Cos'è?

Un portale dedicato alla pubblicazione e diffusione di comunicati stampa online

Chi scrive i comunicati stampa?

Il servizio è rivolto a privati, aziende ed associazioni che intendono dare visibilità ai loro progetti, eventi, prodotti o servizi mediante notizie qualificate. A scrivere siete Voi! o potete richiedere che sia la nostra redazione a farlo per voi.

Come funziona?

è sufficiente registrarsi ed attendere la validazione del proprio profilo per poter iniziare a pubblicare i comunicati stampa. La validazione NON è automatica ed accettiamo SOLO fonti attendibili, questo per tutelare i membri già iscritti.

Costi?

Il servizio è completamente gratuito, se lo ritenete utile e lo usate per il vostro business considerate la possibilità di supportarci!

Veicoli industriali, si va verso l’esclusione del superammortamento

Scritto da WebmasterDeslab il . Pubblicato in Economia

Una nuova stangata pare sia in arrivo per il comparto della logistica italiana: dal 2018 il superammortamento non dovrebbe essere prorogato per i veicoli industriali. Queste le indiscrezioni circolate negli ultimi giorni che, se confermate, avrebbero conseguenze negative anche per il trasporto con bisarca.

Ricordiamo che il superammortamento è un’agevolazione fiscale che ha finalità di incentivare gli investimenti in beni strumentali nuovi, quindi tir di ultima generazione. Una misura fondamentale consistente in una variazione in diminuzione della base imponibile su cui calcolare l’imposta, che nel 2017 è stata del 140%.

La possibile esclusione del provvedimento per i veicoli industriali dalla Legge di Bilancio 2018, ha fatto subito scattare in piedi le più importanti associazioni di categoria, ovvero Unatras e Anita, che hanno chiesto al governo di affrontare la questione con una certa urgenza. Non c’è molto tempo infatti per discutere, considerando che l’autunno è il periodo nel quale viene definita la nuova manovra. Se per Unatras la probabile non conferma del superammortamento si configurerebbe come un duro colpo al processo di sviluppo e ammodernamento del trasporto su strada in contraddizione con quella di sostenibilità ambientale, sociale ed economica, per Anita una misura di questa portata sarebbe penalizzante non solo per le imprese del settore ma anche per l’intero automotive italiano.

Ora, considerato che il superammortamento ha inciso positivamente negli ultimi anni, contribuendo ad aumentare le immatricolazioni di veicoli industriali nel 2016-2017, non continuare con questo processo di adeguamento, in grado tra l’altro di garantire condizioni migliori in termini di ambiente e sicurezza, significherebbe fare un passo indietro notevole dal punto di vista della crescita e della competitività delle imprese di autotrasporto. Per capire l’importanza di questo beneficio basti pensare che il 70% dei veicoli immatricolati in Italia ha motori classe 4. Dovremo attendere i prossimi giorni per conoscere gli sviluppi in merito alla questione, e quindi se le indiscrezioni circolate dovessero essere confermate o smentite.

Reti tra professionisti e imprese: le opinioni di General Cessioni S.r.l. sulla Legge 81/2017

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

I professionisti possono presentarsi a gare pubbliche e appalti anche unendosi alle imprese: General Cessioni S.r.l. illustra nelle recensioni il funzionamento della Legge 81/2017, il Jobs Act dei lavoratori autonomi.

General Cessioni

Lavoro autonomo: General Cessioni S.r.l. illustra nelle recensioni le novità della Legge 81/2017

