AGENZIA PROMOTER: LA “MILANO ART GALLERY” OSPITA LE “NOTE CROMATICHE” DI ANTONIO BALBI CON L’ORGANIZZAZIONE DEL MANAGER SALVO NUGNES

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Comunicati Stampa

L’esclusivo contesto storico della “Milano Art Gallery” in via G. Alessi 11 a Milano ospita la suggestiva mostra personale “Note cromatiche” di Antonio Balbi organizzata dal manager Salvo Nugnes agente di importanti personaggi del panorama artistico culturale. L’esposizione si terrà dal 9 al 24 Dicembre 2013 ed è visitabile ad ingresso libero. Durante l’inaugurazione, in data Lunedì 9 Dicembre alle ore 18.00, è prevista la partecipazione straordinaria del rinomato sociologo e scrittore Francesco Alberoni. In anteprima, per la speciale occasione, ci saranno alcune opere visibili in 3D con l’innovativa tecnologia “Chromadepth” per offrire agli osservatori una duplice interpretazione attraverso la visione delle stesse tramite appositi occhialini. Tale tecnologia ha il vantaggio di mantenere la perfetta visibilità anche in 2D delle immagini, in quanto non si verifica sul contenuto alcun effetto “ghosting” come ad esempio accade in altri sistemi.

Sullo stile, che lo caratterizza, il maestro Balbi racconta “Per me il colore, come per tutti gli espressionisti di qualsiasi corrente, è fondamentale. Per noi espressionisti, astrattisti o meno, il colore è il mezzo specifico con cui sentimenti ed emozioni prendono forma, anzi prendono corpo sulla tela. L’astrattismo espressionista può sembrare incomprensibile, perché spesso manca di linee geometricamente definite. In realtà, lo studio del colore che c’è dietro, così come l’associazione dei e tra i colori è fondamentale ed improntato a grande e precisa cura“. E spiega “I miei modelli d’ispirazione sono i grandi espressionisti, da Franz Marc a Pousette-Dart importanti maestri del colore. In realtà, sono autodidatta e la mia più grande fonte d’ispirazione resta la natura, ma soprattutto i sentimenti che essa a me comunica e trasmette, oltre ai sentimenti delle persone e dei fruitori delle mie opere“.

La passione e l’interesse crescenti per qualsiasi forma tecnica di riproduzione lo spingono a cimentarsi positivamente anche con la fotografia, disciplina che integra ed esprime parimenti il profondo estro creativo di stampo espressionista. Per Balbi il pennello è vettore, il colore è propulsore e la tela l’universo in cui ogni volta viaggiare e fare sempre nuove scoperte. La sua Minolta Reflex, munita di grandangolo, filtri e teleobiettivi professionali diventa una sorta di terzo occhio sul mondo, mediante il quale arriva a formare un affascinante archivio fotografico, contenente materiale inedito.

Tags: , , , , ,