Acronis distribuisce la nuova versione di Acronis Data Cloud, per una protezione dei dati informatici più semplice e sicura

Scritto da Giorgio il . Pubblicato in Aziende, Informatica

Acronis, leader mondiale nella protezione dei dati informatici e nelle soluzioni per il cloud ibrido che festeggia attualmente il suo 15° anniversario, ha annunciato oggi un importante aggiornamento della piattaforma Acronis Data Cloud. L’aggiornamento ad Acronis Data Cloud 7.8 introduce protezione cloud-to-cloud completa per Microsoft Office 365, predisposizione del disaster recovery, protezione dal ransomware migliorata e una soluzione di autenticazione dati e firma elettronica basata su blockchain per i service provider.

Tra i service provider, Acronis Data Cloud è già noto per il supporto dell’integrazione nativa con le piattaforme di automazione dell’hosting, i sistemi PSA (Professional Services Automation) e gli strumenti di gestione e monitoraggio da remoto (RMM) più diffusi, oltre che per le funzioni complete di monitoraggio dei servizi e generazione di report. La piattaforma consente ai service provider di commercializzare facilmente i nuovi servizi attraverso l’infrastruttura di gestione dei clienti esistente.

Con il nuovo aggiornamento, Acronis incorpora inoltre la preannunciata integrazione con Google Cloud e Microsoft Azure Cloud Services, coerente nella sua strategia volta a proteggere tutti i dati, le applicazioni e i sistemi pur assicurando agli utenti il controllo totale sui dati protetti e un’assoluta flessibilità. Grazie a questa integrazione nativa, i service provider potranno inviare i backup a Google Cloud Storage e a Microsoft Azure Storage senza necessità di complesse configurazioni o elaborazione di contratti. I provider di servizi gestiti (MSP) potranno usufruire dei data center di Google e di Azure con un semplice clic, nell’ambito del contratto sottoscritto con Acronis. L’integrazione faciliterà la scelta dell’archivio e del provider preferito da parte di clienti e partner, semplificando contemporaneamente la gestione dei contratti per gli MSP più piccoli.

“La protezione dei dati informatici è un’esigenza per tutti, e noi rendiamo questo servizio semplice da vendere e da usare. Abbiamo ascoltato i suggerimenti dei nostri partner e abbiamo introdotto nuove funzioni che consentono di soddisfare più facilmente le esigenze dei loro clienti”, ha dichiarato John Zanni, presidente di Acronis. 

“C’è un’enorme opportunità per i service provider che vogliono incrementare il proprio business senza dimenticare la crescente domanda in termini di cybersecurity. L’ultima versione di Acronis Data Cloud comprende una serie di feature e funzioni che i service provider possono sfruttare per assicurare soluzioni comprensive di backup, disaster recovery, e protezione dai ransomware,” dichiara Phil Goodwin, Research Director, Cloud Data Management and Protection, IDC.

Miglioramenti e nuove funzioni

Ora Acronis Data Cloud è diventato più semplice da usare, più sicuro e più efficace per tutti i partner e i clienti. L’aggiornamento più recente introduce notevoli miglioramenti a livello di affidabilità e prestazioni, oltre a una serie di nuove funzioni:

  • Protezione completa di Microsoft Office 365. Backup cloud-to-cloud per Exchange Online, OneDrive for Business e SharePoint Online. I backup vengono eseguiti direttamente tra Microsoft e uno dei data center su cloud protetti di Acronis. I service provider possono selezionare il paese e il luogo specifico del data center. Con Acronis Backup Cloud, gli utenti possono anche eseguire ricerche nel backup per trovare e ripristinare singoli file o messaggi.
  • Predisposizione del disaster recovery. Questa release semplifica e automatizza i piani di disaster recovery complessi mediante runbook. La nuova funzione runbook semplifica e velocizza il failover di più dispositivi su un sito di ripristino su cloud e garantisce il ripristino dei sistemi nell’ordine corretto per mantenere le interdipendenze tra applicazioni su dispositivi diversi.
  • Protezione avanzata dal ransomware con Acronis Active Protection. Acronis Active Protection monitora le attività dannose, blocca i comportamenti sospetti e ripristina automaticamente i file danneggiati. Questa release introduce una tecnologia avanzata di apprendimento automatico per riconoscere meglio le minacce note e ignote e ridurre i falsi positivi. La nuova versione protegge anche le condivisioni di rete e i dispositivi rimovibili.
  • Acronis Notary Cloud. In questa release viene introdotto un nuovo servizio, che va ad aggiungersi a quelli esistenti – Acronis Backup Cloud, Acronis Disaster Recovery Cloud e Acronis Files Cloud. Acronis Notary Cloud è un servizio basato su blockchain per l’autenticazione dei file, la firma elettronica e la verifica dei dati. Il servizio crea un’impronta digitale univoca dei file e la memorizza in un registro pubblico della blockchain, il che consente la convalida indipendente dell’autenticità del file e della sua esistenza in un momento specifico.
  • Spedizione fisica dei dati. Ora gli utenti possono eseguire più velocemente il seeding iniziale del backup salvando il primo backup su un disco rigido locale nella sede del cliente e inviandolo poi a un data center Acronis. I dati sono interamente crittografati per impedire accessi non autorizzati durante il trasferimento.

SAPAS – I cinque vettori della sicurezza informatica

Con ogni aggiornamento, Acronis si concentra sui cinque vettori della sicurezza informatica – salvaguardia, accessibilità, privacy, autenticità e sicurezza (SAPAS) – per rendere Acronis Backup Cloud una soluzione semplice, efficiente e sicura, adatta per service provider e clienti di ogni dimensione.

L’aggiornamento di oggi non fa eccezione. I dati dei clienti sono ancora più sicuri e accessibili grazie alle nuove funzioni di Acronis Disaster Recovery Cloud, alla protezione cloud-to-cloud dei carichi di lavoro di Microsoft Office 365 e all’integrazione delle opzioni di storage di Google Cloud e Microsoft Azure. L’aggiunta di Acronis Notary Cloud permette agli utenti di verificare facilmente l’autenticità dei dati. La funzionalità avanzata di Acronis Active Protection migliora inoltre la sicurezza dei dati, delle applicazioni e dei sistemi.

Un altro vantaggio per service provider e utenti è la semplicità d’uso, poiché tutte queste funzioni sono accessibili da una console di gestione intuitiva in grado di generare report completi.

Supporto al marketing per i service provider

Questo aggiornamento è corredato di una serie di materiali per la vendita e il marketing finalizzati ad aiutare i service provider ad aumentare gli utili proponendo ai clienti nuovi ed esistenti un maggior numero di servizi gestiti di protezione dei dati. Acronis invita i partner a contattare gli agenti di vendita per richiedere i fogli informativi, le schede sintetiche e i modelli e-mail più aggiornati a supporto del lancio della nuova release.