Ai lavoratori autonomi è consentito costituirsi in rete con le imprese oppure riunirsi in consorzi stabili professionali o associazioni temporanee professionali (ATP) per partecipare a gare pubbliche e a appalti. Lo prevede la Legge 81/2017, come rileva General Cessioni S.r.l. nelle sue recensioni. Noto anche come Jobs Act per lavoratori autonomi, il provvedimento dispone quindi che i professionisti non avranno più bisogno di candidarsi a bandi pubblici e privati in qualità di esperti contrattualizzati per conto di una o più imprese, ma potranno farlo direttamente, nella consapevolezza che le loro competenze e il valore professionale sarà determinante ai fini dell’assegnazione. Il contratto di rete consentirà inoltre a più soggetti di unirsi per incrementare potenziale competitivo e capacità innovativa: sarà anche possibile dare vita a un organo di gestione e di un patrimonio comune, non muniti necessariamente di soggettività giuridica. Nelle opinioni di General Cessioni S.r.l. si sottolinea inoltre che i lavoratori autonomi possono accedere ai piani operativi regionali e nazionali avvalendosi quindi dei fondi europei proprio come è consentito alle PMI, a cui vengono equiparati. In questo quadro le Pubbliche Amministrazioni sono tenute ad assicurare l’accesso alle informazioni sulle gare pubbliche a tutti i lavoratori autonomi e ai professionisti che ne vogliono entrare in possesso per potervi partecipare.

Intermediazione aziendale: le modalità operative di General Cessioni S.r.l.

General Cessioni S.r.l. nasce a Milano per supportare imprenditori e proprietari di immobili impegnati a fronteggiare operazioni di compravendita o creazioni di joint-venture e partnership con altre realtà. La società assiste il cliente fornendogli un ventaglio di soluzioni per le sue necessità e, una volta individuata quella più conveniente in termini di tempistiche e costi, lo accompagna in ogni fase di realizzo dell’operazione, fino alla stesura finale dell’atto notarile. General Cessioni S.r.l. si è fatta conoscere su scala internazionale anche per la pubblicazione di recensioni e opinioni su temi legati all’andamento del mercato in cui opera da molti anni: riprese da portali tematici, siti news e testate online, sono l’ulteriore dimostrazione dell’affidabilità e dell’autorevolezza che la società si è conquistata nel tempo.

Attacco KRACK alla cifratura del wifi – ecco cosa c’è da sapere

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Aziende, Informatica, Internet, Tecnologia

Non è la prima volta che vengono identificate falle nello standard per le reti wireless. È essenziale installare gli aggiornamenti forniti dai produttori.

Bochum- Lunedì è stato reso noto che la cifratura della stragrande maggioranza delle reti WiFi non è inespugnabile a causa di una vulnerabilità del design della cifratura WPA2, che consente il riutilizzo delle chiavi crittografiche, invece che impedirlo. I ricercatori belgi hanno denominato l’attacco basato su questa vulnerabilità “KRACK”.

Chi può essere colpito?

La vulnerabilità riguarda praticamente tutti i dispositivi che si avvalgono della cifratura WPA2 nella rete wireless, indipendentemente dal produttore. Chi sfrutta tale vulnerabilità può procurarsi accesso al WiFi e quindi a Internet. Nello scenario peggiore l’hacker potrebbe persino manipolare i dati trasmessi sulla rete wireless. Sarebbe quindi possibile sostituire il download di una applicazione legittima con un malware. In base alle informazioni attualmente reperibili, il traffico protetto con il protocollo SSL risulta meno soggetto a tali attacchi.

Dato che però un eventuale malintenzionato deve trovarsi in prossimità della rete wireless che intende attaccare affinché l’attacco vada a buon fine, non ci aspettiamo a breve termine attacchi di massa contro le reti WiFi. Quanto illustrato dai ricercatori è più che altro un “proof of concept”, quindi uno studio sulla fattibilità – prima che venga sviluppato uno strumento effettivamente adoperabile per la conduzione di tali attacchi ci vorrà diverso tempo.

Contromisure

Due i modi per proteggersi:

  • Disattivare il wifi. Una misura però poco praticabile e in taluni casi poco sensata.
  • Utilizzare la VPN con cifratura SSL per tutelare il traffico dati

Cosa possiamo aspettarci?

Nel frattempo i primi produttori hanno sviluppato e rese disponibili le patch di sicurezza necessarie per chiudere la vulnerabilità. Le prime versioni beta di iOS ad esempio contengono già questa patch. Altri produttori dovrebbero seguire a breve. Per alcune distribuzioni Linux tale patch è già disponibile dall’inizio di ottobre, la vulnerabilità non è più sfruttabile di default.

