione dell’evento di beneficenza.