Chiudere questa vulnerabilità non richiede l’acquisto di nuovi dispositivi. È possibile correggerla tramite aggiornamento del firmware. Una volta corretta, il rimedio è retrocompatibile, ossia gli apparecchi che sono stati aggiornati possono ancora comunicare con dispositivi non (ancora) dotati di una patch per la falla di sicurezza. Non appena un produttore rende disponibile un aggiornamento, è possibile scaricarlo tramite l’interfaccia utente web-based del router o direttamente dal sito del produttore. Alcuni router installano gli update automaticamente. Gli utenti di dispositivi mobili dovrebbero altresì verificare se ci sono aggiornamenti per i device utilizzati.

Raccomandiamo fortemente di installare gli aggiornamenti non appena disponibili.

Parallelismi con il passato
Il fatto che la cifratura delle reti wireless presenti vulnerabilità non ci coglie proprio di sorpresa. Sono già state riscontrate e puntualmente chiuse numerose falle di sicurezza nello standard WLAN 802.11 che ormai esiste da 18 anni. I modelli di cifratura obsoleti quali WEP e WPA sono stati progressivamente sostituiti con standard più moderni. Quanto accade al momento è quindi solo la logica conseguenza di quanto si è verificato in passato. Questa non è la prima rivelazione di siffatta natura, né sarà l’ultima.

G DATA è a disposizione degli utenti che desiderano ulteriori ragguagli anche in occasione di SMAU Milano, dal 24 al 26 ottobre pv. stand H09.

Between 3&4, presentazione disco jazz al Vinyl di Lamezia

Scritto da comunicatiseo il . Pubblicato in Musica

Venerdi’ 27 ottobre 2017 alle ore 22, si terra’ il concerto presentazione del lavoro discografico “Between 3&4” di Andrea Infusino, presso il jazz club Vinyl, Lamezia Terme.

Il jazz club Vinyl di Lamezia e’ un punto di riferimento nella citta’ e nella regione per la musica di qualita’, offrendo una vasta gamma di eventi e progetti musicali in una location curata appositamente per l’ascolto. Gia’ numerosi artisti hanno composto il cartellone del locale, grazie a collaborazioni fra artisti locali e artisti di caratura nazionale, che hanno reso l’offerta del Vinyl sempre interessante e attuale.

Andrea Infusino Quartet nasce nel 2014 come progetto che propone jazz moderno e originale. Il sound dei brani e del gruppo si rifa’ alle esperienze accademiche e concertistiche con chiari riferimenti al bebop, all’hard bop e al jazz modale. Nel format sono presenti riferimenti e citazioni ai colossi del jazz come John Coltrane, Joe Henderson, Wes Montgomery, Jimmy Smith recuperandone l’eredita’ in un progetto musicale fresco e innovativo che coniuga il glorioso passato del jazz con l’innovazione e la modernita’.
Non mancano, inoltre, influenze e suoni mediterranei con l’introduzione di strumenti quali l’oud o piano elettrico che si mescolano all’approccio fortemente jazzistico delle improvvisazioni. Grazie alla filosofia di forte coesione e di ascolto reciproco, il gruppo riesce a spaziare da momenti di chiaro senso ritmico al free jazz che caratterizzano maggiormente i brani. L’interplay e’ il leitmotiv di ciascun brano che consente al gruppo deviazioni inaspettate e sempre originali, elevando i momenti musicali ad esperienze uniche d’ascolto.
Edito da Emme Record Label la formazione ha inciso il primo disco di Jazz, con composizioni originali, ad aprile 2017. Il disco e’ in promozione e vendita da settembre 2017 nei negozi e sui migliori negozi e piattaforme online.

I componenti del gruppo e del disco sono:

  • ANDREA INFUSINO: guitar & composer
  • MARCO ROSSIN: sax
  • FABIO GUAGLIARDI: organ
  • MANOLITO CORTESE: drums

La carriera di Beatrice Trussardi: dagli studi alla presidenza della Fondazione

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Arte

Oltre all’esperienza come dirigente nell’omonimo gruppo, Beatrice Trussardi si è dedicata attraverso la Fondazione Nicola Trussardi alla promozione di mostre ed eventi dedicati all’arte contemporanea.

Beatrice Trussardi, Presidente della Fondazione Trussardi

Beatrice Trussardi: incarichi professionali e riconoscimenti

Beatrice Trussardi, nata nel 1971, si forma a New York dove consegue, presso la New York University, il titolo in Contemporary Art Business & Administration. Successivamente collabora con importanti musei della Grande Mela: Metropolitan Museum, Guggenheim Museum e Museum of Modern Art. Nel 1999 assume la presidenza della Fondazione Nicola Trussardi, rendendola ben presto un importante punto di riferimento per l’arte in tutto il mondo. Contemporaneamente alle attività della Fondazione, Beatrice Trussardi ha ricoperto incarichi dirigenziali all’interno del gruppo Trussardi, come Amministratore Delegato e Presidente. Nel corso degli anni, l’imprenditrice culturale è riuscita nell’intento di portare l’azienda al riconoscimento come simbolo dell’alta qualità italiana nel campo della moda, con uno sguardo rivolto da una parte al futuro e dall’altra alla tradizione e al passato. Attualmente, nel ruolo di CEO, si occupa di quelle società connesse alla valorizzazione e cura dei beni immobiliari. In ambito professionale ha conseguito il Premio Maria Belisario e il NIAF (National Italian American Foundation). Nel 2010, infine, ha ottenuto la nomina a Commendatore della Repubblica, titolo assegnatole dal Presidente della Repubblica italiana. Beatrice Trussardi fa parte oggi anche di diverse organizzazioni internazionali, in qualità di membro del Women’s Leadership Board delle John F. Kennedy School of Government dal 2007, del Comitato Esecutivo di Volta e dell’Advisory Board Global Shapers di Milano.

L’esperienza e l’opera di Beatrice Trussardi nella Fondazione

Beatrice Trussardi giunge alla guida della Fondazione, nelle vesti di Presidente, alla fine degli anni ’90, dando inizio così a una profonda trasformazione della stessa. Nel 2003 lo spazio espositivo diventa itinerante, con lo scopo di portare l’arte contemporanea direttamente nel cuore di Milano, mentre nel contempo la Fondazione organizza esposizioni con artisti di fama internazionale, tanto da divenire ben presto un punto di riferimento sul panorama internazionale. Sotto la presidenza di Beatrice Trussardi la Fondazione accoglie infatti numerosi artisti tra i quali Tino Sehgal e Allora & Calzadilla, Fischli e Weiss, Maurizio Cattelan, Paul McCarthy, Tacita Dean, Urs Fischer Pipilotti Rist. L’alto contributo nella promozione e valorizzazione artistica le viene riconosciuto sempre nel 2003, quando riceve il premio ICE Impresa & Cultura. Nel 2004 arriva un nuovo riconoscimento ufficiale attraverso il Montblanc Arts Patronage Award, onorificenza dedicata a chi si è distinto in attività di mecenatismo culturale e artistico. Nel 2012 la Camera di Commercio di Milano le assegna invece il premio Piazza Mercanti per i suoi meriti di filantropia. Nello stesso anno diventa Membro del Consiglio di Amministrazione del Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo di Roma, il MAXXI, grazie alla nomina del Ministro per i Beni e le Attività Culturali, mentre due anni dopo diviene membro del Consiglio di Amministrazione del Comitato Fondazioni Italiane Arte Contemporanee.

Ventilconvettori: prezzi e modelli si confrontano sul web

Scritto da marianna alicino il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia

Il web rappresenta un’ottima opportunità per la scelta di del convettore più adatto alle vostre esigenze. Scegliere il modello più adatto richiede un po’ di tempo e una ricerca accurata. Fate una lista delle vostre priorità e cominciate a scovare i modelli che più si adattano alle esigenze e poi passate a un confronto qualità/prezzo. Le recensioni e i pareri di chi utilizza il prodotto vi può aiutare a capire se siete sulla buona strada. Le caratteristiche da considerare un convettore ci sono: dimensioni, peso, funzionalità, design, accessori. Ogni aspetto va considerato attentamente per poter trovare un prodotto di qualità, che sia funzionale e pratico. Poter riscaldare o raffreddare un ambiente in poco tempo è molto importante in qualsiasi momento dell’anno. La praticità di questi oggetti consente di utilizzarli molto semplicemente. Ventilconvettori: prezzi e modelli si confrontano, quindi, online dove è possibile trovare una vasta gamma di prodotti, tutti validi e funzionali.

Save the date: 27 ottobre, Master di Turismo Equestre a Verona

Scritto da Fausto Faggioli il . Pubblicato in Locale, Sport, Turismo

Conto alla rovescia per il primo Master Executive di Turismo Equestre, che si svolgerà il 27 ottobre 2017 nell’ambito di Fieracavalli-Verona con un B2B sabato 28.  Frutto della collaborazione fra CISET (Centro Internazionale di Studi sull’Economia del Turismo, Ca’ Foscari Venezia e Regione Veneto) E.A.R.T.H. Academy (European Academy for Rural Territories Hospitality) e FIERACAVALLI-Verona (Manifestazione di riferimento per il panorama equestre internazionale), il Master Executive sarà un vero e proprio spazio di “lavoro intelligente”, che permetterà di attivare relazioni feconde e risultati immediati.

«Turismo equestre fa rima con turismo slow – spiega Mara Manente, direttore del Ciset – lontano dalla congestionata vita di città e lontano anche dai classici circuiti turistici. Sono di questi mesi le discussioni, anche accese sulla differenziazione dell’offerta turistica e sullo sviluppo di destinazioni cosiddette “minori”. Il turista a cavallo, per così dire, è una delle risposte possibili».

Prosegue Fausto Faggioli, presidente di E.A.R.T.H. Academy: “E’ l’occasione ideale per gli operatori del settore di approfondire le potenzialità del turismo legato al mondo dei cavalli fra gli attori della filiera turistica e quelli del panorama equestre pubblico, privato e dei GAL.”

Termina Armando Di Ruzza, direttore commerciale di Fieracavalli-Verona: «Con il programma di questo Master Executive, si continua nell’attento lavoro mirato ad arricchire il calendario fieristico con eventi capaci di valorizzare l’offerta del territorio e di proiettarsi sul mercato internazionale. Già da questa prima edizione, un Master per una manifestazione che è punto di riferimento internazionale, con particolare riguardo all’area mediterranea che vanta antiche e consolidate tradizioni equestri».

Gli argomenti del Master che si svolgerà venerdì 27 ottobre dalle 11:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 17:00, verteranno sulle potenzialità del Turismo Equestre e sulle sue ricadute economiche sulla destinazione e sabato 28 ottobre dalle ore 10:00 alle 13:00 si terrà un B2B con Operatori per far incontrare la domanda con l’offerta del Turismo Equestre. Il Master servirà inoltre a far partire l’Osservatorio permanente di Turismo Equestre.

INFO

Fausto Faggioli,  presidente E.A.R.T.H. Academy   Cell. +39 335 6110252    ff@fattoriefaggioli.it

Daiichi Sankyo: “Ictus: conoscerlo per prevenirlo”, screening gratuiti a Frosinone

Scritto da Mario Mauri il . Pubblicato in Salute

Giornata Mondiale contro l’Ictus 2017. Giornata di screening gratuiti e prevenzione

Roma, 20 ottobre 2017 – Con il Patrocinio della Provincia di Frosinone, il supporto di A.L.I.Ce. Italia Onlus, il contributo non condizionato di Daiichi Sankyo Italia e il sostegno di medici specializzati, lunedì 23 ottobre, presso il Salone di Rappresentanza del Palazzo della Provincia di Frosinone, dalle ore 10 alle 16, sarà possibile effettuare gratuitamente un elettrocardiogramma e avere maggiori informazioni su fattori di rischio, sintomi, conseguenze e prevenzione dell’ictus, partecipando all’evento “Giornata Mondiale Contro l’Ictus cerebrale, conoscerlo per prevenirlo”. L’iniziativa è realizzata in vista della nuova apertura della Stroke Unit di Frosinone e della sezione locale dell’Associazione.

L’ictus, un’emergenza europea

L’ictus è una lesione cerebro-vascolare causata dall’interruzione del flusso di sangue al cervello dovuta a un’ostruzione (causata da trombi) o alla rottura di un’arteria. Con l’interruzione dell’afflusso di sangue anche per pochi minuti, i neuroni, privati dell’ossigeno, iniziano a morire, con conseguenze spesso letali o permanenti che producono un forte impatto nella vita quotidiana dei sopravvissuti e delle loro famiglie.  I danni cerebrali dell’ictus possono infatti compromettere la mobilità, la visione e la capacità di articolare i discorsi di chi ne è colpito, causando inoltre depressione e problemi cognitivi quali perdita di memoria e cambiamenti di personalità.
Secondo l’ultimo rapporto UE sull’impatto dello Stroke, ogni anno 17 milioni di persone nel mondo sono colpite da ictus, eppure il 90% di essi è causato da fattori di rischio modificabili e reversibili quali ipertensione, ipercolesterolemia, fumo, obesità, fibrillazione atriale e diabete. In Italia l’incidenza dell’ictus è pari al 22%, ma le percentuali relative alla presenza dei principali fattori di rischio a causa di uno stile di vita sbagliato, sono allarmanti: il 62% degli italiani, infatti, soffre di ipercolesterolemia, il 28% rischia a causa dell’ipertensione e il 24% a causa del fumo.

L’ictus rappresenta la seconda causa di morte nel mondo e una delle principali cause di disabilità fisica negli adulti. In Europa, a causa dell’invecchiamento della popolazione, si stima che tra il 2015 e il 2035 nel complesso si verificherà un aumento del 34% del numero totale di eventi, i decessi per ictus nello stesso periodo aumenteranno del 45% e la percentuale di persone che convivranno con l’ictus come condizione cronica salirà del 25%.  L’onere economico complessivo legato a questa patologia, compresi i costi sanitari e quelli non sanitari, è stato di 45 miliardi di Euro nel 2012 ed è destinato ad aumentare drasticamente nei prossimi 20 anni.

La campagna di sensibilizzazione #FacciamociSentire di Daiichi Sankyo Italia

#FacciamociSentire è la nuova campagna permanente di sensibilizzazione sulle malattie cerebro- cardiovascolari di Daiichi Sankyo Italia. Iniziata lo scorso settembre con un flash mob a Roma con ballerini e bonghi che hanno richiamato l’attenzione dei passanti sull’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce della fibrillazione atriale, ha poi coinvolto anche i dipendenti della casa farmaceutica, con post, foto e info pubblicati sui profili personali dei più importanti social network. In occasione della Giornata Mondiale contro l’ictus cerebrale, la campagna prosegue nei luoghi virtuali e contemporaneamente torna “sul campo”, supportando iniziative locali di prevenzione, educazione e controllo dei fattori di rischio attraverso screening gratuiti, con l’obiettivo di raggiungere le piazze di tutta Italia. “La nostra azienda si è sempre impegnata nella sensibilizzazione dei cittadini sull’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce. Quest’anno abbiamo reso i nostri dipendenti ambasciatori sui social media, ma un’azione capillare e proattiva sul territorio resta di vitale importanza. Intendiamo quindi partecipare ad un percorso educativo itinerante, dando il nostro contributo incondizionato a valide iniziative create da enti ed associazioni locali durante le diverse giornate di sensibilizzazione. Siamo quindi molto felici di iniziare questo nuovo viaggio dal Lazio, supportando la provincia di Frosinone per la giornata mondiale contro l’ictus”, spiega Massimo Grandi, Presidente e Amministratore Delegato di Daiichi Sankyo Italia.
Per maggiori info visita la pagina facebook e il canale youtube ufficiale “Cura il tuo Cuore

FonteDaiichi Sankyo

Gruppi continuità, ecco cosa sono e a che servono

Scritto da marianna alicino il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia

I gruppi di continuità aiutano a preservare con attenzione e sicurezza qualsiasi dato relativo alla vostra privata e professionale. Questi pratici strumenti sono alla portata di tutti e offrono il grande vantaggio di conservare dati preziosi che altrimenti – in caso di sovraccarico o cortocircuito – potrebbe essere compromessi. Non c’è niente di peggio che perdere dati preziosi, per questo meglio munirsi di uno strumento come questo. I gruppi continuità sono di diverse dimensioni e potenza, naturalmente la scelta del modello giusto dipende dalle vostre necessità. Prima, dunque, di acquistare un modello, fate un elenco delle priorità e poi un confronto qualità/prezzo. Online trovate recensioni ed esperienze di chi già utilizza il prodotto e sa consigliarvi. È opportuno prendersi del tempo prima di decidere quale modello prendere; un gruppo con potenza troppo bassa o troppo alta rispetto alle vostre esigenze può risultare inutile. Voi stessi, dopo aver utilizzato il prodotto per un certo periodo di tempo, potete lasciare dei preziosi feedback in merito in modo da aiutare chi sta cercando un gruppo di continuità.

Jobs Act dei lavoratori autonomi: le recensioni di Cogefim S.r.l. sulla nuova legge

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Economia

Nuove possibilità per i lavoratori autonomi: le opinioni di Cogefim S.r.l. sulle modifiche introdotte dalla Legge 81/2017 in materia di reti di imprese.

Cogefim

Lavoro autonomo, nuove opportunità dalla Legge 81/2017: le recensioni di Cogefim S.r.l.

La Legge 81/2017 sul lavoro autonomo ha introdotto opportunità da non sottovalutare per i professionisti: considerata l’importanza, la società milanese Cogefim S.r.l. ha deciso di evidenziarle nelle sue recensioni. La norma apre infatti alla creazione di reti di professionisti e alla loro partecipazione in reti di imprese in forma mista: questo li agevolerà quando vorranno aderire a bandi o concorrere all’aggiudicazione di incarichi e appalti privati. Lo potranno fare infatti direttamente senza doversi più presentare come figura secondaria di esperto contrattualizzato per conto di una o più imprese: il valore dei singoli professionisti diventerà quindi determinante ai fini dell’assegnazione di gare pubbliche o private. Cogefim S.r.l. sottolinea inoltre che la legge dà il via libera anche alla costituzione di consorzi stabili professionali ed associazioni temporanee professionali (ATP), obbligando le amministrazioni pubbliche a garantire ai lavoratori autonomi l’accesso alle informazioni sulle gare pubbliche: in quest’ottica sarà utile l’apertura di sportelli appositamente dedicati all’interno di centri per l’impiego e di altri organismi autorizzati alle attività di intermediazione del lavoro. Il provvedimento introdotto tra le “Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l’articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato” ha effetto anche sui piani operativi regionali (POR) e nazionali (PON). Come specifica nelle sue recensioni la società milanese, i professionisti sono equiparati alle piccole e medie imprese e questo dà loro la possibilità di usufruire dei fondi strutturali europei nell’ambito della programmazione comunitaria 2014-2020 regolata dall’Accordo di Partenariato (Politica di Coesione 2014-2020): 32,2 miliardi di euro è il valore degli investimenti in Italia a cui si aggiungono 10,4 miliardi di euro per lo sviluppo rurale e 537 milioni di euro per il settore marittimo e della pesca. Le occasioni per i lavoratori autonomi non mancano.

Cogefim S.r.l.: la priorità è la soddisfazione del cliente

Da oltre trent’anni il cuore di Cogefim S.r.l., leader nel campo dell’intermediazione aziendale e immobiliare, è rivolto al cliente: la società sa bene come autorevolezza e affidabilità siano strettamente legate a un modus operandi che trova fondamento proprio nella soddisfazione della clientela. Sono proprietari di immobili ma anche imprenditori a rivolgersi all’azienda milanese per ricevere supporto nell’ambito di operazioni quali compravendite immobiliari o costruzioni di partnership e joint-venture con altre realtà, italiane e straniere. I professionisti di cui si avvale operano assicurando trasparenza e riservatezza: individuata la soluzione più vantaggiosa per il cliente in termini di costo e tempistiche, si occupano di metterla in atto collaborando anche con i suoi avvocati e commercialisti di fiducia nell’ottica di farlo sentire sempre più a proprio agio. La cura riservata alla clientela è evidente anche nell’attività che porta Cogefim S.r.l. a formulare opinioni e recensioni su tematiche legate al settore dell’intermediazione e all’andamento del relativo mercato. Riprese da “Il Sole 24 Ore” e “Affari&Finanza”, testate online e altri portali tematici, denotano l’aggiornamento preciso e costante che contraddistingue l’operato dell’intera società.